Investimenti in AI: Opportunità d’Oro o Trappola Finanziaria?

Negli ultimi anni, l’intelligenza artificiale (AI) ha vissuto una crescita esponenziale, sia in termini di sviluppo tecnologico che di investimenti, offrendo opportunità senza precedenti ma anche significativi rischi. In questo articolo, esploreremo le tendenze attuali, le applicazioni più promettenti e le preoccupazioni degli investitori, fornendo

Scopri

Powell Mette in Guardia sui Rischi del Mercato del Lavoro

Il presidente della Federal Reserve, Jerome Powell, ha recentemente lanciato un avvertimento sui rischi del mercato del lavoro, sottolineando che l’inflazione non è l’unico pericolo per l’economia. Durante le sue dichiarazioni al Congresso, Powell ha evidenziato come il raffreddamento del mercato del lavoro e l’incertezza

Scopri

L’Impatto del Fallimento di Mt. Gox sul Prezzo di Bitcoin

Negli ultimi giorni, Bitcoin ha subito una flessione, alimentata dai timori di possibili vendite da parte dei creditori dell’exchange fallito Mt. Gox. Questo ha generato dubbi sulla tenuta del mercato rialzista delle criptovalute iniziato l’anno scorso. Ma cosa sta succedendo esattamente e perché il fallimento

Scopri

I laptop di Huawei contengono un chip prodotto a Taiwan, non in Cina

Il nuovo laptop di Huawei Technologies funziona con un chip prodotto a Taiwan, come ha dimostrato lo smontaggio del dispositivo, annullando le voci sul fatto che fosse prodotto in Cina. Il notebook Qingyun L540 contiene un chip da 5 nanometri prodotto dall’azienda Taiwan Semiconductor Manufacturing nel 2020, quando le sanzioni statunitensi hanno interrotto l’accesso di Huawei al produttore di chip, secondo la società di ricerca TechInsights che ha smontato il dispositivo. Ciò contrasta la speculazione secondo cui il partner nazionale di Huawei per la produzione di chip, Semiconductor Manufacturing International Corp. (SMIC), potrebbe aver compiuto un grande passo avanti nella tecnica di fabbricazione.

TechInsights ha scoperto un processore Kirin 9006C fabbricato tramite il metodo a 5 nm di TSMC, che è stato assemblato e confezionato intorno al terzo trimestre del 2020. Gli esperti del settore avevano precedentemente ipotizzato che SMIC avesse raggiunto questo traguardo sviluppando soluzioni alternative alle sanzioni statunitensi, che avrebbero segnato una svolta per il campione tecnologico nazionale.

I 5 nm rappresentano un grande passo avanti per il conglomerato di Shenzhen, avvicinandolo ai processi più avanzati attualmente in uso, per lo più incentrati sui 3 nm. Prima di interrompere i rapporti con Huawei, TSMC forniva all’azienda cinese chip avanzati fino a 5 nm.

Non è chiaro come Huawei sia riuscita a procurarsi un processore vecchio di tre anni, anche se la società cinese ha accumulato semiconduttori vitali da quando gli Stati Uniti hanno iniziato a tagliarle l’accesso a componenti e apparecchiature a livello globale. Huawei è presente nella lista nera di Washington dal 2019, ma è stato solo nel 2020 che TSMC ha smesso di accettare ordini dall’azienda per rispettare le restrizioni statunitensi.

Huawei e TSMC non hanno fornito commenti immediati quando sono stati contattati.

Il successo di Huawei

Il produttore di chip Huawei ha trasformato le sanzioni statunitensi in una storia di successo per la Cina. Lo scorso agosto l’azienda ha lanciato sul mercato uno smartphone con processore da 7 nm prodotto dalla SMIC cinese. Lo smontaggio del dispositivo ha mostrato che il chip del Mate 60 Pro era solo pochi anni indietro rispetto all’avanguardia, nonostante le restrizioni statunitensi. Ciò ha portato a festeggiamenti in tutta la scena tecnologica cinese e un dibattito sull’efficacia delle sanzioni statunitensi.

I progressi racchiusi nello smartphone Mate 60 Pro hanno consolidato il ruolo di Huawei come portabandiera degli sforzi cinesi per liberarsi dalle tecnologie occidentali e creare alternative nazionali. I consumatori cinesi hanno acquistato lo smartphone, aiutando l’azienda a erodere il dominio dell’iPhone di Apple.

Negli anni passati Huawei ha investito miliardi nella ricerca e nell’accumulo di chip, costruendo allo stesso tempo una rete nazionale di fornitori e partner di produzione, in alcuni casi con il sostegno del governo.

La SMIC ha giocato un ruolo chiave nella storia di successo di Huawei. La società di Shanghai è stata colpita dalle restrizioni statunitensi per più di un decennio ed è stata formalmente inserita nella lista nera nel 2020 per il presunto sostegno all’esercito cinese. L’aggiunta alla cosiddetta Entity List significava che le aziende statunitensi avrebbero avuto bisogno di una licenza da parte del Dipartimento del Commercio per fornire SMIC.

Il Dipartimento del Commercio dovrebbe esercitare un ampio controllo sugli acquisti della società di qualsiasi apparecchiatura o software americani, ma l’agenzia ha continuato a rilasciare licenze ai fornitori SMIC almeno in alcuni casi. I legislatori statunitensi e gli esperti del settore chiedono ora all’amministrazione Biden di adottare ulteriori misure restrittive, anche a rischio di peggiorare le tensioni tra Stati Uniti e Cina.

Le entrate di Huawei nel 2023

Le entrate di Huawei sono aumentate del 9% nel 2023. Le vendite sono balzate a oltre 700 miliardi di yuan, il ritmo di crescita più rapido degli ultimi anni grazie alla ripresa del business degli smartphone e alle robuste vendite di apparecchiature 5G. Su base trimestrale, i ricavi sono aumentati del 27% ad almeno 243,4 miliardi di yuan.

Ma la stessa Huawei ha messo in guardia sui pericoli che Washington e un’economia globale instabile porranno nel 2024. “Dopo anni di duro lavoro, siamo riusciti a superare la tempesta. E ora siamo praticamente di nuovo sulla buona strada”, ha detto Ken Hu, uno dei dirigenti che assumono il ruolo di presidente. “Dobbiamo essere consapevoli che i cambiamenti nel contesto imprenditoriale non sono causati solo dal conflitto geopolitico, ma anche dalle fluttuazioni dei cicli economici globali”.

Huawei, tradizionalmente leader nelle apparecchiature di rete e negli smartphone, sta creando una rete di impianti di chip e ricevendo circa 30 miliardi di dollari di finanziamenti dal governo e dalla sua città natale Shenzhen.

Entrando nel 2024, Huawei potrebbe dover fare i conti anche con la pressione per mantenere i suoi progressi tecnologici. I componenti critici già scarsi per la produzione di chip, come le attrezzature, saranno ulteriormente messi a dura prova.

Per garantire la propria leadership tecnologica, Huawei mira ad espandere gli investimenti in tecnologie emergenti come l’intelligenza artificiale. “Dobbiamo abbracciare in modo proattivo questa finestra di opportunità e investire le nostre risorse limitate nei settori strategici più critici”, ha scritto Hu.

ARTICOLI CORRELATI:

SMIC ha utilizzato la tecnologia di ASML per il chip avanzato del nuovo smartphone di Huawei

Divieto iPhone in Cina: crollano le azioni di Apple

Il divieto di TikTok negli Stati Uniti: l’ultima battaglia della guerra tecnologica USA-Cina

La Cina limita l’accesso alle informazioni aziendali agli investitori esteri

MARCO CASARIO

Gli italiani sono tra i popoli più ignoranti in ambito finanziario.

Non per scelta ma perché nessuno lo ha mai insegnato. Il mio scopo è quello di educare ed informare le persone in ambito economico e finanziario. Perché se non ti preoccupi dell'economia e della finanza, loro si occuperanno di te.

Corsi Gratuiti

Diventare un Trader e un Investitore

© Copyright 2022 - The 10Min Trader BV - KVK: 72735481 - VAT ID: NL854377591B01

Il contenuto di questo sito è solo a scopo informativo, non devi interpretare tali informazioni o altro materiale come consigli legali, fiscali, di investimento, finanziari o di altro tipo. Nulla di quanto contenuto nel nostro sito costituisce una sollecitazione, una raccomandazione, un'approvazione o un'offerta da parte di The 10Min Trader BV  per acquistare o vendere titoli o altri strumenti finanziari in questa o in qualsiasi altra giurisdizione in cui tale sollecitazione o offerta sarebbe illegale ai sensi delle leggi sui titoli di tale giurisdizione.

Tutti i contenuti di questo sito sono informazioni di natura generale e non riguardano le circostanze di un particolare individuo o entità. Nulla di quanto contenuto nel sito costituisce una consulenza professionale e/o finanziaria, né alcuna informazione sul sito costituisce una dichiarazione esaustiva o completa delle questioni discusse o della legge ad esse relativa. The 10Min Trader BV non è un fiduciario in virtù dell'uso o dell'accesso al Sito o al Contenuto da parte di qualsiasi persona. Solo tu ti assumi la responsabilità di valutare i meriti e i rischi associati all'uso di qualsiasi informazione o altro Contenuto del Sito prima di prendere qualsiasi decisione basata su tali informazioni o altri Contenuti. In cambio dell'utilizzo del Sito, accetti di non ritenere The 10Min Trader BV, i suoi affiliati o qualsiasi terzo fornitore di servizi responsabile di eventuali richieste di risarcimento danni derivanti da qualsiasi decisione presa sulla base di informazioni o altri Contenuti messi a tua disposizione attraverso il Sito.

RISCHI DI INVESTIMENTO

Ci sono rischi associati all'investimento in titoli. Investire in azioni, obbligazioni, exchange traded funds, fondi comuni e fondi del mercato monetario comporta il rischio di perdita.  La perdita del capitale è possibile. Alcuni investimenti ad alto rischio possono utilizzare la leva finanziaria, che accentuerà i guadagni e le perdite. Gli investimenti esteri comportano rischi speciali, tra cui una maggiore volatilità e rischi politici, economici e valutari e differenze nei metodi contabili.  La performance passata di un titolo o di un'azienda non è una garanzia o una previsione della performance futura dell'investimento.La totalità dei contenuti presenti nel sito internet è tutelata dal diritto d’autore. Senza previo consenso scritto da parte nostra non è pertanto consentito riprodurre (anche parzialmente), trasmettere (né per via elettronica né in altro modo), modificare, stabilire link o utilizzare il sito internet per qualsivoglia finalità pubblica o commerciale.Qualsiasi controversia riguardante l’utilizzo del sito internet è soggetta al diritto svizzero, che disciplina in maniera esclusiva l’interpretazione, l’applicazione e gli effetti di tutte le condizioni sopra elencate. Il foro di Bellinzona è esclusivamente competente in merito a qualsiasi disputa o contestazione che dovesse sorgere in merito al presente sito internet e al suo utilizzo.
Accedendo e continuando nella lettura dei contenuti di questo sito Web dichiari di aver letto, compreso e accettato le sopracitate informazioni legali.