4 Suggerimenti per Proteggerti da un Crollo del Mercato

In un panorama finanziario alimentato da forti utili e inflazione contenuta, l’indice S&P 500 è salito a nuovi record, attirando gli investitori in preda alla FOMO. Eppure, dietro la facciata si nasconde un avvertimento. L’incredibile aumento del 30% dell’indice nelle ultime 52 settimane deriva da

Scopri

Chi sono gli uomini più ricchi del mondo nel 2024?

Il 2024 sta continuando a vedere l’ascesa dei titani tecnologici, della vendita al dettaglio e del lusso, con un gruppo ristretto di individui che accumula fortune oltre ogni comprensione. La ricchezza complessiva dei 10 individui più ricchi del mondo ammonta a 1,44 bilioni di dollari.

Scopri

Il Glossario dell’Intelligenza Artificiale

Chatbot E’ un software finalizzato alla comunicazione in linguaggio naturale con esseri umani e con il fine di automatizzare particolari compiti o reperire informazioni da banche dati. Questi prodotti possono sostenere conversazioni con le persone su argomenti che vanno dalle curiosità storiche alle ricette alimentari.

Scopri

Bitcoin sopra i 60.000 dollari: flussi record negli ETF Spot

Bitcoin ha superato i 60.000 dollari e si trova ora ad un passo dal suo massimo storico. I guadagni della criptovaluta più grande del mondo hanno alimentato un ampio rally delle crypto. Cosa c’è dietro all’ultima “mania digitale”? Inizierei col dire che adesso è chiaro

Scopri

Il divieto di TikTok negli Stati Uniti: l’ultima battaglia della guerra tecnologica USA-Cina

Un disegno di legge bipartisan presentato la scorsa settimana prevede il divieto di TikTok negli Stati Uniti. I legislatori statunitensi ritengono che la piattaforma ospiti contenuti dannosi e che sia una minaccia per gli utenti più giovani. Inoltre, inquadrano l’app come un rischio per la sicurezza nazionale, consentendo al Partito Comunista Cinese di raccogliere enormi quantità di dati.

Il nuovo disegno di legge arriva dopo che sette stati (South Dakota, Nebraska, Texas, Maryland, South Carolina, Alabama e Utah) hanno implementato il divieto di TikTok per i dipendenti pubblici.

TikTok – la piattaforma di social media più scaricata al mondo e con più di 1 milione di utenti attivi mensili – è di proprietà di ByteDance, un conglomerato cinese. I dirigenti in Cina affermano che i dati degli utenti americani di TikTok vengono archiviati a Singapore e negli Stati Uniti, non in Cina.

Fino a luglio non c’erano prove dirette dell’accesso a informazioni personali da parte di dipendenti con sede in Cina. Ma Buzzfeed News ha riferito che questo non era vero. Le registrazioni audio trapelate di 80 riunioni interne hanno rivelato che i dipendenti di Bytedance hanno ripetutamente avuto accesso a dati non pubblici degli utenti americani di TikTok.

I dati raccolti dagli americani dovrebbero essere archiviati su server con sede in Texas controllati da Oracle, in base all’accordo Project Texas. Tale accordo è il risultato di un’indagine del 2019 del Comitato per gli investimenti esteri negli Stati Uniti. Un accordo CFIUS nel 2020 ha successivamente spostato tutti i dati TikTok raccolti dagli americani al Texas.

La guerra tecnologica tra Cina e Stati Uniti

Il divieto di TikTok è solo l’ultimo scontro nella guerra tecnologica tra Stati Uniti e Cina. Alimentata da una forza lavoro qualificata e meno costosa, massicci sussidi governativi e la volontà degli investitori di finanziare costosi settori manifatturieri, la Cina è rapidamente diventata uno dei paesi leader nella tecnologia e nel software.

La faida ha provocato un’ondata di azioni su TikTok. Nell’agosto 2020, l’allora presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha avviato un divieto dell’app, che alla fine non si è mai concretizzato dopo che Joe Biden è entrato in carica. Da novembre 2022, TikTok è stato vietato sui dispositivi governativi negli Stati Uniti e in Canada. Nell’aprile 2023, il governo australiano ha seguito l’esempio.

La guerra degli Stati Uniti contro TikTok è iniziata otto anni fa con il disagio americano per la strategia cinese “Made in China 2025”, un progetto decennale per trasformare il paese da un gigante manifatturiero in una potenza mondiale. Una parte fondamentale del piano prevede la sorveglianza di massa, i big data e la tecnologia 5G per consolidare il dominio interno del Partito Comunista Cinese e creare un regime autoritario guidato dallo Stato.

Il piano ha dato origine a due grandi preoccupazioni da parte degli Stati Uniti nella loro competizione digitale con la Cina: l’uso dei social media per raccogliere e sfruttare dati personali per scopi politici e la diffusione di disinformazione, propaganda e censura.

Chi sta vincendo?

Alcuni ex funzionari del governo degli Stati Uniti affermano che la Cina sta vincendo la guerra sui dati, in parte a causa di un’asimmetria di accesso. Infatti, le entità cinesi hanno accesso illimitato ai dati americani attraverso app come TikTok, mentre lo stretto controllo di Pechino su Internet in Cina impedisce agli Stati Uniti di fare lo stesso.

Definita la “Grande Muraglia digitale”, molti siti web occidentali sono inaccessibili in Cina. L’elenco è lungo: social network come Facebook, Twitter e Instagram, così come molti siti di notizie occidentali, piattaforme di blog come WordPress e motori di ricerca come Google e Yahoo.

Gli utenti cinesi si limitano a prodotti fatti in casa che cercano di emulare e talvolta competere con le loro grandi controparti tecnologiche in Occidente. Gli utenti Internet in Cina non usano Google, cercano su Baidu, che ha circa 700 milioni di utenti. Il social networking e la messaggistica sono ampiamente diffusi su Weibo e WeChat.

Gli Stati Uniti reagiscono limitando le società tecnologiche piuttosto che i siti Web stessi. Huawei e ZTC sono tra le aziende cinesi che non possono vendere o importare i propri prodotti negli USA, bandite sulla base di deboli prove circostanziali.

Quando gli Stati Uniti hanno emesso il divieto, lo hanno fatto per la convinzione che la Cina non avesse separazione tra la tecnologia e i dati raccolti nel commercio privato e negli sforzi militari guidati dallo Stato. Questo stesso pensiero sta alimentando la tensione su TikTok, un’app che ha più di 150 milioni di utenti mensili negli Stati Uniti.

Mentre gli Stati Uniti prendono di mira attacchi tattici a breve termine al settore tecnologico cinese, la Cina sta costruendo l’autosufficienza, rafforzando la scienza e la tecnologia nazionali e diversificando il commercio lontano dalla dipendenza da Stati Uniti e Europa.

Chi trarrà beneficio dal divieto di TikTok negli Stati Uniti?

Meta Platforms è stata presa a calci a Washington sin dalle elezioni presidenziali del 2016, quando la società madre di Facebook è stata accusata di campagne di disinformazione. Meta ha anche costantemente perso mercato a favore di TikTok.

Ma quando i legislatori ostacolano TikTok, Meta è il logico vincitore. Con 3 miliardi di membri sulle sue piattaforme social Facebook, Instagram e WhatsApp, l’azienda con sede a Menlo Park, in California, ha le dimensioni e la destrezza per muoversi rapidamente con nuove offerte simili a TikTok.

Non sorprende che le azioni di Meta abbiano ottenuto risultati migliori rispetto al resto della tecnologia da novembre, quando la notizia del potenziale divieto di TikTok negli Stati Uniti ha iniziato a diffondersi.

ARTICOLI CORRELATI:

La Cina limita l’accesso alle informazioni aziendali agli investitori esteri

Michael Burry scommette sulle tech cinesi aumentando la sua quota in Alibaba e JD.com

Nvidia: previsioni di vendita rialziste grazie al boom dell’intelligenza artificiale

MARCO CASARIO

Gli italiani sono tra i popoli più ignoranti in ambito finanziario.

Non per scelta ma perché nessuno lo ha mai insegnato. Il mio scopo è quello di educare ed informare le persone in ambito economico e finanziario. Perché se non ti preoccupi dell'economia e della finanza, loro si occuperanno di te.

Corsi Gratuiti

Diventare un Trader e un Investitore

© Copyright 2022 - The 10Min Trader BV - KVK: 72735481 - VAT ID: NL854377591B01

Il contenuto di questo sito è solo a scopo informativo, non devi interpretare tali informazioni o altro materiale come consigli legali, fiscali, di investimento, finanziari o di altro tipo. Nulla di quanto contenuto nel nostro sito costituisce una sollecitazione, una raccomandazione, un'approvazione o un'offerta da parte di The 10Min Trader BV  per acquistare o vendere titoli o altri strumenti finanziari in questa o in qualsiasi altra giurisdizione in cui tale sollecitazione o offerta sarebbe illegale ai sensi delle leggi sui titoli di tale giurisdizione.

Tutti i contenuti di questo sito sono informazioni di natura generale e non riguardano le circostanze di un particolare individuo o entità. Nulla di quanto contenuto nel sito costituisce una consulenza professionale e/o finanziaria, né alcuna informazione sul sito costituisce una dichiarazione esaustiva o completa delle questioni discusse o della legge ad esse relativa. The 10Min Trader BV non è un fiduciario in virtù dell'uso o dell'accesso al Sito o al Contenuto da parte di qualsiasi persona. Solo tu ti assumi la responsabilità di valutare i meriti e i rischi associati all'uso di qualsiasi informazione o altro Contenuto del Sito prima di prendere qualsiasi decisione basata su tali informazioni o altri Contenuti. In cambio dell'utilizzo del Sito, accetti di non ritenere The 10Min Trader BV, i suoi affiliati o qualsiasi terzo fornitore di servizi responsabile di eventuali richieste di risarcimento danni derivanti da qualsiasi decisione presa sulla base di informazioni o altri Contenuti messi a tua disposizione attraverso il Sito.

RISCHI DI INVESTIMENTO

Ci sono rischi associati all'investimento in titoli. Investire in azioni, obbligazioni, exchange traded funds, fondi comuni e fondi del mercato monetario comporta il rischio di perdita.  La perdita del capitale è possibile. Alcuni investimenti ad alto rischio possono utilizzare la leva finanziaria, che accentuerà i guadagni e le perdite. Gli investimenti esteri comportano rischi speciali, tra cui una maggiore volatilità e rischi politici, economici e valutari e differenze nei metodi contabili.  La performance passata di un titolo o di un'azienda non è una garanzia o una previsione della performance futura dell'investimento.La totalità dei contenuti presenti nel sito internet è tutelata dal diritto d’autore. Senza previo consenso scritto da parte nostra non è pertanto consentito riprodurre (anche parzialmente), trasmettere (né per via elettronica né in altro modo), modificare, stabilire link o utilizzare il sito internet per qualsivoglia finalità pubblica o commerciale.Qualsiasi controversia riguardante l’utilizzo del sito internet è soggetta al diritto svizzero, che disciplina in maniera esclusiva l’interpretazione, l’applicazione e gli effetti di tutte le condizioni sopra elencate. Il foro di Bellinzona è esclusivamente competente in merito a qualsiasi disputa o contestazione che dovesse sorgere in merito al presente sito internet e al suo utilizzo.
Accedendo e continuando nella lettura dei contenuti di questo sito Web dichiari di aver letto, compreso e accettato le sopracitate informazioni legali.