L’effetto delle Elezioni Anticipate di Macron sul Mercato Francese

L’annuncio delle elezioni anticipate da parte del presidente Emmanuel Macron ha generato una significativa incertezza nel settore finanziario francese. Dopo anni di sforzi per posizionare Parigi come centro finanziario europeo post-Brexit, le nuove elezioni potrebbero mettere a rischio i progressi fatti. Questo articolo esplorerà l’effetto

Scopri

Come Affrontare la Correlazione Positiva tra Azioni e Obbligazioni

Nel mondo degli investimenti, una delle sfide più significative degli ultimi trent’anni si sta manifestando proprio ora: la forte correlazione positiva tra azioni e obbligazioni. Tradizionalmente, la classica allocazione 60/40 (60% azioni e 40% obbligazioni) ha offerto una diversificazione e una protezione del rischio naturale.

Scopri

L’UE si prepara al lancio dell’euro digitale: quali sono i rischi e i benefici?

L’UE ha compiuto un passo cruciale verso il lancio di una versione digitale dell’euro, un progetto controverso che è stato attaccato dall’opinione pubblica, dai politici e dalle banche prima ancora che fosse svelato. Bruxelles spera e crede sarà “la prossima grande novità” per l’Eurozona.

A differenza delle criptovalute, l’euro digitale sarebbe una valuta digitale della banca centrale (CBDC), essenzialmente denaro elettronico emesso dalla Banca centrale europea, la quale garantirebbe che sia sicuro, che mantenga un valore stabile e che possa essere scambiato al valore nominale con euro contante.

L’obiettivo è offrire ai consumatori un’opzione di pagamento alternativa a livello europeo, da usare insieme ai metodi di pagamento esistenti. Proprio come il contante, ogni euro digitale sarebbe garantito direttamente dalla Banca centrale europea e distribuito a cittadini e imprese da banche e altri prestatori di servizi di pagamento.

I contanti spariranno dopo il lancio dell’euro digitale?

Mentre il 60% delle persone intervistate in un sondaggio della Commissione Europea vorrebbe continuare ad avere la possibilità di utilizzare i contanti, un numero crescente di persone sceglie di pagare in modo digitale, utilizzando carte e applicazioni emesse da banche e altre società digitali e finanziarie. Questa tendenza è stata accelerata dalla pandemia.

Per riflettere queste tendenze, la Commissione ha proposto due serie di misure di sostegno reciproco per garantire che le persone dispongano di entrambe le opzioni di pagamento, in contanti e digitali, quando desiderano pagare con moneta della banca centrale:

  • Una proposta legislativa sul corso legale del contante in euro per salvaguardare il ruolo del contante, garantire che sia ampiamente accettato come mezzo di pagamento e che rimanga facilmente accessibile per le persone e le imprese in tutta l’Eurozona.
  • Una proposta legislativa che stabilisce il quadro giuridico per un possibile euro digitale. Sebbene la proposta odierna, una volta adottata dal Parlamento europeo e dal Consiglio, stabilisca il quadro giuridico, spetta in ultima analisi alla Banca centrale europea decidere se e quando emettere l’euro digitale.

Secondo i dati della BCE, il 42% del valore di tutte le transazioni nell’area dell’euro nel 2022 è stato effettuato in contanti. Il 42% non è esattamente la metà, ma è molto vicino.

Si prevede che il numero delle transazioni effettuate a livello globale con i contanti diminuirà a favore dei pagamenti digitali. Tuttavia, il contante non scomparirà del tutto.

Le caratteristiche dell’euro digitale

Come il contante oggi, l’euro digitale sarebbe disponibile accanto ai mezzi di pagamento privati ​​nazionali e internazionali esistenti, come carte o applicazioni. Funzionerebbe come un portafoglio digitale.

Sarebbe disponibile per pagamenti sia online che offline. Mentre le transazioni online offrirebbero lo stesso livello di privacy dei dati dei mezzi di pagamento digitali esistenti, i pagamenti offline garantirebbero un elevato grado di privacy e protezione dei dati per gli utenti, divulgando meno dati personali di quanto non facciano oggi i pagamenti effettuati con carta. Nessuno sarebbe in grado di vedere cosa pagano le persone quando usano l’euro digitale offline.

Le banche e altri fornitori di servizi di pagamento in tutta l’UE distribuirebbero l’euro digitale a persone e imprese. I servizi di base dell’euro digitale verrebbero forniti gratuitamente ai privati.

Per favorire l’inclusione finanziaria, le persone che non hanno un conto bancario potrebbero aprire e detenere un conto presso un ufficio postale o un altro ente pubblico. Sarebbe facile da usare anche per le persone con disabilità.

Gli esercenti di tutta l’area dell’euro sarebbero tenuti ad accettare l’euro digitale, ad eccezione degli esercenti molto piccoli che scelgono di non accettare pagamenti digitali (poiché il costo per creare una nuova infrastruttura per accettare pagamenti in euro digitale sarebbe sproporzionato).

lancio euro digitale benefici

Perché dovremmo avere bisogno di un euro digitale?

Secondo la Commissione Europea, l’euro digitale ha diversi obiettivi:

  • Garantire che le persone, le imprese e gli enti pubblici continuino ad avere accesso a una forma pubblica di moneta digitale per i pagamenti, accessibile e accettata ovunque nell’area dell’euro, in qualsiasi momento (invece di affidarsi solo a soluzioni private);
  • Mettere a disposizione una forma di denaro digitale che garantisca lo stesso livello di privacy del contante (a differenza delle soluzioni di pagamento digitale esistenti) e che sia accessibile a tutti i cittadini, compresi quelli senza conto bancario;
  • Promuovere l’innovazione e la concorrenza nei pagamenti al dettaglio, anche consentendo alle banche e ad altri fornitori di servizi di pagamento di sviluppare nuove soluzioni per i propri clienti;
  • Sostenere l’autonomia strategica aperta dell’Europa e rafforzare il ruolo internazionale dell’euro.

Quale sarebbe il valore aggiunto di un euro digitale rispetto alle soluzioni di pagamento esistenti?

L’euro digitale sarebbe un unico mezzo di pagamento utilizzabile in tutta l’area dell’euro, indipendentemente da dove si trovino le persone e da quale banca commerciale o fornitore di servizi di pagamento utilizzino. Gli utenti potranno pagare in qualsiasi momento, ovunque nell’area dell’euro, e i pagamenti verranno inviati e ricevuti istantaneamente 24 ore su 24, 7 giorni su 7, 365 giorni all’anno. Oggi, non tutte le soluzioni digitali private funzionano perfettamente in tutta l’UE.

L’euro digitale potrebbe essere utilizzato per inviare denaro anche in assenza di una connessione Internet, se si è fisicamente vicini all’altra parte della transazione, e se non si dispone di un conto bancario.

L’euro digitale consentirebbe agli utenti di effettuare pagamenti digitali garantendo al contempo la protezione dei loro dati. Quando si utilizza l’euro digitale offline, la privacy dell’utente è la stessa di quando utilizza il contante.

Quali sono i potenziali rischi del lancio di un euro digitale?

Uno studio ha rilevato che il lancio dell’euro digitale potrebbe deviare i flussi di finanziamento dai depositi bancari. Ciò potrebbe minacciare una delle fonti finanziarie più importanti delle banche e, soprattutto, delle banche più piccole: i depositi delle famiglie. Tuttavia, lo studio ha rilevato che un’adozione dell’euro digitale inferiore a 3 000 euro per famiglia non porrebbe rischi significativi per la stabilità finanziaria.

Una domanda più elevata dovuta a un’adozione diffusa della valuta digitale potrebbe portare a uno spostamento delle fonti di finanziamento e a cambiamenti strutturali nei bilanci delle banche, che potrebbero dover fare affidamento su fonti di finanziamento diverse dai depositi, come le riserve presso la banca centrale e/o il mercato all’ingrosso dei finanziamenti.

La presenza di una valuta digitale generalmente produce solo piccoli cambiamenti nella risposta dell’economia agli shock macroeconomici, in particolare con un limite al contante digitale. Con un limite all’adozione dell’euro digitale, l’impatto macroeconomico di una corsa agli sportelli è simile al caso di un’economia esclusivamente in contanti.

ARTICOLI CORRELATI:

Il Montenegro collabora con Ripple per sviluppare la sua CBDC

Lo Zimbabwe introdurrà una valuta digitale sostenuta dall’oro

UMU: La Valuta Digitale dell’IMF e i problemi di sovranità monetaria

MARCO CASARIO

Gli italiani sono tra i popoli più ignoranti in ambito finanziario.

Non per scelta ma perché nessuno lo ha mai insegnato. Il mio scopo è quello di educare ed informare le persone in ambito economico e finanziario. Perché se non ti preoccupi dell'economia e della finanza, loro si occuperanno di te.

Corsi Gratuiti

Diventare un Trader e un Investitore

© Copyright 2022 - The 10Min Trader BV - KVK: 72735481 - VAT ID: NL854377591B01

Il contenuto di questo sito è solo a scopo informativo, non devi interpretare tali informazioni o altro materiale come consigli legali, fiscali, di investimento, finanziari o di altro tipo. Nulla di quanto contenuto nel nostro sito costituisce una sollecitazione, una raccomandazione, un'approvazione o un'offerta da parte di The 10Min Trader BV  per acquistare o vendere titoli o altri strumenti finanziari in questa o in qualsiasi altra giurisdizione in cui tale sollecitazione o offerta sarebbe illegale ai sensi delle leggi sui titoli di tale giurisdizione.

Tutti i contenuti di questo sito sono informazioni di natura generale e non riguardano le circostanze di un particolare individuo o entità. Nulla di quanto contenuto nel sito costituisce una consulenza professionale e/o finanziaria, né alcuna informazione sul sito costituisce una dichiarazione esaustiva o completa delle questioni discusse o della legge ad esse relativa. The 10Min Trader BV non è un fiduciario in virtù dell'uso o dell'accesso al Sito o al Contenuto da parte di qualsiasi persona. Solo tu ti assumi la responsabilità di valutare i meriti e i rischi associati all'uso di qualsiasi informazione o altro Contenuto del Sito prima di prendere qualsiasi decisione basata su tali informazioni o altri Contenuti. In cambio dell'utilizzo del Sito, accetti di non ritenere The 10Min Trader BV, i suoi affiliati o qualsiasi terzo fornitore di servizi responsabile di eventuali richieste di risarcimento danni derivanti da qualsiasi decisione presa sulla base di informazioni o altri Contenuti messi a tua disposizione attraverso il Sito.

RISCHI DI INVESTIMENTO

Ci sono rischi associati all'investimento in titoli. Investire in azioni, obbligazioni, exchange traded funds, fondi comuni e fondi del mercato monetario comporta il rischio di perdita.  La perdita del capitale è possibile. Alcuni investimenti ad alto rischio possono utilizzare la leva finanziaria, che accentuerà i guadagni e le perdite. Gli investimenti esteri comportano rischi speciali, tra cui una maggiore volatilità e rischi politici, economici e valutari e differenze nei metodi contabili.  La performance passata di un titolo o di un'azienda non è una garanzia o una previsione della performance futura dell'investimento.La totalità dei contenuti presenti nel sito internet è tutelata dal diritto d’autore. Senza previo consenso scritto da parte nostra non è pertanto consentito riprodurre (anche parzialmente), trasmettere (né per via elettronica né in altro modo), modificare, stabilire link o utilizzare il sito internet per qualsivoglia finalità pubblica o commerciale.Qualsiasi controversia riguardante l’utilizzo del sito internet è soggetta al diritto svizzero, che disciplina in maniera esclusiva l’interpretazione, l’applicazione e gli effetti di tutte le condizioni sopra elencate. Il foro di Bellinzona è esclusivamente competente in merito a qualsiasi disputa o contestazione che dovesse sorgere in merito al presente sito internet e al suo utilizzo.
Accedendo e continuando nella lettura dei contenuti di questo sito Web dichiari di aver letto, compreso e accettato le sopracitate informazioni legali.