L’esclusione della Russia dall’accordo OPEC+

Alcuni produttori stanno valutando l’esclusione della Russia dall’accordo di produzione OPEC+. Sebbene non vi fosse alcuna spinta formale a pompare più petrolio per compensare la potenziale carenza russa, alcuni membri del Golfo avevano iniziato a pianificare un aumento della produzione nei prossimi mesi.

La sospensione della Russia dagli accordi dell’OPEC+ potrebbe spingere l’Arabia Saudita e gli Emirati Arabi Uniti ad utilizzare la loro capacità di produzione inutilizzata. Questo perché riterrebbero di non avere più un accordo sulle quote di produzione che deve riconoscere l’interesse della Russia.

L’OPEC+ ha annullato i tagli record alla produzione in atto dall’inizio della pandemia. In base a un accordo raggiunto nel luglio dello scorso anno, il gruppo avrebbe dovuto aumentare gli obiettivi di produzione di 432.000 barili al giorno ogni mese fino alla fine di settembre. Tuttavia, la produzione di greggio russo ad aprile è scesa di quasi il 9% rispetto al mese precedente.

La reazione del petrolio

Nonostante l’inversione di direzione tardiva nella sessione, entrambi i benchmark del petrolio hanno chiuso maggio in rialzo, segnando il sesto mese consecutivo di guadagni. Il premio dei future sul Brent di agosto ha raggiunto il massimo in nove settimane a quasi $ 15 al barile, indicando l’attuale mancanza di offerta.

I prezzi sono stati supportati per la maggior parte della sessione, dopo che l’Unione Europea ha accettato un divieto parziale e graduale del petrolio russo. Inoltre, la Cina ha deciso di revocare alcune restrizioni COVID-19 e la stagione di guida estiva negli Stati Uniti è iniziata.

La produzione di greggio statunitense è aumentata a marzo di oltre il 3% a 11,7 milioni di barili al giorno, il più alto da novembre, secondo il governo. Tuttavia, la produzione è stata lenta a riprendersi dall’impatto della pandemia di coronavirus ed è ancora molto al di sotto del suo record di 12,3 milioni di barili al giorno nel 2019.

Le possibili conseguenze dell’esclusione della Russia dall’accordo dell’OPEC+

La sospensione della Russia dagli accordi dell’OPEC+ avrebbe importanti ramificazioni per l’offerta globale di petrolio. La Russia è uno dei primi tre produttori di greggio al mondo, insieme all’Arabia Saudita e agli Stati Uniti, ma sta lottando per mantenere la produzione e le esportazioni di fronte alle crescenti sanzioni.

L’esclusione della Russia dall’accordo sulle quote di fornitura mensili dell’OPEC+ potrebbe dare ad altri membri, in particolare Arabia Saudita ed Emirati Arabi Uniti, la possibilità di pompare più petrolio per arginare l’impennata dei prezzi.

Se l’OPEC dovesse sopperire al deficit della Russia, i prezzi del petrolio scenderanno ulteriormente. Se invece dovesse mantenere i livelli attuali di produzione, è probabile che i prezzi continueranno ad aumentare. Data la performance del cartello negli ultimi mesi, rimane difficile vedere aumentare significativamente le produzione. L’Arabia Saudita e gli Emirati Arabi Uniti non hanno risposto all’ambiente dei prezzi più alti dell’ultimo anno.

La compressione dell’offerta sui prodotti raffinati

La compressione dell’offerta sui prodotti raffinati a livello globale non mostra segni di allentamento. I prezzi al dettaglio della benzina negli Stati Uniti hanno toccato un nuovo record a $ 4,622 al gallone, in aumento da $ 4,178 al gallone un mese fa e oltre il 50% in più rispetto all’anno scorso.

Allo stesso tempo, anche i futures sulla benzina si sono attestati a un record di $ 4,08 al gallone alla scadenza del contratto di giugno, superando il picco precedente stabilito all’inizio di maggio. Nonostante l’impennata dei prezzi, la domanda di benzina è aumentata dall’inizio di aprile.

ARTICOLI CORRELATI:

L’accordo UE sull’embargo del petrolio russo

Il rilascio delle riserve di petrolio non limiterà i rischi al rialzo

Caro carburante: la crisi del Diesel

MARCO CASARIO

Gli italiani sono tra i popoli più ignoranti in ambito finanziario. Non per scelta ma perché nessuno lo ha mai insegnato. Il mio scopo è quello di educare ed informare le persone in ambito economico e finanziario. Perché se non ti preoccupi dell'economia e della finanza, loro si occuperanno di te.

Corsi Gratuiti

Diventare un Trader e un Investitore

© Copyright 2022 - The 10Min Trader BV - KVK: 72735481 - VAT ID: NL854377591B01

Il contenuto di questo sito è solo a scopo informativo, non devi interpretare tali informazioni o altro materiale come consigli legali, fiscali, di investimento, finanziari o di altro tipo. Nulla di quanto contenuto nel nostro sito costituisce una sollecitazione, una raccomandazione, un'approvazione o un'offerta da parte di The 10Min Trader BV  per acquistare o vendere titoli o altri strumenti finanziari in questa o in qualsiasi altra giurisdizione in cui tale sollecitazione o offerta sarebbe illegale ai sensi delle leggi sui titoli di tale giurisdizione. Tutti i contenuti di questo sito sono informazioni di natura generale e non riguardano le circostanze di un particolare individuo o entità. Nulla di quanto contenuto nel sito costituisce una consulenza professionale e/o finanziaria, né alcuna informazione sul sito costituisce una dichiarazione esaustiva o completa delle questioni discusse o della legge ad esse relativa. The 10Min Trader BV non è un fiduciario in virtù dell'uso o dell'accesso al Sito o al Contenuto da parte di qualsiasi persona. Solo tu ti assumi la responsabilità di valutare i meriti e i rischi associati all'uso di qualsiasi informazione o altro Contenuto del Sito prima di prendere qualsiasi decisione basata su tali informazioni o altri Contenuti. In cambio dell'utilizzo del Sito, accetti di non ritenere The 10Min Trader BV, i suoi affiliati o qualsiasi terzo fornitore di servizi responsabile di eventuali richieste di risarcimento danni derivanti da qualsiasi decisione presa sulla base di informazioni o altri Contenuti messi a tua disposizione attraverso il Sito.
RISCHI DI INVESTIMENTO
Ci sono rischi associati all'investimento in titoli. Investire in azioni, obbligazioni, exchange traded funds, fondi comuni e fondi del mercato monetario comporta il rischio di perdita.  La perdita del capitale è possibile. Alcuni investimenti ad alto rischio possono utilizzare la leva finanziaria, che accentuerà i guadagni e le perdite. Gli investimenti esteri comportano rischi speciali, tra cui una maggiore volatilità e rischi politici, economici e valutari e differenze nei metodi contabili.  La performance passata di un titolo o di un'azienda non è una garanzia o una previsione della performance futura dell'investimento.La totalità dei contenuti presenti nel sito internet è tutelata dal diritto d’autore. Senza previo consenso scritto da parte nostra non è pertanto consentito riprodurre (anche parzialmente), trasmettere (né per via elettronica né in altro modo), modificare, stabilire link o utilizzare il sito internet per qualsivoglia finalità pubblica o commerciale.Qualsiasi controversia riguardante l’utilizzo del sito internet è soggetta al diritto svizzero, che disciplina in maniera esclusiva l’interpretazione, l’applicazione e gli effetti di tutte le condizioni sopra elencate. Il foro di Bellinzona è esclusivamente competente in merito a qualsiasi disputa o contestazione che dovesse sorgere in merito al presente sito internet e al suo utilizzo.
Accedendo e continuando nella lettura dei contenuti di questo sito Web dichiari di aver letto, compreso e accettato le sopracitate informazioni legali.
Cookie Policy