Il Potere degli Investimenti in Dividendi in un’Economia Incerta

In un periodo di incertezze fiscali, monetarie e geopolitiche, gli investitori hanno bisogno di strategie difensive per proteggere e accrescere i propri capitali. Una tale strategia, spesso sottovalutata ma di fondamentale importanza, è l’investimento in azioni che pagano dividendi crescenti. Questo blog post esplora l’importanza

Scopri

Inflazione USA Persistente: Le Cause e le Prospettive Future

Il 2024 doveva segnare un punto di svolta per l’economia degli Stati Uniti, con una discesa dell’inflazione al tanto agognato target del 2%, un obiettivo che avrebbe permesso alla Federal Reserve di abbassare i tassi di interesse. Tuttavia, contrariamente a queste previsioni ottimistiche, l’inflazione USA

Scopri

JP Morgan: il banchiere che salvò l’AMERICA

Colui che ha plasmato il concetto di monopolio e di distruzione della concorrenza ed è diventato uno degli uomini piu’ ricchi e influenti della storia.

L’unico uomo ad aver salvato il governo federale degli Stati Uniti per due volte nella sua vita.

In questo approfondimento, analizzeremo la storia di JP Morgan. Un uomo così potente che alla sua morte il NYSE ha sospeso le contrattazioni per mezza giornata in segno di rispetto. John Pierpont Morgan è stato un influente finanziere, banchiere, filantropo e collezionista d’arte americano che ha lasciato un’impronta indelebile nel mondo degli affari e dell’industria durante la fine del XIX e l’inizio del XX secolo.

John Pierpont Morgan – Fonte Biography

L’infanzia

E’ Nato nel 1837 a Hartford in Connecticut. Il padre Junior Spencer Morgan noto uomo d’affari dell’epoca, e il nonno, un grande predicatore, hanno insegnato al figlio sin dalla tenera età a gestire i beni di famiglia e l’importanza dell’arte e del potere della comunicazione.

Ha frequentato la Hartford Public School, e nel 1851 supera l’esame di ammissione alla English High School of London. L’anno successivo contrae una febbre reumatica che gli impedisce di camminare, e così il padre per curarlo lo manda nelle Azzorre. Dopo essersi curato, studia in Svizzera e successivamente per completare la sua formazione frequenta la prestigiosa Università di Gottingen in Germania. Successivamente torna a Londra con una laurea in storia dell’arte.

I primi investimenti

Inizia così a lavorare nella banca del padre, la Duncan, Sherman & Co, che gli permette di conoscere al meglio il sistema bancario, e di stringere relazioni con importanti finanzieri londinesi.

Nel 1871 torna negli Stati Uniti ed entra in società con Anthony J.Drexel già proprietario di una banca di investimento. Insieme fondano la Drexel, Morgan & Co, che diventa la più grande società di investimento di quegli anni a Wall Street. Nel 1890 quando suo padre muore rimane a capo di tutti i beni della famiglia. 

Nel 1893,con la morte di Drexel, la società diventa JP Morgan & Co.In questo periodo compie numerose operazioni finanziarie.

Uno dei primi investimenti è una vera e propria speculazione. Durante la guerra civile americana Morgan compra 5 mila fucili a 3,50 $ , per poi rivenderli a 22 $ guadagnando circa 90 mila dollari.

Dopo la fine del conflitto il finanziere vede la possibilità di investire nel settore ferroviario, che in quegli anni era in rapida espansione. 

Morganization

Grazie alla  visione strategica, JP Morgan aveva capito che unendo diverse società ferroviarie poteva ottenere notevoli vantaggi dall’ economie di scala, generando una maggiore efficienza produttiva e riducendo costi unitari. 

Un classico esempio è quando ha stipulato un accordo tra due delle più grandi ferrovie del paese, la New York Central Railroad e la Pennsylvania Railroad, riducendo al minimo la  guerra dei prezzi, che poteva essere potenzialmente distruttiva per il settore.

Nel 1902 possiede circa 8000 km di reti ferroviarie, quando il mercato azionario è composto più del 60 % da compagnie ferroviarie. 

Morgan ha reinventato il modo in cui i monopoli possono essere creati. Questa strategia prende il nome  di Morganization. Con questa strategia elimina la concorrenza attraverso l’acquisizione di società più piccole e riduce i prezzi fino a farle fallire nel tentativo di farle competere con lui. Una volta in bancarotta le riacquista e le include nelle sue società, massimizzando così i profitti. Questo ha portato il banchiere ad avere numerosi conflitti con il governo, poiché questa strategia è una sfida aperta alle leggi antitrust imposte dagli Stati Uniti.

Morganization – Fonte Secouchermoinsbete.fr

Ad esempio quando la Northern Securities Company, fondata da Morgan, tenta di monopolizzare le ferrovie del Nord Ovest, Roosevelt ordina l’azione antitrust contro la compagnia. In seguito alla causa legale,nel 1904, la Northern Securities Company viene sciolta. 

Morgan & Roosvlet – Fonte WSJ

Un esempio di Morganization

Durante gli ultimi anni del 19 secolo, Morgan inizia a interessarsi al settore dell’acciaio. Forse proprio in questo settore abbiamo il più grande esempio di Morganization.

Diventa il principale finanziatore della Federal Steel Company e acquisisce gradualmente la maggioranza delle azioni della Carnegie, la più grande azienda siderurgica dell’epoca. Nel 1901 orchestra la fusione delle due società, creando così la US Steel, il quale raggiunge la valutazione più alta mai vista fino ad allora.

Carnegie Morgan US Steel: obbligazione di $ 100.000- Fonte Museum of american finance

Morgan & Edison

Morgan è convinto del grande potenziale dell’elettricità, e nonostante l’opposizione del padre, decide di investirci lo stesso. Stringe con Thomas Edison, una stretta collaborazione. Nel 1881, Morgan decide di fare elettrificare la sua  casa e successivamente la sede della sua banca da Edison. Grazie all’aiuto di Morgan, Edison avvia il processo di elettrificazione di New York City, che poi si è rivelato un grande successo. Nel 1892, dà vita al colosso General Electric grazie alla fusione con la Thomas-Houston Electric Company.

Morgan salva gli USA dal fallimento

Ma nel 1893 gli Stati Uniti devono affrontare una grave crisi, dopo che anni di investimenti incontrollati hanno portato al crollo dell’economia, e allo scoppio della bolla sul mercato azionario, che perde la metà del suo valore. In questo scenario di panico gli investitori europei ritirano le loro obbligazioni convertendole in oro perché a quell’epoca il dollaro era ancora legato al Gold Standard.

Per questo le riserve auree degli Stati Uniti subiscono una drastica riduzione, mettendo in pericolo la stabilità del tesoro americano.

Morgan e altri banchieri si riuniscono per trovare una soluzione e decidono di acquistare 200 milioni di dollari in buoni del Tesoro, pagandoli in oro. 

Questa mossa permette di preservare il credito degli Stati Uniti, ma suscita l’indignazione dell’opinione pubblica per le ingenti commissioni che Morgan e i suoi colleghi hanno ricavato dall’operazione.  

Nel marzo del 1907, la situazione economica negli Stati Uniti si complica nuovamente e si verifica un altro crollo del mercato azionario. I tassi di interesse aumentano drasticamente, costringendo il governo a chiedere l’aiuto di Morgan per gestire la crisi. Come nel passato  insieme ad altri importanti finanziatori, tra cui  Rockefeller, riescono  a iniettare liquidità sufficiente nel sistema finanziario per evitare il collasso. 

Eredità

Nel 1912 Morgan controlla due terzi delle fonti di finanziamento del paese e le sue imprese sono valutate oltre i 25 miliardi di dollari. In quell’anno viene chiamato a testimoniare dal comitato Pujio, dove deve rispondere delle accuse sul “money trust”, ossia un piccolo gruppo di banchieri di Wall Street che esercitava un potente controllo sulle finanze della nazione. Essendo stato al centro dell’indagine Morgan diventa il volto del potere di Wall Street, guadagnandosi l’appellativo di Robber Baron, il Barone Ladro.

Il finanziere non ha assistito  alle conseguenze dell’indagine poiché un mese dopo il 31 marzo del 1913, muore a Roma mentre era in vacanza.

Al momento della sua morte il patrimonio personale del finanziere è di 80 milioni di dollari.

L’eredità di JP Morgan si estende ben oltre il suo portafoglio. Nello stesso anno della morte del banchiere a dicembre 1913 è stata fondata la Federal Reserve.Il governo si è  reso conto che l’economia non può più essere condizionata da un gruppo ristretto di banchieri.

Dopo la morte del finanziere la JP Morgan ha continuato la sua attività, oggi è divisa in due delle più grandi banche del mondo, la JP Morgan Chase & Co , e Morgan Stanley.

L’influenza e il potere sono le lezioni che possiamo imparare dalla vita straordinaria di JP Morgan.

Persino l’acerrimo rivale di Morgan, il presidente Roosevelt, non poté fare a meno di elogiarlo:

“Il signor Morgan mi era politicamente avverso, ma ogni volta che sono entrato in contatto con lui, sono stato colpito non solo dal suo grandissimo potere, ma anche dalla sua sincerità e veridicità”.

MARCO CASARIO

Gli italiani sono tra i popoli più ignoranti in ambito finanziario.

Non per scelta ma perché nessuno lo ha mai insegnato. Il mio scopo è quello di educare ed informare le persone in ambito economico e finanziario. Perché se non ti preoccupi dell'economia e della finanza, loro si occuperanno di te.

Corsi Gratuiti

Diventare un Trader e un Investitore

© Copyright 2022 - The 10Min Trader BV - KVK: 72735481 - VAT ID: NL854377591B01

Il contenuto di questo sito è solo a scopo informativo, non devi interpretare tali informazioni o altro materiale come consigli legali, fiscali, di investimento, finanziari o di altro tipo. Nulla di quanto contenuto nel nostro sito costituisce una sollecitazione, una raccomandazione, un'approvazione o un'offerta da parte di The 10Min Trader BV  per acquistare o vendere titoli o altri strumenti finanziari in questa o in qualsiasi altra giurisdizione in cui tale sollecitazione o offerta sarebbe illegale ai sensi delle leggi sui titoli di tale giurisdizione.

Tutti i contenuti di questo sito sono informazioni di natura generale e non riguardano le circostanze di un particolare individuo o entità. Nulla di quanto contenuto nel sito costituisce una consulenza professionale e/o finanziaria, né alcuna informazione sul sito costituisce una dichiarazione esaustiva o completa delle questioni discusse o della legge ad esse relativa. The 10Min Trader BV non è un fiduciario in virtù dell'uso o dell'accesso al Sito o al Contenuto da parte di qualsiasi persona. Solo tu ti assumi la responsabilità di valutare i meriti e i rischi associati all'uso di qualsiasi informazione o altro Contenuto del Sito prima di prendere qualsiasi decisione basata su tali informazioni o altri Contenuti. In cambio dell'utilizzo del Sito, accetti di non ritenere The 10Min Trader BV, i suoi affiliati o qualsiasi terzo fornitore di servizi responsabile di eventuali richieste di risarcimento danni derivanti da qualsiasi decisione presa sulla base di informazioni o altri Contenuti messi a tua disposizione attraverso il Sito.

RISCHI DI INVESTIMENTO

Ci sono rischi associati all'investimento in titoli. Investire in azioni, obbligazioni, exchange traded funds, fondi comuni e fondi del mercato monetario comporta il rischio di perdita.  La perdita del capitale è possibile. Alcuni investimenti ad alto rischio possono utilizzare la leva finanziaria, che accentuerà i guadagni e le perdite. Gli investimenti esteri comportano rischi speciali, tra cui una maggiore volatilità e rischi politici, economici e valutari e differenze nei metodi contabili.  La performance passata di un titolo o di un'azienda non è una garanzia o una previsione della performance futura dell'investimento.La totalità dei contenuti presenti nel sito internet è tutelata dal diritto d’autore. Senza previo consenso scritto da parte nostra non è pertanto consentito riprodurre (anche parzialmente), trasmettere (né per via elettronica né in altro modo), modificare, stabilire link o utilizzare il sito internet per qualsivoglia finalità pubblica o commerciale.Qualsiasi controversia riguardante l’utilizzo del sito internet è soggetta al diritto svizzero, che disciplina in maniera esclusiva l’interpretazione, l’applicazione e gli effetti di tutte le condizioni sopra elencate. Il foro di Bellinzona è esclusivamente competente in merito a qualsiasi disputa o contestazione che dovesse sorgere in merito al presente sito internet e al suo utilizzo.
Accedendo e continuando nella lettura dei contenuti di questo sito Web dichiari di aver letto, compreso e accettato le sopracitate informazioni legali.