Investire nel Mercato del Rame 2024: Tra Realtà e Speculazione

Investire nel mercato del rame sta emergendo come una delle opportunità più interessanti nel 2024. Con un incremento significativo dei prezzi, questo metallo sta attirando l’attenzione di investitori e analisti in tutto il mondo. Questo articolo esplorerà le dinamiche attuali del mercato del rame, mettendo

Scopri

Come Gestire il Rischio Integrando l’IA in un Portafoglio Azionario

La rivoluzione tecnologica porta opportunità e volatilità. Tuttavia, esistono modi per catturare l’innovazione dell’intelligenza artificiale (IA) gestendo contemporaneamente il rischio. Gestire il rischio di un portafoglio che integra l’IA è fondamentale per garantire una crescita sostenibile e proteggere gli investimenti. Le aziende al centro della

Scopri

La Russia termina l’accordo sul grano: rischi e conseguenze

La Russia ha concluso l’accordo sull’esportazione di grano ucraino dopo quasi un anno, aumentando l’incertezza sulle forniture alimentari globali e l’escalation delle tensioni nella regione.

L’accordo, precedentemente prorogato a maggio, cesserà di essere effettivo a partire da oggi, ha affermato in un comunicato il Ministero degli Esteri di Mosca. La Russia aveva ripetutamente minacciato di abbandonare l’accordo, che aveva segnato un raro esempio di cooperazione durante la guerra in Ucraina. La chiusura del corridoio colpirà acquirenti chiave come Cina, Spagna ed Egitto.

La Russia ha citato gli ostacoli alle proprie spedizioni e un pregiudizio verso gli interessi occidentali come motivi per interrompere il patto, sebbene continui ad essere il principale spedizioniere di grano al mondo. La nazione ha detto che sarebbe disposta a riconsiderare l’accordo quando i suoi termini saranno rispettati.

Da tempo Mosca denuncia che la sua parte dell’accordo sia stata disattesa. Tra le richieste russe vi sono la rimozione dell’export di grano e fertilizzanti dalla lista delle sanzioni e la riconnessione al circuito Swift della banca agricola Rosselkhozbank. Questi punti sono contenuti in un memorandum con l’Onu che ha accompagnato la firma dell’accordo.

La mossa mette a repentaglio una rotta commerciale chiave dall’Ucraina, uno dei principali spedizionieri mondiali di cereali e olio vegetale, proprio mentre inizia il suo prossimo raccolto. Arriva anche dopo che lunedì la Russia ha dichiarato che i droni ucraini hanno danneggiato un ponte verso la Crimea.

I futures del grano e del mais hanno inizialmente guadagnato dopo la notizia, per poi scendere. I due prodotti sono le principali materie prime spedite nell’ambito dell’accordo.

Russia termina accordo grano

Le esplosioni sul ponte che collega la Russia alla Crimea

Il Centro nazionale antiterrorismo russo ha affermato che due droni ucraini hanno attaccato il ponte principale della Russia verso la Crimea nelle prime ore di lunedì.

La televisione di Stato ha mostrato che parte della carreggiata aveva ceduto dopo le esplosioni sul ponte di 19 chilometri che collega la Russia alla Crimea attraverso lo stretto di Kerch.

Le esplosioni hanno causato la sospensione dei servizi stradali e ferroviari. I funzionari hanno detto che il trasporto ferroviario è ripreso più tardi lunedì, anche se le strade sono rimaste chiuse quando sono iniziate le operazioni di riparazione.

Le esplosioni sono avvenute poche ore prima che la Russia annunciasse la terminazione dell’accordo sul grano. Il portavoce del Cremlino ha affermato che la decisione non è correlata alle esplosioni.

L’Ucraina non ha rivendicato direttamente il coinvolgimento.

I problemi dell’accordo

L’accordo tra Russia e Ucraina sul grano – mediato dalle Nazioni Unite e dalla Turchia – ha garantito il passaggio sicuro di quasi 33 milioni di tonnellate di raccolti attraverso il Mar Nero da quando è stato firmato nel luglio 2022. Ha aiutato i prezzi mondiali del cibo a scendere dai livelli record raggiunti dopo l’invasione russa dell’Ucraina.

Ma negli ultimi mesi ci sono stati diversi problemi. Nessuna nuova nave è stata approvata per aderire all’accordo sul grano ucraino dalla fine del mese scorso e la Russia aveva bloccato uno dei tre porti aperti. I tempi di ispezione delle navi si sono progressivamente allungati, con meno di un’autorizzazione al giorno nella prima metà di questo mese.

A seguito di ripetute interruzioni, il corridoio di spedizione era quasi vuoto prima della conclusione dell’accordo. Ieri, l’ultima nave con cibo ucraino a cui è stato concesso un passaggio sicuro dall’accordo sul grano del Mar Nero ha lasciato il porto di Odessa.

Le conseguenze del ritiro della Russia dall’accordo sul grano

Il rischio maggiore è a lungo termine, poiché una logistica di esportazione frammentata e costosa potrebbe spingere gli agricoltori ucraini a tagliare ulteriormente i raccolti già in calo sotto il peso della guerra.

Il ritiro della Russia dall’accordo sul grano avrà molteplici implicazioni, secondo il suo ministero degli Esteri. Tra questi la fine delle garanzie per la sicurezza della navigazione, il crollo del corridoio umanitario marittimo e lo scioglimento del Centro di coordinamento congiunto di Istanbul.

La chiusura del corridoio sicuro aumenterà la dipendenza da rotte commerciali alternative attraverso il fiume Danubio e i vicini dell’Unione europea dell’Ucraina, sebbene tali percorsi rimangano costosi e alcuni paesi abbiano respinto l’afflusso.

Alcuni commercianti hanno precedentemente segnalato l’interesse a continuare le spedizioni nel Mar Nero senza l’accordo, anche se ciò richiederebbe l’approvazione militare e governativa, oltre al supporto internazionale. “Anche senza la Federazione Russa bisogna fare di tutto per utilizzare questo corridoio del Mar Nero. Non abbiamo paura”, ha detto lunedì il presidente Volodymyr Zelenskiy durante un’intervista.

“A pagare il prezzo saranno centinaia di milioni di persone che affrontano la fame e i consumatori che stanno affrontando una crisi globale del costo della vita”, ha avvertito il segretario generale dell’Onu Antonio Guterres dopo la conferma del mancato rinnovo del patto da parte della Russia.

ARTICOLI CORRELATI:

La risposta della Russia al price cap del G7

Default Russia: perché non ha scosso i mercati?

L’esclusione della Russia dall’accordo OPEC+

Russia fuori dallo SWIFT: è davvero isolata dal sistema finanziario?

MARCO CASARIO

Gli italiani sono tra i popoli più ignoranti in ambito finanziario.

Non per scelta ma perché nessuno lo ha mai insegnato. Il mio scopo è quello di educare ed informare le persone in ambito economico e finanziario. Perché se non ti preoccupi dell'economia e della finanza, loro si occuperanno di te.

Corsi Gratuiti

Diventare un Trader e un Investitore

© Copyright 2022 - The 10Min Trader BV - KVK: 72735481 - VAT ID: NL854377591B01

Il contenuto di questo sito è solo a scopo informativo, non devi interpretare tali informazioni o altro materiale come consigli legali, fiscali, di investimento, finanziari o di altro tipo. Nulla di quanto contenuto nel nostro sito costituisce una sollecitazione, una raccomandazione, un'approvazione o un'offerta da parte di The 10Min Trader BV  per acquistare o vendere titoli o altri strumenti finanziari in questa o in qualsiasi altra giurisdizione in cui tale sollecitazione o offerta sarebbe illegale ai sensi delle leggi sui titoli di tale giurisdizione.

Tutti i contenuti di questo sito sono informazioni di natura generale e non riguardano le circostanze di un particolare individuo o entità. Nulla di quanto contenuto nel sito costituisce una consulenza professionale e/o finanziaria, né alcuna informazione sul sito costituisce una dichiarazione esaustiva o completa delle questioni discusse o della legge ad esse relativa. The 10Min Trader BV non è un fiduciario in virtù dell'uso o dell'accesso al Sito o al Contenuto da parte di qualsiasi persona. Solo tu ti assumi la responsabilità di valutare i meriti e i rischi associati all'uso di qualsiasi informazione o altro Contenuto del Sito prima di prendere qualsiasi decisione basata su tali informazioni o altri Contenuti. In cambio dell'utilizzo del Sito, accetti di non ritenere The 10Min Trader BV, i suoi affiliati o qualsiasi terzo fornitore di servizi responsabile di eventuali richieste di risarcimento danni derivanti da qualsiasi decisione presa sulla base di informazioni o altri Contenuti messi a tua disposizione attraverso il Sito.

RISCHI DI INVESTIMENTO

Ci sono rischi associati all'investimento in titoli. Investire in azioni, obbligazioni, exchange traded funds, fondi comuni e fondi del mercato monetario comporta il rischio di perdita.  La perdita del capitale è possibile. Alcuni investimenti ad alto rischio possono utilizzare la leva finanziaria, che accentuerà i guadagni e le perdite. Gli investimenti esteri comportano rischi speciali, tra cui una maggiore volatilità e rischi politici, economici e valutari e differenze nei metodi contabili.  La performance passata di un titolo o di un'azienda non è una garanzia o una previsione della performance futura dell'investimento.La totalità dei contenuti presenti nel sito internet è tutelata dal diritto d’autore. Senza previo consenso scritto da parte nostra non è pertanto consentito riprodurre (anche parzialmente), trasmettere (né per via elettronica né in altro modo), modificare, stabilire link o utilizzare il sito internet per qualsivoglia finalità pubblica o commerciale.Qualsiasi controversia riguardante l’utilizzo del sito internet è soggetta al diritto svizzero, che disciplina in maniera esclusiva l’interpretazione, l’applicazione e gli effetti di tutte le condizioni sopra elencate. Il foro di Bellinzona è esclusivamente competente in merito a qualsiasi disputa o contestazione che dovesse sorgere in merito al presente sito internet e al suo utilizzo.
Accedendo e continuando nella lettura dei contenuti di questo sito Web dichiari di aver letto, compreso e accettato le sopracitate informazioni legali.