Investire nel Nucleare: Il Futuro dell’Energia per Data Center e IA

Negli ultimi anni, abbiamo assistito a un aumento vertiginoso del consumo di elettricità, spinto dall’espansione dei data center, delle criptovalute e delle tecnologie di intelligenza artificiale (IA). Immagina un futuro dove la richiesta di energia continua a crescere a un ritmo senza precedenti, e dove

Scopri

Investimenti in AI: Opportunità d’Oro o Trappola Finanziaria?

Negli ultimi anni, l’intelligenza artificiale (AI) ha vissuto una crescita esponenziale, sia in termini di sviluppo tecnologico che di investimenti, offrendo opportunità senza precedenti ma anche significativi rischi. In questo articolo, esploreremo le tendenze attuali, le applicazioni più promettenti e le preoccupazioni degli investitori, fornendo

Scopri

Powell Mette in Guardia sui Rischi del Mercato del Lavoro

Il presidente della Federal Reserve, Jerome Powell, ha recentemente lanciato un avvertimento sui rischi del mercato del lavoro, sottolineando che l’inflazione non è l’unico pericolo per l’economia. Durante le sue dichiarazioni al Congresso, Powell ha evidenziato come il raffreddamento del mercato del lavoro e l’incertezza

Scopri

L’Impatto del Fallimento di Mt. Gox sul Prezzo di Bitcoin

Negli ultimi giorni, Bitcoin ha subito una flessione, alimentata dai timori di possibili vendite da parte dei creditori dell’exchange fallito Mt. Gox. Questo ha generato dubbi sulla tenuta del mercato rialzista delle criptovalute iniziato l’anno scorso. Ma cosa sta succedendo esattamente e perché il fallimento

Scopri

La Fed Mantiene i Tassi: Cosa Significa per Investitori e Mercati

La Federal Reserve ha deciso di mantenere i tassi di interesse stabili, deludendo le aspettative di Wall Street che sperava in un approccio più aggressivo alla riduzione dei costi di finanziamento. Questo articolo esplorerà cosa significa questa decisione per gli investitori, i mercati e l’economia in generale. Approfondiremo anche le proiezioni della Fed per il 2024 e oltre, e come i principali attori di mercato stanno interpretando queste mosse.

La Decisione della Fed

Mercoledì, la Fed ha annunciato che manterrà i tassi di interesse invariati, con solo un taglio previsto nel 2024. I trader speravano in almeno due tagli entro la fine dell’anno. Il presidente della Fed, Jerome Powell, ha sottolineato che sebbene ci siano stati progressi modesti verso l’obiettivo di inflazione del 2%, è necessario vedere più dati positivi per confermare che l’inflazione sta scendendo in modo sostenibile.

Questa riunione della Fed non ha portato grandi sorprese. I funzionari sono consapevoli che le condizioni stanno migliorando, ma non hanno bisogno di affrettare i tagli dei tassi. L’economia forte permette alla Fed di ridurre l’inflazione senza danneggiare l’occupazione.

Le Proiezioni della Fed

Le proiezioni della Fed indicano un solo taglio dei tassi nel 2024 e quattro nel 2025. Questo approccio prudente è stato influenzato dai dati recenti sull’inflazione e sull’occupazione. I dati sull’indice dei prezzi al consumo (CPI) di mercoledì mattina hanno mostrato una riduzione dell’inflazione per il secondo mese consecutivo, ma non abbastanza per convincere la Fed a cambiare immediatamente rotta.

inflazione USA maggio 2024

Powell ha dichiarato: “Abbiamo visto un progresso modesto verso il nostro obiettivo di inflazione. Avremo bisogno di vedere più dati buoni per rafforzare la nostra fiducia che l’inflazione si stia muovendo in modo sostenibile verso il 2%.”

Oltre ai tassi di interesse, la Fed ha rilasciato proiezioni economiche che indicano le aspettative per la crescita del PIL, l’inflazione e la disoccupazione nei prossimi anni. Queste proiezioni sono cruciali per comprendere la direzione futura della politica monetaria e le sue implicazioni su economia e mercati.

Crescita del PIL

La Fed prevede una crescita moderata del PIL nei prossimi anni, con un tasso di crescita atteso intorno al 2% nel 2024, seguito da una leggera accelerazione al 2.2% nel 2025 e al 2.4% nel 2026. Questa previsione riflette un’aspettativa di stabilità economica, nonostante le incertezze globali e domestiche. La crescita del PIL sarà sostenuta da un mercato del lavoro solido e da un consumo privato resiliente.

Inflazione

L’inflazione è prevista rimanere un tema centrale per la Fed. Per il 2024, l’inflazione è stimata al 2.5%, in leggero calo rispetto al 3% attuale, seguita da un ulteriore calo al 2.3% nel 2025 e al 2.2% nel 2026. Queste proiezioni suggeriscono che la Fed ritiene di essere sulla buona strada per raggiungere il suo obiettivo di inflazione del 2%, ma rimane cauta data la variabilità dei dati economici.

Disoccupazione

Il tasso di disoccupazione è previsto rimanere stabile nei prossimi anni, con una lieve diminuzione dal 4.2% previsto nel 2024 al 4.0% nel 2025 e al 3.8% nel 2026. Questi numeri indicano una fiducia nella forza del mercato del lavoro, nonostante le sfide economiche. Un mercato del lavoro robusto è visto come un pilastro fondamentale per sostenere la crescita economica e contenere l’inflazione.

La Reazione dei Mercati

Nonostante la posizione cauta della Fed, il mercato azionario ha continuato a salire, con l’S&P 500 che ha raggiunto un nuovo massimo storico di 5.400 punti. I guadagni sono stati alimentati dalle grandi aziende tecnologiche e da risultati impressionanti di aziende come Oracle, che ha visto un incremento del 13% grazie agli earnings positivi.

I rendimenti dei titoli del Tesoro hanno ridotto il loro calo dopo la decisione della Fed. I futures sui tassi della Fed indicano ancora tagli dei tassi sia a novembre che a dicembre. Questo movimento nei mercati obbligazionari suggerisce che gli investitori stanno ancora scommettendo su un allentamento della politica monetaria entro la fine dell’anno, nonostante le dichiarazioni della Fed.

tagli tassi Fed scontati dal mercato

Il dollaro ha subito una leggera flessione rispetto a tutte le altre valute dei paesi sviluppati. Questo riflette la percezione che, nonostante la posizione prudente della Fed, ci siano ancora aspettative di tagli dei tassi che potrebbero indebolire il dollaro in futuro.

Cosa Dicono gli Esperti?

Guardando al futuro, ci sono diverse opinioni su quando la Fed potrebbe iniziare a tagliare i tassi. Michael Gapen di Bank of America prevede il primo taglio a dicembre, con un ciclo di allentamento graduale che terminerà con un tasso terminale del 3,50-3,75%. Altri, come Krishna Guha di Evercore, ritengono che la Fed possa essere aperta a un taglio già a settembre se i dati sull’inflazione continueranno a migliorare.

Michael Feroli di JPMorgan Chase & Co. ha affermato: “Continuiamo a prevedere un primo allentamento a novembre, e dopo i dati di questa mattina, forse vediamo i rischi inclinati un po’ più verso settembre che dicembre.”

Marvin Loh, senior macro strategist di State Street Global Markets, ha osservato: “La Fed sembra sempre più divisa su come evolverà l’economia, il che è mostrato nella visione quasi equamente divisa su dove finiranno i tassi quest’anno. Guardando al 2025 e al 2026, tuttavia, il dot plot suggerisce che una volta iniziati i tagli, i funzionari saranno sempre più a loro agio a muoversi verso la normalizzazione più rapidamente.”

dot plot fed giugno 2024

La Visione a Lungo Termine

Le proiezioni della Fed per il 2025 e il 2026 indicano un ritorno a una politica monetaria più normalizzata. Questo suggerisce che, una volta avviati i tagli dei tassi, la Fed si sentirà sempre più a suo agio nel ridurre ulteriormente i tassi di interesse. Questo approccio potrebbe offrire un ambiente più stabile per gli investitori a lungo termine, riducendo l’incertezza e permettendo una pianificazione finanziaria più efficace.

Gli investitori dovranno rimanere vigili e pronti a reagire ai dati economici futuri. Come ha notato Powell, i prossimi dati sull’inflazione e sull’occupazione saranno cruciali per determinare il percorso della politica monetaria. Gli investitori dovrebbero monitorare attentamente questi indicatori e considerare strategie di investimento flessibili per adattarsi a possibili cambiamenti nel contesto economico.

Conclusione

È chiaro che la Fed vuole davvero tagliare i tassi almeno una volta quest’anno. I trader continuano a sperare in almeno due tagli dei tassi entro la fine del 2024. Probabilmente i funzionari vorranno vedere almeno tre o quattro mesi di inflazione più bassa per essere sicuri che sia sulla buona strada per arrivare al target del 2%. Lo scenario peggiore per la Fed sarebbe se tagliasse i tassi e poi l’inflazione risalisse.

La decisione della Fed di mantenere i tassi stabili ha dato ai mercati e agli investitori molto su cui riflettere. Sebbene ci siano segnali di progressi verso l’obiettivo di inflazione, la prudenza della Fed riflette le incertezze ancora presenti nell’economia. Per gli investitori, questo significa continuare a monitorare attentamente i dati economici e le dichiarazioni della Fed per cogliere eventuali cambiamenti nella politica monetaria.

ARTICOLI CORRELATI:

Tagli dei Tassi: la BCE anticipa la Fed nel Ciclo di Allentamento

Quando l’Inflazione Tornerà al Target del 2%? La Risposta della Fed di Cleveland

Indizi dalla riunione della Fed di marzo: tagli dei tassi previsti e riequilibrio del bilancio

Condizioni Finanziarie e Credito: il Dilemma della Fed

MARCO CASARIO

Gli italiani sono tra i popoli più ignoranti in ambito finanziario.

Non per scelta ma perché nessuno lo ha mai insegnato. Il mio scopo è quello di educare ed informare le persone in ambito economico e finanziario. Perché se non ti preoccupi dell'economia e della finanza, loro si occuperanno di te.

Corsi Gratuiti

Diventare un Trader e un Investitore

© Copyright 2022 - The 10Min Trader BV - KVK: 72735481 - VAT ID: NL854377591B01

Il contenuto di questo sito è solo a scopo informativo, non devi interpretare tali informazioni o altro materiale come consigli legali, fiscali, di investimento, finanziari o di altro tipo. Nulla di quanto contenuto nel nostro sito costituisce una sollecitazione, una raccomandazione, un'approvazione o un'offerta da parte di The 10Min Trader BV  per acquistare o vendere titoli o altri strumenti finanziari in questa o in qualsiasi altra giurisdizione in cui tale sollecitazione o offerta sarebbe illegale ai sensi delle leggi sui titoli di tale giurisdizione.

Tutti i contenuti di questo sito sono informazioni di natura generale e non riguardano le circostanze di un particolare individuo o entità. Nulla di quanto contenuto nel sito costituisce una consulenza professionale e/o finanziaria, né alcuna informazione sul sito costituisce una dichiarazione esaustiva o completa delle questioni discusse o della legge ad esse relativa. The 10Min Trader BV non è un fiduciario in virtù dell'uso o dell'accesso al Sito o al Contenuto da parte di qualsiasi persona. Solo tu ti assumi la responsabilità di valutare i meriti e i rischi associati all'uso di qualsiasi informazione o altro Contenuto del Sito prima di prendere qualsiasi decisione basata su tali informazioni o altri Contenuti. In cambio dell'utilizzo del Sito, accetti di non ritenere The 10Min Trader BV, i suoi affiliati o qualsiasi terzo fornitore di servizi responsabile di eventuali richieste di risarcimento danni derivanti da qualsiasi decisione presa sulla base di informazioni o altri Contenuti messi a tua disposizione attraverso il Sito.

RISCHI DI INVESTIMENTO

Ci sono rischi associati all'investimento in titoli. Investire in azioni, obbligazioni, exchange traded funds, fondi comuni e fondi del mercato monetario comporta il rischio di perdita.  La perdita del capitale è possibile. Alcuni investimenti ad alto rischio possono utilizzare la leva finanziaria, che accentuerà i guadagni e le perdite. Gli investimenti esteri comportano rischi speciali, tra cui una maggiore volatilità e rischi politici, economici e valutari e differenze nei metodi contabili.  La performance passata di un titolo o di un'azienda non è una garanzia o una previsione della performance futura dell'investimento.La totalità dei contenuti presenti nel sito internet è tutelata dal diritto d’autore. Senza previo consenso scritto da parte nostra non è pertanto consentito riprodurre (anche parzialmente), trasmettere (né per via elettronica né in altro modo), modificare, stabilire link o utilizzare il sito internet per qualsivoglia finalità pubblica o commerciale.Qualsiasi controversia riguardante l’utilizzo del sito internet è soggetta al diritto svizzero, che disciplina in maniera esclusiva l’interpretazione, l’applicazione e gli effetti di tutte le condizioni sopra elencate. Il foro di Bellinzona è esclusivamente competente in merito a qualsiasi disputa o contestazione che dovesse sorgere in merito al presente sito internet e al suo utilizzo.
Accedendo e continuando nella lettura dei contenuti di questo sito Web dichiari di aver letto, compreso e accettato le sopracitate informazioni legali.