Modulo 7: Il mercato azionario – Lezione 3: Il credit rating delle aziende

Contenuti della lezione

Le agenzie di ratings valutano attraverso parametri di bilancio oggettivi e valutazioni soggettive la facilità con cui un’azienda o un paese riesce ad accedere al credito a un costo sostenibile. I credit rating ci danno il livello di rischio a cui ci esponiamo investendo in quella azienda.

Un rating che va dalla tripla A alla tripla B indica che l’azienda è a basso rischio di default (investment grade). Ciò vuol dire che ha un’adeguata capacità di far fronte agli impegni di restituzione del debito anche in condizioni economiche avverse. Il debito emesso da un’azienda con un rating inferiore a BB è considerato un’obbligazione speculativa o “spazzatura”, il che significa che ha una probabilità maggiore di andare in default.

credit rating
Le lettere associate ai vari credit rating delle diverse agenzie

I credit rating si basano sullo studio di parametri da parte delle agenzie di rating che devono avere una visione equilibrata e obiettiva della situazione finanziaria e della capacità dell’emittente di rimborsare il debito.

Breve storia dei credit rating

Moody’s emise rating di credito pubblicamente disponibili per le obbligazioni nel 1909 e altre agenzie seguirono il suo esempio nei decenni successivi. I credit rating però non ebbero un profondo effetto sul mercato fino al 1936. In quell’anno fu approvata una nuova regola che vietava alle banche di investire in obbligazioni speculative con un rating basso. L’obiettivo era evitare il rischio di insolvenza, che poteva portare a perdite finanziarie. Ben presto, fare affidamento sui rating del credito divenne la norma.

L’importanza dei credit rating

Un rating del credito determina non solo se ad un mutuatario verrà approvato un prestito, ma anche il tasso d’interesse che dovrà pagare. Le aziende dipendono dai prestiti per molte delle loro attività e non riuscire ad ottenerli può avere un effetto negativo su di esse.

Il rating di credito di un mutuatario dovrebbe svolgere un ruolo nel determinare a quali istituti di credito richiedere un prestito. Infatti, il prestatore giusto per aziende con un rating alto probabilmente sarà diverso da quello per aziende con un rating scarso.

I rating del credito non sono mai statici ma cambiano continuamente in base ai dati più recenti. Anche lo storico di un’azienda gioca un ruolo nella qualità del credit rating. A parità di credit rating, un’entità con una storia creditizia breve non è considerata positivamente come un’altra entità con una storia creditizia più lunga.

I fattori che influenzano i credit rating

Le agenzie di rating (S&P Global, Fitch e Moody’s) prendono in considerazione diversi fattori quando assegnano un rating di credito a un’organizzazione. In primo luogo, un’agenzia considera la storia creditizia passata. Eventuali mancati pagamenti o inadempienze sui prestiti influiscono negativamente sul rating.

L’agenzia esamina anche il potenziale economico futuro dell’entità. Se il futuro economico appare roseo, il rating del credito tende a essere più alto, ma se il mutuatario non ha prospettive positive, il rating del credito scenderà.
I fattori principali per calcolare il punteggio di credito sono:

  • lo storico dei pagamenti;
  • gli importi dovuti;
  • la lunghezza della storia creditizia;
  • il nuovo credito;
  • le tipologie di credito.

Altri parametri

Per la valutazione vengono prese in considerazione parametri oggettivi come il reddito generato per far fronte ai debiti. L’interest coverage ratio è un parametro importante nel valutare lo stato finanziario di un’azienda. Rappresenta la divisione tra l’EBIT e la spesa annuale per gli interessi. Questo valore non deve andare sotto a 1.

Anche l’indice di capitalizzazione è molto utilizzato. Esso rappresenta il rapporto tra i debiti a lungo termine e il totale degli asset.

Le agenzie di rating usano anche parametri soggettivi per le valutazioni del rating soggettive.

MARCO CASARIO

Gli italiani sono tra i popoli più ignoranti in ambito finanziario. Non per scelta ma perchè nessuno glielo lo ha insegnato. Il mio scopo è quello di educare ed informare le persone in ambito economico e finanziario. Perchè se non ti preoccupi dell'economia e della finanza, loro si occuperanno di te.

Corsi Gratuiti

Diventare un Trader e un Investitore

© Copyright 2022 - The 10Min Trader BV - KVK: 72735481 - VAT ID: NL854377591B01

Il contenuto di questo sito è solo a scopo informativo, non devi interpretare tali informazioni o altro materiale come consigli legali, fiscali, di investimento, finanziari o di altro tipo. Nulla di quanto contenuto nel nostro sito costituisce una sollecitazione, una raccomandazione, un'approvazione o un'offerta da parte di The 10Min Trader BV  per acquistare o vendere titoli o altri strumenti finanziari in questa o in qualsiasi altra giurisdizione in cui tale sollecitazione o offerta sarebbe illegale ai sensi delle leggi sui titoli di tale giurisdizione. Tutti i contenuti di questo sito sono informazioni di natura generale e non riguardano le circostanze di un particolare individuo o entità. Nulla di quanto contenuto nel sito costituisce una consulenza professionale e/o finanziaria, né alcuna informazione sul sito costituisce una dichiarazione esaustiva o completa delle questioni discusse o della legge ad esse relativa. The 10Min Trader BV non è un fiduciario in virtù dell'uso o dell'accesso al Sito o al Contenuto da parte di qualsiasi persona. Solo tu ti assumi la responsabilità di valutare i meriti e i rischi associati all'uso di qualsiasi informazione o altro Contenuto del Sito prima di prendere qualsiasi decisione basata su tali informazioni o altri Contenuti. In cambio dell'utilizzo del Sito, accetti di non ritenere The 10Min Trader BV, i suoi affiliati o qualsiasi terzo fornitore di servizi responsabile di eventuali richieste di risarcimento danni derivanti da qualsiasi decisione presa sulla base di informazioni o altri Contenuti messi a tua disposizione attraverso il Sito.
RISCHI DI INVESTIMENTO
Ci sono rischi associati all'investimento in titoli. Investire in azioni, obbligazioni, exchange traded funds, fondi comuni e fondi del mercato monetario comporta il rischio di perdita.  La perdita del capitale è possibile. Alcuni investimenti ad alto rischio possono utilizzare la leva finanziaria, che accentuerà i guadagni e le perdite. Gli investimenti esteri comportano rischi speciali, tra cui una maggiore volatilità e rischi politici, economici e valutari e differenze nei metodi contabili.  La performance passata di un titolo o di un'azienda non è una garanzia o una previsione della performance futura dell'investimento.La totalità dei contenuti presenti nel sito internet è tutelata dal diritto d’autore. Senza previo consenso scritto da parte nostra non è pertanto consentito riprodurre (anche parzialmente), trasmettere (né per via elettronica né in altro modo), modificare, stabilire link o utilizzare il sito internet per qualsivoglia finalità pubblica o commerciale.Qualsiasi controversia riguardante l’utilizzo del sito internet è soggetta al diritto svizzero, che disciplina in maniera esclusiva l’interpretazione, l’applicazione e gli effetti di tutte le condizioni sopra elencate. Il foro di Bellinzona è esclusivamente competente in merito a qualsiasi disputa o contestazione che dovesse sorgere in merito al presente sito internet e al suo utilizzo.
Accedendo e continuando nella lettura dei contenuti di questo sito Web dichiari di aver letto, compreso e accettato le sopracitate informazioni legali.