Le cause del Black Monday

Lunedì 19 ottobre 1987 è noto come “Black Monday”. Quel giorno i trader da ogni parte del mondo fissavano le cifre sui loro display increduli. I mercati statunitensi scesero di oltre il 20% in un solo giorno.
In questo post andremo a indagare le cause del Black Monday e i segnali precedenti al crollo.

le cause del black monday
Il Dow Jones Industrial crollò di 508 punti (22,6%), segnando la sua peggiore performance giornaliera della storia

Il contesto storico

Il mercato rialzista negli Stati Uniti era iniziato nel 1982. Alan Greenspan era da poco diventato il nuovo presidente della Federal Reserve.

In base al Plaza Accord del 1985, la Fed concordò il deprezzamento del dollaro con le banche centrali delle nazioni del G5. La decisione fu presa al fine di controllare l’aumento dei disavanzi commerciali statunitensi.

All’inizio del 1987, quell’obiettivo fu raggiunto: il divario tra esportazioni e importazioni statunitensi si appiattì. Ciò aiutò gli esportatori statunitensi contribuendo al boom del mercato azionario.

I sistemi di trading e la portfolio insurance

A quel tempo, l’utilizzo di sistemi informatici su larga scala era ancora una strategia relativamente nuova a Wall Street. Le conseguenze di un sistema in grado di piazzare migliaia di ordini durante un crash non erano mai state testate.

La portfolio insurance, una strategia di trading automatizzato, sembra essere stata al centro dell’esacerbazione del crollo del Black Monday. La strategia mirava a proteggere un portafoglio di azioni vendendo allo scoperto future su indici azionari.

I programmi iniziarono automaticamente a liquidare le azioni quando venivano raggiunti determinati obiettivi di perdita, spingendo i prezzi al ribasso. Si verificò una spirale di vendite, con i mercati in calo che continuavano ad attivare sempre più ordini stop. Poiché gli stessi programmi disattivavano automaticamente anche tutti gli acquisti, le offerte svanirono praticamente nello stesso momento.

le cause del black monday
L’S&P 500 durante le varie fasi del Black Monday

I segnali prima del crollo

Il mercato azionario e l’economia stavano divergendo. Nei cinque anni precedenti l’ottobre 1987, il Dow Jones era più che triplicato. Il Louvre Accord sostituì il Plaza Accord nel febbraio 1987. In base a questo accordo, le nazioni del G5 decisero di stabilizzare i tassi di cambio.

La Fed inasprì la politica monetaria per fermare la pressione al ribasso sul dollaro nel secondo e terzo trimestre del 1987. Come risultato, la crescita dell’offerta di moneta statunitense crollò di oltre il 50% da gennaio a settembre.

Gli operatori di mercato erano consapevoli di questi problemi. La portfolio insurance portò però un falso senso di fiducia. Infatti, secondo molti, avrebbe evitato una significativa perdita nel caso il mercato fosse crollato. Ciò finì per alimentare un’eccessiva assunzione di rischi, che diventò evidente solo quando le azioni iniziarono a indebolirsi.

Le cause del Black Monday

I sistemi di trading si presero gran parte della colpa per il crollo, che si fermò il giorno successivo grazie al blocco degli scambi. In seguito il mercato risalì piuttosto velocemente verso i massimi da cui era appena precipitato.

Sebbene il trading di programmi abbia contribuito notevolmente al crollo, il catalizzatore esatto è ancora sconosciuto. Con complesse interazioni tra valute e mercati internazionali, è probabile che sorgano degli intoppi.

Dopo l’incidente, gli exchange implementarono delle precauzioni per rallentare l’impatto delle irregolarità nella speranza che i mercati abbiano più tempo per correggere problemi simili in futuro.

Può il Black Monday verificarsi ancora?

Qualcosa di simile al Black Monday può ancora accadere. Dal 1987, sul mercato sono stati integrati numerosi meccanismi di protezione per prevenire i panic selling. Tuttavia, gli algoritmi di trading ad alta frequenza (HFT) guidati dai supercomputer spostano un volume enorme in pochi millisecondi. Per questo motivo gli HFT possono contribuire all’aumento della volatilità.

Il flash crash del 2010 è stato il risultato dell’HFT, che ha mandato il mercato azionario in calo del 7% in pochi minuti. Il mercato azionario ha vissuto diversi momenti di volatilità dal 2010. L’aumento della tecnologia ha introdotto rischi maggiori sui mercati.

MARCO CASARIO

Gli italiani sono tra i popoli più ignoranti in ambito finanziario. Non per scelta ma perchè nessuno glielo lo ha insegnato. Il mio scopo è quello di educare ed informare le persone in ambito economico e finanziario. Perchè se non ti preoccupi dell'economia e della finanza, loro si occuperanno di te.

Corsi Gratuiti

Diventare un Trader e un Investitore

© Copyright 2022 - The 10Min Trader BV - KVK: 72735481 - VAT ID: NL854377591B01

Il contenuto di questo sito è solo a scopo informativo, non devi interpretare tali informazioni o altro materiale come consigli legali, fiscali, di investimento, finanziari o di altro tipo. Nulla di quanto contenuto nel nostro sito costituisce una sollecitazione, una raccomandazione, un'approvazione o un'offerta da parte di The 10Min Trader BV  per acquistare o vendere titoli o altri strumenti finanziari in questa o in qualsiasi altra giurisdizione in cui tale sollecitazione o offerta sarebbe illegale ai sensi delle leggi sui titoli di tale giurisdizione. Tutti i contenuti di questo sito sono informazioni di natura generale e non riguardano le circostanze di un particolare individuo o entità. Nulla di quanto contenuto nel sito costituisce una consulenza professionale e/o finanziaria, né alcuna informazione sul sito costituisce una dichiarazione esaustiva o completa delle questioni discusse o della legge ad esse relativa. The 10Min Trader BV non è un fiduciario in virtù dell'uso o dell'accesso al Sito o al Contenuto da parte di qualsiasi persona. Solo tu ti assumi la responsabilità di valutare i meriti e i rischi associati all'uso di qualsiasi informazione o altro Contenuto del Sito prima di prendere qualsiasi decisione basata su tali informazioni o altri Contenuti. In cambio dell'utilizzo del Sito, accetti di non ritenere The 10Min Trader BV, i suoi affiliati o qualsiasi terzo fornitore di servizi responsabile di eventuali richieste di risarcimento danni derivanti da qualsiasi decisione presa sulla base di informazioni o altri Contenuti messi a tua disposizione attraverso il Sito.
RISCHI DI INVESTIMENTO
Ci sono rischi associati all'investimento in titoli. Investire in azioni, obbligazioni, exchange traded funds, fondi comuni e fondi del mercato monetario comporta il rischio di perdita.  La perdita del capitale è possibile. Alcuni investimenti ad alto rischio possono utilizzare la leva finanziaria, che accentuerà i guadagni e le perdite. Gli investimenti esteri comportano rischi speciali, tra cui una maggiore volatilità e rischi politici, economici e valutari e differenze nei metodi contabili.  La performance passata di un titolo o di un'azienda non è una garanzia o una previsione della performance futura dell'investimento.La totalità dei contenuti presenti nel sito internet è tutelata dal diritto d’autore. Senza previo consenso scritto da parte nostra non è pertanto consentito riprodurre (anche parzialmente), trasmettere (né per via elettronica né in altro modo), modificare, stabilire link o utilizzare il sito internet per qualsivoglia finalità pubblica o commerciale.Qualsiasi controversia riguardante l’utilizzo del sito internet è soggetta al diritto svizzero, che disciplina in maniera esclusiva l’interpretazione, l’applicazione e gli effetti di tutte le condizioni sopra elencate. Il foro di Bellinzona è esclusivamente competente in merito a qualsiasi disputa o contestazione che dovesse sorgere in merito al presente sito internet e al suo utilizzo.
Accedendo e continuando nella lettura dei contenuti di questo sito Web dichiari di aver letto, compreso e accettato le sopracitate informazioni legali.