L’effetto delle Elezioni Anticipate di Macron sul Mercato Francese

L’annuncio delle elezioni anticipate da parte del presidente Emmanuel Macron ha generato una significativa incertezza nel settore finanziario francese. Dopo anni di sforzi per posizionare Parigi come centro finanziario europeo post-Brexit, le nuove elezioni potrebbero mettere a rischio i progressi fatti. Questo articolo esplorerà l’effetto

Scopri

Come Affrontare la Correlazione Positiva tra Azioni e Obbligazioni

Nel mondo degli investimenti, una delle sfide più significative degli ultimi trent’anni si sta manifestando proprio ora: la forte correlazione positiva tra azioni e obbligazioni. Tradizionalmente, la classica allocazione 60/40 (60% azioni e 40% obbligazioni) ha offerto una diversificazione e una protezione del rischio naturale.

Scopri

L’Influenza del Dot Plot della Fed sui Mercati Finanziari

Quando si parla di trading e investimenti, la parola “Fed” richiama subito l’attenzione. La Federal Reserve, la banca centrale degli Stati Uniti, è un’istituzione che ha il potere di influenzare i mercati finanziari globali con le sue decisioni. Tra gli strumenti di comunicazione della Fed,

Scopri

De-Dollarizzazione: Chi Sta Davvero Diminuendo le sue Riserve Valutarie in Dollari?

Le banche centrali globali e i ministeri delle finanze detenevano quasi 12 bilioni di dollari di riserve valutarie alla fine del 2023. Di questi, quasi 7 bilioni erano composti da attività in dollari statunitensi. Tuttavia, sta emergendo una narrativa secondo cui il calo della quota delle riserve valutarie in dollari rappresenta l’inizio di una de-dollarizzazione nel sistema monetario internazionale. Alcuni partecipanti al mercato collegano anche l’aumento della domanda ufficiale di oro negli ultimi anni al desiderio di allontanarsi dal dollaro statunitense come valuta di riserva mondiale. Ma quanto c’è di vero in queste affermazioni?

Analisi delle Riserve Valutarie delle Banche Centrali

Le riserve sono attività detenute da una banca centrale. Spesso includono obbligazioni, depositi, banconote e titoli di stato, ma anche materie prime come l’oro. Molte banche centrali scelgono di detenere riserve in valuta estera per sostenere la fiducia nelle loro politiche monetarie e di cambio. Il Fondo Monetario Internazionale (FMI) sottolinea come le riserve valutarie possano aiutare ad assorbire la pressione sulle valute durante le crisi, fornendo sicurezza ai mercati sulla capacità di un paese di adempiere ai propri obblighi esterni.

I dati del FMI sulla composizione valutaria delle riserve delle banche centrali (COFER) mostrano che la quota del dollaro e delle “Big 4” – dollaro, euro, yen e sterlina – ha raggiunto il picco nel 2001. Dopo la crisi finanziaria globale, la quota del dollaro statunitense è risalita al 65% nel 2015, ma ha poi visto un calo di 7 punti percentuali dal 2015 al 2021.

La Quota del Dollaro è Davvero in Declino?

Una nuova ricerca di Goldberg e Hannaoui mostra che i cambiamenti nella quota del dollaro delle riserve valutarie sono guidati da due forze principali: le preferenze di ciascun paese per la detenzione di attività in dollari e le variazioni nelle quantità di riserve detenute da ciascun paese. Paesi con grandi variazioni nelle loro riserve e con un peso iniziale del dollaro molto diverso dalla media possono avere un grande impatto sulla quota globale delle riserve in dollari.

Utilizzando dati sulle riserve valutarie nazionali e sulla composizione a livello nazionale delle riserve, si può stimare che il calo di 7 punti percentuali nella quota globale delle riserve in dollari statunitensi osservato tra il 2015 e il 2021 è suddiviso in tre parti:

  • preferenze per le attività in dollari: 0,3 punti percentuali;
  • cambiamenti nei portafogli di riserve: 3,8 punti percentuali;
  • preferenze non stimate, dominate dalle riserve di Cina e India: 2,9 punti percentuali

Pochi paesi hanno avuto un grande impatto sulle statistiche aggregate. La Svizzera ha aumentato le sue riserve totali di quasi mezzo bilione di dollari, contribuendo a un calo di quasi 1,8 punti percentuali nella quota del dollaro perché ha accumulato molti euro. La Russia ha aumentato le sue riserve di oltre 150 miliardi di dollari e ha ridotto la sua quota di attività in dollari del 29%, contribuendo a un calo di 1,8 punti percentuali nella quota globale del dollaro.

Fattori Economici e Geopolitici

Le analisi mostrano che i fattori principali che determinano come vengono allocate le riserve valutarie sono ancora quelli tradizionali, come gli ancoraggi valutari, la vicinanza all’area dell’euro e le esposizioni al debito. I rendimenti delle attività sovrane non hanno avuto un impatto significativo sulla quota del dollaro nelle riserve ufficiali, nemmeno nei periodi di bassi tassi di interesse.

I fattori geopolitici influenzano la quota del dollaro soprattutto quando i paesi hanno già abbastanza riserve per soddisfare i loro bisogni di liquidità in valuta estera. In altre parole, quando un paese ha riserve sufficienti, può permettersi di considerare anche aspetti politici e non solo economici nella gestione delle sue riserve.

L’Aumento delle Riserve di Oro

Le banche centrali hanno aumentato notevolmente i loro acquisti di oro dalla crisi finanziaria globale. Nel 2022 hanno acquistato oltre 1.100 tonnellate di oro e nel 2023 sono arrivate ad un livello simile. Sebbene notevoli, questi acquisti di oro hanno implicazioni limitate per le banche centrali. La quota dell’oro nelle riserve aggregate rimane modesta, circa il 10% (o 15% basato sulla valutazione di mercato dell’oro).

aumento riserve oro banche centrali

Le ragioni principali dietro l’aumento della domanda di oro da parte delle banche centrali sono tre:

  • Protezione contro la svalutazione valutaria: l’oro è visto come un bene sicuro che mantiene il suo valore nel tempo, proteggendo così le riserve di un paese.
  • Copertura del rischio: l’oro è considerato un bene rifugio durante periodi di incertezza economica o instabilità finanziaria.
  • Protezione contro le sanzioni: l’oro non è emesso da un governo specifico e quindi non può essere congelato o sequestrato come le valute straniere. Questo lo rende una scelta attraente per i paesi che temono di essere soggetti a sanzioni internazionali, poiché possono mantenere l’accesso alle loro riserve anche in caso di conflitti politici.

La sicurezza dell’oro dalle sanzioni è stata vista come un fattore chiave dietro gli acquisti ufficiali di oro dall’invasione russa dell’Ucraina. I paesi del G7 hanno deciso di congelare le riserve valutarie della banca centrale russa. Non è un caso che i paesi meno allineati geopoliticamente con gli Stati Uniti siano stati i maggiori acquirenti di oro negli ultimi anni. La maggior parte dell’aumento delle detenzioni ufficiali di oro proviene da poche banche centrali, principalmente Cina e Russia, e un gruppo di mercati emergenti come Turchia, India, Kazakistan, Uzbekistan e Thailandia.

Conclusione

La narrativa sulla de-dollarizzazione e il ruolo crescente dell’oro come riserva delle banche centrali generalizzano le azioni di un piccolo gruppo di paesi. Il calo nella quota del dollaro delle riserve non riguarda sempre le preferenze per il dollaro. Le scoperte aggiungono approfondimenti ai messaggi del rapporto 2023 della BCE sul ruolo internazionale dell’euro, mostrando che le dichiarazioni di intenti dei paesi di modificare la composizione valutaria delle loro riserve non sono state accompagnate da cambiamenti materiali nei principali indicatori del ruolo internazionale del dollaro. Questo suggerisce che, nonostante le discussioni sulla de-dollarizzazione, il dollaro rimane ancora la valuta principale nelle riserve valutarie mondiali.

ARTICOLI CORRELATI:

Vertice BRICS: espansione, de-dollarizzazione, moneta comune

De-dollarizzazione: perché il dollaro non perderà presto il suo status?

La Supremazia del Dollaro: Tra Storia e Prospettive Future

Dollaro Forte nel Forex: Strategie Globali di Fronte alla Sua Ascesa

MARCO CASARIO

Gli italiani sono tra i popoli più ignoranti in ambito finanziario.

Non per scelta ma perché nessuno lo ha mai insegnato. Il mio scopo è quello di educare ed informare le persone in ambito economico e finanziario. Perché se non ti preoccupi dell'economia e della finanza, loro si occuperanno di te.

Corsi Gratuiti

Diventare un Trader e un Investitore

© Copyright 2022 - The 10Min Trader BV - KVK: 72735481 - VAT ID: NL854377591B01

Il contenuto di questo sito è solo a scopo informativo, non devi interpretare tali informazioni o altro materiale come consigli legali, fiscali, di investimento, finanziari o di altro tipo. Nulla di quanto contenuto nel nostro sito costituisce una sollecitazione, una raccomandazione, un'approvazione o un'offerta da parte di The 10Min Trader BV  per acquistare o vendere titoli o altri strumenti finanziari in questa o in qualsiasi altra giurisdizione in cui tale sollecitazione o offerta sarebbe illegale ai sensi delle leggi sui titoli di tale giurisdizione.

Tutti i contenuti di questo sito sono informazioni di natura generale e non riguardano le circostanze di un particolare individuo o entità. Nulla di quanto contenuto nel sito costituisce una consulenza professionale e/o finanziaria, né alcuna informazione sul sito costituisce una dichiarazione esaustiva o completa delle questioni discusse o della legge ad esse relativa. The 10Min Trader BV non è un fiduciario in virtù dell'uso o dell'accesso al Sito o al Contenuto da parte di qualsiasi persona. Solo tu ti assumi la responsabilità di valutare i meriti e i rischi associati all'uso di qualsiasi informazione o altro Contenuto del Sito prima di prendere qualsiasi decisione basata su tali informazioni o altri Contenuti. In cambio dell'utilizzo del Sito, accetti di non ritenere The 10Min Trader BV, i suoi affiliati o qualsiasi terzo fornitore di servizi responsabile di eventuali richieste di risarcimento danni derivanti da qualsiasi decisione presa sulla base di informazioni o altri Contenuti messi a tua disposizione attraverso il Sito.

RISCHI DI INVESTIMENTO

Ci sono rischi associati all'investimento in titoli. Investire in azioni, obbligazioni, exchange traded funds, fondi comuni e fondi del mercato monetario comporta il rischio di perdita.  La perdita del capitale è possibile. Alcuni investimenti ad alto rischio possono utilizzare la leva finanziaria, che accentuerà i guadagni e le perdite. Gli investimenti esteri comportano rischi speciali, tra cui una maggiore volatilità e rischi politici, economici e valutari e differenze nei metodi contabili.  La performance passata di un titolo o di un'azienda non è una garanzia o una previsione della performance futura dell'investimento.La totalità dei contenuti presenti nel sito internet è tutelata dal diritto d’autore. Senza previo consenso scritto da parte nostra non è pertanto consentito riprodurre (anche parzialmente), trasmettere (né per via elettronica né in altro modo), modificare, stabilire link o utilizzare il sito internet per qualsivoglia finalità pubblica o commerciale.Qualsiasi controversia riguardante l’utilizzo del sito internet è soggetta al diritto svizzero, che disciplina in maniera esclusiva l’interpretazione, l’applicazione e gli effetti di tutte le condizioni sopra elencate. Il foro di Bellinzona è esclusivamente competente in merito a qualsiasi disputa o contestazione che dovesse sorgere in merito al presente sito internet e al suo utilizzo.
Accedendo e continuando nella lettura dei contenuti di questo sito Web dichiari di aver letto, compreso e accettato le sopracitate informazioni legali.