Oro ai Massimi Storici: Scopriamo i Motivi!

Nell’ultimo mese, il prezzo dell’oro ha raggiunto nuovi massimi storici e assistito a una delle sue più straordinarie accelerazioni di sempre. L’impennata non ha solo sorpreso gli investitori e gli analisti di tutto il mondo, ma ha anche acceso un vivace dibattito su quali fattori

Scopri

Battere un’Indice Azionario: la Sfida dei Gestori di Fondi

Nel dinamico mondo degli investimenti, uno degli obiettivi più ambiti dai gestori di fondi è superare i benchmark di mercato. Ma negli ultimi anni, battere un indice azionario è diventato sempre più difficile. Le cause? L’evoluzione delle strategie di investimento e la crescente complessità dei

Scopri

Il Sogno di un Atterraggio Morbido è in Pericolo

Nel tentativo di guidare l’economia americana verso una fase di espansione sostenibile, il presidente della Federal Reserve, Jerome Powell, ha perseguito la visione di un “atterraggio morbido”. Il sogno di un rallentamento dell’inflazione in parallelo con una crescita economica sostenuta sembra ora più distante. L’ultimo

Scopri

Il prezzo del Gas scende ma le bollette rimagono alte

Se si guarda al prezzo del Gas quotato sulla borsa (ticker del future TTF) olandese si nota che il prezzo si è ridotto di quasi l’80% rispetto raggiunti in estate ed è tornato ai livelli pre-guerra tra Russia e Ucraina:

Prezzo del future del Gas Naturale
Prezzo del future del Gas Naturale quotato sulla borsa oalndese

Lunedì mattina, il prezzo di un megawattora di gas alla borsa principale di Amsterdam è sceso a 70,30 euro. L’ultima volta che il gas europeo è stato così economico è stato nel febbraio 2022, prima dello scoppio della crisi ucraina. Nella stessa mattinata, il prezzo della benzina è salito a 73 euro.

Ma nonostate questo riassorbimento del prezzo, il prezzo medio della fornitura di gas per le famiglie italiane è aumentato del 64,8% nel 2022 rispetto all’anno precedente, secondo quanto riportato martedì dall’organizzazione nazionale per l’energia ARERA, evidenziando l’impatto del conflitto in Ucraina sui bilanci familiari.

L’ARERA, che regola i prezzi del gas per i clienti italiani, ha anche riferito che il prezzo di dicembre è aumentato del 23,3% rispetto al mese precedente, indicando costi elevati all’inizio di dicembre seguiti da un calo nel corso del mese.

Come mai la crisi energetica è stata scongiurata e non siamo morti di freddo come i media ci hanno fatto credere? Beh diciamo che siamo stati aiutati da un pò di fortuna 🙂

Grazie al clima invernale favorevole, i prezzi del gas in Europa sono diminuiti ulteriormente all’inizio del nuovo anno. Di conseguenza, le riserve di gas in Europa sono ancora sostanzialmente adeguate.

Il clima più caldo del previsto ha portato ad aggiunte nette giornaliere agli stoccaggi di gas naturale dei Paesi europei, cosa rara per questo periodo dell’anno. Questa è un’ottima notizia per l’Europa, poiché quest’anno abbiamo bisogno di riempire i nostri serbatoi di stoccaggio senza il gas russo, e qualsiasi riduzione dell’utilizzo degli stoccaggi è benefica.

Se si utilizza l’ultimo flusso netto mensile in entrata/uscita come guida, la Germania non rimarrà senza gas fino all’agosto 2023. Si tratta chiaramente di un esercizio teorico, ma dimostra che questo inverno è del tutto sicuro, a meno che non si verifichi una bizzarra/straordinaria ondata di freddo a gennaio/febbraio.

Una cosa è la quantità assoluta degli stoccaggi, un’altra è l’andamento degli stoccaggi rispetto a stagioni comparabili degli anni precedenti.

Se confrontiamo i livelli di stoccaggio di gas naturale in Europa con quelli di un anno fa, ci rendiamo conto di quanto sia diversa la situazione attuale. Gli stoccaggi godono di buona salute in vista del 2023, sia in termini di velocità che di dimensioni. Ciò implica che il globo dell’azione dei prezzi e il nostro modello di gas naturale, che include il momentum degli stoccaggi come una delle tre componenti, indica che i prezzi scenderanno ulteriormente nel medio futuro.

Quest’anno in Europa sono state introdotte molte politiche terribili, ma per il momento non dovremmo preoccuparci troppo della situazione. Il movimento dei prezzi continua a essere negativo.

A dicembre, i membri dell’Unione Europea hanno deciso di controllare i prezzi del gas per frenare ulteriori aumenti sul mercato, che hanno raggiunto livelli record in Europa dopo l’invasione dell’Ucraina da parte della Russia, che ha interrotto le forniture. Ma in Italia si parla di ridurre i supporti al caro-bolletta per non far crescere troppo il debito pubblico già messo in difficoltà dall’aumento dei tassi da parte della banca centrale.

Ma quanto bisognerà aspettare per vedere tornare le bollette del gas ad una situazione normale?

L’aumento del prezzo del gas mette a dura prova le imprese e i cittadini che si trovano a fare i conti con una spesa energetica fuori controllo. È quanto afferma la Coldiretti in risposta all’aumento della bolletta del gas di dicembre dell’Arera, pari al 23,3 per cento.

I consumi energetici hanno un duplice impatto negativo in quanto, come sottolinea la Coldiretti, diminuiscono il potere d’acquisto dei singoli e delle famiglie e aumentano le spese delle imprese, particolarmente importanti per l’agroalimentare durante l’inverno. I costi dell’energia si riflettono su tutta la filiera, interessando non solo le operazioni agricole ma anche la trasformazione e la distribuzione.

Secondo una ricerca della Coldiretti sulla base delle statistiche Enea, la produzione agroalimentare in Italia consuma oltre l’11% del totale dei consumi energetici industriali, pari a circa 13,3 milioni di tonnellate equivalenti di petrolio (Mtep) ogni anno.

L’Autorità di regolazione per l’energia e l’ambiente (Arera) prevede che i prezzi dell’elettricità diminuiranno del 19,5% nel primo trimestre del 2023 per le abitazioni con contratti di energia nel mercato tutelato. Una riduzione che porterà i consumatori tutelati a pagare 53,11 centesimi di euro per kilowattora, tasse incluse.

MARCO CASARIO

Gli italiani sono tra i popoli più ignoranti in ambito finanziario.

Non per scelta ma perché nessuno lo ha mai insegnato. Il mio scopo è quello di educare ed informare le persone in ambito economico e finanziario. Perché se non ti preoccupi dell'economia e della finanza, loro si occuperanno di te.

Corsi Gratuiti

Diventare un Trader e un Investitore

© Copyright 2022 - The 10Min Trader BV - KVK: 72735481 - VAT ID: NL854377591B01

Il contenuto di questo sito è solo a scopo informativo, non devi interpretare tali informazioni o altro materiale come consigli legali, fiscali, di investimento, finanziari o di altro tipo. Nulla di quanto contenuto nel nostro sito costituisce una sollecitazione, una raccomandazione, un'approvazione o un'offerta da parte di The 10Min Trader BV  per acquistare o vendere titoli o altri strumenti finanziari in questa o in qualsiasi altra giurisdizione in cui tale sollecitazione o offerta sarebbe illegale ai sensi delle leggi sui titoli di tale giurisdizione.

Tutti i contenuti di questo sito sono informazioni di natura generale e non riguardano le circostanze di un particolare individuo o entità. Nulla di quanto contenuto nel sito costituisce una consulenza professionale e/o finanziaria, né alcuna informazione sul sito costituisce una dichiarazione esaustiva o completa delle questioni discusse o della legge ad esse relativa. The 10Min Trader BV non è un fiduciario in virtù dell'uso o dell'accesso al Sito o al Contenuto da parte di qualsiasi persona. Solo tu ti assumi la responsabilità di valutare i meriti e i rischi associati all'uso di qualsiasi informazione o altro Contenuto del Sito prima di prendere qualsiasi decisione basata su tali informazioni o altri Contenuti. In cambio dell'utilizzo del Sito, accetti di non ritenere The 10Min Trader BV, i suoi affiliati o qualsiasi terzo fornitore di servizi responsabile di eventuali richieste di risarcimento danni derivanti da qualsiasi decisione presa sulla base di informazioni o altri Contenuti messi a tua disposizione attraverso il Sito.

RISCHI DI INVESTIMENTO

Ci sono rischi associati all'investimento in titoli. Investire in azioni, obbligazioni, exchange traded funds, fondi comuni e fondi del mercato monetario comporta il rischio di perdita.  La perdita del capitale è possibile. Alcuni investimenti ad alto rischio possono utilizzare la leva finanziaria, che accentuerà i guadagni e le perdite. Gli investimenti esteri comportano rischi speciali, tra cui una maggiore volatilità e rischi politici, economici e valutari e differenze nei metodi contabili.  La performance passata di un titolo o di un'azienda non è una garanzia o una previsione della performance futura dell'investimento.La totalità dei contenuti presenti nel sito internet è tutelata dal diritto d’autore. Senza previo consenso scritto da parte nostra non è pertanto consentito riprodurre (anche parzialmente), trasmettere (né per via elettronica né in altro modo), modificare, stabilire link o utilizzare il sito internet per qualsivoglia finalità pubblica o commerciale.Qualsiasi controversia riguardante l’utilizzo del sito internet è soggetta al diritto svizzero, che disciplina in maniera esclusiva l’interpretazione, l’applicazione e gli effetti di tutte le condizioni sopra elencate. Il foro di Bellinzona è esclusivamente competente in merito a qualsiasi disputa o contestazione che dovesse sorgere in merito al presente sito internet e al suo utilizzo.
Accedendo e continuando nella lettura dei contenuti di questo sito Web dichiari di aver letto, compreso e accettato le sopracitate informazioni legali.