4 Suggerimenti per Proteggerti da un Crollo del Mercato

In un panorama finanziario alimentato da forti utili e inflazione contenuta, l’indice S&P 500 è salito a nuovi record, attirando gli investitori in preda alla FOMO. Eppure, dietro la facciata si nasconde un avvertimento. L’incredibile aumento del 30% dell’indice nelle ultime 52 settimane deriva da

Scopri

Chi sono gli uomini più ricchi del mondo nel 2024?

Il 2024 sta continuando a vedere l’ascesa dei titani tecnologici, della vendita al dettaglio e del lusso, con un gruppo ristretto di individui che accumula fortune oltre ogni comprensione. La ricchezza complessiva dei 10 individui più ricchi del mondo ammonta a 1,44 bilioni di dollari.

Scopri

Il Glossario dell’Intelligenza Artificiale

Chatbot E’ un software finalizzato alla comunicazione in linguaggio naturale con esseri umani e con il fine di automatizzare particolari compiti o reperire informazioni da banche dati. Questi prodotti possono sostenere conversazioni con le persone su argomenti che vanno dalle curiosità storiche alle ricette alimentari.

Scopri

Bitcoin sopra i 60.000 dollari: flussi record negli ETF Spot

Bitcoin ha superato i 60.000 dollari e si trova ora ad un passo dal suo massimo storico. I guadagni della criptovaluta più grande del mondo hanno alimentato un ampio rally delle crypto. Cosa c’è dietro all’ultima “mania digitale”? Inizierei col dire che adesso è chiaro

Scopri

Vertice BRICS: espansione, de-dollarizzazione, moneta comune

Il Sudafrica sta ospitando il vertice BRICS, che ogni anno riunisce i leader dei mercati emergenti. Il blocco BRICS – Brasile, Russia, India, Cina e Sud Africa – utilizzerà il summit di quest’anno a Johannesburg per avviare il processo di arruolamento di nuovi membri per rafforzare il suo peso globale. La spinta è guidata principalmente dal presidente della Cina Xi Jinping ma è sostenuta anche da Russia e Sud Africa. Al summit si discuterà anche su come accelerare la de-dollarizzazione, in parte aumentando l’uso delle valute locali negli scambi tra i membri.

Le principali potenze dei mercati emergenti si lamentano da anni di essere state messe da parte dalle nazioni ricche. Ora stanno lanciando la sfida più ambiziosa fino ad oggi al dominio occidentale nell’ordine mondiale.

Il blocco non è riuscito a convertire la sua crescente potenza economica in un significativo peso politico da quando ha iniziato a tenere il vertice BRICS 15 anni fa. Ma l’attuale frammentazione dell’ordine mondiale, in mezzo agli attriti tra Stati Uniti e Cina e alle divisioni sull’invasione dell’Ucraina da parte della Russia, dà l’opportunità ai BRICS di sfidare l’egemonia degli Stati Uniti.

L’agenda del vertice BRICS

Espansione

L’espansione dell’attuale gruppo è in cima all’agenda dopo essere stata messa in secondo piano nei precedenti vertici. La spinta della Cina verso una rapida espansione ha dovuto affrontare il rifiuto dell’India, che teme che il gruppo possa diventare un portavoce del suo potente vicino. Anche il Brasile è cauto nell’alienare l’Occidente. Ma l’opposizione si è attenuata e questi paesi ora chiedono che vengano concordate regole e criteri di ammissione.

Il vertice potrebbe vedere la prima espansione del blocco da quando il Sudafrica è stato aggiunto nel 2010. Decine di nazioni si sono schierate per diventare membri. In cima alla lista dei potenziali candidati ci sono l’Indonesia e l’Arabia Saudita, così come gli Emirati Arabi Uniti, l’Algeria e l’Egitto.

Secondo le stime di Bloomberg Economics, un gruppo BRICS più grande rappresenterebbe circa la metà della produzione globale entro il 2040, il doppio della quota del G7.

PIL BRICS dominerà PIL mondiale

I BRICS domineranno il PIL mondiale

De-dollarizzazione

Il blocco ravviverà l’idea di ridurre il predominio del dollaro nei pagamenti, avanzata nei vertici precedenti. Il dibattito è riemerso dopo che gli aumenti dei tassi di interesse statunitensi e l’invasione russa dell’Ucraina hanno fatto impennare il biglietto verde.

de-dollarizzazione

Il dollaro americano è ancora la valuta di riserva dominante

Le proposte che verranno prese in considerazione includono l’aumento dell’uso delle valute nazionali dei membri per il commercio e la creazione di un sistema di pagamenti comune. L’obiettivo di creare una moneta comune è visto come un progetto a lungo termine.

Diversi membri dei BRICS hanno già iniziato a concludere accordi commerciali bilaterali nelle valute locali. L’India ha un accordo con la Malesia per aumentare l’utilizzo della rupia negli affari transfrontalieri. All’inizio di quest’anno Brasile e Cina hanno raggiunto un accordo per regolare gli scambi commerciali nelle rispettive valute locali, mentre India e Russia si sono rivolte al Sud Africa per interconnettere la regolazione dei pagamenti nelle rispettive valute.

Nuova Banca per lo Sviluppo

Negli ultimi cinque anni il commercio tra i paesi BRICS è aumentato del 56%, raggiungendo i 422 miliardi di dollari.

La Nuova Banca per lo Sviluppo, istituita come alternativa al Fondo monetario internazionale e alla Banca mondiale nel 2015, diventerà un canale per i piani di scambio nelle valute locali. Si stima che almeno un terzo dei prestiti sarà in valute locali entro il 2026.

La banca dei BRICS ha prestato solo 32,8 miliardi di dollari in otto anni di attività, una piccola frazione dell’importo che il FMI e la Banca Mondiale hanno erogato nello stesso periodo.

Ucraina

I paesi BRICS sono rimasti per lo più uniti dopo la guerra, con solo il Brasile che ha votato a favore di una risoluzione delle Nazioni Unite che chiedeva la fine del conflitto e il ritiro della Russia. Cina, India e Sud Africa non si sono schierati apertamente dalla parte della Russia nella guerra, ma non sono stati nemmeno disposti ad allearsi con l’Occidente per opporsi ad essa.

Il presidente russo Vladimir Putin parteciperà al vertice BRICS da remoto perché rischia un mandato d’arresto per crimini di guerra da parte della Corte penale internazionale. L’incontro gli darà un’altra opportunità per presentare la sua narrazione sull’invasione dell’Ucraina ai leader del Sud del mondo.

Sicurezza alimentare

La sicurezza alimentare sarà all’ordine del giorno alla luce delle azioni di India e Russia. L’India – che rappresenta il 40% del commercio mondiale di riso – ha aumentato i limiti alle esportazioni per proteggere il suo mercato locale. La Russia ha terminato un accordo per garantire il passaggio sicuro delle esportazioni di grano ucraine.

La divisione tra i membri dei BRICS

Fino ad oggi, le profonde divisioni tra i membri hanno limitato la capacità del blocco di aumentare la propria influenza su istituzioni come il Fondo monetario internazionale, la Banca mondiale e il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite.

Le due nazioni più popolose del mondo sono da anni coinvolte in una disputa sui confini. La scorsa settimana i comandanti dell’esercito hanno concordato di lavorare rapidamente per allentare le divergenze, aprendo la porta a progressi nei negoziati tra Xi e il primo ministro indiano Narendra Modi.

Le economie di Brasile, Sudafrica e Russia hanno tutte sottoperformato, mentre quella cinese sta rallentando. Una misura ponderata per la capitalizzazione di mercato delle azioni dei cinque paesi BRICS è aumentata dell’81% dal 2009, rispetto a un rally del 379% dell’indice S&P 500. Tenendo conto della debolezza delle loro valute durante questo periodo, i loro rendimenti in dollari sono molto peggiori.

ARTICOLI CORRELATI:

De-dollarizzazione: perché il dollaro non perderà presto il suo status?

Caos nel mercato del forex: la forza del dollaro fa parlare di una ripetizione del Plaza Accord

Il rallentamento dell’economia cinese è un problema per tutto il mondo

Deflazione in Cina: perché i prezzi stanno diminuendo?

MARCO CASARIO

Gli italiani sono tra i popoli più ignoranti in ambito finanziario.

Non per scelta ma perché nessuno lo ha mai insegnato. Il mio scopo è quello di educare ed informare le persone in ambito economico e finanziario. Perché se non ti preoccupi dell'economia e della finanza, loro si occuperanno di te.

Corsi Gratuiti

Diventare un Trader e un Investitore

© Copyright 2022 - The 10Min Trader BV - KVK: 72735481 - VAT ID: NL854377591B01

Il contenuto di questo sito è solo a scopo informativo, non devi interpretare tali informazioni o altro materiale come consigli legali, fiscali, di investimento, finanziari o di altro tipo. Nulla di quanto contenuto nel nostro sito costituisce una sollecitazione, una raccomandazione, un'approvazione o un'offerta da parte di The 10Min Trader BV  per acquistare o vendere titoli o altri strumenti finanziari in questa o in qualsiasi altra giurisdizione in cui tale sollecitazione o offerta sarebbe illegale ai sensi delle leggi sui titoli di tale giurisdizione.

Tutti i contenuti di questo sito sono informazioni di natura generale e non riguardano le circostanze di un particolare individuo o entità. Nulla di quanto contenuto nel sito costituisce una consulenza professionale e/o finanziaria, né alcuna informazione sul sito costituisce una dichiarazione esaustiva o completa delle questioni discusse o della legge ad esse relativa. The 10Min Trader BV non è un fiduciario in virtù dell'uso o dell'accesso al Sito o al Contenuto da parte di qualsiasi persona. Solo tu ti assumi la responsabilità di valutare i meriti e i rischi associati all'uso di qualsiasi informazione o altro Contenuto del Sito prima di prendere qualsiasi decisione basata su tali informazioni o altri Contenuti. In cambio dell'utilizzo del Sito, accetti di non ritenere The 10Min Trader BV, i suoi affiliati o qualsiasi terzo fornitore di servizi responsabile di eventuali richieste di risarcimento danni derivanti da qualsiasi decisione presa sulla base di informazioni o altri Contenuti messi a tua disposizione attraverso il Sito.

RISCHI DI INVESTIMENTO

Ci sono rischi associati all'investimento in titoli. Investire in azioni, obbligazioni, exchange traded funds, fondi comuni e fondi del mercato monetario comporta il rischio di perdita.  La perdita del capitale è possibile. Alcuni investimenti ad alto rischio possono utilizzare la leva finanziaria, che accentuerà i guadagni e le perdite. Gli investimenti esteri comportano rischi speciali, tra cui una maggiore volatilità e rischi politici, economici e valutari e differenze nei metodi contabili.  La performance passata di un titolo o di un'azienda non è una garanzia o una previsione della performance futura dell'investimento.La totalità dei contenuti presenti nel sito internet è tutelata dal diritto d’autore. Senza previo consenso scritto da parte nostra non è pertanto consentito riprodurre (anche parzialmente), trasmettere (né per via elettronica né in altro modo), modificare, stabilire link o utilizzare il sito internet per qualsivoglia finalità pubblica o commerciale.Qualsiasi controversia riguardante l’utilizzo del sito internet è soggetta al diritto svizzero, che disciplina in maniera esclusiva l’interpretazione, l’applicazione e gli effetti di tutte le condizioni sopra elencate. Il foro di Bellinzona è esclusivamente competente in merito a qualsiasi disputa o contestazione che dovesse sorgere in merito al presente sito internet e al suo utilizzo.
Accedendo e continuando nella lettura dei contenuti di questo sito Web dichiari di aver letto, compreso e accettato le sopracitate informazioni legali.