Modulo 4: Le Obbligazioni

Contenuti della lezione

Le obbligazioni sono dei titoli di debito (per la controparte emittente) e di credito (per la parte che le acquista).

Rappresentano una parte del debito di una società, uno stato, un comune o qualunque altro soggetto economico/giuridico possa emetterli.

Le obbligazioni prevedono il rimborso, alla fine del termine prestabilito, della quota investita dal creditore, maggiorati di interessi periodici che rappresentano il guadagno dell’investitore.

A livello societario, ricercare capitali tra gli investitori e risparmiatori privati è conveniente perché i tassi d’interesse applicati come remunerazione sono decisamente più bassi rispetto a quelli applicati dai prestiti bancari.

D’altra parte, per l’investitore diventa conveniente “bloccare” i suoi capitali in obbligazioni piuttosto che tenerli fermi sul conto corrente, perché beneficia di interessi periodici.

Come sono composte le obbligazioni?

I titoli di debito obbligazionari sono composti da 4 componenti: 

  1. il prezzo dell’attività finanziaria (valore nominale);
  2. la cedola (il tasso d’interesse) .Essi hanno una correlazione inversa, in quanto all’aumentare del prezzo il rendimento scende e viceversa;
  3. la data di emissione;
  4. la data di maturità.

Esempio

Supponiamo di aver comprato un titolo di stato emesso alla pari a 100 euro con un tasso d’interesse fisso del 10%. L’obbligazione pagherà quindi 10 euro di interessi.

Se nel futuro l’obbligazione dovesse perdere valore e arrivare a 70 euro perché gli investitori le stanno vendendo, probabilmente impauriti per le condizioni finanziarie dello stato, l’obbligazione pagherà sempre 10 euro di interessi che non rappresenterà più il 10% ma bensì il 14,3%.

Il valore nominale dell’obbligazione, in questo caso, ha perso il 30%.

Funzionamento del flusso di pagamenti di un titolo di debito, tra istituto debitore e il creditore

Quali tipologie di obbligazioni esistono?

Esistono diversi tipi di obbligazioni sui mercati.

In particolare, le più famose e rilevanti sono:

  • zero coupon, caratterizzata dall’assenza di cedole per tutta la vita dell’obbligazione. L’investitore verrà remunerato del capitale e dell’interesse direttamente alla scadenza. Solitamente sono di breve durata, non superiore ai 12 mesi (come nel caso dei BOT italiani).
  • rendita perpetua, ovvero bond senza scadenza e senza il rimborso del capitale finale. Garantisce quindi un’entrata tramite interessi continuativi, senza scadenza e di solito il tasso d’interesse è più alto rispetto ad altre obbligazioni. Difficilmente vengono collocati a investitori retail, anche perché il taglio minimo parte da 100.000 euro.
  • tasso fisso e variabile. Nel primo caso il tasso d’interesse rimane appunto fisso per tutta la durata dell’obbligazione. Le obbligazioni a tasso variabile vedono invece fluttuare il rendimento in base alla condizione dei tassi d’interesse di mercato.
  • strutturate, composte da un’obbligazione a tasso fisso o variabile e un contratto derivato. La remunerazione non sarà legata solo all’andamento del titolo di debito ma anche dal contratto sottostante.
  • subordinate, che possono vantare in caso di fallimento dell’emittente, di una remunerazione solo dopo la liquidazione agli obbligazionisti ordinari. Ovviamente il rendimento va di pari passo con il rischio, perciò questi titoli pagano cedole decisamente più alte.
  • convertibili, il cui creditore può decidere, dopo un certo lasso di tempo, di convertire le sue obbligazioni in azioni della società.

Quali sono i rischi delle obbligazioni?

Nonostante le obbligazioni vengano spesso dipinte come “safe asset”, non sono esenti da rischi di mercato.

Vengono infatti classificate con un rating qualitativo, da quelle più sicure dette “investment grade“ (solitamente titoli di stato di economie avanzate e solide, oppure di grandi società che negli anni hanno mostrato solidità finanziaria) fino a quelle più speculative, chiamate “high yield” (emessi da stati in difficoltà economica o società con scarsa solidità finanziaria).

Come detto in precedenza, maggior rischio significa rendimento più elevato; le obbligazioni high yield hanno infatti un tasso d’interesse maggiore rispetto a quelle investment grade, proprio perché il soggetto emittente è considerato rischioso a livello creditizio.

Il 1° rischio è quindi quello di non ricevere la remunerazione del capitale investito.

Il 2° rischio è quello della volatilità dei tassi d’interesse dell’obbligazione. 

Detenendo titoli con rendimenti variabili, il processo di aumento o taglio dei tassi da parte delle banche centrali interverrà su domanda e offerta dei bond, facendo quindi oscillare valore e rendimento dell’attività finanziaria.

Un aumento dei tassi farà sì che sul mercato si possano trovare obbligazioni più vantaggiose di quella in nostro possesso con la conseguenza che per venderla dovremo accontentarci di un prezzo minore. 

Ovviamente se i tassi dovessero scendere vale il concetto opposto.

Titoli di Stato

I Titoli di Stato o obbligazioni governative sono titoli di debito emessi da un ente pubblico o governo di un Paese per finanziare la spesa pubblica.

L’investitore presta quindi il suo capitale allo Stato, che dovrà impegnarsi a pagare regolarmente le cedole e restituire la somma di denaro alla scadenza dell’obbligazione.

Esistono diverse tipologie di bond governative, spesso contraddistinte da differenze di durata, dal mese ai 30 anni; maggiore è la maturità, più alto è iul rendimento.

Proprio come le azioni gli investitori possono decidere di vendere sul mercato il titolo ad altri investitori.

Le obbligazioni governative sono spesso considerate prive di rischio perché lo Stato ha possibilità di stampa di moneta per ripagare i debiti.

Tuttavia, i rischi ci sono e possono essere diversi come quello di un debito pubblico insostenibile, dei tassi d’interesse e dell’inflazione.

Nel complesso, i rendimenti delle obbligazioni statali sono minori rispetto alle controparti societarie.

Obbligazioni societarie

I corporate bond sono titoli di debito emessi da società private, le quali per attirare capitali di finanziamento non ricorrono all’emissione di azioni ma piazzano sul mercato obbligazioni.

Funzionano in gran parte nello stesso modo delle obbligazioni statali, ma si differenziano per durata e rendimento.

Le differenze da considerare sono anche i livelli di liquidità che contraddistinguono questi due tipi di obbligazioni, oltre che il taglio minimo; mentre i bond governativi richiedono solitamente un investimento minimo di 1000 euro, per quelle societarie si parte da 50.000 euro. 

Sono quindi spesso relegate a investitori con grande liquidità.

Non da meno è l’aspetto fiscale. 

In Italia la pressione fiscale sui corporate bond è del 26%, come qualsiasi altro asset finanziario. Per le obbligazioni governative italiane la % scende al 12.5%.

MARCO CASARIO

Gli italiani sono tra i popoli più ignoranti in ambito finanziario.

Non per scelta ma perché nessuno lo ha mai insegnato. Il mio scopo è quello di educare ed informare le persone in ambito economico e finanziario. Perché se non ti preoccupi dell'economia e della finanza, loro si occuperanno di te.

Corsi Gratuiti

Diventare un Trader e un Investitore

© Copyright 2022 - The 10Min Trader BV - KVK: 72735481 - VAT ID: NL854377591B01

Il contenuto di questo sito è solo a scopo informativo, non devi interpretare tali informazioni o altro materiale come consigli legali, fiscali, di investimento, finanziari o di altro tipo. Nulla di quanto contenuto nel nostro sito costituisce una sollecitazione, una raccomandazione, un'approvazione o un'offerta da parte di The 10Min Trader BV  per acquistare o vendere titoli o altri strumenti finanziari in questa o in qualsiasi altra giurisdizione in cui tale sollecitazione o offerta sarebbe illegale ai sensi delle leggi sui titoli di tale giurisdizione.

Tutti i contenuti di questo sito sono informazioni di natura generale e non riguardano le circostanze di un particolare individuo o entità. Nulla di quanto contenuto nel sito costituisce una consulenza professionale e/o finanziaria, né alcuna informazione sul sito costituisce una dichiarazione esaustiva o completa delle questioni discusse o della legge ad esse relativa. The 10Min Trader BV non è un fiduciario in virtù dell'uso o dell'accesso al Sito o al Contenuto da parte di qualsiasi persona. Solo tu ti assumi la responsabilità di valutare i meriti e i rischi associati all'uso di qualsiasi informazione o altro Contenuto del Sito prima di prendere qualsiasi decisione basata su tali informazioni o altri Contenuti. In cambio dell'utilizzo del Sito, accetti di non ritenere The 10Min Trader BV, i suoi affiliati o qualsiasi terzo fornitore di servizi responsabile di eventuali richieste di risarcimento danni derivanti da qualsiasi decisione presa sulla base di informazioni o altri Contenuti messi a tua disposizione attraverso il Sito.

RISCHI DI INVESTIMENTO

Ci sono rischi associati all'investimento in titoli. Investire in azioni, obbligazioni, exchange traded funds, fondi comuni e fondi del mercato monetario comporta il rischio di perdita.  La perdita del capitale è possibile. Alcuni investimenti ad alto rischio possono utilizzare la leva finanziaria, che accentuerà i guadagni e le perdite. Gli investimenti esteri comportano rischi speciali, tra cui una maggiore volatilità e rischi politici, economici e valutari e differenze nei metodi contabili.  La performance passata di un titolo o di un'azienda non è una garanzia o una previsione della performance futura dell'investimento.La totalità dei contenuti presenti nel sito internet è tutelata dal diritto d’autore. Senza previo consenso scritto da parte nostra non è pertanto consentito riprodurre (anche parzialmente), trasmettere (né per via elettronica né in altro modo), modificare, stabilire link o utilizzare il sito internet per qualsivoglia finalità pubblica o commerciale.Qualsiasi controversia riguardante l’utilizzo del sito internet è soggetta al diritto svizzero, che disciplina in maniera esclusiva l’interpretazione, l’applicazione e gli effetti di tutte le condizioni sopra elencate. Il foro di Bellinzona è esclusivamente competente in merito a qualsiasi disputa o contestazione che dovesse sorgere in merito al presente sito internet e al suo utilizzo.
Accedendo e continuando nella lettura dei contenuti di questo sito Web dichiari di aver letto, compreso e accettato le sopracitate informazioni legali.