Come Affrontare la Correlazione Positiva tra Azioni e Obbligazioni

Nel mondo degli investimenti, una delle sfide più significative degli ultimi trent’anni si sta manifestando proprio ora: la forte correlazione positiva tra azioni e obbligazioni. Tradizionalmente, la classica allocazione 60/40 (60% azioni e 40% obbligazioni) ha offerto una diversificazione e una protezione del rischio naturale.

Scopri

L’Influenza del Dot Plot della Fed sui Mercati Finanziari

Quando si parla di trading e investimenti, la parola “Fed” richiama subito l’attenzione. La Federal Reserve, la banca centrale degli Stati Uniti, è un’istituzione che ha il potere di influenzare i mercati finanziari globali con le sue decisioni. Tra gli strumenti di comunicazione della Fed,

Scopri

Default USA: cosa succede se il Tesoro esaurisce i contanti?

La domanda più urgente nella resa dei conti sul tetto del debito USA e il possibile default è quella a cui il Tesoro si rifiuta di rispondere: cosa succede se rimane senza contanti?

Mentre le precedenti amministrazioni hanno sempre raggiunto un accordo prima che il saldo di cassa del Tesoro diventasse troppo basso per far fronte ai pagamenti federali, secondo alcuni osservatori questa volta potrebbe andare diversamente. Il caso base di Goldman Sachs è che un accordo venga concluso il giorno della cosiddetta data-X. Morgan Stanley afferma che esiste il rischio di andare oltre il 1° giugno.

Il segretario al Tesoro Janet Yellen ha seguito i suoi predecessori nell’astenersi dal precisare esattamente cosa farebbe il Dipartimento nello scenario peggiore in cui il Congresso non riuscisse ad alzare o sospendere il tetto del debito. Tuttavia, ha riconosciuto che ci sono delle scelte da fare per evitare il default USA nel caso in cui i legislatori non raggiungano un accordo in tempo.

Il 14° emendamento

L’amministrazione potrebbe continuare a effettuare tutti i pagamenti invocando il 14° emendamento della Costituzione – che afferma che la validità dei debiti pubblici non deve essere messa in discussione – ma ciò comporterebbe una battaglia legale ad alto rischio, come ha osservato all’inizio di questo mese il presidente Joe Biden.

L’emendamento, approvato sulla scia della guerra civile, autorizza il presidente a pagare tutti i debiti. Ma una tale questione legale non è stata giudicata nei tribunali. Ci sono molti interrogativi attorno a questa opzione. Cosa si qualificherebbe come “debito” degli Stati Uniti? Ci sarebbe una causa? Cosa farebbe la Corte Suprema? Gli obbligazionisti rimarrebbero tranquilli o si spaventerebbero chiedendo tassi più alti mentre le dispute legali vanno avanti?

Il piano di priorità

Se i legislatori non riescono ad aumentare il limite del debito e non vengono implementate altre soluzioni alternative, il Tesoro dovrà affrontare il dilemma di cercare di conformarsi alle leggi approvate dal Congresso che allo stesso tempo ordina la spesa e gli dice di non emettere più debito.

L’amministrazione potrebbe dare la priorità ai pagamenti in modo che gli interessi e il capitale siano ancora pagati sul debito, i benefici della previdenza sociale siano ancora distribuiti e le funzioni fondamentali del governo continuino. Ma le amministrazioni hanno ripetutamente sostenuto di non avere l’autorità per eseguire un piano del genere. Anche se il Tesoro decidesse questa opzione, il piano sarebbe straordinariamente difficile da eseguire in modo ordinato. Le entrate e le spese del governo sono irregolari, con avanzi in alcuni mesi e grandi deficit in altri.

I critici del piano di priorità avvertono che ritardare altri pagamenti danneggerebbe seriamente la credibilità degli Stati Uniti e non sarebbe coerente con il suo rating di credito AAA. Inoltre, l’impatto economico sarebbe notevole. Non solo ci sarebbe un colpo diretto alla spesa totale nell’economia, ma i livelli di fiducia crollerebbero se le famiglie improvvisamente non ricevessero i benefici federali che si aspettano.

La moneta da un trilione di dollari

Una legge degli anni ’90 consente al Dipartimento del Tesoro di coniare una moneta di platino da mille miliardi di dollari che potrebbe depositare presso la Federal Reserve. Quest’ultima potrebbe quindi accreditare il saldo di cassa del Tesoro per lo stesso importo, dandogli la possibilità di effettuare pagamenti ed evitare il default USA.

Il segretario al Tesoro Janet Yellen ha liquidato questa opzione come un “espediente” e ha detto al Wall Street Journal che probabilmente la Fed non accetterebbe la moneta come deposito. Cercare di aggirare il limite del debito in questo modo metterebbe potenzialmente in pericolo l’indipendenza politica della Fed in un momento delicato.

Anche se la Fed accettasse di prendere la moneta, ci sarebbero delle sfide. La creazione della moneta inietterebbe liquidità nel sistema finanziario. Il tentativo di ripulirla comporterebbe complesse macchinazioni. Anche se tutto funzionasse, il precedente potrebbe far presagire un ulteriore conio di monete, minando la fiducia nel credito statunitense.

Obbligazioni premium

La legge fissa un limite al livello complessivo del debito USA, ma lascia al Tesoro ampia discrezionalità su come strutturarlo. Un’idea sarebbe quella di emettere nuove obbligazioni che pagano tassi di interesse fissi molto più alti rispetto al debito esistente. Gli investitori pagherebbero un premio che il Tesoro potrebbe utilizzare per estinguere una quantità maggiore di debito a prezzi inferiori.

Questo tipo di ingegneria finanziaria minerebbe la pratica di gestione del debito “regolare e prevedibile” del Tesoro. Per decenni, i funzionari hanno operato in base al principio che il fatto che il pubblico sappia con largo anticipo esattamente che tipo di titoli il Tesoro metterà all’asta, quando e in quale importo, crea fiducia e domanda per quei titoli nel tempo. Ciò a sua volta garantisce il finanziamento più economico per il Tesoro.

Un improvviso cambiamento nelle convenzioni sulle aste capovolgerebbe tutto ciò, danneggiando potenzialmente la fiducia nei titoli statunitensi e rendendo il debito più costoso. Nel 2001, quando il Dipartimento annunciò un piano per interrompere la vendita di obbligazioni trentennali, il Tesoro subì una tempesta di critiche per non aver preparato a sufficienza il pubblico al cambiamento. L’introduzione di un nuovo tipo di debito che dovrebbe far fronte a una domanda incerta comporta un rischio ancora maggiore.

ARTICOLI CORRELATI:

Tetto del debito USA: Biden incontra McCarthy mentre incombe il default

Tetto del debito USA: cosa succede se non si raggiunge un accordo?

L’impatto del tetto del debito degli Stati Uniti su economia e mercati

Crisi del debito: come funzionano e come si risolvono?

MARCO CASARIO

Gli italiani sono tra i popoli più ignoranti in ambito finanziario.

Non per scelta ma perché nessuno lo ha mai insegnato. Il mio scopo è quello di educare ed informare le persone in ambito economico e finanziario. Perché se non ti preoccupi dell'economia e della finanza, loro si occuperanno di te.

Corsi Gratuiti

Diventare un Trader e un Investitore

© Copyright 2022 - The 10Min Trader BV - KVK: 72735481 - VAT ID: NL854377591B01

Il contenuto di questo sito è solo a scopo informativo, non devi interpretare tali informazioni o altro materiale come consigli legali, fiscali, di investimento, finanziari o di altro tipo. Nulla di quanto contenuto nel nostro sito costituisce una sollecitazione, una raccomandazione, un'approvazione o un'offerta da parte di The 10Min Trader BV  per acquistare o vendere titoli o altri strumenti finanziari in questa o in qualsiasi altra giurisdizione in cui tale sollecitazione o offerta sarebbe illegale ai sensi delle leggi sui titoli di tale giurisdizione.

Tutti i contenuti di questo sito sono informazioni di natura generale e non riguardano le circostanze di un particolare individuo o entità. Nulla di quanto contenuto nel sito costituisce una consulenza professionale e/o finanziaria, né alcuna informazione sul sito costituisce una dichiarazione esaustiva o completa delle questioni discusse o della legge ad esse relativa. The 10Min Trader BV non è un fiduciario in virtù dell'uso o dell'accesso al Sito o al Contenuto da parte di qualsiasi persona. Solo tu ti assumi la responsabilità di valutare i meriti e i rischi associati all'uso di qualsiasi informazione o altro Contenuto del Sito prima di prendere qualsiasi decisione basata su tali informazioni o altri Contenuti. In cambio dell'utilizzo del Sito, accetti di non ritenere The 10Min Trader BV, i suoi affiliati o qualsiasi terzo fornitore di servizi responsabile di eventuali richieste di risarcimento danni derivanti da qualsiasi decisione presa sulla base di informazioni o altri Contenuti messi a tua disposizione attraverso il Sito.

RISCHI DI INVESTIMENTO

Ci sono rischi associati all'investimento in titoli. Investire in azioni, obbligazioni, exchange traded funds, fondi comuni e fondi del mercato monetario comporta il rischio di perdita.  La perdita del capitale è possibile. Alcuni investimenti ad alto rischio possono utilizzare la leva finanziaria, che accentuerà i guadagni e le perdite. Gli investimenti esteri comportano rischi speciali, tra cui una maggiore volatilità e rischi politici, economici e valutari e differenze nei metodi contabili.  La performance passata di un titolo o di un'azienda non è una garanzia o una previsione della performance futura dell'investimento.La totalità dei contenuti presenti nel sito internet è tutelata dal diritto d’autore. Senza previo consenso scritto da parte nostra non è pertanto consentito riprodurre (anche parzialmente), trasmettere (né per via elettronica né in altro modo), modificare, stabilire link o utilizzare il sito internet per qualsivoglia finalità pubblica o commerciale.Qualsiasi controversia riguardante l’utilizzo del sito internet è soggetta al diritto svizzero, che disciplina in maniera esclusiva l’interpretazione, l’applicazione e gli effetti di tutte le condizioni sopra elencate. Il foro di Bellinzona è esclusivamente competente in merito a qualsiasi disputa o contestazione che dovesse sorgere in merito al presente sito internet e al suo utilizzo.
Accedendo e continuando nella lettura dei contenuti di questo sito Web dichiari di aver letto, compreso e accettato le sopracitate informazioni legali.