Oro ai Massimi Storici: Scopriamo i Motivi!

Nell’ultimo mese, il prezzo dell’oro ha raggiunto nuovi massimi storici e assistito a una delle sue più straordinarie accelerazioni di sempre. L’impennata non ha solo sorpreso gli investitori e gli analisti di tutto il mondo, ma ha anche acceso un vivace dibattito su quali fattori

Scopri

Battere un’Indice Azionario: la Sfida dei Gestori di Fondi

Nel dinamico mondo degli investimenti, uno degli obiettivi più ambiti dai gestori di fondi è superare i benchmark di mercato. Ma negli ultimi anni, battere un indice azionario è diventato sempre più difficile. Le cause? L’evoluzione delle strategie di investimento e la crescente complessità dei

Scopri

Divieto iPhone in Cina: crollano le azioni di Apple

Pochi giorni prima del lancio del suo prossimo iPhone, Apple sta facendo i conti con il divieto di utilizzo dell’iPhone tra i dipendenti pubblici in Cina. La presentazione del nuovo iPhone è prevista per martedì. Il lancio è visto come un evento chiave per scuotere l’industria degli smartphone dalla stasi.

La Cina prevede di estendere il divieto di utilizzo degli iPhone nei dipartimenti sensibili alle agenzie sostenute dal governo e alle aziende statali. Diverse agenzie hanno iniziato a istruire il personale a non portare i propri iPhone a lavoro, ha riportato il Wall Street Journal.

Se Pechino andrà avanti, il divieto senza precedenti sarà il culmine di uno sforzo durato anni per sradicare l’uso della tecnologia straniera in ambienti sensibili. Pechino sta anche cercando di ridurre la sua dipendenza dai software e dai circuiti americani.

Non è chiaro quante aziende o agenzie potrebbero eventualmente adottare restrizioni sui dispositivi personali. Non c’è stata ancora alcuna ingiunzione formale o scritta. Alcune imprese statali potrebbero vietare gli iPhone solo sul posto di lavoro. Altre potrebbero vietare ai dipendenti di utilizzarli interamente.

La Cina rappresenta circa un quinto delle entrate di Apple. Qui viene prodotta la maggior parte degli iPhone del mondo.

Apple minacciata dal nazionalismo cinese

La rinascita del nazionalismo cinese, che spinge i consumatori a evitare l’iPhone e altri dispositivi, rappresenta una grande minaccia per Apple. È qualcosa che l’azienda ha già affrontato in passato.

Quasi cinque anni fa, Apple non ha rispettato le previsioni per le festività per i suoi iPhone XS e XR appena rilasciati a causa delle deboli vendite in Cina. Pubblicamente, Apple ha incolpato la guerra commerciale USA-Cina e l’economia locale. Ma in un’e-mail interna al consiglio di amministrazione dell’azienda, l’amministratore delegato Tim Cook ha anche citato il nazionalismo cinese e la crescente concorrenza da parte dei rivali locali.

All’epoca, l’amministrazione Trump aveva recentemente inserito Huawei nella lista nera. Le tensioni tra Stati Uniti e Cina hanno reso la vita più difficile alle aziende dipendenti dalla nazione asiatica. Le entrate cinesi di Apple sono diminuite negli anni fiscali 2019 e 2020, prima di risalire nel 2021.

L’anno scorso, la Cina ha ordinato alle sue agenzie governative e alle aziende statali di sostituire i computer stranieri con alternative nazionali entro il 2024. Finora, questa mossa non ha portato grandi sofferenze ad Apple. Le entrate del suo business Mac in Cina sono cresciute del 17% nel secondo trimestre.

La domanda ora è se Apple dovrà affrontare un’esperienza simile a quella del 2019. Un portavoce di Apple ha rifiutato di commentare il divieto degli iPhone in Cina. Nemmeno la Commissione per la supervisione e l’amministrazione dei beni di proprietà statale e l’Ufficio informazioni del Consiglio di Stato hanno risposto alle richieste di commento.

Il nuovo telefono di Huawei

La scorsa settimana, il rilascio di uno smartphone Huawei Technologies che contiene un avanzato processore ha suscitato scalpore su entrambe le sponde del Pacifico. Dato il recente lancio, la tempistica del divieto di iPhone è interessante.

Sui social media cinesi si è diffuso un sentiment anti-Apple. Un video pubblicato online mercoledì mostrava un forte traffico pedonale in un negozio Apple a Guangzhou, ma i commenti del post si sono rapidamente riempiti di retorica contro l’azienda. Tra i tanti commenti: “Perché non possiamo vietare le vendite di Apple mentre gli americani hanno bandito Huawei?”

I legislatori statunitensi stanno rinnovando il controllo sui fornitori di Huawei, con alcuni che chiedono la sospensione di tutte le esportazioni statunitensi verso la società tecnologica cinese.

Se i consumatori cinesi volessero abbandonare Apple, il nuovo telefono di Huawei potrebbe essere una buona alternativa. Presenta un display e una batteria più grandi rispetto al prossimo iPhone 15 Pro. Il dispositivo ha anche fotocamere ad alta risoluzione e un prezzo inferiore al suo rivale statunitense.

La popolarità dell’iPhone in Cina

Non c’è ancora alcun segno di un ampio allontanamento da Apple nel mercato cinese della telefonia. Secondo la società di ricerca IDC, l’azienda è stata uno dei pochi venditori di smartphone a vedere le vendite crescere nel secondo trimestre. L’unico altro importante produttore a registrare un aumento è stato Huawei.

Per ora, il mercato cinese è stato un punto positivo per Apple in un periodo difficile. Le sue vendite complessive sono diminuite per tre trimestri consecutivi e le entrate sono destinate a diminuire anche nel terzo trimestre.

Apple gode di una popolarità diffusa in Cina, nonostante il crescente risentimento nei confronti degli sforzi americani per contenere l’industria tecnologica cinese. Gli iPhone sono tra i bestseller della nazione e sono comuni sia nel settore governativo che in quello privato. Le vendite nella regione sono quasi triplicate negli ultimi dieci anni.

Cina entrate Apple

In definitiva, la Cina ha un incentivo a non spingere troppo oltre il divieto dell’iPhone. Apple sostiene milioni di lavoratori nel Paese e sarebbe difficile per il governo punire l’azienda senza danneggiare la propria gente.

Il valore di mercato di Apple scende di $ 200 miliardi

La notizia dell’estensione del divieto di iPhone ai dipendenti pubblici in Cina ha fatto scivolare le azioni di Apple negli ultimi due giorni, cancellando quasi 200 miliardi di dollari di valore di mercato.

crollo Apple divieto iPhone Cina

La crescita di Apple dipende fortemente dalla Cina. Se la repressione di Pechino si intensificasse, ciò potrebbe rappresentare un grosso problema anche per altre mega cap tecnologiche che fanno affidamento sulle entrate cinesi.

ARTICOLI CORRELATI:

Utili Apple: vendite in calo, soffre iPhone

Apple raggiunge $ 3 trilioni di capitalizzazione

Apple lancia un conto risparmio ad alto rendimento

MARCO CASARIO

Gli italiani sono tra i popoli più ignoranti in ambito finanziario.

Non per scelta ma perché nessuno lo ha mai insegnato. Il mio scopo è quello di educare ed informare le persone in ambito economico e finanziario. Perché se non ti preoccupi dell'economia e della finanza, loro si occuperanno di te.

Corsi Gratuiti

Diventare un Trader e un Investitore

© Copyright 2022 - The 10Min Trader BV - KVK: 72735481 - VAT ID: NL854377591B01

Il contenuto di questo sito è solo a scopo informativo, non devi interpretare tali informazioni o altro materiale come consigli legali, fiscali, di investimento, finanziari o di altro tipo. Nulla di quanto contenuto nel nostro sito costituisce una sollecitazione, una raccomandazione, un'approvazione o un'offerta da parte di The 10Min Trader BV  per acquistare o vendere titoli o altri strumenti finanziari in questa o in qualsiasi altra giurisdizione in cui tale sollecitazione o offerta sarebbe illegale ai sensi delle leggi sui titoli di tale giurisdizione.

Tutti i contenuti di questo sito sono informazioni di natura generale e non riguardano le circostanze di un particolare individuo o entità. Nulla di quanto contenuto nel sito costituisce una consulenza professionale e/o finanziaria, né alcuna informazione sul sito costituisce una dichiarazione esaustiva o completa delle questioni discusse o della legge ad esse relativa. The 10Min Trader BV non è un fiduciario in virtù dell'uso o dell'accesso al Sito o al Contenuto da parte di qualsiasi persona. Solo tu ti assumi la responsabilità di valutare i meriti e i rischi associati all'uso di qualsiasi informazione o altro Contenuto del Sito prima di prendere qualsiasi decisione basata su tali informazioni o altri Contenuti. In cambio dell'utilizzo del Sito, accetti di non ritenere The 10Min Trader BV, i suoi affiliati o qualsiasi terzo fornitore di servizi responsabile di eventuali richieste di risarcimento danni derivanti da qualsiasi decisione presa sulla base di informazioni o altri Contenuti messi a tua disposizione attraverso il Sito.

RISCHI DI INVESTIMENTO

Ci sono rischi associati all'investimento in titoli. Investire in azioni, obbligazioni, exchange traded funds, fondi comuni e fondi del mercato monetario comporta il rischio di perdita.  La perdita del capitale è possibile. Alcuni investimenti ad alto rischio possono utilizzare la leva finanziaria, che accentuerà i guadagni e le perdite. Gli investimenti esteri comportano rischi speciali, tra cui una maggiore volatilità e rischi politici, economici e valutari e differenze nei metodi contabili.  La performance passata di un titolo o di un'azienda non è una garanzia o una previsione della performance futura dell'investimento.La totalità dei contenuti presenti nel sito internet è tutelata dal diritto d’autore. Senza previo consenso scritto da parte nostra non è pertanto consentito riprodurre (anche parzialmente), trasmettere (né per via elettronica né in altro modo), modificare, stabilire link o utilizzare il sito internet per qualsivoglia finalità pubblica o commerciale.Qualsiasi controversia riguardante l’utilizzo del sito internet è soggetta al diritto svizzero, che disciplina in maniera esclusiva l’interpretazione, l’applicazione e gli effetti di tutte le condizioni sopra elencate. Il foro di Bellinzona è esclusivamente competente in merito a qualsiasi disputa o contestazione che dovesse sorgere in merito al presente sito internet e al suo utilizzo.
Accedendo e continuando nella lettura dei contenuti di questo sito Web dichiari di aver letto, compreso e accettato le sopracitate informazioni legali.