La Fed è disposta a tollerare una recessione

Powell ha dato il segnale più chiaro fino ad oggi che la Federeal Reserve è disposta a tollerare una recessione come compromesso per riprendere il controllo dell’inflazione. Ieri, come previsto, la Fed ha aumentato i tassi di 75 punti base per la terza volta consecutiva.

Scopri

Gli effetti della recessione sulla tua vita

L’ultimo rapporto trimestrale sul prodotto interno lordo degli Stati Uniti ha mostrato una seconda contrazione consecutiva, classificando l’economia in una recessione tecnica. Vale quindi la pena esaminare quali siano gli effetti della recessione sulla tua vita? Ufficialmente, il National Bureau of Economic Research definisce la

Scopri

La definizione di recessione: è già iniziata?

La stima dell’Atlanta Fed GDPNow per il PIL reale del secondo trimestre aggiornata al 19 luglio è pari al -1,6%. Secondo la definizione classica che prevede due trimestri consecutivi di rallentamento della crescita, gli Stati Uniti sarebbero quindi in una recessione tecnica. In questo articolo

Scopri

Il ciclo del credito: come impatta sui mercati finanziari

Durante gli ultimi due anni abbiamo osservato diversi regimi economici susseguirsi. Normalmente, si sarebbero dovuti spalmare su un arco temporale di 10 anni.
Il ciclo del credito ha giocato un ruolo fondamentale nel corso della ripresa nel 2020 e il mantenimento delle condizioni economiche e finanziarie favorevoli nel 2021. Il facile accesso al credito, il cosiddetto “denaro facile” e i bassi tassi d’interesse hanno favorito i prestiti per le persone e le aziende in modo da garantire la spesa e gli investimenti.

La bolla di internet

In passato abbiamo visto cosa può accadere quando l’estensione del credito viene portata all’estremo.
A fine anni 90, con l’avvento di internet, il credito era decisamente accessibile e l’euforia verso le nuove tecnologie portò le persone ad assumersi rischi elevati. In quel periodo circolava molto denaro e nascevano un sacco di aziende che arrivavano a quotarsi in borsa ancora prima di aver costruito un vero e proprio business model. Il credito raggiunse un picco nel 2000 quando scoppiò la famosa “bolla di internet”. Molte aziende fallirono ma esistono ancora dei titoli che non sono mai ritornati ai livelli di prezzo di quel periodo.

La crisi dei subprime

Nel 2008 ci fu invece la crisi dei subprime, prestiti elargiti dalle banche a clienti ad alto rischio, che in altri momenti storici non avrebbero mai avuto accesso al credito.
A partire da metà anni 2000 accedere al credito era estremamente semplice. Le banche prestarono soldi per i mutui delle case a persone con rating bassissimi che non erano in grado di restituire il debito. Di pari passo all’estensione del credito operava l’ingegneria finanziaria con la creazione dei MBS (Mortgage Backed Securities), costruiti e basati sui mutui subprime. A seguire esplosero anche i CDO (Collateralized Debt Obligation), delle obbligazioni che avevano come garanzia un debito. L’accoppiata di queste situazioni, economica da una parte e finanziaria dall’altra, portò all’esplosione della bolla del 2008. Dopo aver parlato brevemente degli ultimi due cicli che il mondo ha vissuto, andiamo a descrivere come si struttura il ciclo del credito.

L’anatomia del ciclo del credito

Esiste un momento in cui l’accesso al credito è “stretto” e l’avversione al rischio aumenta. Durante questo periodo alcune aziende falliscono. Il capitalismo vuole che nel corso del tempo alcune aziende falliscano, schiacciate dalla competizione. Quando il credito è “stretto” le aziende non riescono ad ottenere denaro per pagare i debiti arrivando alla bancarotta.

tassi default cicli credito
I tassi di default negli Stati Uniti registrati da S&P Global e Moody’s. Si può osservare come nell’ultima crisi i default sono stati minori rispetto a quelli visti nelle altre crisi grazie all’intervento massiccio del governo e della banca centrale

L’altro momento che costituisce il ciclo del credito è quello in cui è facile accedere al credito cosicché si possa spendere e investire. In questo periodo aumentano gli investimenti sui mercati in quanto l’avversione al rischio è assente e si preferiscono gli asset ad alto rischio. I prezzi degli asset sono alti ed è difficile trovare opportunità sul mercato.
Ora che abbiamo identificato i due grandi momenti del ciclo del credito possiamo individuare le fasi che lo costituiscono.

Il downturn

La prima parte del ciclo del credito è quella di downturn, la fase che segue l’espansione e la crescita economica. L’inflazione alta ha fatto sì che le banche intervenissero stringendo la politica monetaria e alzando i tassi d’interesse. In questa fase gli investitori cominciano a lasciare gli investimenti che hanno fatto sugli asset pericolosi e diminuiscono il rischio passando a investimenti più sicuri. Gli investitori rimangono in cash o si spostano sui cosiddetti “safe haven”, come il dollaro americano e lo yen giapponese. Il credito diventa meno accessibile e c’è anche meno debito. I profitti delle aziende diminuiscono insieme ai redditi delle persone e la loro spesa. A questo punto le banche centrali riconoscono che le condizioni sono troppo strette e diminuiscono i tassi d’interesse.

La fase repair e quella di recovery

Dalla fase di downturn si passa a quella repair. In questa fase le aziende hanno bisogno di liquidità per migliorare i propri balance sheets avendo sofferto nella fase precedente. Le aziende sono disposte a offrire tassi d’interesse alti pur di ottenere denaro e allo stesso tempo sono obbligate a fare deleveraging perché l’economia è in contrazione.
In questo momento ci sono aziende che rischiano di andare in default se non riescono velocemente ad accedere al credito. Le banche centrali iniettano liquidità abbondante applicando manovre di politica monetaria non convenzionale come il quantitative easing. Gli investitori si trovano ancora su asset sicuri ma l’appetito al rischio si comincia ad alzare.

Inizia la fase di recovery. I profitti delle aziende cominciano ad aumentare rispetto ai debiti. Il mercato azionario si riprende e la crescita economica diventa più forte. Le banche centrali cominciano a pensare di alleggerire la politica monetaria cominciando con il tapering degli acquisti e la diminuzione del loro balance sheet.

L’espansione

Si arriva infine alla fase di espansione. Gli investitori hanno spinto il mercato azionario davvero in alto, si comincia a vedere il picco dei profitti delle aziende e allo stesso tempo il debito comincia ad accelerare.
In questa fase il rischio rimane alto e le banche centrali hanno già avviato politiche più restrittive perché l’inflazione comincia a diventare alta. Le banche centrali accelerano il tapering e aumentano i tassi d’interesse.
In questo momento le aziende hanno ancora bisogno di liquidità per mantenere il ritmo di crescita. Il rischio si alza ed è in questo momento in cui si può vedere fragilità sul mercato azionario e più volatilità.

Il ciclo del credito
ciclo credito caratteristiche
Le quattro fasi del ciclo del credito e le loro caratteristiche

In conclusione, capire in che fase del ciclo del credito ci si trova può servire per capire quando si può essere più aggressivi e quando più conservativi.
Nel momento in cui c’è tanta euforia sui mercati e l’accesso al credito è eccessivamente facile, si arriva al picco del ciclo del credito e alla fine dell’espansione. Da lì si assiste alla fase di downturn e il ciclo si ripete. Durante la fase di downturn si può essere più aggressivi perché i mercati sono scesi e gli asset hanno valori bassi.

MARCO CASARIO

Gli italiani sono tra i popoli più ignoranti in ambito finanziario.

Non per scelta ma perché nessuno lo ha mai insegnato. Il mio scopo è quello di educare ed informare le persone in ambito economico e finanziario. Perché se non ti preoccupi dell'economia e della finanza, loro si occuperanno di te.

Corsi Gratuiti

Diventare un Trader e un Investitore

© Copyright 2022 - The 10Min Trader BV - KVK: 72735481 - VAT ID: NL854377591B01

Il contenuto di questo sito è solo a scopo informativo, non devi interpretare tali informazioni o altro materiale come consigli legali, fiscali, di investimento, finanziari o di altro tipo. Nulla di quanto contenuto nel nostro sito costituisce una sollecitazione, una raccomandazione, un'approvazione o un'offerta da parte di The 10Min Trader BV  per acquistare o vendere titoli o altri strumenti finanziari in questa o in qualsiasi altra giurisdizione in cui tale sollecitazione o offerta sarebbe illegale ai sensi delle leggi sui titoli di tale giurisdizione.

Tutti i contenuti di questo sito sono informazioni di natura generale e non riguardano le circostanze di un particolare individuo o entità. Nulla di quanto contenuto nel sito costituisce una consulenza professionale e/o finanziaria, né alcuna informazione sul sito costituisce una dichiarazione esaustiva o completa delle questioni discusse o della legge ad esse relativa. The 10Min Trader BV non è un fiduciario in virtù dell'uso o dell'accesso al Sito o al Contenuto da parte di qualsiasi persona. Solo tu ti assumi la responsabilità di valutare i meriti e i rischi associati all'uso di qualsiasi informazione o altro Contenuto del Sito prima di prendere qualsiasi decisione basata su tali informazioni o altri Contenuti. In cambio dell'utilizzo del Sito, accetti di non ritenere The 10Min Trader BV, i suoi affiliati o qualsiasi terzo fornitore di servizi responsabile di eventuali richieste di risarcimento danni derivanti da qualsiasi decisione presa sulla base di informazioni o altri Contenuti messi a tua disposizione attraverso il Sito.

RISCHI DI INVESTIMENTO

Ci sono rischi associati all'investimento in titoli. Investire in azioni, obbligazioni, exchange traded funds, fondi comuni e fondi del mercato monetario comporta il rischio di perdita.  La perdita del capitale è possibile. Alcuni investimenti ad alto rischio possono utilizzare la leva finanziaria, che accentuerà i guadagni e le perdite. Gli investimenti esteri comportano rischi speciali, tra cui una maggiore volatilità e rischi politici, economici e valutari e differenze nei metodi contabili.  La performance passata di un titolo o di un'azienda non è una garanzia o una previsione della performance futura dell'investimento.La totalità dei contenuti presenti nel sito internet è tutelata dal diritto d’autore. Senza previo consenso scritto da parte nostra non è pertanto consentito riprodurre (anche parzialmente), trasmettere (né per via elettronica né in altro modo), modificare, stabilire link o utilizzare il sito internet per qualsivoglia finalità pubblica o commerciale.Qualsiasi controversia riguardante l’utilizzo del sito internet è soggetta al diritto svizzero, che disciplina in maniera esclusiva l’interpretazione, l’applicazione e gli effetti di tutte le condizioni sopra elencate. Il foro di Bellinzona è esclusivamente competente in merito a qualsiasi disputa o contestazione che dovesse sorgere in merito al presente sito internet e al suo utilizzo.
Accedendo e continuando nella lettura dei contenuti di questo sito Web dichiari di aver letto, compreso e accettato le sopracitate informazioni legali.

Cookie Policy