Fare trading in un mercato ribassista

Gli investitori trascorrono la maggior parte del loro tempo giocando in modo offensivo nei mercati rialzisti. In altre parole, selezionano settori, titoli o classi di attività che ritengono possano battere il mercato.
Fare trading durante un mercato ribassista può voler dire giocare in difesa per proteggere la propria ricchezza. Non solo un tale approccio limita le perdite, ma lascia liquidità per approfittare di valutazioni azionarie più ragionevoli.

I mercati ribassisti sono rari ma devastanti per la tua ricchezza a meno che tu non abbia strategie ribassiste o difensive.
Alcuni investitori non reagiscono ai mercati ribassisti e impiegano anni per recuperare le perdite. Altri si fanno prendere dal panico bloccando le loro perdite quando i mercati hanno perso parte del loro valore.

I vantaggi di aggirare i mercati ribassisti

Il grafico sottostante traccia l’S&P 500 negli ultimi 30 anni. Le sezioni rosse rappresentano anni in cui l’S&P ha avuto un rendimento negativo. Come mostra il grafico, negli ultimi 30 anni ci sono stati solo due mercati ribassisti prolungati.

Nel periodo considerato, solo 4,5 anni sono stati spesi al ribasso. Tuttavia, gli investitori hanno trascorso più di un terzo del periodo per riprendersi dalle perdite. Le linee tratteggiate mostrano che ci sono voluti sei anni dopo la bolla di internet e cinque anni dopo la crisi finanziaria per raggiungere i massimi precedenti.

fare trading in un mercato ribassista
I drawdown dell’S&P 500 negli ultimi 30 anni

Mercato ribassista vs. mercato rialzista

I mercati ribassisti tendono ad essere di breve durata, ma sono carichi di movimenti al rialzo (bear market rally) e al ribasso. I mercati rialzisti durano molto più a lungo e offrono livelli di volatilità inferiori. Dal 1990, la volatilità realizzata media per l’S&P 500 è stata del 14,7%. Durante i due mercati ribassisti del 2000 e del 2008, la media è stata pari al 23,9%. Nei restanti periodi ha raggiunto una media del 13,2%.

Gli istogrammi sottostanti mostrano i profili di volatilità realizzati dei mercati rialzisti e ribassisti dal 1990. Tre quarti delle letture giornaliere di volatilità realizzate in un mercato rialzista sono del 16% o meno. Il 70% delle letture di volatilità realizzate in un mercato ribassista sono pari o superiori al 16%. Quasi un terzo delle letture di un mercato ribassista è superiore al 28%.

fare trading in un mercato ribassista
La distribuzione della volatilità realizzata durante i mercati ribassisti e quelli rialzisti

Il mercato ribassista dal 2000 al 2003

La maggior parte del ribasso tra il 2000 e il 2003 si è verificato in tre blocchi. Il primo calo ha visto il mercato perdere il 26% in otto mesi. La seconda vendita ha avuto una perdita simile ma nella metà del tempo. Anche il terzo e ultimo calo è stato simile in termini percentuali, ma si è verificato nella metà del tempo del secondo.

Altrettanto importante, nel triennio si sono registrati dei rialzi significativi. Dopo il primo calo, l’S&P 500 ha guadagnato il 14% in poco più di un mese. Il secondo calo è stato seguito da un rally del 26% in due mesi e mezzo. Questi rialzi del mercato ribassista hanno offerto un senso di sollievo agli investitori che speravano che la fase ribassista fosse finita. I rally si sono rivelati fatali per il “buy the dip”. Nei mercati ribassisti è meglio vendere i rialzi (“sell the rip”).

fare trading in un mercato ribassista
I ribassi del mercato tra il 2000 e il 2003

Il mercato ribassista del 2008

Il calo relativo alla crisi finanziaria globale è avvenuto in quattro mosse significative ma rapide. Anche in questo caso, ogni spostamento al ribasso è avvenuto in periodi successivamente più brevi. La terza gamba al ribasso è stata più estesa rispetto a quella precedente. A differenza del 2000-2003, i rialzi non sono stati impressionanti.

fare trading in un mercato ribassista
Il mercato ribassista durante la crisi finanziaria del 2008

Fare trading in un mercato ribassista

Fare trading in un mercato ribassista è frustrante. L’alta volatilità e le emozioni complicano le cose. Come già detto, i ribassi si verificano in periodi brevi e volatili che tendono a ridursi di durata man mano che il mercato ribassista continua. Tale attività è logica, poiché la transizione iniziale da un mercato rialzista ad uno ribassista si verifica spesso quando gli investitori sono ottimisti e non hanno paura. Coloro che non sospettano di ciò che sta arrivando forniscono un’offerta costante in tali circostanze, pensando di acquistare azioni con uno sconto.

Una volta che un mercato ribassista si stabilisce, gli investitori rialzisti tendono a diventare meno zelanti. Si leccano le ferite, diventano più paurosi e non sono così veloci a comprare le discese. Pertanto, i successivi ribassi si verificano in tempi più brevi.

I rally del mercato ribassista possono essere intensi. L’elevata volatilità dei movimenti rende difficile gestire le emozioni.

Tu saresti pronto ad affrontare un mercato del genere?

MARCO CASARIO

Gli italiani sono tra i popoli più ignoranti in ambito finanziario.

Non per scelta ma perché nessuno lo ha mai insegnato. Il mio scopo è quello di educare ed informare le persone in ambito economico e finanziario. Perché se non ti preoccupi dell'economia e della finanza, loro si occuperanno di te.

Corsi Gratuiti

Diventare un Trader e un Investitore

© Copyright 2022 - The 10Min Trader BV - KVK: 72735481 - VAT ID: NL854377591B01

Il contenuto di questo sito è solo a scopo informativo, non devi interpretare tali informazioni o altro materiale come consigli legali, fiscali, di investimento, finanziari o di altro tipo. Nulla di quanto contenuto nel nostro sito costituisce una sollecitazione, una raccomandazione, un'approvazione o un'offerta da parte di The 10Min Trader BV  per acquistare o vendere titoli o altri strumenti finanziari in questa o in qualsiasi altra giurisdizione in cui tale sollecitazione o offerta sarebbe illegale ai sensi delle leggi sui titoli di tale giurisdizione.

Tutti i contenuti di questo sito sono informazioni di natura generale e non riguardano le circostanze di un particolare individuo o entità. Nulla di quanto contenuto nel sito costituisce una consulenza professionale e/o finanziaria, né alcuna informazione sul sito costituisce una dichiarazione esaustiva o completa delle questioni discusse o della legge ad esse relativa. The 10Min Trader BV non è un fiduciario in virtù dell'uso o dell'accesso al Sito o al Contenuto da parte di qualsiasi persona. Solo tu ti assumi la responsabilità di valutare i meriti e i rischi associati all'uso di qualsiasi informazione o altro Contenuto del Sito prima di prendere qualsiasi decisione basata su tali informazioni o altri Contenuti. In cambio dell'utilizzo del Sito, accetti di non ritenere The 10Min Trader BV, i suoi affiliati o qualsiasi terzo fornitore di servizi responsabile di eventuali richieste di risarcimento danni derivanti da qualsiasi decisione presa sulla base di informazioni o altri Contenuti messi a tua disposizione attraverso il Sito.

RISCHI DI INVESTIMENTO

Ci sono rischi associati all'investimento in titoli. Investire in azioni, obbligazioni, exchange traded funds, fondi comuni e fondi del mercato monetario comporta il rischio di perdita.  La perdita del capitale è possibile. Alcuni investimenti ad alto rischio possono utilizzare la leva finanziaria, che accentuerà i guadagni e le perdite. Gli investimenti esteri comportano rischi speciali, tra cui una maggiore volatilità e rischi politici, economici e valutari e differenze nei metodi contabili.  La performance passata di un titolo o di un'azienda non è una garanzia o una previsione della performance futura dell'investimento.La totalità dei contenuti presenti nel sito internet è tutelata dal diritto d’autore. Senza previo consenso scritto da parte nostra non è pertanto consentito riprodurre (anche parzialmente), trasmettere (né per via elettronica né in altro modo), modificare, stabilire link o utilizzare il sito internet per qualsivoglia finalità pubblica o commerciale.Qualsiasi controversia riguardante l’utilizzo del sito internet è soggetta al diritto svizzero, che disciplina in maniera esclusiva l’interpretazione, l’applicazione e gli effetti di tutte le condizioni sopra elencate. Il foro di Bellinzona è esclusivamente competente in merito a qualsiasi disputa o contestazione che dovesse sorgere in merito al presente sito internet e al suo utilizzo.
Accedendo e continuando nella lettura dei contenuti di questo sito Web dichiari di aver letto, compreso e accettato le sopracitate informazioni legali.

Cookie Policy