La volatilità del forex e l’impatto delle banche centrali

La volatilità è una misura statistica della dispersione dei rendimenti per un dato titolo o indice di mercato. Nella maggior parte dei casi, più alta è la volatilità, più rischioso è il sottostante. La volatilità è spesso misurata come deviazione standard o varianza tra i rendimenti di quel asset. In questo post ci occuperemo della volatilità del forex e come essa viene impattata dalle politiche monetarie delle banche centrali.

Cosa influenza la volatilità delle valute?

La volatilità delle valute è influenzata dalle decisioni delle banche centrali sui tassi d’interesse. Naturalmente, questa non è una relazione a senso unico. I tassi d’interesse sono essi stessi influenzati dalla volatilità, poiché le fluttuazioni di breve e lungo termine influenzano fortemente le decisioni delle banche centrali. La questione che voglio discutere in questo articolo riguarda l’impatto dei tassi d’interesse e delle politiche monetarie sulle decisioni degli investitori e sulla volatilità del mercato del forex.

I differenziali dei tassi d’interesse

I differenziali tra i tassi d’interesse aumentano il numero di transazioni sul mercato e creano opportunità che vengono sfruttate dagli speculatori. Il crescente divario tra i tassi d’interesse dei mercati emergenti e dei mercati sviluppati è stato accoppiato con una diminuzione della volatilità sul mercato del forex.

Innanzitutto, poiché i tassi di interesse e la percezione del rischio sono strettamente correlati tra loro, è controintuitivo pensare che un aumento del divario dei tassi d’interesse tra le nazioni comporti una minore volatilità e una minore percezione del rischio tra i partecipanti al mercato.

Il periodo prima della crisi del 2008

Analizziamo per prima cosa il divario tra i tassi d’interesse dei paesi sviluppati e quelli delle nazioni in via di sviluppo tra il 2000 e il 2007. Il calo dei tassi d’ interesse in tutto il mondo ha dominato questo periodo e i differenziali si sono ampliati. Non c’è stato però un aumento corrispondente della volatilità del forex a lungo termine. Molti mercati emergenti stavano alzando i tassi. Questo suggeriva la probabilità di un rallentamento economico accompagnato da un aumento della volatilità. Tuttavia i partecipanti al mercato si sono rifiutati di adeguarsi a questo fatto, spingendo le valute dei mercati emergenti più in alto. In seguito la volatilità è tornata a “vendicarsi” con l’avvento della crisi del 2008. Il paradigma comune suggerisce che l’allargamento dei divari tra tassi d’interesse dovrebbe essere accoppiato all’aumento della volatilità. Spesso gli operatori di mercato non riconoscono subito il mutato profilo di rischio.

Il carry trade

Un altro aspetto che causa un aumento della volatilità a lungo termine sul mercato del forex è il carry trade. I carry trade sono più attivi verso la fine di un periodo di bassa volatilità. In questi periodi i divari si stanno ampliando e l’attività del carry trade ha un rischio maggiore.

In altre parole, il contesto di bassa volatilità in cui prospera il carry trade è inconciliabile con l’allargamento dei tassi d’interesse. Ciò significa anche che maggiore è la redditività di questo trade, maggiore è il suo rischio.

In effetti, il carry trade è forse il più grande motore sul forex in presenza di un basso divario tra i tassi d’interesse e in un ambiente a bassa volatilità. L’irrazionalità di coloro che vi prendono parte è una delle cause dell’eventuale impennata della volatilità del mercato del forex. In questo momento in cui le banche centrali stanno restringendo la politica monetaria, la volatilità del forex è aumentata da livelli davvero bassi.

Deutsche Bank Volatility Index
volatilità del forex
L’indice della volatilità del forex di Deutsche Bank ha raggiunto livelli molto bassi nel 2021. Da settembre sta salendo ma rimane ancora al di sotto della media a 5 anni

Le preoccupazioni su come le banche centrali bilanceranno i rischi d’inflazione sono aumentate. L’indicatore della volatilità implicita dell’indice del dollaro di Bloomberg è vicino al massimo di nove mesi. Nel frattempo, i costi di hedging per la sterlina e l’euro si aggirano intorno ai massimi da inizio anno.

La volatilità dello yen ha toccato il fondo nella seconda settimana di settembre. I costi di copertura sono aumentati in modo incrementale insieme alle aspettative di aumento dei tassi da parte della Fed.

A ottobre, la volatilità a tre mesi della valuta giapponese, spesso vista come una valuta rifugio, si è spostata al di sopra dell’indice di volatilità G-7 di JPMorgan Chase & Co. Questo è avvenuto per la prima volta in oltre un anno, segno che il compiacimento dei mercati sta diminuendo.

La volatilità implicita dello Yen
La volatilità implicita a 3 mesi dello yen giapponese ha superato la volatilità delle valute del G7

Nel frattempo, la domanda di opzioni a più lungo termine ha visto un irripidimento della curva implicita del dollaro USA, in contrasto con gli ultimi tre anni, quando la sua pendenza è stata principalmente determinata dalla diminuzione della volatilità a breve termine. Ci aspetta davvero un periodo interessante per il mercato del forex!

MARCO CASARIO

Gli italiani sono tra i popoli più ignoranti in ambito finanziario. Non per scelta ma perchè nessuno glielo lo ha insegnato. Il mio scopo è quello di educare ed informare le persone in ambito economico e finanziario. Perchè se non ti preoccupi dell'economia e della finanza, loro si occuperanno di te.

Corsi Gratuiti

Diventare un Trader e un Investitore

© Copyright 2022 - The 10Min Trader BV - KVK: 72735481 - VAT ID: NL854377591B01

Il contenuto di questo sito è solo a scopo informativo, non devi interpretare tali informazioni o altro materiale come consigli legali, fiscali, di investimento, finanziari o di altro tipo. Nulla di quanto contenuto nel nostro sito costituisce una sollecitazione, una raccomandazione, un'approvazione o un'offerta da parte di The 10Min Trader BV  per acquistare o vendere titoli o altri strumenti finanziari in questa o in qualsiasi altra giurisdizione in cui tale sollecitazione o offerta sarebbe illegale ai sensi delle leggi sui titoli di tale giurisdizione. Tutti i contenuti di questo sito sono informazioni di natura generale e non riguardano le circostanze di un particolare individuo o entità. Nulla di quanto contenuto nel sito costituisce una consulenza professionale e/o finanziaria, né alcuna informazione sul sito costituisce una dichiarazione esaustiva o completa delle questioni discusse o della legge ad esse relativa. The 10Min Trader BV non è un fiduciario in virtù dell'uso o dell'accesso al Sito o al Contenuto da parte di qualsiasi persona. Solo tu ti assumi la responsabilità di valutare i meriti e i rischi associati all'uso di qualsiasi informazione o altro Contenuto del Sito prima di prendere qualsiasi decisione basata su tali informazioni o altri Contenuti. In cambio dell'utilizzo del Sito, accetti di non ritenere The 10Min Trader BV, i suoi affiliati o qualsiasi terzo fornitore di servizi responsabile di eventuali richieste di risarcimento danni derivanti da qualsiasi decisione presa sulla base di informazioni o altri Contenuti messi a tua disposizione attraverso il Sito.
RISCHI DI INVESTIMENTO
Ci sono rischi associati all'investimento in titoli. Investire in azioni, obbligazioni, exchange traded funds, fondi comuni e fondi del mercato monetario comporta il rischio di perdita.  La perdita del capitale è possibile. Alcuni investimenti ad alto rischio possono utilizzare la leva finanziaria, che accentuerà i guadagni e le perdite. Gli investimenti esteri comportano rischi speciali, tra cui una maggiore volatilità e rischi politici, economici e valutari e differenze nei metodi contabili.  La performance passata di un titolo o di un'azienda non è una garanzia o una previsione della performance futura dell'investimento.La totalità dei contenuti presenti nel sito internet è tutelata dal diritto d’autore. Senza previo consenso scritto da parte nostra non è pertanto consentito riprodurre (anche parzialmente), trasmettere (né per via elettronica né in altro modo), modificare, stabilire link o utilizzare il sito internet per qualsivoglia finalità pubblica o commerciale.Qualsiasi controversia riguardante l’utilizzo del sito internet è soggetta al diritto svizzero, che disciplina in maniera esclusiva l’interpretazione, l’applicazione e gli effetti di tutte le condizioni sopra elencate. Il foro di Bellinzona è esclusivamente competente in merito a qualsiasi disputa o contestazione che dovesse sorgere in merito al presente sito internet e al suo utilizzo.
Accedendo e continuando nella lettura dei contenuti di questo sito Web dichiari di aver letto, compreso e accettato le sopracitate informazioni legali.