Investire nel Nucleare: Il Futuro dell’Energia per Data Center e IA

Negli ultimi anni, abbiamo assistito a un aumento vertiginoso del consumo di elettricità, spinto dall’espansione dei data center, delle criptovalute e delle tecnologie di intelligenza artificiale (IA). Immagina un futuro dove la richiesta di energia continua a crescere a un ritmo senza precedenti, e dove

Scopri

Investimenti in AI: Opportunità d’Oro o Trappola Finanziaria?

Negli ultimi anni, l’intelligenza artificiale (AI) ha vissuto una crescita esponenziale, sia in termini di sviluppo tecnologico che di investimenti, offrendo opportunità senza precedenti ma anche significativi rischi. In questo articolo, esploreremo le tendenze attuali, le applicazioni più promettenti e le preoccupazioni degli investitori, fornendo

Scopri

Powell Mette in Guardia sui Rischi del Mercato del Lavoro

Il presidente della Federal Reserve, Jerome Powell, ha recentemente lanciato un avvertimento sui rischi del mercato del lavoro, sottolineando che l’inflazione non è l’unico pericolo per l’economia. Durante le sue dichiarazioni al Congresso, Powell ha evidenziato come il raffreddamento del mercato del lavoro e l’incertezza

Scopri

L’Impatto del Fallimento di Mt. Gox sul Prezzo di Bitcoin

Negli ultimi giorni, Bitcoin ha subito una flessione, alimentata dai timori di possibili vendite da parte dei creditori dell’exchange fallito Mt. Gox. Questo ha generato dubbi sulla tenuta del mercato rialzista delle criptovalute iniziato l’anno scorso. Ma cosa sta succedendo esattamente e perché il fallimento

Scopri

AI Act: la legge UE sull’intelligenza artificiale

L’intelligenza artificiale (IA) è una tecnologia in rapida evoluzione che può offrire un’ampia gamma di vantaggi economici e benefici per la società. Migliorando la previsione, l’ottimizzazione delle operazioni, l’allocazione delle risorse e la personalizzazione dell’erogazione dei servizi, l’uso dell’IA può supportare risultati socialmente e ambientalmente vantaggiosi e fornire vantaggi competitivi fondamentali alle imprese e all’economia. Tuttavia, gli stessi
elementi e tecniche che alimentano i benefici socio-economici dell’intelligenza artificiale possono anche portare
nuovi rischi o conseguenze negative per gli individui e la società. Alla luce della velocità del cambiamento tecnologico e le possibili sfide, l’UE ha presentato una legislazione per un approccio coordinato sulle implicazioni umane ed etiche dell’intelligenza artificiale – l’AI Act.

Cos’è l’AI Act?

L’AI Act è una proposta di legge europea sull’intelligenza artificiale. Si tratta della prima legge sull’IA da parte di un importante regolatore a livello mondiale. La legge assegna le applicazioni dell’IA a tre categorie di rischio. In primo luogo, le applicazioni e i sistemi che creano un rischio inaccettabile, come il punteggio sociale gestito dal governo del tipo utilizzato in Cina, sono vietati. In secondo luogo, le candidature ad alto rischio, come uno strumento di scansione dei CV che classifica i candidati al lavoro, sono soggette a requisiti legali specifici. Infine, le applicazioni non esplicitamente vietate o elencate come ad alto rischio sono in gran parte lasciate non regolamentate.

La proposta della Commissione Europea è stata presentata nell’aprile 2021. Da lì sono partiti i lavori delle altre due istituzioni europee, al fine di definire le proprie posizioni comuni. Quella del Consiglio è arrivata nel dicembre 2022 sotto la presidenza ceca, mentre la posizione negoziale del Parlamento è stata definitivamente approvata con il voto della scorsa settimana.

Come il regolamento generale sulla protezione dei dati (GDPR) dell’UE nel 2018, l’AI Act dell’Unione Europea potrebbe diventare uno standard globale, determinando fino a che punto l’IA ha un effetto positivo piuttosto che negativo sulla tua vita ovunque tu sia.

Con il voto della scorsa settimana, il Parlamento europeo ha compiuto un passo decisivo verso un futuro in cui l’intelligenza artificiale è regolamentata a livello globale. Il pericolo è che queste nuove regole possano diventare una gabbia troppo stretta, spingendo le startup di intelligenza artificiale a cercare rifugio al di fuori dell’Unione Europea.

Il risultato raggiunto in Parlamento apre ora la porta ad una nuova fase in cui i rappresentanti delle tre istituzioni europee si incontreranno per negoziare il testo finale che vedremo auspicabilmente tra la fine del 2023 e l’inizio del 2024.

Gli obiettivi dell’AI Act

La Commissione ha proposto la legislazione sull’intelligenza artificiale con i seguenti obiettivi specifici:

  • garantire che i sistemi di IA immessi sul mercato e utilizzati siano sicuri e rispettosi delle leggi in materia di diritti fondamentali e dei valori dell’Unione Europea;
  • garantire la certezza del diritto per facilitare gli investimenti e l’innovazione nell’IA;
  • migliorare la governance e l’effettiva applicazione del diritto vigente in materia di diritti fondamentali e dei requisiti di sicurezza applicabili ai sistemi di IA;
  • facilitare lo sviluppo di un mercato unico per un’IA legale, sicura e affidabile, prevenendo la frammentazione del mercato.

Tra i principali punti sui quali sono intervenute le modifiche del Parlamento possono segnalarsi:

  • la scelta di una nuova definizione di “sistema di IA”;
  • l’introduzione di un elenco di principi generali applicabili a tutti i sistemi di IA, tra cui privacy e data governance;
  • l’ampliamento delle pratiche di intelligenza artificiale vietate, con l’inclusione di nuove fattispecie, come ad esempio i sistemi di polizia predittiva;
  • sempre sulle pratiche di IA vietate, la scelta di escludere del tutto l’ammissibilità dell’uso di sistemi di identificazione biometrica remota “in tempo reale” in spazi accessibili al pubblico e di vietare l’uso di sistemi di identificazione biometrica remota “a posteriori” in spazi accessibili al pubblico, a meno che questi ultimi non siano soggetti a previa autorizzazione giudiziaria e siano strettamente necessari per la ricerca mirata collegata a uno specifico reato grave;
  • la modifica dei criteri di classificazione e delle ipotesi di sistemi di IA ad alto rischio;
  • l’inserimento di nuovi obblighi per i fornitori di foundation models e per i sistemi di intelligenza artificiale generativa;
  • l’inserimento dell’obbligo di effettuare una valutazione d’impatto sui diritti fondamentali per i sistemi di IA ad alto rischio;
  • l’istituzione dell’Ufficio europeo per l’intelligenza artificiale, che prende il posto del Comitato europeo per l’intelligenza artificiale proposto dalla Commissione, al quale viene affidato il compito di monitorare l’attuazione del regolamento;
  • la modifica di alcuni aspetti dell’impianto sanzionatorio;
  • un più esteso coordinamento con le norme del GDPR.

Il costo dell’AI Act

Il Center for Data Innovation, un’organizzazione no profit focalizzata sull’innovazione basata sui dati, ha pubblicato un rapporto in cui afferma che l’AI Act costerà 31 miliardi di euro nei prossimi cinque anni e ridurrà gli investimenti nel settore di quasi il 20%. L’imprenditore Meeri Haataja e l’accademica Joanna Bryson hanno pubblicato la loro ricerca scrivendo che probabilmente sarà molto più economica, poiché il regolamento copre principalmente una piccola percentuale di applicazioni di intelligenza artificiale considerate ad alto rischio. Inoltre, l’analisi dei costi non tiene conto di tutti i vantaggi della regolamentazione per il pubblico. Infine, il CEPS, un think tank e forum per il dibattito sugli affari dell’UE, ha pubblicato le proprie analisi delle stime dei costi e ha raggiunto una conclusione simile a quella di Haataja e Bryson.

OpenAI chiede modifiche all’AI Act

OpenAI avrebbe esercitato pressioni su eurodeputati e funzionari dell’Unione europea per “annacquare” alcuni elementi dell’AI Act, suggerendo emendamenti al testo per far si che i sistemi IA come Gpt-3 non fossero classificati come “ad alto rischio” e quindi sottoposti a severi requisiti legali.

La creatrice di ChatGpt avrebbe condiviso con i funzionari europei un ‘white paper’ in cui venivano evidenziate le misure di sicurezza implementate da OpenAI per prevenire l’uso improprio dei suoi strumenti di intelligenza artificiale generativa. Il testo spingeva per una posizione sostanzialmente orientata verso l’autoregolamentazione. OpenAI avrebbe anche chiesto modifiche alla testo dell’Eurocamera per consentire rapidi aggiornamenti dei suoi sistemi senza lunghe valutazioni.

ARTICOLI CORRELATI:

Intelligenza artificiale: ChatGPT non è più bravo degli umani a battere il mercato

Elon Musk sull’intelligenza artificiale: un rischio per la società

ChatGPT: come investire nella rivoluzione dell’intelligenza artificiale

Nvidia: previsioni di vendita rialziste grazie al boom dell’intelligenza artificiale

MARCO CASARIO

Gli italiani sono tra i popoli più ignoranti in ambito finanziario.

Non per scelta ma perché nessuno lo ha mai insegnato. Il mio scopo è quello di educare ed informare le persone in ambito economico e finanziario. Perché se non ti preoccupi dell'economia e della finanza, loro si occuperanno di te.

Corsi Gratuiti

Diventare un Trader e un Investitore

© Copyright 2022 - The 10Min Trader BV - KVK: 72735481 - VAT ID: NL854377591B01

Il contenuto di questo sito è solo a scopo informativo, non devi interpretare tali informazioni o altro materiale come consigli legali, fiscali, di investimento, finanziari o di altro tipo. Nulla di quanto contenuto nel nostro sito costituisce una sollecitazione, una raccomandazione, un'approvazione o un'offerta da parte di The 10Min Trader BV  per acquistare o vendere titoli o altri strumenti finanziari in questa o in qualsiasi altra giurisdizione in cui tale sollecitazione o offerta sarebbe illegale ai sensi delle leggi sui titoli di tale giurisdizione.

Tutti i contenuti di questo sito sono informazioni di natura generale e non riguardano le circostanze di un particolare individuo o entità. Nulla di quanto contenuto nel sito costituisce una consulenza professionale e/o finanziaria, né alcuna informazione sul sito costituisce una dichiarazione esaustiva o completa delle questioni discusse o della legge ad esse relativa. The 10Min Trader BV non è un fiduciario in virtù dell'uso o dell'accesso al Sito o al Contenuto da parte di qualsiasi persona. Solo tu ti assumi la responsabilità di valutare i meriti e i rischi associati all'uso di qualsiasi informazione o altro Contenuto del Sito prima di prendere qualsiasi decisione basata su tali informazioni o altri Contenuti. In cambio dell'utilizzo del Sito, accetti di non ritenere The 10Min Trader BV, i suoi affiliati o qualsiasi terzo fornitore di servizi responsabile di eventuali richieste di risarcimento danni derivanti da qualsiasi decisione presa sulla base di informazioni o altri Contenuti messi a tua disposizione attraverso il Sito.

RISCHI DI INVESTIMENTO

Ci sono rischi associati all'investimento in titoli. Investire in azioni, obbligazioni, exchange traded funds, fondi comuni e fondi del mercato monetario comporta il rischio di perdita.  La perdita del capitale è possibile. Alcuni investimenti ad alto rischio possono utilizzare la leva finanziaria, che accentuerà i guadagni e le perdite. Gli investimenti esteri comportano rischi speciali, tra cui una maggiore volatilità e rischi politici, economici e valutari e differenze nei metodi contabili.  La performance passata di un titolo o di un'azienda non è una garanzia o una previsione della performance futura dell'investimento.La totalità dei contenuti presenti nel sito internet è tutelata dal diritto d’autore. Senza previo consenso scritto da parte nostra non è pertanto consentito riprodurre (anche parzialmente), trasmettere (né per via elettronica né in altro modo), modificare, stabilire link o utilizzare il sito internet per qualsivoglia finalità pubblica o commerciale.Qualsiasi controversia riguardante l’utilizzo del sito internet è soggetta al diritto svizzero, che disciplina in maniera esclusiva l’interpretazione, l’applicazione e gli effetti di tutte le condizioni sopra elencate. Il foro di Bellinzona è esclusivamente competente in merito a qualsiasi disputa o contestazione che dovesse sorgere in merito al presente sito internet e al suo utilizzo.
Accedendo e continuando nella lettura dei contenuti di questo sito Web dichiari di aver letto, compreso e accettato le sopracitate informazioni legali.