Fare trading con gli indicatori: perché perdi soldi?

Gli indicatori tecnici sono in ritardo rispetto al mercato e non riescono di certo a prevedere il futuro.
Molti trader pensano che trovando la giusta combinazione di indicatori potranno diventare profittevoli. Alla fine però, dopo vari tentativi, si ritrovano a perdere soldi. Partiamo da cosa sono gli indicatori fino ad arrivare al perché fare trading con gli indicatori non ti rende profittevole.

Cosa sono gli indicatori di trading?

Gli indicatori sono un derivato del prezzo. Ti indicano semplicemente cosa è successo nel passato e non cosa accadrà.

Non importa se tutti e tre gli indicatori che stai usando puntano nella stessa direzione. Se ti affidi esclusivamente agli indicatori di trading per prendere le tue decisioni non riuscirai ad essere profittevole.
Gli indicatori possono tuttavia aiutare il tuo processo decisionale.

Gli oscillatori

Gli indicatori più usati dai trader retail sono gli oscillatori. Tra i più famosi ci sono il Relative Strenght Index e lo Stocastico. I valori di questi indicatori vengono calcolati utilizzando formule matematiche simili, il che spiega perché spesso tendono a muoversi nella stessa direzione.

Un errore comune è quello di prendere come un segnale forte quello confermato da più indicatori della stessa categoria.

Ci sono trader redditizi che sanno come utilizzare indicatori diversi per condizioni di mercato diverse.

Come usare gli indicatori nel modo corretto?

Potresti iniziare a classificare gli indicatori di trading in base al loro scopo. Ma qual è lo scopo degli indicatori di trading? Gli indicatori possono servirti per filtrare le condizioni di mercato, identificare delle aree di reazione, scegliere il momento per entrare e gestire le tue operazioni.

Filtrare le condizioni di mercato

Tutte le strategie di trading possono funzionare a volte. Ma nessuna strategia di trading può funzionare sempre. Pertanto, devi conoscere le condizioni di mercato in cui la tua strategia può rendere ed evitare quelle in cui avrà prestazioni inferiori.

Identificare le aree di reazione

Le aree di reazione sono livelli in cui potrebbe verificarsi una potenziale pressione di acquisto o vendita. Ad esempio, i trader di price action utilizzano supporti e resistenze, trendline e canali per definire delle aree di reazione. Per questo scopo si possono utilizzare anche indicatori come l’RSI e le medie mobili.

L’RSI è un indicatore di momentum che misura l’entità delle variazioni di prezzo per valutare condizioni di ipercomprato o ipervenduto di un sottostante. Questo indicatore può tornare utile quando crea delle divergenze con il prezzo. Se ad esempio l’RSI fa un minimo superiore mentre il prezzo fa un minimo più basso ciò può indicare che il momentum sta passando a bullish.

trading con gli indicatori
Divergenza tra RSI e il prezzo

Per i mercati tendenti al “mean reversion” vengono usate le medie mobili. Una media mobile semplice viene calcolata facendo la media aritmetica di un determinato insieme di prezzi per un tot. di giorni del passato. Spesso il prezzo tende a reagire in prossimità delle medie mobili come quella a 50 o a 200 periodi.

trading con gli indicatori
Le medie mobili a 50 e 200 periodi vengono spesso sentite dal prezzo

Scegliere il momento per entrare

Un set-up di trading e il trigger di ingresso sono due cose diverse. Prima di avere un segnale di ingresso devi avere un set-up di trading valido. Molti trader usano lo Stocastico per il timing di ingresso. Quando il suo valore supera i 30, lo Stocastico ti dice che sta arrivando uno slancio rialzista. Se incrocia al di sotto di 70, sta subentrando uno slancio ribassista e può fungere da trigger di ingresso per un ribasso.

trading con gli indicatori
L’indicatore stocastico per segnali di ipercomprato e ipervenduto

Affidare l’ingresso a mercato a un’indicatore come lo Stocastico può essere controproducente.

Gestire il trade

La gestione del trade è uno degli aspetti più importanti nel trading. Puoi avere il miglior set up del mondo ma con una cattiva gestione del trade, finirai comunque con un trade in perdita.

Alcuni indicatori, come l’Average True Range, possono tornare utili nella gestione di un trade. L’ATR può essere usato per impostare un corretto stop loss.

Il ​​tuo stop loss non può essere troppo stretto altrimenti verrai stoppato dalle fluttuazioni del mercato. Con l’ATR riesci a dare il giusto buffer al tuo trade calcolando lo stop loss in base alla volatilità realizzata.

trading con gli indicatori
L’ATR può tornarti utile per impostare un corretto stop loss

Perchè fare trading con gli indicatori non ti rende profittevole?

Fare affidamento su una serie casuale di indicatori in ritardo ignorando completamente il grafico è un atteggiamento perdente. Questo approccio però viene usato dalla maggior parte dei trader che sperano di trovare prima o poi una combinazione magica di indicatori che li faccia guadagnare.

Come sappiamo la maggior parte dei trader perde soldi sui mercati. Fare trading con gli indicatori ti fa perdere soldi perché le strategie dipenderanno sempre dalle condizioni di mercato. Se una strategia nasce per funzionare in un mercato in tendenza, probabilmente non funzionerà quando il mercato è in fase di consolidamento.

Un altro limite dei sistemi di trading costruiti attorno agli indicatori è che individuare i problemi è una battaglia infinita. Molti trader sono alla continua ricerca di nuovi indicatori e nuove strategie. Dato il numero infinito di combinazioni di indicatori disponibili, non c’è da stupirsi che così tanti non trovino mai quello che stanno cercando.

In conclusione

Gli indicatori di trading non sono necessariamente negativi. Il problema è che molti trader ne abusano. Aggiungono quattro o cinque indicatori al loro grafico, osservano i crossover o le condizioni di ipervenduto e ipercomprato e decidono di entrare. Spesso non sanno nemmeno cosa stanno comprando o vendendo. Sei sicuro di voler fare affidamento solo ed esclusivamente sugli indicatori?

MARCO CASARIO

Gli italiani sono tra i popoli più ignoranti in ambito finanziario.

Non per scelta ma perché nessuno lo ha mai insegnato. Il mio scopo è quello di educare ed informare le persone in ambito economico e finanziario. Perché se non ti preoccupi dell'economia e della finanza, loro si occuperanno di te.

Corsi Gratuiti

Diventare un Trader e un Investitore

© Copyright 2022 - The 10Min Trader BV - KVK: 72735481 - VAT ID: NL854377591B01

Il contenuto di questo sito è solo a scopo informativo, non devi interpretare tali informazioni o altro materiale come consigli legali, fiscali, di investimento, finanziari o di altro tipo. Nulla di quanto contenuto nel nostro sito costituisce una sollecitazione, una raccomandazione, un'approvazione o un'offerta da parte di The 10Min Trader BV  per acquistare o vendere titoli o altri strumenti finanziari in questa o in qualsiasi altra giurisdizione in cui tale sollecitazione o offerta sarebbe illegale ai sensi delle leggi sui titoli di tale giurisdizione.

Tutti i contenuti di questo sito sono informazioni di natura generale e non riguardano le circostanze di un particolare individuo o entità. Nulla di quanto contenuto nel sito costituisce una consulenza professionale e/o finanziaria, né alcuna informazione sul sito costituisce una dichiarazione esaustiva o completa delle questioni discusse o della legge ad esse relativa. The 10Min Trader BV non è un fiduciario in virtù dell'uso o dell'accesso al Sito o al Contenuto da parte di qualsiasi persona. Solo tu ti assumi la responsabilità di valutare i meriti e i rischi associati all'uso di qualsiasi informazione o altro Contenuto del Sito prima di prendere qualsiasi decisione basata su tali informazioni o altri Contenuti. In cambio dell'utilizzo del Sito, accetti di non ritenere The 10Min Trader BV, i suoi affiliati o qualsiasi terzo fornitore di servizi responsabile di eventuali richieste di risarcimento danni derivanti da qualsiasi decisione presa sulla base di informazioni o altri Contenuti messi a tua disposizione attraverso il Sito.

RISCHI DI INVESTIMENTO

Ci sono rischi associati all'investimento in titoli. Investire in azioni, obbligazioni, exchange traded funds, fondi comuni e fondi del mercato monetario comporta il rischio di perdita.  La perdita del capitale è possibile. Alcuni investimenti ad alto rischio possono utilizzare la leva finanziaria, che accentuerà i guadagni e le perdite. Gli investimenti esteri comportano rischi speciali, tra cui una maggiore volatilità e rischi politici, economici e valutari e differenze nei metodi contabili.  La performance passata di un titolo o di un'azienda non è una garanzia o una previsione della performance futura dell'investimento.La totalità dei contenuti presenti nel sito internet è tutelata dal diritto d’autore. Senza previo consenso scritto da parte nostra non è pertanto consentito riprodurre (anche parzialmente), trasmettere (né per via elettronica né in altro modo), modificare, stabilire link o utilizzare il sito internet per qualsivoglia finalità pubblica o commerciale.Qualsiasi controversia riguardante l’utilizzo del sito internet è soggetta al diritto svizzero, che disciplina in maniera esclusiva l’interpretazione, l’applicazione e gli effetti di tutte le condizioni sopra elencate. Il foro di Bellinzona è esclusivamente competente in merito a qualsiasi disputa o contestazione che dovesse sorgere in merito al presente sito internet e al suo utilizzo.
Accedendo e continuando nella lettura dei contenuti di questo sito Web dichiari di aver letto, compreso e accettato le sopracitate informazioni legali.

Cookie Policy