Bull Run di Bitcoin: dovresti comprare sopra i 40.000 dollari?

Bitcoin è aumentato di oltre il 160% quest’anno. Martedì il token ha superato i 43.000 dollari, aggiungendo circa il 16%. L’ottimismo per ulteriori guadagni è alto. Stiamo assistendo a una bull run di Bitcoin oppure il prezzo del token è destinato a fermarsi? La performance

Scopri

L’evoluzione del sistema bancario ombra

L’innovazione finanziaria e tecnologica e i cambiamenti nel contesto macroeconomico hanno portato alla crescita delle istituzioni finanziarie non bancarie e allo spostamento delle banche nella fornitura dei tradizionali servizi di intermediazione finanziaria (raccolta di depositi, concessione di prestiti e facilitazione dei pagamenti). In questo post,

Scopri

Guida per iniziare ad investire: le basi degli investimenti

Se sei un investitore principiante o devi ancora iniziare ad investire, magari perché pensi di aver bisogno di molti soldi o non sei sicuro di quale sia il miglior investimento, ti servono le basi. Tutti devono iniziare da qualche parte. Warren Buffet, uno degli uomini

Scopri

3 Motivi di Incertezza macro economica per gli Investitori

L’inflazione è un tema molto sentito dagli investitori, che cercano di capire quale sarà la prossima mossa della Federal Reserve. Il vecchio adagio “Non combattere la Fed” mette in guardia dagli investimenti che potrebbero essere in contrasto con la politica della banca centrale statunitense. Eppure, molti investitori sembrano incoraggiati a combattere questa battaglia. Sebbene la Federal Reserve abbia indicato che potrebbe essere necessario un ulteriore inasprimento monetario per contenere l’inflazione, gli investitori sembrano ignorare il fatto che tale azione politica potrebbe pesare ulteriormente sull’economia e sugli utili aziendali.

Il Global Investment Committee di Morgan Stanley ritiene che gli investitori debbano riconoscere questo periodo di profonda incertezza. Tre sviluppi stanno amplificando la loro preoccupazione:

1) Le prospettive economiche sono confuse. I consumatori stanno consumando i loro risparmi e accumulando i saldi delle carte di credito, mentre in alcuni settori sono iniziati i licenziamenti aziendali. Anche se il settore dei servizi rimane forte, i tassi di nuovi ordini nel settore manifatturiero continuano a diminuire, il che suggerisce un indebolimento della domanda di beni. Alcuni investitori si aspettano che la ripresa economica in Cina salvi l’economia statunitense da un declino più marcato, ma se la crescita americana dovesse riprendersi, ciò potrebbe esercitare nuovamente una pressione al rialzo sui prezzi e spingere la Fed a mantenere i tassi più alti più a lungo, pesando a sua volta sui prezzi degli asset.

2) Gli utili societari restano vulnerabili. Le stime di consenso per gli utili delle società dell’S&P 500 per quest’anno sono più che probabili: 224 dollari per azione. Questa previsione relativamente ottimistica si basa sulle tendenze del 2020-2022, che sembrano ignorare il fatto che la crescita economica è stata estremamente distorta in questi ultimi anni. Negli ultimi 10 trimestri, il PIL nominale degli Stati Uniti ha oscillato tra il 9% e il 14%, contro il trend di lungo periodo del 4-5%, e i margini operativi dell’S&P 500 sono stati in media del 14,5-16,5%, contro la media di 25 anni del 12,5%. La tendenza a tornare alla media di lungo periodo potrebbe portare a una variazione negativa della crescita degli utili su base annua, nota come “recessione degli utili”.

3) Persiste la forza del mercato del lavoro. Nonostante i titoli dei giornali che parlano di licenziamenti, il mercato del lavoro statunitense è rimasto complessivamente forte, come dimostra l’elevato numero di nuovi posti di lavoro aperti e il recente minimo di 53 anni del tasso di disoccupazione. Un mercato del lavoro solido potrebbe aiutare l’economia a raggiungere un “atterraggio morbido” se i salari reali sostenessero i consumi. L’enigma, tuttavia, è che salari e spese forti potrebbero aumentare le pressioni inflazionistiche, fornendo così una scarsa motivazione o un incentivo per la Fed a tagliare i tassi.

Vale la pena notare che, mentre l’inflazione ha probabilmente raggiunto il suo picco e il grosso della stretta della Fed è probabilmente alle nostre spalle, la politica opera con un certo ritardo e l’incertezza sull’economia, i guadagni e i posti di lavoro è importante. Si tratta di un momento di confusione che richiede una copertura del posizionamento del portafoglio. A tal fine, gli investitori dovrebbero concentrarsi sulla generazione di reddito mentre si svolge questo periodo ciclico di massima incertezza.

Nonostante i segnali d’allarme, molti investitori hanno fatto impennare i titoli statunitensi sulla base dell’apparente convinzione che l’inflazione scenderà rapidamente verso l’obiettivo della Fed del 2% e che la banca centrale passerà presto alla riduzione dei tassi d’interesse. Questo rimbalzo ha portato le valutazioni a livelli estremi, con l’indice S&P 500 che ora prezza 18,5 volte gli utili a termine.

Gli orsi, invece, sostengono che le stime degli utili sono ben lontane dalla realtà e che il rapporto di Morgan Stanley ci dice che le stime degli utili si stanno finalmente muovendo nella giusta direzione verso il basso e riflettono la storia della leva operativa negativa. Questo è un segno che le previsioni sugli utili stanno finalmente diventando negative su base annua.

Mentre la prima metà di un mercato orso è caratterizzata da una compressione dei multipli, la seconda metà è caratterizzata da un crollo delle valutazioni a causa del calo degli utili. Morgan Stanley la pensa così perché la crescita degli EPS in questo trimestre è negativa per la prima volta dalla tanto agognata recessione, e le stime per il primo trimestre stanno scendendo al ritmo più veloce.

Il Report (molto) Ribassita di Morgan Stanley

Un recente rapporto di Morgan Stanley sta rendendo alcuni investitori molto nervosi, in quanto suggerisce che il peggio potrebbe essere ancora da venire.

Nel suo rapporto fortemente bearish, Morgan Stanley osserva che le stime sugli utili si stanno finalmente muovendo nella giusta direzione, verso il basso, e riflettono la storia di una leva operativa negativa. Questo è un segno che le previsioni sugli utili stanno finalmente diventando negative su base annua. Sebbene questa possa sembrare una buona notizia, in realtà è una cattiva notizia, in quanto significa che le stime sugli utili sono ben lontane dal vero. Morgan Stanley sostiene che il mercato deve dare ascolto a Michael Burry, che ha lanciato l’allarme sull’imminente crollo delle azioni. Proprio pochi giorni fa ho pubblicato questo video su Michael Burry dal titolo, Il Crash dei mercati deve (ancora) arrivare:

Il rapporto prosegue affermando che il calo delle stime sui margini dell’S&P 500 dall’inizio dell’anno è il peggiore dalla Grande Crisi Finanziaria. Inoltre, la crescita degli EPS è ora negativa, a conferma del fatto che la recessione degli utili è arrivata. Il team di Morgan Stanley che si occupa di strategia cross-asset sostiene che siamo appena entrati nella fase discendente, a sostegno dell’idea che il contesto macro si stia deteriorando.

Il rapporto è molto ribassista e Morgan Stanley raccomanda agli investitori di posizionarsi ora in previsione del momento della verità, prima che sia ovvio e troppo tardi per muoversi in misura reale. In breve, il tempismo è tutto. Morgan Stanley avverte che gli investitori non dovrebbero aspettare il segnale evidente che il rally del mercato orso è finito.

Il rapporto sta causando un certo allarme tra gli investitori, in quanto suggerisce che il peggio potrebbe essere ancora da venire. Mentre la prima metà del rally del mercato orso comporta una compressione dei multipli, passando da 25 a 15 volte gli utili, la seconda metà comporta un calo degli utili per azione. Morgan Stanley avverte che gli investitori devono essere preparati a questa seconda metà, che sarà molto peggiore della prima.

Nonostante gli avvertimenti funesti contenuti nel rapporto, non tutti sono convinti che i mercati stiano andando incontro a un crollo. Alcuni analisti sottolineano che il mercato è stato spinto al rialzo dalla liquidità e che non è necessariamente in preda a una frenesia speculativa. Sostengono che il recente sell-off sia dovuto al timore di un’esperienza alla Paul Volcker e di una spirale dei prezzi dei salari, che è improbabile che si verifichi.

Indipendentemente dal fatto che il mercato si stia dirigendo verso un crollo o meno, è importante che gli investitori prestino attenzione ai segnali di allarme. Come osserva Morgan Stanley, è essenziale che gli investitori guardino ai loro talloni d’Achille, perché se non lo fanno possono essere colti alla sprovvista. Anche se la situazione attuale potrebbe non essere così terribile come alcuni suggeriscono, è comunque importante essere preparati per qualsiasi cosa possa accadere in futuro.

Implicazioni per gli investitori

Anche se sembra che l’inflazione abbia probabilmente raggiunto il suo picco e che la maggior parte delle misure restrittive della Fed sia ormai alle spalle, è importante ricordare che la politica opera con un certo ritardo e che l’incertezza sull’economia, sugli utili e sull’occupazione è importante. Questo è un momento di confusione che richiede una copertura del posizionamento del portafoglio. A tal fine, gli investitori dovrebbero concentrarsi sulla generazione di reddito mentre si svolge questo periodo ciclico di massima incertezza.

Gli investitori devono riconoscere che questo è un periodo di profonda incertezza, con prospettive economiche confuse, profitti aziendali vulnerabili e un mercato del lavoro forte che potrebbe contribuire alle pressioni inflazionistiche. Sebbene la Fed abbia offerto indicazioni sul proseguimento della stretta monetaria per contenere l’inflazione, è importante rimanere vigili e non diventare compiacenti. Morgan Stanley raccomanda quindi di concentrarsi sulla generazione di reddito in attesa che la situazione diventi più chiara.

MARCO CASARIO

Gli italiani sono tra i popoli più ignoranti in ambito finanziario.

Non per scelta ma perché nessuno lo ha mai insegnato. Il mio scopo è quello di educare ed informare le persone in ambito economico e finanziario. Perché se non ti preoccupi dell'economia e della finanza, loro si occuperanno di te.

Corsi Gratuiti

Diventare un Trader e un Investitore

© Copyright 2022 - The 10Min Trader BV - KVK: 72735481 - VAT ID: NL854377591B01

Il contenuto di questo sito è solo a scopo informativo, non devi interpretare tali informazioni o altro materiale come consigli legali, fiscali, di investimento, finanziari o di altro tipo. Nulla di quanto contenuto nel nostro sito costituisce una sollecitazione, una raccomandazione, un'approvazione o un'offerta da parte di The 10Min Trader BV  per acquistare o vendere titoli o altri strumenti finanziari in questa o in qualsiasi altra giurisdizione in cui tale sollecitazione o offerta sarebbe illegale ai sensi delle leggi sui titoli di tale giurisdizione.

Tutti i contenuti di questo sito sono informazioni di natura generale e non riguardano le circostanze di un particolare individuo o entità. Nulla di quanto contenuto nel sito costituisce una consulenza professionale e/o finanziaria, né alcuna informazione sul sito costituisce una dichiarazione esaustiva o completa delle questioni discusse o della legge ad esse relativa. The 10Min Trader BV non è un fiduciario in virtù dell'uso o dell'accesso al Sito o al Contenuto da parte di qualsiasi persona. Solo tu ti assumi la responsabilità di valutare i meriti e i rischi associati all'uso di qualsiasi informazione o altro Contenuto del Sito prima di prendere qualsiasi decisione basata su tali informazioni o altri Contenuti. In cambio dell'utilizzo del Sito, accetti di non ritenere The 10Min Trader BV, i suoi affiliati o qualsiasi terzo fornitore di servizi responsabile di eventuali richieste di risarcimento danni derivanti da qualsiasi decisione presa sulla base di informazioni o altri Contenuti messi a tua disposizione attraverso il Sito.

RISCHI DI INVESTIMENTO

Ci sono rischi associati all'investimento in titoli. Investire in azioni, obbligazioni, exchange traded funds, fondi comuni e fondi del mercato monetario comporta il rischio di perdita.  La perdita del capitale è possibile. Alcuni investimenti ad alto rischio possono utilizzare la leva finanziaria, che accentuerà i guadagni e le perdite. Gli investimenti esteri comportano rischi speciali, tra cui una maggiore volatilità e rischi politici, economici e valutari e differenze nei metodi contabili.  La performance passata di un titolo o di un'azienda non è una garanzia o una previsione della performance futura dell'investimento.La totalità dei contenuti presenti nel sito internet è tutelata dal diritto d’autore. Senza previo consenso scritto da parte nostra non è pertanto consentito riprodurre (anche parzialmente), trasmettere (né per via elettronica né in altro modo), modificare, stabilire link o utilizzare il sito internet per qualsivoglia finalità pubblica o commerciale.Qualsiasi controversia riguardante l’utilizzo del sito internet è soggetta al diritto svizzero, che disciplina in maniera esclusiva l’interpretazione, l’applicazione e gli effetti di tutte le condizioni sopra elencate. Il foro di Bellinzona è esclusivamente competente in merito a qualsiasi disputa o contestazione che dovesse sorgere in merito al presente sito internet e al suo utilizzo.
Accedendo e continuando nella lettura dei contenuti di questo sito Web dichiari di aver letto, compreso e accettato le sopracitate informazioni legali.