Come Investire in Arte: Strategie Innovative e Consigli Pratici

Investire in arte non è solo un modo per arricchire il proprio spazio con bellezza e cultura, ma può anche rappresentare una strategia di investimento interessante e potenzialmente redditizia. Tuttavia, come ogni investimento, comporta rischi e richiede conoscenza e preparazione. Nel 2023, il valore complessivo

Scopri

Come Eseguire il Carry Trade e Massimizzare i Profitti

Il carry trade è un argomento di grande rilevanza nel mondo della finanza. Questo strumento di investimento, se ben compreso e gestito, può offrire opportunità significative. Tuttavia, è essenziale essere consapevoli dei rischi che comporta. In questo post, esamineremo il funzionamento del carry trade, le

Scopri

Investire nel Mercato del Rame 2024: Tra Realtà e Speculazione

Investire nel mercato del rame sta emergendo come una delle opportunità più interessanti nel 2024. Con un incremento significativo dei prezzi, questo metallo sta attirando l’attenzione di investitori e analisti in tutto il mondo. Questo articolo esplorerà le dinamiche attuali del mercato del rame, mettendo

Scopri

Friend-Shoring: il futuro del commercio globale?

Negli ultimi anni, il mondo ha vissuto una serie di turbolenze commerciali: la guerra commerciale tra Stati Uniti e Cina, la pandemia di Covid-19 e le interruzioni della catena di approvvigionamento, l’invasione dell’Ucraina da parte della Russia e le sanzioni e i controlli sulle esportazioni che ne sono seguiti. Il loro impatto cumulativo ha messo in discussione la globalizzazione economica. In risposta, alcuni funzionari statunitensi hanno spinto il “friend-shoring”, una via che porterebbe a un mondo diviso tra democrazie di libero mercato e regimi autoritari in cui le catene di approvvigionamento potrebbero essere meno soggette al ricatto economico.

Dal punto di vista geopolitico, la riorganizzazione delle catene di approvvigionamento globali potrebbe trasformarsi in una vera e propria deglobalizzazione, guidata principalmente dalle crescenti tensioni tra le due maggiori economie mondiali. Gli Stati Uniti e la Cina hanno stretto nuove alleanze commerciali che si escludono a vicenda. Il Regional Comprehensive Economic Partnership (RCEP) guidato dalla Cina, entrato in vigore all’inizio del 2022, è ora la più grande area di libero scambio del mondo. Gli Stati Uniti stanno formando un proprio partenariato regionale, l’Indo-Pacific Economic Framework (IPEF). Questi si aggiungono al Comprehensive and Progressive Agreement for Trans-Pacific Partnership (CPTPP), creato dopo che gli Stati Uniti si sono ritirati nel 2017 da quello che allora era chiamato Trans-Pacific Partnership (TPP).

Cos’è il friend-shoring?

Proprio come l’offshoring significa spostare il lavoro all’estero dove i costi di produzione sono bassi, il friend-shoring significa incoraggiare le aziende a spostare la produzione lontano dagli stati autoritari e verso gli alleati.

L’obiettivo è impedire a nazioni come Cina e Russia di utilizzare i loro vantaggi di mercato in materie prime chiave, prodotti o input dell’industria tecnologica per sconvolgere l’economia statunitense. Può essere visto come una versione meno estrema del “reshoring”, ovvero il riportare i processi produttivi chiave all’interno dei confini del proprio Paese.

Un primo test di entrambe le strategie è arrivato con la produzione di componenti elettronici. A partire dalla presidenza di Donald Trump e proseguendo con il presidente Joe Biden, gli Stati Uniti hanno fatto affidamento sulle aziende per spostare almeno parte della catena di fornitura dell’hardware fuori dalla Cina.

I principali assemblatori di gadget hanno avviato nuove produzioni o ampliato siti esistenti in altre parti dell’Asia, oppure si sono rivolti all’Europa orientale o al Messico.

Apple ha iniziato a produrre alcuni modelli di iPhone 14 in India e il suo principale fornitore, Foxconn Technology Group, ha accettato di espandere gli impianti di produzione in Vietnam. Ma Bloomberg Intelligence ha stimato che ci sarebbero voluti circa otto anni per spostare solo il 10% della capacità produttiva di Apple fuori dalla Cina, dove è stato prodotto circa il 98% degli iPhone dell’azienda.

Secondo un rapporto di Allianz Group, gli Stati Uniti continuano a dipendere dalla Cina per 276 tipi di beni critici, come alcuni prodotti elettronici, tessili, chimici e metallici.

Chi trarrebbe vantaggio dal friend-shoring?

Il segretario al Tesoro americano Janet Yellen, durante una visita nel novembre 2022, ha sottolineato il potenziale dell’India di diventare un centro manifatturiero più importante. Biden, nella sua recente visita in Vietnam, ha annunciato una serie di accordi nel campo dei semiconduttori, del settore aerospaziale e delle infrastrutture per evidenziare quella che ha definito una “nuova fase” nelle relazioni economiche tra i due paesi. Anche Indonesia, Malesia, Corea del Sud, Giappone, Brasile e alcuni paesi europei potrebbero trarre vantaggio dallo spostamento di impianti, posti di lavoro e investimenti verso nazioni ritenute sufficientemente affidabili dagli Stati Uniti. Diversificare la concentrazione geografica delle catene di approvvigionamento globali aiuterebbe anche le imprese a diventare più resilienti agli shock esterni come guerre, eventi naturali, cambiamenti politici o pandemie.

Chi verrebbe danneggiato?

Lo sforzo guidato dagli Stati Uniti è principalmente mirato a colpire regimi autoritari come la Cina e le nazioni che violano le norme internazionali, come la Russia. Molte aziende occidentali hanno già liquidato gli investimenti in Russia in seguito all’invasione dell’Ucraina.

L’impatto di una diffusa spinta verso il friend-shoring verrebbe probabilmente avvertito anche da altri paesi. L’Organizzazione Mondiale del Commercio stima che una divisione dell’economia globale in blocchi separati potrebbe ridurre il prodotto interno lordo globale di circa il 5% nel lungo termine. Ciò si tradurrebbe in un pianeta significativamente più povero e meno produttivo, con il commercio che tornerebbe ai livelli precedenti l’adesione della Cina all’OMC nel 2001.

ARTICOLI CORRELATI:

Divieto iPhone in Cina: crollano le azioni di Apple

Il divieto di TikTok negli Stati Uniti: l’ultima battaglia della guerra tecnologica USA-Cina

La Cina limita l’accesso alle informazioni aziendali agli investitori esteri

MARCO CASARIO

Gli italiani sono tra i popoli più ignoranti in ambito finanziario.

Non per scelta ma perché nessuno lo ha mai insegnato. Il mio scopo è quello di educare ed informare le persone in ambito economico e finanziario. Perché se non ti preoccupi dell'economia e della finanza, loro si occuperanno di te.

Corsi Gratuiti

Diventare un Trader e un Investitore

© Copyright 2022 - The 10Min Trader BV - KVK: 72735481 - VAT ID: NL854377591B01

Il contenuto di questo sito è solo a scopo informativo, non devi interpretare tali informazioni o altro materiale come consigli legali, fiscali, di investimento, finanziari o di altro tipo. Nulla di quanto contenuto nel nostro sito costituisce una sollecitazione, una raccomandazione, un'approvazione o un'offerta da parte di The 10Min Trader BV  per acquistare o vendere titoli o altri strumenti finanziari in questa o in qualsiasi altra giurisdizione in cui tale sollecitazione o offerta sarebbe illegale ai sensi delle leggi sui titoli di tale giurisdizione.

Tutti i contenuti di questo sito sono informazioni di natura generale e non riguardano le circostanze di un particolare individuo o entità. Nulla di quanto contenuto nel sito costituisce una consulenza professionale e/o finanziaria, né alcuna informazione sul sito costituisce una dichiarazione esaustiva o completa delle questioni discusse o della legge ad esse relativa. The 10Min Trader BV non è un fiduciario in virtù dell'uso o dell'accesso al Sito o al Contenuto da parte di qualsiasi persona. Solo tu ti assumi la responsabilità di valutare i meriti e i rischi associati all'uso di qualsiasi informazione o altro Contenuto del Sito prima di prendere qualsiasi decisione basata su tali informazioni o altri Contenuti. In cambio dell'utilizzo del Sito, accetti di non ritenere The 10Min Trader BV, i suoi affiliati o qualsiasi terzo fornitore di servizi responsabile di eventuali richieste di risarcimento danni derivanti da qualsiasi decisione presa sulla base di informazioni o altri Contenuti messi a tua disposizione attraverso il Sito.

RISCHI DI INVESTIMENTO

Ci sono rischi associati all'investimento in titoli. Investire in azioni, obbligazioni, exchange traded funds, fondi comuni e fondi del mercato monetario comporta il rischio di perdita.  La perdita del capitale è possibile. Alcuni investimenti ad alto rischio possono utilizzare la leva finanziaria, che accentuerà i guadagni e le perdite. Gli investimenti esteri comportano rischi speciali, tra cui una maggiore volatilità e rischi politici, economici e valutari e differenze nei metodi contabili.  La performance passata di un titolo o di un'azienda non è una garanzia o una previsione della performance futura dell'investimento.La totalità dei contenuti presenti nel sito internet è tutelata dal diritto d’autore. Senza previo consenso scritto da parte nostra non è pertanto consentito riprodurre (anche parzialmente), trasmettere (né per via elettronica né in altro modo), modificare, stabilire link o utilizzare il sito internet per qualsivoglia finalità pubblica o commerciale.Qualsiasi controversia riguardante l’utilizzo del sito internet è soggetta al diritto svizzero, che disciplina in maniera esclusiva l’interpretazione, l’applicazione e gli effetti di tutte le condizioni sopra elencate. Il foro di Bellinzona è esclusivamente competente in merito a qualsiasi disputa o contestazione che dovesse sorgere in merito al presente sito internet e al suo utilizzo.
Accedendo e continuando nella lettura dei contenuti di questo sito Web dichiari di aver letto, compreso e accettato le sopracitate informazioni legali.