4 Suggerimenti per Proteggerti da un Crollo del Mercato

In un panorama finanziario alimentato da forti utili e inflazione contenuta, l’indice S&P 500 è salito a nuovi record, attirando gli investitori in preda alla FOMO. Eppure, dietro la facciata si nasconde un avvertimento. L’incredibile aumento del 30% dell’indice nelle ultime 52 settimane deriva da

Scopri

Chi sono gli uomini più ricchi del mondo nel 2024?

Il 2024 sta continuando a vedere l’ascesa dei titani tecnologici, della vendita al dettaglio e del lusso, con un gruppo ristretto di individui che accumula fortune oltre ogni comprensione. La ricchezza complessiva dei 10 individui più ricchi del mondo ammonta a 1,44 bilioni di dollari.

Scopri

Il Glossario dell’Intelligenza Artificiale

Chatbot E’ un software finalizzato alla comunicazione in linguaggio naturale con esseri umani e con il fine di automatizzare particolari compiti o reperire informazioni da banche dati. Questi prodotti possono sostenere conversazioni con le persone su argomenti che vanno dalle curiosità storiche alle ricette alimentari.

Scopri

Bitcoin sopra i 60.000 dollari: flussi record negli ETF Spot

Bitcoin ha superato i 60.000 dollari e si trova ora ad un passo dal suo massimo storico. I guadagni della criptovaluta più grande del mondo hanno alimentato un ampio rally delle crypto. Cosa c’è dietro all’ultima “mania digitale”? Inizierei col dire che adesso è chiaro

Scopri

Come Risparmiare sul Mutuo dopo l’Aumento dei Tassi

Il mutuo è uno dei costi più onerosi per le famiglie che hanno deciso di comprare casa. L’aumento dei tassi d’interesse ha avuto delle conseguenze notevoli sulle rate dei mutui, che per molti sono diventate insostenibili. Esistono però diversi modi per risparmiare sul mutuo.

La rata di un mutuo viene ritenuta insostenibile quando supera il 35% dello stipendio, poiché richiede che il mutuatario utilizzi un terzo del suo reddito annuo per pagare le rate.

Mentre gli stipendi sono rimasti invariati, le rate dei mutui a tasso variabile sono aumentate. Per esempio, un prestito da 190 mila euro della durata di 25 anni ad agosto 2015 aveva un tasso dell’1,5% e una rata da 760 euro. Oggi la rata ammonta a 1.226 euro al mese poiché il tasso è aumentato al 5,2%.

Per far fronte a questa situazione il governo sta cercando di trovare un accordo con le banche per allungare la durata temporale del finanziamento aumentando il numero delle rate e abbassandone l’importo. Ciò avverrebbe ricalcolando l’ammortamento del mutuo oppure dando modo al titolare di non pagare l’importo della rata ma solamente gli interessi, rimandando il versamento dovuto.

Le opzioni per risparmiare sul mutuo:

I titolari di mutui a tasso variabile hanno diverse opzioni per risparmiare sulla rata del mutuo, tra cui:

  • rinegoziazione del mutuo: le banche devono offrire ai clienti la possibilità di rinegoziare il proprio mutuo a tasso variabile. Tale procedura è possibile per i mutui ipotecari non superiori a 200.000 euro e per i titolari con ISEE inferiore a 35.000 euro, e solo in caso di assenza di ritardi nei pagamenti delle rate. Tramite la rinegoziazione è possibile passare da un mutuo a tasso variabile a uno a tasso fisso. In questo modo la quota verrà calcolata in base all’Eurirs che ha una durata simile a quella residua dell’attuale mutuo.
  • surroga del mutuo: si tratta del trasferimento del finanziamento in corso da un istituto di credito ad un altro senza costi per il cliente e con il vantaggio per quest’ultimo di scegliere condizioni contrattuali più vantaggiose. In questo caso tutte le spese relative alla surroga sono a carico della nuova banca e l’importo del mutuo deve essere pari o inferiore al debito residuo al momento del trasferimento. In fase di nuovo contratto con il nuovo istituto di credito è possibile modificare la durata residua del mutuo e il tipo di tasso.
  • sospensione del mutuo: opzione disponibile fino a 18 mesi solo per gravi e documentati motivi di salute o di lavoro.

Nel caso della rinegoziazione, la banca è obbligata ad accettare la richiesta, mentre nel caso della surroga ad oggi le banche la concedono di rado.

Valutare i rischi delle diverse opzioni

Le diverse opzioni non sono a costo zero per le famiglie. Si deve valutare la convenienza in funzione delle caratteristiche originarie del mutuo (importo, durata, tipologia di tasso e di ammortamento).

L’allungamento delle rate comporta un maggior esborso in termini di interessi e può precludere a chi lo richiede di beneficiare di un eventuale calo dei tassi nel medio-lungo periodo.

Nei casi in cui una banca decide di proporre una soluzione di allungamento dei paini di rimborso del prestito è necessario fare attenzione anche alle regole in materia di default – modificate a partire dal 1° gennaio 2021 con la pubblicazione di un Regolamento dell’Unione europea e specifiche linee guida da parte delI’Eba.

Il rischio è che la modifica del piano di ammortamento per l’allungamento del prestito equivalga a un ritardo nel pagamento del debito. Se questo avviene, il debitore viene classificato in default con conseguenze per la banca (aumento dei crediti deteriorati e accantonamenti) e per la clientela (difficoltà di accesso a nuovo credito).

Altri modi per risparmiare sul mutuo

Esistono anche altri modi per risparmiare sul mutuo. Se si stanno pagando vari prestiti oltre al mutuo, è possibile chiedere ad un istituto di credito il consolidamento di tutti i debiti in modo da avere un’unica rata mensile. Ciò permette di risparmiare sugli interessi, soprattutto se il tasso applicato ai vari prestiti è elevato.

Prima di richiedere un mutuo, è opportuno definire i propri limiti esaminando la propria posizione finanziaria e lavorativa. In questo modo si riesce a capire l’importo massimo della rata che si è in grado di sostenere, tenendo conto delle altre spese fisse.

Meglio il mutuo o l’affitto?

Non solo i mutui, anche gli affitti sono aumentati a dismisura. L’incremento del canone di locazione è stato dell’11,3%.

Anche se si ritiene che il picco dei tassi verrà raggiunto a settembre, il successivo calo potrebbe avvenire molto lentamente. Questo inevitabilmente scoraggia dal comprare casa perché è difficile capire se si riuscirà a sostenere la rata mensile. Il tasso variabile è rischioso ma anche il tasso fisso comporta un certo rischio, con i tassi che tra alcuni anni potrebbero calare.

Per chi ha la possibilità di sostenere il 20-30% del costo di una nuova casa e spalmare il mutuo su un ampio numero di anni, la rata mensile potrebbe comunque essere inferiore a quanto si pagherebbe per un affitto in una grande città.

Con l’affitto la proprietà resterà chiaramente altrui ed i nostri soldi non avranno comportato un beneficio in termini di investimento. Inoltre, sul mutuo sono previste detrazioni sugli interessi passivi dall’Irpef per la sua intera durata mentre per l’affitto la detrazione è, solo in alcune circostanze, una tantum.

ARTICOLI CORRELATI:

Euribor vs Eurirs: un mutuo a tasso fisso è più conveniente del variabile

Conviene di più il mutuo a tasso fisso o variabile

BCE e FED aumentano i tassi, e i mutui a tasso variabile si alzano

Crollano i prestiti alle imprese in Italia. Meglio il credito al consumo

MARCO CASARIO

Gli italiani sono tra i popoli più ignoranti in ambito finanziario.

Non per scelta ma perché nessuno lo ha mai insegnato. Il mio scopo è quello di educare ed informare le persone in ambito economico e finanziario. Perché se non ti preoccupi dell'economia e della finanza, loro si occuperanno di te.

Corsi Gratuiti

Diventare un Trader e un Investitore

© Copyright 2022 - The 10Min Trader BV - KVK: 72735481 - VAT ID: NL854377591B01

Il contenuto di questo sito è solo a scopo informativo, non devi interpretare tali informazioni o altro materiale come consigli legali, fiscali, di investimento, finanziari o di altro tipo. Nulla di quanto contenuto nel nostro sito costituisce una sollecitazione, una raccomandazione, un'approvazione o un'offerta da parte di The 10Min Trader BV  per acquistare o vendere titoli o altri strumenti finanziari in questa o in qualsiasi altra giurisdizione in cui tale sollecitazione o offerta sarebbe illegale ai sensi delle leggi sui titoli di tale giurisdizione.

Tutti i contenuti di questo sito sono informazioni di natura generale e non riguardano le circostanze di un particolare individuo o entità. Nulla di quanto contenuto nel sito costituisce una consulenza professionale e/o finanziaria, né alcuna informazione sul sito costituisce una dichiarazione esaustiva o completa delle questioni discusse o della legge ad esse relativa. The 10Min Trader BV non è un fiduciario in virtù dell'uso o dell'accesso al Sito o al Contenuto da parte di qualsiasi persona. Solo tu ti assumi la responsabilità di valutare i meriti e i rischi associati all'uso di qualsiasi informazione o altro Contenuto del Sito prima di prendere qualsiasi decisione basata su tali informazioni o altri Contenuti. In cambio dell'utilizzo del Sito, accetti di non ritenere The 10Min Trader BV, i suoi affiliati o qualsiasi terzo fornitore di servizi responsabile di eventuali richieste di risarcimento danni derivanti da qualsiasi decisione presa sulla base di informazioni o altri Contenuti messi a tua disposizione attraverso il Sito.

RISCHI DI INVESTIMENTO

Ci sono rischi associati all'investimento in titoli. Investire in azioni, obbligazioni, exchange traded funds, fondi comuni e fondi del mercato monetario comporta il rischio di perdita.  La perdita del capitale è possibile. Alcuni investimenti ad alto rischio possono utilizzare la leva finanziaria, che accentuerà i guadagni e le perdite. Gli investimenti esteri comportano rischi speciali, tra cui una maggiore volatilità e rischi politici, economici e valutari e differenze nei metodi contabili.  La performance passata di un titolo o di un'azienda non è una garanzia o una previsione della performance futura dell'investimento.La totalità dei contenuti presenti nel sito internet è tutelata dal diritto d’autore. Senza previo consenso scritto da parte nostra non è pertanto consentito riprodurre (anche parzialmente), trasmettere (né per via elettronica né in altro modo), modificare, stabilire link o utilizzare il sito internet per qualsivoglia finalità pubblica o commerciale.Qualsiasi controversia riguardante l’utilizzo del sito internet è soggetta al diritto svizzero, che disciplina in maniera esclusiva l’interpretazione, l’applicazione e gli effetti di tutte le condizioni sopra elencate. Il foro di Bellinzona è esclusivamente competente in merito a qualsiasi disputa o contestazione che dovesse sorgere in merito al presente sito internet e al suo utilizzo.
Accedendo e continuando nella lettura dei contenuti di questo sito Web dichiari di aver letto, compreso e accettato le sopracitate informazioni legali.