La teoria monetaria moderna

La teoria monetaria moderna è una teoria che afferma che i paesi finanziariamente sovrani non sono vincolati dalle entrate quando si tratta di spendere. Questo perché gli stati sovrani spendono, tassano e prendono in prestito in una valuta che controllano completamente.

I governi sovrani non fanno affidamento sulle tasse o sui prestiti per la loro spesa, poiché possono stampare i soldi di cui hanno bisogno. In base a questo concetto, le loro politiche non dovrebbero essere modellate dai timori di un aumento del debito nazionale.

La Modern Monetary Theory (MMT) sfida le convinzioni su come il governo interagisce con l’economia, la natura del denaro, l’uso delle tasse e l’importanza dei disavanzi di bilancio. La teoria si utilizza in ambito politico per sostenere una legislazione progressista come l’assistenza sanitaria universale e altri programmi pubblici.

I principi della teoria monetaria moderna

L’idea centrale della teoria monetaria moderna è che i governi con una valuta fiat possono stampare tutto il denaro che devono spendere.

Secondo questa teoria, i governi sovrani non possono andare in bancarotta a meno che venga presa una decisione politica in tal senso. Inoltre, il debito pubblico alto non porterebbe al collasso come siamo stati indotti a credere.

I sostenitori della teoria spiegano che il debito è semplicemente denaro che il governo ha immesso nell’economia e non ha prelevato tramite le tasse.

Paesi come gli Stati Uniti possono sostenere alti disavanzi senza motivo di preoccupazione.

Le convinzioni dei sostenitori della MMT

Sebbene i teorici del MMT riconoscano che l’inflazione può scaturire dalla spesa dei governi, affermano che possa essere contrastata da decisioni politiche.

L’unico limite che il governo ha in termini di spesa è la disponibilità di risorse reali, come lavoratori, forniture edili, ecc. Quando la spesa pubblica è troppo grande rispetto alle risorse disponibili, l’inflazione può aumentare.

Le tasse diventano lo strumento principale per prelevare denaro da un’economia che si sta surriscaldando. Ciò va contro l’idea che le tasse servano principalmente a fornire al governo denaro da spendere per costruire infrastrutture, finanziare programmi di assistenza sociale, ecc.

Secondo la teoria monetaria moderna, la disoccupazione è il risultato di una spesa pubblica insufficiente. Coloro che cercano lavoro nel settore privato e non riescono a trovarlo dovrebbero ricevere posti di lavoro con salario minimo finanziati dal governo.

la teoria monetaria moderna
I principi della teoria monetaria moderna

Origini della teoria monetaria moderna

La MMT è stata sviluppata da Warren Mosler. Presenta somiglianze con la finanza funzionale e il cartalismo.

Mosler iniziò a pensare ad alcuni dei concetti base della teoria negli anni ’70. Egli usò le sue idee per piazzare alcune scommesse con il suo hedge fund.

All’inizio degli anni ’90, quando gli investitori temevano il default dell’Italia, Mosler capì che ciò non era una possibilità. La sua azienda diventò il maggiore detentore di obbligazioni italiane al di fuori dell’Italia. Con quella mossa riuscì a realizzare profitti per 100 milioni di dollari.

Il sostegno alla MMT è cresciuto grazie a Internet, dove gli economisti hanno spiegato la teoria su popolari blog personali e di gruppo. Leader politici come Alexandria Ocasio-Cortez e Bernie Sanders hanno sposato la MMT. L’economista Stephanie Kelton, che per prima si è imbattuta nelle idee di Mosler, è ora il principale volto della teoria.

Le critiche

Gli oppositori della teoria monetaria moderna affermano che la spesa dei governi sarebbe irresponsabile, poiché il debito aumenterebbe e l’inflazione salirebbe alle stelle.

Alcuni pensano che l’idea di usare le tasse per ridurre l’inflazione sia sbagliata. L’aumento delle tasse non farebbe che peggiorare le condizioni economiche, aumentando la disoccupazione e rallentando la crescita.

Un altro oggetto delle critiche è il suggerimento della teoria di mantenere i tassi d’interesse a zero.

MARCO CASARIO

Gli italiani sono tra i popoli più ignoranti in ambito finanziario. Non per scelta ma perchè nessuno glielo lo ha insegnato. Il mio scopo è quello di educare ed informare le persone in ambito economico e finanziario. Perchè se non ti preoccupi dell'economia e della finanza, loro si occuperanno di te.

Corsi Gratuiti

Diventare un Trader e un Investitore

© Copyright 2022 - The 10Min Trader BV - KVK: 72735481 - VAT ID: NL854377591B01

Il contenuto di questo sito è solo a scopo informativo, non devi interpretare tali informazioni o altro materiale come consigli legali, fiscali, di investimento, finanziari o di altro tipo. Nulla di quanto contenuto nel nostro sito costituisce una sollecitazione, una raccomandazione, un'approvazione o un'offerta da parte di The 10Min Trader BV  per acquistare o vendere titoli o altri strumenti finanziari in questa o in qualsiasi altra giurisdizione in cui tale sollecitazione o offerta sarebbe illegale ai sensi delle leggi sui titoli di tale giurisdizione. Tutti i contenuti di questo sito sono informazioni di natura generale e non riguardano le circostanze di un particolare individuo o entità. Nulla di quanto contenuto nel sito costituisce una consulenza professionale e/o finanziaria, né alcuna informazione sul sito costituisce una dichiarazione esaustiva o completa delle questioni discusse o della legge ad esse relativa. The 10Min Trader BV non è un fiduciario in virtù dell'uso o dell'accesso al Sito o al Contenuto da parte di qualsiasi persona. Solo tu ti assumi la responsabilità di valutare i meriti e i rischi associati all'uso di qualsiasi informazione o altro Contenuto del Sito prima di prendere qualsiasi decisione basata su tali informazioni o altri Contenuti. In cambio dell'utilizzo del Sito, accetti di non ritenere The 10Min Trader BV, i suoi affiliati o qualsiasi terzo fornitore di servizi responsabile di eventuali richieste di risarcimento danni derivanti da qualsiasi decisione presa sulla base di informazioni o altri Contenuti messi a tua disposizione attraverso il Sito.
RISCHI DI INVESTIMENTO
Ci sono rischi associati all'investimento in titoli. Investire in azioni, obbligazioni, exchange traded funds, fondi comuni e fondi del mercato monetario comporta il rischio di perdita.  La perdita del capitale è possibile. Alcuni investimenti ad alto rischio possono utilizzare la leva finanziaria, che accentuerà i guadagni e le perdite. Gli investimenti esteri comportano rischi speciali, tra cui una maggiore volatilità e rischi politici, economici e valutari e differenze nei metodi contabili.  La performance passata di un titolo o di un'azienda non è una garanzia o una previsione della performance futura dell'investimento.La totalità dei contenuti presenti nel sito internet è tutelata dal diritto d’autore. Senza previo consenso scritto da parte nostra non è pertanto consentito riprodurre (anche parzialmente), trasmettere (né per via elettronica né in altro modo), modificare, stabilire link o utilizzare il sito internet per qualsivoglia finalità pubblica o commerciale.Qualsiasi controversia riguardante l’utilizzo del sito internet è soggetta al diritto svizzero, che disciplina in maniera esclusiva l’interpretazione, l’applicazione e gli effetti di tutte le condizioni sopra elencate. Il foro di Bellinzona è esclusivamente competente in merito a qualsiasi disputa o contestazione che dovesse sorgere in merito al presente sito internet e al suo utilizzo.
Accedendo e continuando nella lettura dei contenuti di questo sito Web dichiari di aver letto, compreso e accettato le sopracitate informazioni legali.