Bitcoin sopra i 60.000 dollari: flussi record negli ETF Spot

Bitcoin ha superato i 60.000 dollari e si trova ora ad un passo dal suo massimo storico. I guadagni della criptovaluta più grande del mondo hanno alimentato un ampio rally delle crypto. Cosa c’è dietro all’ultima “mania digitale”? Inizierei col dire che adesso è chiaro

Scopri

Apple abbandona l’auto elettrica: una scelta saggia?

Martedì è arrivata una notizia bomba da parte di Apple: il progetto multimiliardario Project Titan verrà abbandonato. Apple ha annullato lo sforzo decennale per costruire la sua auto elettrica, allontanandosi da uno dei progetti più ambiziosi nella sua storia. La decisione rivelata internamente ha sorpreso

Scopri

Ecco come Wall Street sta usando l’intelligenza artificiale

L’interesse per l’intelligenza artificiale si è diffuso anche a Wall Street. Le grandi banche non vogliono rimanere indietro nella corsa all’IA: circa il 40% di tutte le posizioni lavorative aperte riguardano ruoli legati all’intelligenza artificiale. JPMorgan è in prima linea. La più grande banca statunitense

Scopri

Tutto quello che devi sapere sulla vendita allo scoperto

Investire nel mercato azionario in genere consiste nell’acquistare a prezzi bassi e vendere a prezzi più alti. Tuttavia, esiste un altro metodo utilizzato da alcuni investitori: la vendita allo scoperto o short selling. Questa strategia, che è sostanzialmente opposta alla strategia tradizionale del “buy low, sell high”, mira a trarre profitto da un calo del prezzo di un titolo. La vendita allo scoperto presenta complessità che devono essere analizzate per comprenderne meglio i meccanismi, i rischi e i potenziali benefici.

Cos’è la vendita allo scoperto?

La vendita allo scoperto è una strategia di trading in cui un investitore prende in prestito azioni da un broker e le vende sul mercato aperto. L’aspettativa del venditore allo scoperto è che il prezzo del titolo scenda. Se tutto va come previsto, l’investitore acquisterà le azioni a un prezzo inferiore e le restituirà al broker intascando la differenza.

Supponiamo che un investitore venda allo scoperto 100 azioni della società X a 50 $ per azione. Il valore totale di queste azioni è di 5.000 $. Successivamente, il prezzo scende a 40 $ per azione. L’investitore riacquista quindi le 100 azioni a questo prezzo. Ciò gli costa 4.000 $. Dopo aver restituito le azioni al broker, l’investitore ha realizzato un profitto di $ 1.000, meno eventuali commissioni o interessi.

La vendita allo scoperto è il modo più diretto per trarre vantaggio dai cali dei prezzi delle azioni. I venditori possono riportare l’equilibrio quando un titolo è sopravvalutato, iniettando una dose di scetticismo e realismo e potenzialmente prevenendo le bolle speculative.

Gli investitori la utilizzano anche come copertura per compensare potenziali perdite nelle loro posizioni long. Infine, le vendite allo scoperto possono essere un modo per diversificare le strategie all’interno di un portafoglio, soprattutto nei mercati ribassisti.

Cosa serve per vendere allo scoperto?

Per vendere allo scoperto, un investitore in genere ha bisogno di un conto a margine. Questo tipo di conto consente di prendere in prestito denaro o azioni contro il valore delle attività nel conto. Una volta che un investitore decide di vendere allo scoperto un titolo, l’intermediario procurerà le azioni da prestare all’investitore. Queste provengono spesso dai portafogli di altri clienti.

Prima di avviare una vendita allo scoperto, l’investitore deve soddisfare determinati requisiti di margine stabiliti dal broker e dalle autorità di regolamentazione come la Financial Industry Regulatory Authority (FINRA). Ad esempio, il requisito di margine iniziale potrebbe essere il 50% del valore della vendita allo scoperto. Oltre al margine iniziale esiste anche il margine di mantenimento, ovvero il saldo minimo del conto per mantenere aperta la posizione. Se il saldo del conto scende al di sotto di questo livello, l’investitore dovrà affrontare una margin call: se non aggiungerà dei fondi, il broker chiuderà le sue posizioni.

I rischi della vendita allo scoperto

Sebbene la prospettiva di trarre profitto dal calo dei prezzi delle azioni possa sembrare allettante, la vendita allo scoperto presenta dei rischi significativi:

  • Potenziale di perdita illimitato: a differenza degli investimenti tradizionali, in cui la perdita massima corrisponde all’importo investito, la vendita allo scoperto espone gli investitori a perdite potenzialmente infinite. Se il prezzo delle azioni sale, le perdite possono continuare ad accumularsi, poiché non esiste un limite massimo al valore che un titolo può raggiungere.
  • Rischio di buy-in: se molti investitori vendono allo scoperto un titolo e il suo prezzo inizia a salire, i broker potrebbero avere difficoltà a trovare azioni da prestare. In tali casi, potrebbero costringere i venditori allo scoperto a riacquistare le azioni e chiudere le loro posizioni, possibilmente in momenti inopportuni.
  • Pagamenti dei dividendi: se le azioni allo scoperto pagano dividendi, il venditore allo scoperto è responsabile del pagamento dell’importo del dividendo alla persona o entità da cui ha preso in prestito le azioni.
  • Interessi e commissioni: il prestito di azioni non è gratuito. Gli investitori spesso pagano le commissioni e gli interessi sul valore delle azioni prese in prestito.

Gli ETF inversi

Dal 2006, grazie agli ETF inversi, gli investitori hanno un’alternativa per esprimere una visione ribassista sul mercato. Gli ETF inversi sono un tipo di fondi negoziati in borsa progettati per avere una performance inversa rispetto all’indice o al benchmark che replicano. In sostanza, quando l’indice scende, il valore dell’ETF inverso sale e viceversa. Questi strumenti finanziari forniscono agli investitori un modo conveniente e accessibile per trarre vantaggio dal calo dei prezzi senza i rischi inerenti alle tradizionali vendite allo scoperto.

Uno dei principali vantaggi degli ETF inversi rispetto alle vendite allo scoperto è la facilità d’uso. Investire in un ETF inverso è semplice come acquistare un qualsiasi altro ETF o titolo. Questo processo è significativamente più semplice dei meccanismi della vendita allo scoperto, che comportano il prestito di azioni, il pagamento degli interessi e la gestione dei rischi aggiuntivi associati a perdite potenzialmente illimitate. Quando acquisti un ETF inverso, il massimo che puoi perdere è l’investimento iniziale.

Ultimo ma non meno importante, un altro vantaggio degli ETF inversi è la loro liquidità. Essendo scambiati come azioni, possono essere acquistati e venduti durante tutta la giornata di negoziazione ai prezzi di mercato. Questa liquidità offre agli investitori l’opportunità di entrare o uscire rapidamente da posizioni in risposta ai movimenti del mercato, cosa che può essere più impegnativa con le tradizionali vendite allo scoperto a causa della necessità di individuare e prendere in prestito azioni.

In conclusione

La vendita allo scoperto è una strategia complessa. Richiede una ricerca approfondita, una chiara comprensione dei rischi e un acuto senso delle dinamiche di mercato. Sebbene offrano l’opportunità di trarre profitto nei mercati in calo, le vendite allo scoperto possono avere dei rischi sostanziali. Gli investitori dovrebbero avvicinarsi alla strategia con cautela, assicurandosi di comprendere i meccanismi e i costi coinvolti.

MARCO CASARIO

Gli italiani sono tra i popoli più ignoranti in ambito finanziario.

Non per scelta ma perché nessuno lo ha mai insegnato. Il mio scopo è quello di educare ed informare le persone in ambito economico e finanziario. Perché se non ti preoccupi dell'economia e della finanza, loro si occuperanno di te.

Corsi Gratuiti

Diventare un Trader e un Investitore

© Copyright 2022 - The 10Min Trader BV - KVK: 72735481 - VAT ID: NL854377591B01

Il contenuto di questo sito è solo a scopo informativo, non devi interpretare tali informazioni o altro materiale come consigli legali, fiscali, di investimento, finanziari o di altro tipo. Nulla di quanto contenuto nel nostro sito costituisce una sollecitazione, una raccomandazione, un'approvazione o un'offerta da parte di The 10Min Trader BV  per acquistare o vendere titoli o altri strumenti finanziari in questa o in qualsiasi altra giurisdizione in cui tale sollecitazione o offerta sarebbe illegale ai sensi delle leggi sui titoli di tale giurisdizione.

Tutti i contenuti di questo sito sono informazioni di natura generale e non riguardano le circostanze di un particolare individuo o entità. Nulla di quanto contenuto nel sito costituisce una consulenza professionale e/o finanziaria, né alcuna informazione sul sito costituisce una dichiarazione esaustiva o completa delle questioni discusse o della legge ad esse relativa. The 10Min Trader BV non è un fiduciario in virtù dell'uso o dell'accesso al Sito o al Contenuto da parte di qualsiasi persona. Solo tu ti assumi la responsabilità di valutare i meriti e i rischi associati all'uso di qualsiasi informazione o altro Contenuto del Sito prima di prendere qualsiasi decisione basata su tali informazioni o altri Contenuti. In cambio dell'utilizzo del Sito, accetti di non ritenere The 10Min Trader BV, i suoi affiliati o qualsiasi terzo fornitore di servizi responsabile di eventuali richieste di risarcimento danni derivanti da qualsiasi decisione presa sulla base di informazioni o altri Contenuti messi a tua disposizione attraverso il Sito.

RISCHI DI INVESTIMENTO

Ci sono rischi associati all'investimento in titoli. Investire in azioni, obbligazioni, exchange traded funds, fondi comuni e fondi del mercato monetario comporta il rischio di perdita.  La perdita del capitale è possibile. Alcuni investimenti ad alto rischio possono utilizzare la leva finanziaria, che accentuerà i guadagni e le perdite. Gli investimenti esteri comportano rischi speciali, tra cui una maggiore volatilità e rischi politici, economici e valutari e differenze nei metodi contabili.  La performance passata di un titolo o di un'azienda non è una garanzia o una previsione della performance futura dell'investimento.La totalità dei contenuti presenti nel sito internet è tutelata dal diritto d’autore. Senza previo consenso scritto da parte nostra non è pertanto consentito riprodurre (anche parzialmente), trasmettere (né per via elettronica né in altro modo), modificare, stabilire link o utilizzare il sito internet per qualsivoglia finalità pubblica o commerciale.Qualsiasi controversia riguardante l’utilizzo del sito internet è soggetta al diritto svizzero, che disciplina in maniera esclusiva l’interpretazione, l’applicazione e gli effetti di tutte le condizioni sopra elencate. Il foro di Bellinzona è esclusivamente competente in merito a qualsiasi disputa o contestazione che dovesse sorgere in merito al presente sito internet e al suo utilizzo.
Accedendo e continuando nella lettura dei contenuti di questo sito Web dichiari di aver letto, compreso e accettato le sopracitate informazioni legali.