Il Potere degli Investimenti in Dividendi in un’Economia Incerta

In un periodo di incertezze fiscali, monetarie e geopolitiche, gli investitori hanno bisogno di strategie difensive per proteggere e accrescere i propri capitali. Una tale strategia, spesso sottovalutata ma di fondamentale importanza, è l’investimento in azioni che pagano dividendi crescenti. Questo blog post esplora l’importanza

Scopri

Inflazione USA Persistente: Le Cause e le Prospettive Future

Il 2024 doveva segnare un punto di svolta per l’economia degli Stati Uniti, con una discesa dell’inflazione al tanto agognato target del 2%, un obiettivo che avrebbe permesso alla Federal Reserve di abbassare i tassi di interesse. Tuttavia, contrariamente a queste previsioni ottimistiche, l’inflazione USA

Scopri

Cosa può succedere al petrolio dopo l’attacco di Hamas a Israele?

Lunedì il petrolio è crollato, con i trader che hanno reagito agli scontri tra Hamas e Israele e valutato le possibil ripercussioni in tutta la regione. Dopo l’attacco del gruppo militante Hamas nel fine settimana, Israele ha affermato che la sua ritorsione era “solo iniziata”, annunciando la mobilitazione di oltre 300.000 riservisti dell’esercito mentre attaccava Gaza dal cielo e dal mare.

La prospettiva di una nuova instabilità in Medio Oriente ha aumentato la volatilità del petrolio. Sebbene il ruolo di Israele nella fornitura globale di petrolio sia limitato, il conflitto minaccia di coinvolgere sia gli Stati Uniti che l’Iran. Qualsiasi ritorsione contro Teheran, che sostiene Hamas, potrebbe mettere in pericolo il passaggio delle navi attraverso lo Stretto di Hormuz, un condotto vitale per il mercato globale del petrolio. Quest’anno la Repubblica islamica è diventata una delle principali fonti di greggio extra, alleviando un mercato in tensione. Ulteriori sanzioni americane su Teheran potrebbero limitare le spedizioni iraniane.

Nonostante i rischi di un’escalation, esiste comunque la possibilità che questa guerra alla fine si riveli irrilevante per il mercato petrolifero. Le turbolenze verificatesi nella regione negli ultimi tempi non sono state un catalizzatore per tendenze al rialzo di lungo termine e non si sono mai rivelate determinanti per l’offerta.

L’impatto del conflitto sul petrolio dipende in gran parte da ciò che Israele farà nei prossimi giorni, settimane e mesi. Il mercato petrolifero si concentrerà soprattutto su quanto il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu incolpi l’Iran per aver facilitato gli attacchi.

Le esportazioni iraniane hanno tenuto a bada il petrolio quest’anno

Il petrolio iraniano ha contribuito a moderare i prezzi del petrolio quest’anno, mentre i tagli dell’Arabia Saudita e della Russia hanno prosciugato le scorte al ritmo più veloce degli ultimi anni. Le spedizioni dall’Iran sono salite ai massimi degli ultimi cinque anni. Ciò è avvenuto con la benedizione di Washington mentre le due parti si sono impegnate in un tentativo diplomatico per ristabilire i limiti al programma nucleare di Teheran. La Repubblica islamica attualmente vende la maggior parte delle sue esportazioni di greggio alla Cina, a cui ha inviato 1,5 milioni di barili al giorno nel mese di agosto.

produzione petrolio Iran

Le possibili sanzioni su Teheran

Le ostilità potrebbero tradursi in una maggiore applicazione delle sanzioni iraniane, spingendo l’amministrazione Biden ad affrontare in modo più aggressivo i flussi di esportazione.

È difficile valutare quanto controllo gli Stati Uniti possano realmente esercitare. Da quando le sanzioni iraniane sono state reimposte nel 2018, le vendite ai clienti cinesi sono state sempre più effettuate in yuan ed eseguite dalle banche locali per aggirare le restrizioni occidentali. Il petrolio viene trasportato utilizzando una catena di approvvigionamento che le autorità statunitensi non possono facilmente controllare.

Qualsiasi diminuzione dei flussi di petrolio iraniano potrebbe aumentare la domanda di barili russi, un risultato indesiderabile per gli Stati Uniti e le altre nazioni del G7.

Se il conflitto influisse sull’offerta di petrolio aumentando i prezzi per un periodo prolungato, il governo degli Stati Uniti potrebbe rilasciare ulteriori barili dalla sua riserva petrolifera strategica. Ciò potrebbe frenare i movimenti del prezzo del petrolio a breve termine, ma lascerebbe comunque gli Stati Uniti con la necessità di ricostituire le proprie scorte in futuro.

L’importanza dello Stretto di Hormuz

Se il conflitto dovesse coinvolgere la Repubblica islamica, il governo potrebbe decidere di bloccare lo Stretto di Hormuz, come aveva già minacciato di fare quando sono state imposte le sanzioni al paese nel 2011. Le petroliere trasportano quasi 17 milioni di barili di greggio ogni giorno attraverso questa arteria marittima.

Lo Stretto di Hormuz collega i paesi produttori di petrolio del Golfo Persico alle raffinerie di tutto il mondo. Non vi è ancora alcun segno che Teheran si stia muovendo per interrompere la navigazione mercantile.

Hormuz non si è mai veramente fermato. Non è successo durante la guerra delle petroliere del 1984, in cui l’Iran e l’Iraq attaccavano regolarmente le rispettive compagnie petrolifere, e nemmeno in tempi più recenti, quando Teheran ha intensificato i sequestri di navi mercantili.

Al di là dello stretto, negli ultimi anni ci sono stati dei casi in cui le spedizioni di petrolio dell’Iran sono state intercettate e interrotte dalle potenze occidentali, un’altra fonte di potenziale interruzione in un’escalation.

ARTICOLI CORRELATI:

Arabia Saudita e Russia estendono i tagli volontari: quali sono le prospettive per i prezzi del petrolio?

Produzione di Petrolio tagliata di 1 Milione di barili al giorno dall’OPEC+

OPEC+: l’Arabia Saudita svela un ulteriore taglio della produzione di 1 milione di barili

MARCO CASARIO

Gli italiani sono tra i popoli più ignoranti in ambito finanziario.

Non per scelta ma perché nessuno lo ha mai insegnato. Il mio scopo è quello di educare ed informare le persone in ambito economico e finanziario. Perché se non ti preoccupi dell'economia e della finanza, loro si occuperanno di te.

Corsi Gratuiti

Diventare un Trader e un Investitore

© Copyright 2022 - The 10Min Trader BV - KVK: 72735481 - VAT ID: NL854377591B01

Il contenuto di questo sito è solo a scopo informativo, non devi interpretare tali informazioni o altro materiale come consigli legali, fiscali, di investimento, finanziari o di altro tipo. Nulla di quanto contenuto nel nostro sito costituisce una sollecitazione, una raccomandazione, un'approvazione o un'offerta da parte di The 10Min Trader BV  per acquistare o vendere titoli o altri strumenti finanziari in questa o in qualsiasi altra giurisdizione in cui tale sollecitazione o offerta sarebbe illegale ai sensi delle leggi sui titoli di tale giurisdizione.

Tutti i contenuti di questo sito sono informazioni di natura generale e non riguardano le circostanze di un particolare individuo o entità. Nulla di quanto contenuto nel sito costituisce una consulenza professionale e/o finanziaria, né alcuna informazione sul sito costituisce una dichiarazione esaustiva o completa delle questioni discusse o della legge ad esse relativa. The 10Min Trader BV non è un fiduciario in virtù dell'uso o dell'accesso al Sito o al Contenuto da parte di qualsiasi persona. Solo tu ti assumi la responsabilità di valutare i meriti e i rischi associati all'uso di qualsiasi informazione o altro Contenuto del Sito prima di prendere qualsiasi decisione basata su tali informazioni o altri Contenuti. In cambio dell'utilizzo del Sito, accetti di non ritenere The 10Min Trader BV, i suoi affiliati o qualsiasi terzo fornitore di servizi responsabile di eventuali richieste di risarcimento danni derivanti da qualsiasi decisione presa sulla base di informazioni o altri Contenuti messi a tua disposizione attraverso il Sito.

RISCHI DI INVESTIMENTO

Ci sono rischi associati all'investimento in titoli. Investire in azioni, obbligazioni, exchange traded funds, fondi comuni e fondi del mercato monetario comporta il rischio di perdita.  La perdita del capitale è possibile. Alcuni investimenti ad alto rischio possono utilizzare la leva finanziaria, che accentuerà i guadagni e le perdite. Gli investimenti esteri comportano rischi speciali, tra cui una maggiore volatilità e rischi politici, economici e valutari e differenze nei metodi contabili.  La performance passata di un titolo o di un'azienda non è una garanzia o una previsione della performance futura dell'investimento.La totalità dei contenuti presenti nel sito internet è tutelata dal diritto d’autore. Senza previo consenso scritto da parte nostra non è pertanto consentito riprodurre (anche parzialmente), trasmettere (né per via elettronica né in altro modo), modificare, stabilire link o utilizzare il sito internet per qualsivoglia finalità pubblica o commerciale.Qualsiasi controversia riguardante l’utilizzo del sito internet è soggetta al diritto svizzero, che disciplina in maniera esclusiva l’interpretazione, l’applicazione e gli effetti di tutte le condizioni sopra elencate. Il foro di Bellinzona è esclusivamente competente in merito a qualsiasi disputa o contestazione che dovesse sorgere in merito al presente sito internet e al suo utilizzo.
Accedendo e continuando nella lettura dei contenuti di questo sito Web dichiari di aver letto, compreso e accettato le sopracitate informazioni legali.