Investire nel Nucleare: Il Futuro dell’Energia per Data Center e IA

Negli ultimi anni, abbiamo assistito a un aumento vertiginoso del consumo di elettricità, spinto dall’espansione dei data center, delle criptovalute e delle tecnologie di intelligenza artificiale (IA). Immagina un futuro dove la richiesta di energia continua a crescere a un ritmo senza precedenti, e dove

Scopri

Investimenti in AI: Opportunità d’Oro o Trappola Finanziaria?

Negli ultimi anni, l’intelligenza artificiale (AI) ha vissuto una crescita esponenziale, sia in termini di sviluppo tecnologico che di investimenti, offrendo opportunità senza precedenti ma anche significativi rischi. In questo articolo, esploreremo le tendenze attuali, le applicazioni più promettenti e le preoccupazioni degli investitori, fornendo

Scopri

Powell Mette in Guardia sui Rischi del Mercato del Lavoro

Il presidente della Federal Reserve, Jerome Powell, ha recentemente lanciato un avvertimento sui rischi del mercato del lavoro, sottolineando che l’inflazione non è l’unico pericolo per l’economia. Durante le sue dichiarazioni al Congresso, Powell ha evidenziato come il raffreddamento del mercato del lavoro e l’incertezza

Scopri

L’Impatto del Fallimento di Mt. Gox sul Prezzo di Bitcoin

Negli ultimi giorni, Bitcoin ha subito una flessione, alimentata dai timori di possibili vendite da parte dei creditori dell’exchange fallito Mt. Gox. Questo ha generato dubbi sulla tenuta del mercato rialzista delle criptovalute iniziato l’anno scorso. Ma cosa sta succedendo esattamente e perché il fallimento

Scopri

Uranio: Il COLPO di Stato in Niger e l’Aumento dei Prezzi

Fra il 26 e il 27 luglio, in Niger si è verificato un colpo di stato durante il quale il presidente in carica, Mohammed Bazoum, è stato destituito da un gruppo di militari locali. Questi militari hanno preso il controllo della residenza del politico, imprigionando lui, sua moglie e i loro figli. Questo avvenimento ha attirato l’attenzione dei media di tutto il mondo. Ma perché tanto clamore per il Niger, quando negli ultimi due anni stati confinanti come Mali, Burkina Faso e Guinea hanno subito una serie di colpi di stato che hanno ricevuto meno copertura mediatica? La risposta è semplice : l’uranio.

L’Importanza dell’Uranio Nigerino

Il Niger è un’ex colonia francese, è uno dei principali produttori mondiali di uranio, il combustibile utilizzato nelle centrali nucleari per generare energia. Questo minerale è fondamentale per la produzione di miliardi di kilowattora di elettricità, gran parte dei quali viene esportata in Europa (circa il 25%). Attualmente, il Niger si colloca al quinto posto nella produzione globale di uranio, con una produzione annuale di circa 3.000 tonnellate, preceduto solo da Kazakhstan, Canada, Australia e Namibia. In pratica, gran parte dell’uranio utilizzato in tutto il mondo proviene dall’Africa, principalmente dal Niger e dalla Namibia. Questo minerale è essenziale per alimentare le centrali nucleari di molte nazioni, tra cui Stati Uniti, Cina, India, Russia, Francia e molte altre.

Influenza RUSSA in Niger

Durante il colpo di stato nella capitale del Niger, Niamey, è stata esposta la bandiera russa, segnalando chiaramente l’incremento dell’influenza russa nella regione. Il colpo di stato del Niger non è un evento singolare ma in realtà è una narrazione più ampia in questo momento e un respingimento contro il neocolonialismo occidentale. Anche se il Cremlino sembra non essere direttamente coinvolto nel colpo di stato, la sua macchina propagandistica ha alimentato un crescente sentimento anti-francese e anti-americano in tutta l’area del Sahel, la regione sub-sahariana appena a sud del Sahara.  Secondo alcune testate giornalistiche infatti il governo nigerino ha persino firmato un contratto con il gruppo russo Wagner per la sicurezza. Potrebbe essere l’inizio di qualcosa di più grosso.

Un Diffuso Risentimento Nei Confronti del Colonialismo Occidentale

Mentre il Niger si ribella all’influenza francese e statunitense, altre nazioni africane come il Senegal stanno seguendo l’esempio, protestando contro i governi coloniali occidentali. 

Basti pensare agli anni di sfruttamento delle risorse dell’area da parte di aziende transnazionali, a partire dall’olio di palma per la Royal Niger Company nel XVII secolo e continuando fino ai giorni nostri  con l’industria petrolifera, che hanno avuto un terribile effetto sull’ambiente e sulle comunità di pescatori e agricoltori del delta. 

Per troppo tempo, grandi potenze come Francia e Stati Uniti hanno sfruttato le ricchezze minerarie di queste nazioni africane, tra cui l’uranio, senza considerare le necessità e i diritti di queste comunità sovrane. Ma ora questi paesi stanno dicendo “basta”. Stanno esigendo il rispetto della loro sovranità e la possibilità di prendere decisioni autonome sulle loro risorse.

Il Sostegno Russo e la Cooperazione Economica

In questo contesto, la Russia ha offerto il suo sostegno. Nel recente vertice africano a San Pietroburgo, il presidente Vladimir Putin ha ribadito il suo impegno a rispettare la sovranità di questi paesi e ha addirittura annunciato la cancellazione di miliardi di dollari di debito. Inoltre, Putin ha annunciato che la Russia continuerà a essere un affidabile fornitore di grano per i paesi africani, un gesto che rafforza la cooperazione economica e contribuisce a garantire la sicurezza alimentare nella regione. La Russia inoltre ha firmato accordi di cooperazione militare con oltre 40 paesi.

La Crescente Influenza Cinese in NIGER

Non bisogna dimenticare neanche la significativa influenza della Cina all’interno del Niger. La Cina è stata da tempo coinvolta nel Niger, diventando il secondo maggior investitore straniero nel Paese africano, subito dopo la Francia. E di conseguenza il dragone non può non metter mano mano nella corsa all’uranio.

Il gigante asiatico sta lavorando per stabilire relazioni strette con i leader africani, offrendo una politica di non interferenza negli affari interni, rispetto per la sovranità e l’integrità territoriale delle nazioni africane. Questa prospettiva risulta attraente per molti governanti africani, creando opportunità di collaborazione tra la Cina e i paesi africani. 

Questo sviluppo, oltre a far lievitare i prezzi dell’uranio, potrebbe riaccendere le preoccupazioni riguardo la dipendenza energetica dell’Europa e dell’America da nazioni che potrebbero essere considerate ostili all’Occidente.

Fattori Chiave dietro l’Aumento dei Prezzi

Le continue tensioni geopolitiche hanno fatto sì che negli ultimi mesi, il mercato dell’uranio ha vissuto una vera e propria rinascita, con i prezzi che sono schizzati del 12% per toccare i 65,50 dollari a libbra, segnando il livello massimo degli ultimi 12 anni. Ma vediamo quali sono gli altri fattori che hanno contribuito alla crescita dei prezzi dell’uranio. 

Uranium price- Fonte Financial Times

Domanda in Crescita e Nuove Centrali Nucleari

La domanda di uranio sta aumentando, con la maggior parte dei nuovi reattori nucleari che verranno costruiti principalmente in Cina e India. Inoltre, l’espansione della vita operativa degli impianti esistenti in paesi come Canada, Francia e Russia sta contribuendo a un aumento previsto del 28% nella domanda di uranio entro il 2030. A differenza delle centrali a carbone o gas, i reattori nucleari comportano costi elevati nella fase di costruzione ma bassi costi operativi. Questo spinge le aziende di servizi pubblici a mantenerli in funzione in modo continuativo, indipendentemente dalle fluttuazioni cicliche dell’economia.

Accordi a Lungo Termine e Ruolo dei Servizi Pubblici

Ciò assicura una domanda costante di materiale nucleare e fornisce una certa prevedibilità nella gestione delle centrali. Di conseguenza, le utility stanno accelerando i loro acquisti nell’ambito di accordi a lungo termine, che sono sulla buona strada per superare il massimo decennale dello scorso anno. In particolare, l’aumento dei contratti da parte dei servizi di pubblica utilità, rispetto agli enti finanziari, è stato il principale motore dell’aumento del prezzo dell’uranio da inizio anno.

La Crescente Importanza dell’Estrazione di Uranio

L’industria sta riconoscendo la necessità di una maggiore estrazione di uranio, alimentata dai governi di tutto il mondo che cercano di ottenere l’indipendenza energetica. Mi vengono in mente alcuni esempi di come molti paesi si stanno muovendo verso il nucleare.

Il Nuovo Futuro Nucleare: Progetti in Corso

La Finlandia ha avviato la produzione regolare di elettricità nel più grande reattore nucleare d’Europa, come parte del suo impegno verso l’energia nucleare, idroelettrica ed eolica, che è fondamentale per raggiungere la neutralità delle emissioni di carbonio e gli obiettivi ambientali del paese. Nonostante l’opposizione iniziale dopo il disastro di Fukushima, il Giappone sta gradualmente riavviando i suoi reattori nucleari. Attualmente, un terzo dei reattori funzionanti è stato riattivato, e sono in corso approvazioni per riavviare altri 16 reattori. Negli Stati Uniti è entrato in funzione il primo nuovo reattore nucleare. Anche paesi tradizionalmente antinucleari come la Svezia, hanno rivelato l’intenzione di revocare il divieto di estrazione dell’uranio e di amplificare sostanzialmente la propria produzione nucleare.

Un Mercato Precario: Scarsità di Offerta e Geopolitica

L’offerta primaria delle miniere di uranio è notevolmente inferiore alla domanda, con un deficit di previsto di circa 1,5 miliardi di sterline entro il 2040. Questo a causa della mancanza di investimenti in nuova produzione e dei rischi di trasporto derivanti dalle incertezze geopolitiche e dal monopolio degli enti statali. La guerra in Russia ha causato blocchi nelle rotte di esportazione cruciali per le forniture di uranio provenienti dal Kazakistan, il principale fornitore mondiale di uranio. In combinazione con altri importanti produttori di uranio come il Kazakistan e l’Uzbekistan, questa situazione porterebbe a oltre il 60% della fornitura globale di uranio sotto il controllo della Russia e dei suoi alleati.  

Principali produttori di uranio – Fonte Bloomberg

Uranio: Prospettive dei Prezzi e Futuro

C’è stato uno squilibrio tra domanda e offerta per qualche tempo, e ora esacerbato dalla geopolitica. La catena di approvvigionamento del combustibile nucleare è stata scossa dalla guerra della Russia in Ucraina. Questo poiché la nazione aggressore svolge un ruolo vitale nella conversione e nell’arricchimento dell’uranio.

Problemi Logistici e Riduzione delle Forniture

Problemi logistici stanno facendo sì che Kazatomprom, il principale fornitore kazako, spedisca meno uranio del previsto (normalmente passa attraverso la Russia). Cameco, il secondo più grande produttore di uranio, ha annunciato previsioni di produzione inferiori per l’intero anno, principalmente a causa di sfide nella sua miniera di Cigar Lake e nello stabilimento di Key Lake in Canada. La società ha anche indicato che potrebbe acquistare uranio dal mercato per adempiere ai suoi obblighi contrattuali con i clienti. 

Il Ruolo dei Fondi Negoziati in Borsa

Le grandi prospettive dell’uranio non sono sfuggite ai mercati finanziari. Recentemente, sono stati introdotti diversi fondi negoziati in borsa con l’obiettivo di trarre profitto da questa tendenza. I due più grandi di questi fondi, lo Sprott Physical Uranium Trust e Yellow Cake, hanno accumulato un totale di 22.000 tonnellate di uranio nei due anni scorsi. Questo rappresenta più del 25% della domanda annuale. Questi fondi hanno una visione a lungo termine e non hanno fissato una data specifica o un obiettivo di prezzo per la vendita delle loro posizioni. Questo fenomeno potrebbe influenzare al rialzo i prezzi dell’uranio, in quanto l’accumulo di uranio da parte di tali fondi potrebbe ridurre l’offerta disponibile sul mercato, aumentando di conseguenza la domanda residua 

Previsioni e Sfide Future

Il mercato probabilmente rimarrà in deficit anche l’anno prossimo come è avvenuto nel 2018. Carenze vere e proprie nell’immediato rimangono improbabili, con le utility che conservano le scorte. I fondamentali di mercato rimangono positivi per il prezzo dell’uranio.

Questo sostegno politico all’energia nucleare è ora senza precedenti, mentre la sicurezza dell’approvvigionamento affronta la sua più grande minaccia dagli anni ’70. I minatori stanno lottando per raggiungere i loro obiettivi di incremento, e nel frattempo, il prezzo sta raggiungendo livelli mai visti prima. Se non si riuscirà ad attingere alle scorte e alla capacità inutilizzata di Canada e Kazakistan quando i prezzi sono alti, è molto probabile che il prezzo dell’uranio nei prossimi mesi continui a salire.

MARCO CASARIO

Gli italiani sono tra i popoli più ignoranti in ambito finanziario.

Non per scelta ma perché nessuno lo ha mai insegnato. Il mio scopo è quello di educare ed informare le persone in ambito economico e finanziario. Perché se non ti preoccupi dell'economia e della finanza, loro si occuperanno di te.

Corsi Gratuiti

Diventare un Trader e un Investitore

© Copyright 2022 - The 10Min Trader BV - KVK: 72735481 - VAT ID: NL854377591B01

Il contenuto di questo sito è solo a scopo informativo, non devi interpretare tali informazioni o altro materiale come consigli legali, fiscali, di investimento, finanziari o di altro tipo. Nulla di quanto contenuto nel nostro sito costituisce una sollecitazione, una raccomandazione, un'approvazione o un'offerta da parte di The 10Min Trader BV  per acquistare o vendere titoli o altri strumenti finanziari in questa o in qualsiasi altra giurisdizione in cui tale sollecitazione o offerta sarebbe illegale ai sensi delle leggi sui titoli di tale giurisdizione.

Tutti i contenuti di questo sito sono informazioni di natura generale e non riguardano le circostanze di un particolare individuo o entità. Nulla di quanto contenuto nel sito costituisce una consulenza professionale e/o finanziaria, né alcuna informazione sul sito costituisce una dichiarazione esaustiva o completa delle questioni discusse o della legge ad esse relativa. The 10Min Trader BV non è un fiduciario in virtù dell'uso o dell'accesso al Sito o al Contenuto da parte di qualsiasi persona. Solo tu ti assumi la responsabilità di valutare i meriti e i rischi associati all'uso di qualsiasi informazione o altro Contenuto del Sito prima di prendere qualsiasi decisione basata su tali informazioni o altri Contenuti. In cambio dell'utilizzo del Sito, accetti di non ritenere The 10Min Trader BV, i suoi affiliati o qualsiasi terzo fornitore di servizi responsabile di eventuali richieste di risarcimento danni derivanti da qualsiasi decisione presa sulla base di informazioni o altri Contenuti messi a tua disposizione attraverso il Sito.

RISCHI DI INVESTIMENTO

Ci sono rischi associati all'investimento in titoli. Investire in azioni, obbligazioni, exchange traded funds, fondi comuni e fondi del mercato monetario comporta il rischio di perdita.  La perdita del capitale è possibile. Alcuni investimenti ad alto rischio possono utilizzare la leva finanziaria, che accentuerà i guadagni e le perdite. Gli investimenti esteri comportano rischi speciali, tra cui una maggiore volatilità e rischi politici, economici e valutari e differenze nei metodi contabili.  La performance passata di un titolo o di un'azienda non è una garanzia o una previsione della performance futura dell'investimento.La totalità dei contenuti presenti nel sito internet è tutelata dal diritto d’autore. Senza previo consenso scritto da parte nostra non è pertanto consentito riprodurre (anche parzialmente), trasmettere (né per via elettronica né in altro modo), modificare, stabilire link o utilizzare il sito internet per qualsivoglia finalità pubblica o commerciale.Qualsiasi controversia riguardante l’utilizzo del sito internet è soggetta al diritto svizzero, che disciplina in maniera esclusiva l’interpretazione, l’applicazione e gli effetti di tutte le condizioni sopra elencate. Il foro di Bellinzona è esclusivamente competente in merito a qualsiasi disputa o contestazione che dovesse sorgere in merito al presente sito internet e al suo utilizzo.
Accedendo e continuando nella lettura dei contenuti di questo sito Web dichiari di aver letto, compreso e accettato le sopracitate informazioni legali.