Investimenti in AI: Opportunità d’Oro o Trappola Finanziaria?

Negli ultimi anni, l’intelligenza artificiale (AI) ha vissuto una crescita esponenziale, sia in termini di sviluppo tecnologico che di investimenti, offrendo opportunità senza precedenti ma anche significativi rischi. In questo articolo, esploreremo le tendenze attuali, le applicazioni più promettenti e le preoccupazioni degli investitori, fornendo

Scopri

Powell Mette in Guardia sui Rischi del Mercato del Lavoro

Il presidente della Federal Reserve, Jerome Powell, ha recentemente lanciato un avvertimento sui rischi del mercato del lavoro, sottolineando che l’inflazione non è l’unico pericolo per l’economia. Durante le sue dichiarazioni al Congresso, Powell ha evidenziato come il raffreddamento del mercato del lavoro e l’incertezza

Scopri

L’Impatto del Fallimento di Mt. Gox sul Prezzo di Bitcoin

Negli ultimi giorni, Bitcoin ha subito una flessione, alimentata dai timori di possibili vendite da parte dei creditori dell’exchange fallito Mt. Gox. Questo ha generato dubbi sulla tenuta del mercato rialzista delle criptovalute iniziato l’anno scorso. Ma cosa sta succedendo esattamente e perché il fallimento

Scopri

Crediti di biodiversità: cosa sono e come funzionano?

Ottenere dei crediti in denaro in cambio di progetti che tutelino la biodiversità. E’ la novità prevista dall’accordo Kunming-Montreal, approvato durante la Cop15 sulla biodiversità tenutasi a Montreal lo scorso dicembre.

“L’idea è la stessa del mercato dei crediti di carbonio, ma il driver di mercato è la biodiversità”, spiega Frederic Hache, cofondatore del think tank Green Finance Observatory. Hache ha messo in guardia dal nascente mercato. “I Paesi ricchi, invece di frenare il loro impatto distruttivo sull’ambiente, pretendono di compensare altrove, preferibilmente nei Paesi più poveri dove la terra è a buon mercato, mettendo in atto qualche piccola azione come il ripristino degli habitat per una particolare specie o pianta”, ha dichiarato Hache.

L’accordo Kunming-Montreal ha lasciato insoddisfatti i Paesi africani. Pur essendo il primo accordo globale per garantire la stabilità dei servizi ecosistemici, Stati come la Repubblica Democratica del Congo hanno cercato di bloccarlo, spingendo per la creazione di un fondo legato alla biodiversità. Il presidente del Camerun ha definito l’accordo una vera e propria frode.

Nel report “The Economics of Biodiversity: The Dasgupta Review“, si legge che considerare la natura come una classe di beni, aiuterà a migliorare la conservazione della biodiversità in quanto la natura produce beni e servizi essenziali, chiamati anche servizi ecosistemici, la cui perdita è un problema da gestire in termini di asset finanziari. “L’uso dei crediti di biodiversità può ridurre i tempi di ripristino degli habitat o delle specie e può consentire di ottimizzare la connettività degli habitat, concentrando la mitigazione in grandi aree”, si legge all’interno del rapporto.

Come funzionano i crediti di biodiversità?

L’idea alla base dei crediti di biodiversità è quella di attribuire un valore monetario ai lavori che comportano:

  • la protezione dagli eventi climatici estremi;
  • il sequestro della CO2;
  • la purificazione dell’aria e dell’acqua;
  • la conservazione di flora e fauna;
  • altri vantaggi per l’ecosistema.

I progetti che mirano alla conservazione o al ripristino di questi servizi possono generare crediti per la biodiversità che possono essere acquistati da enti o imprese interessate a compensare o ridurre il loro impatto ambientale. Da una parte ci sono gli enti che emettono crediti di biodiversità e dall’altra le aziende che li potranno ottenere.

Ogni credito viene venduto una sola volta e i prezzi variano in base alle specifiche di ciascun progetto. I crediti di biodiversità sono basati sulla performance e vengono immessi sul mercato solo quando hanno raggiunto obiettivi di performance e di gestione verificabili.

Non sono concorrenti dei crediti di carbonio ma sono stati concepiti per lavorarvi a fianco per consentire ai finanziamenti di raggiungere anche i più piccoli progetti di mitigazione del cambiamento climatico e per proteggere gli ecosistemi minacciati.

I crediti di biodiversità possono essere creati prima di essere utilizzati e possono essere conservati senza limiti di tempo, fino a quando non vengono assegnati a un progetto.

Il governo inglese prevede anche la creazione di banche di habitat per la realizzazione di siti più grandi e strategici per la natura. Il cosiddetto “accatastamento” avviene quando più crediti o unità di diversi mercati della natura vengono venduti separatamente partendo dalla stessa attività su un terreno.

Il pioniere del mercato dei crediti di biodiversità

Uno dei principali promotori di questo nuovo mercato è il Regno Unito, che lancerà un prototipo a novembre 2023. A febbraio, il governo ha pubblicato il Biodiversity Net Gain (BNG) inserito nell’Environment Act del 2021.

Il BNG si basa sull’applicazione della gerarchia di mitigazione, un approccio sistematico per affrontare l’impatto ambientale e la sua potenziale compensazione. L’approccio cerca prima di evitare gli impatti, poi di minimizzarli e quindi di adottare misure in loco per riabilitare e ripristinare la biodiversità.

Proprio come nel mercato dei crediti di carbonio, le compensazioni della biodiversità dovrebbero essere prese in considerazione solo per gli impatti residui. Nell’attuazione delle compensazioni l’obiettivo minimo dovrebbe essere l’assenza di perdita netta.

La regola del 110%

Secondo la nuova legge in vigore da novembre, tutti i nuovi progetti di sviluppo sul territorio che richiederanno un permesso di pianificazione dovranno seguire la regola del 110%: garantire di compensare il 100% dell’impatto e di aumentare il valore della biodiversità del sito di almeno il 10%. La regola richiede che ogni habitat colpito sia sostituito da un altro secondo il principio “like for like” o “like for better”.

Come ci spiega Frederic Hache i due principi funzionano in questo modo: “like for like, come quando costruisci un aeroporto nel Sud della Spagna, distruggi un intero habitat di fenicotteri e poi devi ripristinarlo nell’arco di 10 chilometri”; like for better, puoi compensare scegliendo un posto qualsiasi, e non necessariamente un habitat di fenicotteri ma un servizio ecosistemico di valore monetario equivalente.”

Poiché i principi del BNG non specificano che il valore aggiunto sul territorio debba essere allocato nello stesso sito geografico, gli sviluppatori potranno scegliere altri luoghi. Il sito di sviluppo potrebbe non essere il luogo adatto per implementare la biodiversità, il che significa che gli sviluppatori dovranno fare affidamento su una modifica dei progetti o su schemi di mitigazione fuori dal sito basati su crediti comprati altrove, anche dal governo stesso.

Dunque, se da un lato viene reso obbligatorio compensare la biodiversità, dall’altro si consente di farlo al di fuori dell’habitat che si va a distruggere. C’è quindi il rischio che vengano scelti luoghi e progetti sbagliati, errori per cui il mercato dei crediti di carbonio è associato a violazioni di diritti umani e competizione di risorse.

Anche altre nazioni stanno valutando l’approccio inglese. Sembra dunque che il mercato dei crediti di biodiversità verrà implementato su larga scala. Tuttavia, richiederà una normativa solida per evitare che i danni possano essere legittimati.

MARCO CASARIO

Gli italiani sono tra i popoli più ignoranti in ambito finanziario.

Non per scelta ma perché nessuno lo ha mai insegnato. Il mio scopo è quello di educare ed informare le persone in ambito economico e finanziario. Perché se non ti preoccupi dell'economia e della finanza, loro si occuperanno di te.

Corsi Gratuiti

Diventare un Trader e un Investitore

© Copyright 2022 - The 10Min Trader BV - KVK: 72735481 - VAT ID: NL854377591B01

Il contenuto di questo sito è solo a scopo informativo, non devi interpretare tali informazioni o altro materiale come consigli legali, fiscali, di investimento, finanziari o di altro tipo. Nulla di quanto contenuto nel nostro sito costituisce una sollecitazione, una raccomandazione, un'approvazione o un'offerta da parte di The 10Min Trader BV  per acquistare o vendere titoli o altri strumenti finanziari in questa o in qualsiasi altra giurisdizione in cui tale sollecitazione o offerta sarebbe illegale ai sensi delle leggi sui titoli di tale giurisdizione.

Tutti i contenuti di questo sito sono informazioni di natura generale e non riguardano le circostanze di un particolare individuo o entità. Nulla di quanto contenuto nel sito costituisce una consulenza professionale e/o finanziaria, né alcuna informazione sul sito costituisce una dichiarazione esaustiva o completa delle questioni discusse o della legge ad esse relativa. The 10Min Trader BV non è un fiduciario in virtù dell'uso o dell'accesso al Sito o al Contenuto da parte di qualsiasi persona. Solo tu ti assumi la responsabilità di valutare i meriti e i rischi associati all'uso di qualsiasi informazione o altro Contenuto del Sito prima di prendere qualsiasi decisione basata su tali informazioni o altri Contenuti. In cambio dell'utilizzo del Sito, accetti di non ritenere The 10Min Trader BV, i suoi affiliati o qualsiasi terzo fornitore di servizi responsabile di eventuali richieste di risarcimento danni derivanti da qualsiasi decisione presa sulla base di informazioni o altri Contenuti messi a tua disposizione attraverso il Sito.

RISCHI DI INVESTIMENTO

Ci sono rischi associati all'investimento in titoli. Investire in azioni, obbligazioni, exchange traded funds, fondi comuni e fondi del mercato monetario comporta il rischio di perdita.  La perdita del capitale è possibile. Alcuni investimenti ad alto rischio possono utilizzare la leva finanziaria, che accentuerà i guadagni e le perdite. Gli investimenti esteri comportano rischi speciali, tra cui una maggiore volatilità e rischi politici, economici e valutari e differenze nei metodi contabili.  La performance passata di un titolo o di un'azienda non è una garanzia o una previsione della performance futura dell'investimento.La totalità dei contenuti presenti nel sito internet è tutelata dal diritto d’autore. Senza previo consenso scritto da parte nostra non è pertanto consentito riprodurre (anche parzialmente), trasmettere (né per via elettronica né in altro modo), modificare, stabilire link o utilizzare il sito internet per qualsivoglia finalità pubblica o commerciale.Qualsiasi controversia riguardante l’utilizzo del sito internet è soggetta al diritto svizzero, che disciplina in maniera esclusiva l’interpretazione, l’applicazione e gli effetti di tutte le condizioni sopra elencate. Il foro di Bellinzona è esclusivamente competente in merito a qualsiasi disputa o contestazione che dovesse sorgere in merito al presente sito internet e al suo utilizzo.
Accedendo e continuando nella lettura dei contenuti di questo sito Web dichiari di aver letto, compreso e accettato le sopracitate informazioni legali.