La prima crisi finanziaria globale “moderna”

Anche se non molto conosciuta, la crisi del 1772-73 è stata senza dubbio la prima crisi finanziaria globale “moderna” in termini di percorsi di contagio finanziario e di ruolo che vi hanno giocato il credito del settore privato e i prodotti finanziari. Nonostante sia avvenuta

Scopri

In che modo il dollaro influenza l’economia globale?

Il dollaro USA non è solo la valuta di riserva globale, ma anche una variabile chiave che influenza l’economia globale. Per rappresentare il meccanismo attraverso il quale il dollaro americano governa la produzione e il commercio di tutto il mondo, gli economisti della Fed di

Scopri

L’impatto del ciclo di inasprimento della Fed sulle banche

Le turbolenze di quest’anno hanno evidenziato l’importanza di comprendere la distribuzione e la composizione dei finanziamenti bancari. Il ciclo di inasprimento della politica monetaria della Fed ha influenzato molto la struttura del finanziamento delle banche. In particolare, il sistema bancario ha registrato un notevole calo

Scopri

Quanto è difficile misurare l’inflazione?

Con i prezzi in rapido aumento dopo la pandemia di Covid, raramente i dati sull’inflazione sono stati così presenti nel dibattito pubblico come negli ultimi anni. Le stime dell’inflazione per un dato mese possono cambiare sostanzialmente man mano che vengono rilasciati i dati successivi. Ad

Scopri

Crisi del debito: come funzionano e come si risolvono?

Il debito è un concetto finanziario che si riferisce al denaro che è dovuto a qualcun altro. Quando prendi in prestito denaro, ti indebiti e sei responsabile del rimborso dell’importo preso in prestito più gli interessi. Una crisi del debito si verifica quando un mutuatario, di solito un governo o una società, non è in grado di far fronte ai propri obblighi di debito, come effettuare il pagamento degli interessi o rimborsare l’importo del capitale preso in prestito. Ciò può portare a una serie di conseguenze negative, tra cui instabilità economica, disordini sociali e sconvolgimenti politici. In questo articolo tratteremo come funzionano le crisi del debito e come si risolvono.

Come funzionano le crisi del debito?

Chi prende in prestito si indebita attraverso l’emissione di obbligazioni o altri titoli di debito. Il mutuatario deve effettuare i pagamenti regolari per onorare il proprio debito, compresi i pagamenti degli interessi e il rimborso del capitale. Questi pagamenti possono diventare sempre più difficili da effettuare se la situazione economica o finanziaria del mutuatario si deteriora.

I creditori del mutuatario possono preoccuparsi della sua capacità di rimborsare i propri debiti, richiedendo tassi di interesse più elevati o rifiutandosi di prestare ulteriori fondi.

Se il mutuatario non è in grado di rimborsare i propri debiti, c’è la possibilità che vada in default. Ciò può portare a una cascata di conseguenze negative. Ad esempio, gli investitori possono perdere la fiducia nella capacità del mutuatario di rimborsare i propri debiti, portando a una diminuzione del valore delle sue obbligazioni.

Una crisi del debito può avere conseguenze economiche e sociali significative, tra cui inflazione, svalutazione della valuta, disordini sociali e instabilità politica. In casi estremi, può richiedere assistenza internazionale, come salvataggi o ristrutturazione del debito.

La gestione del debito è importante per prevenire le crisi. I mutuatari dovrebbero mantenere livelli di debito sostenibili e dare la priorità agli investimenti che generano rendimenti a lungo termine. I prestatori, invece, dovrebbero eseguire un’adeguata due diligence prima di prestare fondi e monitorare la salute finanziaria dei mutuatari per ridurre al minimo il rischio.

La peggiore crisi del debito di sempre

Ci sono state diverse crisi del debito nel corso della storia, ma la peggiore in termini di impatto sull’economia globale è stata la Grande Depressione degli anni ’30. La depressione fu innescata da una combinazione di fattori, tra cui un crollo del mercato azionario, la sovrapproduzione nelle industrie chiave e un’eccessiva espansione del credito.

Durante gli anni ’20, l’economia statunitense conobbe un periodo di rapida crescita, alimentato da un aumento della spesa dei consumatori e degli investimenti nel mercato azionario. Ciò portò a un aumento dei prestiti poiché individui e imprese approfittarono dei bassi tassi di interesse per finanziare le proprie attività. Tuttavia, molti di questi investimenti non erano produttivi e non generavano rendimenti sostenibili.

Quando il mercato azionario crollò nell’ottobre 1929, scatenò un’ondata di vendite dettate dal panico e un forte calo dei prezzi delle azioni. Ciò portò a una perdita di fiducia nell’economia, determinando un calo della domanda e una contrazione dell’attività economica.

crisi debito grande depressione crollo azionario

Con il fallimento delle imprese e l’aumento della disoccupazione, molti mutuatari non furono più in grado di rimborsare i propri debiti, provocando un’ondata di insolvenze e fallimenti bancari. Ciò, a sua volta, diminuì ulteriormente la disponibilità di credito aggravando la recessione economica.

La Grande Depressione ebbe un profondo impatto sull’economia globale, con molti paesi che registrarono alti livelli di disoccupazione, povertà e disordini sociali.

Come si risolvono le crisi del debito?

La risoluzione di una crisi del debito richiede una combinazione di misure finanziarie, economiche e politiche che dipendono dalla natura della crisi e dai fattori sottostanti che vi hanno contribuito. Ecco alcune misure che possono essere adottate per risolvere una crisi del debito:

  • Consolidamento fiscale: i governi possono attuare politiche per ridurre la spesa e aumentare le entrate, che possono contribuire a ridurre i deficit di bilancio e stabilizzare le finanze pubbliche.
  • Politica monetaria: le banche centrali possono utilizzare strumenti di politica monetaria, come la diminuzione dei tassi di interesse o l’adozione di misure di quantitative easing, per stimolare la crescita economica e aumentare la fiducia nell’economia.
  • Ristrutturazione del debito: se un mutuatario non è in grado di rimborsare i propri debiti, i creditori possono accettare di ristrutturare il debito riducendo l’importo del capitale o estendendo il periodo di rimborso. Questo può aiutare a rendere il debito più gestibile e prevenire un default.
  • Assistenza internazionale: in alcuni casi, organizzazioni internazionali come il Fondo monetario internazionale (FMI) possono fornire assistenza finanziaria ai paesi in crisi in cambio di riforme politiche.
  • Riforme economiche: i governi possono attuare riforme strutturali per migliorare le loro economie e ridurre la loro vulnerabilità alle crisi del debito. Ciò può includere misure come il miglioramento della governance, l’aumento della trasparenza e la promozione della diversificazione economica.
  • Reti di sicurezza sociale: i governi possono implementare reti di sicurezza sociale per aiutare a proteggere le popolazioni vulnerabili durante una crisi del debito, come fornire sussidi di disoccupazione, assistenza alimentare o assistenza sanitaria.
ARTICOLI CORRELATI:

El Salvador paga il debito di $800 milioni nonostante il crollo di Bitcoin!

L’impatto del tetto del debito degli Stati Uniti su economia e mercati

Crisi del Debito: l’Italia rischia piu’ di tutti con l’aumento dei Tassi

L’Italia potrebbe non essere lontana da una crisi del debito: i rendimenti delle obbligazioni italiane sono già insostenibili

MARCO CASARIO

Gli italiani sono tra i popoli più ignoranti in ambito finanziario.

Non per scelta ma perché nessuno lo ha mai insegnato. Il mio scopo è quello di educare ed informare le persone in ambito economico e finanziario. Perché se non ti preoccupi dell'economia e della finanza, loro si occuperanno di te.

Corsi Gratuiti

Diventare un Trader e un Investitore

© Copyright 2022 - The 10Min Trader BV - KVK: 72735481 - VAT ID: NL854377591B01

Il contenuto di questo sito è solo a scopo informativo, non devi interpretare tali informazioni o altro materiale come consigli legali, fiscali, di investimento, finanziari o di altro tipo. Nulla di quanto contenuto nel nostro sito costituisce una sollecitazione, una raccomandazione, un'approvazione o un'offerta da parte di The 10Min Trader BV  per acquistare o vendere titoli o altri strumenti finanziari in questa o in qualsiasi altra giurisdizione in cui tale sollecitazione o offerta sarebbe illegale ai sensi delle leggi sui titoli di tale giurisdizione.

Tutti i contenuti di questo sito sono informazioni di natura generale e non riguardano le circostanze di un particolare individuo o entità. Nulla di quanto contenuto nel sito costituisce una consulenza professionale e/o finanziaria, né alcuna informazione sul sito costituisce una dichiarazione esaustiva o completa delle questioni discusse o della legge ad esse relativa. The 10Min Trader BV non è un fiduciario in virtù dell'uso o dell'accesso al Sito o al Contenuto da parte di qualsiasi persona. Solo tu ti assumi la responsabilità di valutare i meriti e i rischi associati all'uso di qualsiasi informazione o altro Contenuto del Sito prima di prendere qualsiasi decisione basata su tali informazioni o altri Contenuti. In cambio dell'utilizzo del Sito, accetti di non ritenere The 10Min Trader BV, i suoi affiliati o qualsiasi terzo fornitore di servizi responsabile di eventuali richieste di risarcimento danni derivanti da qualsiasi decisione presa sulla base di informazioni o altri Contenuti messi a tua disposizione attraverso il Sito.

RISCHI DI INVESTIMENTO

Ci sono rischi associati all'investimento in titoli. Investire in azioni, obbligazioni, exchange traded funds, fondi comuni e fondi del mercato monetario comporta il rischio di perdita.  La perdita del capitale è possibile. Alcuni investimenti ad alto rischio possono utilizzare la leva finanziaria, che accentuerà i guadagni e le perdite. Gli investimenti esteri comportano rischi speciali, tra cui una maggiore volatilità e rischi politici, economici e valutari e differenze nei metodi contabili.  La performance passata di un titolo o di un'azienda non è una garanzia o una previsione della performance futura dell'investimento.La totalità dei contenuti presenti nel sito internet è tutelata dal diritto d’autore. Senza previo consenso scritto da parte nostra non è pertanto consentito riprodurre (anche parzialmente), trasmettere (né per via elettronica né in altro modo), modificare, stabilire link o utilizzare il sito internet per qualsivoglia finalità pubblica o commerciale.Qualsiasi controversia riguardante l’utilizzo del sito internet è soggetta al diritto svizzero, che disciplina in maniera esclusiva l’interpretazione, l’applicazione e gli effetti di tutte le condizioni sopra elencate. Il foro di Bellinzona è esclusivamente competente in merito a qualsiasi disputa o contestazione che dovesse sorgere in merito al presente sito internet e al suo utilizzo.
Accedendo e continuando nella lettura dei contenuti di questo sito Web dichiari di aver letto, compreso e accettato le sopracitate informazioni legali.