Default Russia: perché non ha scosso i mercati?

Lunedì mattina è arrivata la notizia del default della Russia, che ha riempito le headline dei giornali. Domenica è scaduto il periodo di grazia di 30 giorni per 100 milioni di euro di pagamenti di interessi su due obbligazioni, una denominata in dollari, l’altra in euro. La notizia però non è riuscita a scuotere seriamente i mercati globali. Vediamo perché!

Il default della Russia nel ’98

Nel 1998 la Russia andò in default su quasi 40 miliardi di dollari di debito locale e dichiarò una moratoria sul debito estero. Aveva pochi mesi prima della scadenza dell’Eurobond successivo, nel novembre dello stesso anno, e finse di aver pagato, quando sappiamo tutti che non lo fece. Prova a dire agli investitori che hanno perso i loro soldi nel 1998 che la Federazione Russa non è andata in default nel ’98.

Il default di oggi

Secondo le autorità russe, il caso odierno si tratta solo di un default tecnico. La Russia può pagare e pagherà, ma il Tesoro degli Stati Uniti glielo sta impedendo. Fatto sta che gli investitori non hanno ricevuto i soldi che li spettano.

Questo è importante perché per la Russia pagare i suoi obblighi internazionali è una questione di orgoglio nazionale e credibilità. Nel 2000, subito dopo l’insediamento di Putin, il mercato si aspettava una ristrutturazione del London Club. Con sorpresa di tutti, Putin respinse l’accordo e affermò che una potenza sovrana come la Russia, non aveva bisogno di salvataggi dall’Occidente.

L’impatto sui mercati

Il default della Russia sembra non aver avuto un grande impatto sui mercati, in quanto era già stato prezzato. Gli eurobond sovrani russi a più lunga scadenza, scambiati a 130 centesimi prima della guerra, erano già crollati a 20-30 centesimi, a livelli di default.

In effetti, è probabile che i russi siano già stati inadempienti su alcuni strumenti denominati in rubli dovuti a stranieri nelle settimane successive all’invasione, anche se le agenzie di rating non sono state in grado di definirlo un default.

Tuttavia, il default è importante in quanto avrà un impatto sulle valutazioni, sull’accesso al mercato e sui costi di finanziamento della Russia negli anni a venire. La Russia sarà in grado di uscire dall’insolvenza solo quando il Tesoro degli Stati Uniti darà agli obbligazionisti il ​​via libera per negoziare i termini con i creditori.

Ciò potrebbe richiedere anni, anche ipotizzando una sorta di cessate il fuoco. Quindi la Russia avrà un accesso limitato ai finanziamenti esteri e pagherà oneri finanziari più elevati.

Prestiti inferiori portano a investimenti inferiori, che si riflettono a loro volta sulla crescita economica e sugli standard di vita. Nel frattempo, Putin lotterà per finanziare una ricostruzione militare, dato il suo desiderio di mantenere una sorta di parità con la NATO. Ciò significa che il regime dovrà dirottare tutte le risorse dal consumo agli investimenti militari.

I flussi del petrolio e la forza del rublo

Attualmente il bisogno della Russia di raccogliere fondi sui mercati è limitato grazie agli ingenti proventi delle esportazioni di petrolio e gas, che li hanno fatto incassare quasi 100 miliardi di dollari nei primi 100 giorni di guerra.

Nonostante il ban degli Stati Uniti e la lentezza dell’Europa a liberarsi dalla sua dipendenza dai flussi russi, Putin ha avuto il tempo di trovare altri mercati. La Cina e l’India sono grandi importatori di energia e attualmente stanno comprando petrolio russo ad un prezzo discount.

default Russia: importazioni di petrolio russo da Cina e India
Le importazioni di petrolio russo della Cina e dell’India sono aumentate a seguito del conflitto

Ciò significa che il denaro sta sgorgando nei conti della Russia. Le entrate delle sole esportazioni di petrolio sono aumentate del 50% rispetto all’anno scorso.

default Russia: le esportazioni di petrolio della Russia

L’avanzo delle partite correnti, la misura più ampia degli scambi di beni e servizi, è più che triplicato nei primi quattro mesi dell’anno a quasi 96 miliardi di dollari, la misura più alta dal 1994.

L'avanzo delle partite correnti della Russia

Ecco una delle motivazioni per cui il rublo si trova al massimo degli ultimi 7 anni nei confronti del dollaro.

default della Russia: la forza del rublo russo
ARTICOLI CORRELATI:

L’accordo UE sull’embargo del petrolio russo

La Russia è vicina al default

Russia fuori dallo SWIFT: è davvero isolata dal sistema finanziario?

MARCO CASARIO

Gli italiani sono tra i popoli più ignoranti in ambito finanziario.

Non per scelta ma perché nessuno lo ha mai insegnato. Il mio scopo è quello di educare ed informare le persone in ambito economico e finanziario. Perché se non ti preoccupi dell'economia e della finanza, loro si occuperanno di te.

Corsi Gratuiti

Diventare un Trader e un Investitore

© Copyright 2022 - The 10Min Trader BV - KVK: 72735481 - VAT ID: NL854377591B01

Il contenuto di questo sito è solo a scopo informativo, non devi interpretare tali informazioni o altro materiale come consigli legali, fiscali, di investimento, finanziari o di altro tipo. Nulla di quanto contenuto nel nostro sito costituisce una sollecitazione, una raccomandazione, un'approvazione o un'offerta da parte di The 10Min Trader BV  per acquistare o vendere titoli o altri strumenti finanziari in questa o in qualsiasi altra giurisdizione in cui tale sollecitazione o offerta sarebbe illegale ai sensi delle leggi sui titoli di tale giurisdizione.

Tutti i contenuti di questo sito sono informazioni di natura generale e non riguardano le circostanze di un particolare individuo o entità. Nulla di quanto contenuto nel sito costituisce una consulenza professionale e/o finanziaria, né alcuna informazione sul sito costituisce una dichiarazione esaustiva o completa delle questioni discusse o della legge ad esse relativa. The 10Min Trader BV non è un fiduciario in virtù dell'uso o dell'accesso al Sito o al Contenuto da parte di qualsiasi persona. Solo tu ti assumi la responsabilità di valutare i meriti e i rischi associati all'uso di qualsiasi informazione o altro Contenuto del Sito prima di prendere qualsiasi decisione basata su tali informazioni o altri Contenuti. In cambio dell'utilizzo del Sito, accetti di non ritenere The 10Min Trader BV, i suoi affiliati o qualsiasi terzo fornitore di servizi responsabile di eventuali richieste di risarcimento danni derivanti da qualsiasi decisione presa sulla base di informazioni o altri Contenuti messi a tua disposizione attraverso il Sito.

RISCHI DI INVESTIMENTO

Ci sono rischi associati all'investimento in titoli. Investire in azioni, obbligazioni, exchange traded funds, fondi comuni e fondi del mercato monetario comporta il rischio di perdita.  La perdita del capitale è possibile. Alcuni investimenti ad alto rischio possono utilizzare la leva finanziaria, che accentuerà i guadagni e le perdite. Gli investimenti esteri comportano rischi speciali, tra cui una maggiore volatilità e rischi politici, economici e valutari e differenze nei metodi contabili.  La performance passata di un titolo o di un'azienda non è una garanzia o una previsione della performance futura dell'investimento.La totalità dei contenuti presenti nel sito internet è tutelata dal diritto d’autore. Senza previo consenso scritto da parte nostra non è pertanto consentito riprodurre (anche parzialmente), trasmettere (né per via elettronica né in altro modo), modificare, stabilire link o utilizzare il sito internet per qualsivoglia finalità pubblica o commerciale.Qualsiasi controversia riguardante l’utilizzo del sito internet è soggetta al diritto svizzero, che disciplina in maniera esclusiva l’interpretazione, l’applicazione e gli effetti di tutte le condizioni sopra elencate. Il foro di Bellinzona è esclusivamente competente in merito a qualsiasi disputa o contestazione che dovesse sorgere in merito al presente sito internet e al suo utilizzo.
Accedendo e continuando nella lettura dei contenuti di questo sito Web dichiari di aver letto, compreso e accettato le sopracitate informazioni legali.