Modulo 9: Le banche centrali – Lezione 3: Il quantitative easing

Contenuti della lezione

Il Quantitative Easing (QE) è una forma di politica monetaria non convenzionale in cui una banca centrale acquista titoli a più lungo termine al fine di aumentare l’offerta di moneta stimolando l’economia. Lo scopo del quantitative easing è quello di abbassare i tassi di interesse diminuendo l’offerta di obbligazioni sul mercato.
Quando i tassi di interesse a breve termine sono pari o prossimi allo zero, le normali operazioni di mercato aperto di una banca centrale non sono più efficaci. A quel punto, la banca centrale può procedere con il quantitative easing.

Come funziona il quantitative easing?

Per eseguire il quantitative easing, le banche centrali aumentano l’offerta di moneta acquistando titoli di Stato e altri titoli. Aumentando l’offerta di moneta si abbassano i tassi di interesse e consumatori e aziende possono accedere al credito più facilmente. Il QE può essere implementato in combinazione con la politica fiscale. Poiché la banca centrale utilizza le banche commerciali come intermediari piuttosto che mettere denaro contante direttamente nelle mani di individui e imprese, il quantitative easing non può essere considerato come un modo per stampare denaro.

Il QE è efficace?

Le banche centrali non possono costringere le banche commerciali a concedere nuovi prestiti. Quest’ultime infatti prendono decisioni in base al rischio/rendimento delle loro attività. Allo stesso modo, le banche centrali non possono nemmeno obbligare consumatori e imprese a chiedere prestiti. Se l’aumento dell’offerta di moneta creata dal quantitative easing non circola nell’economia ma rimane nel sistema bancario, il quantitative easing potrebbe non essere efficace. Esso però è molto utile per facilitare la spesa in disavanzo del governo.

Le conseguenze del quantitative easing

Un’altra conseguenza potenzialmente negativa del quantitative easing è che può svalutare la valuta nazionale. Una valuta più debole può aiutare da una parte i produttori nazionali perché i beni esportati sono più economici nel mercato globale. Dall’altra parte, un calo della valuta rende le importazioni più costose. Ciò può aumentare i costi di produzione e i prezzi al consumo.

I programmi di quantitative easing hanno l’effetto di aumentare il bilancio della Fed. Esso infatti fa gonfiare la parte attiva del bilancio delle banche centrali che lo implementano.

quantitative easing

Anche le passività della banca centrale aumentano con il QE, principalmente perché aumentano le riserve delle banche commerciali. L’obiettivo del programma è che le banche commerciali abbiano un buffer di riserve contro le quali possono prestare e stimolare l’economia. Spesso però decidono di tenere quei soldi sottoforma di riserve in eccesso.

quantitative easing

Esempi di quantitative easing

A partire dal 2001, la Bank of Japan ha avviato un aggressivo programma di QE per stimolare l’economia. La BoJ è arrivata ad acquistare non solo titoli di Stato giapponesi ma anche titoli di debito privati e ETF azionari. Tuttavia, il QE non è riuscito a raggiungere i suoi obiettivi. Tra il 1995 e il 2007, il prodotto interno lordo giapponese è sceso da circa 5,45 trilioni di dollari a 4,52 trilioni di dollari in termini nominali.

Anche la Banca nazionale svizzera ha adottato una strategia di quantitative easing dopo la crisi finanziaria del 2008. Alla fine del programma, la banca centrale possedeva una quantità di asset che superava il PIL dell’intero paese.

Oggi il QE è diventato lo strumento preferito delle banche centrali di paesi sviluppati ed emergenti per stimolare l’economia durante le crisi (come durante la bolla dei subprime e la recessione del covid) e le decelerazioni della crescita.

quantitative easing
La quantità di asset in percentuale del GDP

L’effetto del QE sui prezzi degli asset

Alcuni critici sostengono che il QE possa gonfiare il prezzo di asset che solo una piccola parte della popolazione (la fascia più ricca) detiene. Ciò contribuirebbe a esacerbare la disuguaglianza di reddito.
Secondo i sostenitori di questa teoria, le banche centrali, mantenendo tassi d’interesse bassi in maniera artificiale, incoraggiano l’attività speculativa arrivando a causare bolle finanziarie ed euforia sui mercati.

MARCO CASARIO

Gli italiani sono tra i popoli più ignoranti in ambito finanziario. Non per scelta ma perchè nessuno glielo lo ha insegnato. Il mio scopo è quello di educare ed informare le persone in ambito economico e finanziario. Perchè se non ti preoccupi dell'economia e della finanza, loro si occuperanno di te.

Corsi Gratuiti

Diventare un Trader e un Investitore

© Copyright 2022 - The 10Min Trader BV - KVK: 72735481 - VAT ID: NL854377591B01

Il contenuto di questo sito è solo a scopo informativo, non devi interpretare tali informazioni o altro materiale come consigli legali, fiscali, di investimento, finanziari o di altro tipo. Nulla di quanto contenuto nel nostro sito costituisce una sollecitazione, una raccomandazione, un'approvazione o un'offerta da parte di The 10Min Trader BV  per acquistare o vendere titoli o altri strumenti finanziari in questa o in qualsiasi altra giurisdizione in cui tale sollecitazione o offerta sarebbe illegale ai sensi delle leggi sui titoli di tale giurisdizione. Tutti i contenuti di questo sito sono informazioni di natura generale e non riguardano le circostanze di un particolare individuo o entità. Nulla di quanto contenuto nel sito costituisce una consulenza professionale e/o finanziaria, né alcuna informazione sul sito costituisce una dichiarazione esaustiva o completa delle questioni discusse o della legge ad esse relativa. The 10Min Trader BV non è un fiduciario in virtù dell'uso o dell'accesso al Sito o al Contenuto da parte di qualsiasi persona. Solo tu ti assumi la responsabilità di valutare i meriti e i rischi associati all'uso di qualsiasi informazione o altro Contenuto del Sito prima di prendere qualsiasi decisione basata su tali informazioni o altri Contenuti. In cambio dell'utilizzo del Sito, accetti di non ritenere The 10Min Trader BV, i suoi affiliati o qualsiasi terzo fornitore di servizi responsabile di eventuali richieste di risarcimento danni derivanti da qualsiasi decisione presa sulla base di informazioni o altri Contenuti messi a tua disposizione attraverso il Sito.
RISCHI DI INVESTIMENTO
Ci sono rischi associati all'investimento in titoli. Investire in azioni, obbligazioni, exchange traded funds, fondi comuni e fondi del mercato monetario comporta il rischio di perdita.  La perdita del capitale è possibile. Alcuni investimenti ad alto rischio possono utilizzare la leva finanziaria, che accentuerà i guadagni e le perdite. Gli investimenti esteri comportano rischi speciali, tra cui una maggiore volatilità e rischi politici, economici e valutari e differenze nei metodi contabili.  La performance passata di un titolo o di un'azienda non è una garanzia o una previsione della performance futura dell'investimento.La totalità dei contenuti presenti nel sito internet è tutelata dal diritto d’autore. Senza previo consenso scritto da parte nostra non è pertanto consentito riprodurre (anche parzialmente), trasmettere (né per via elettronica né in altro modo), modificare, stabilire link o utilizzare il sito internet per qualsivoglia finalità pubblica o commerciale.Qualsiasi controversia riguardante l’utilizzo del sito internet è soggetta al diritto svizzero, che disciplina in maniera esclusiva l’interpretazione, l’applicazione e gli effetti di tutte le condizioni sopra elencate. Il foro di Bellinzona è esclusivamente competente in merito a qualsiasi disputa o contestazione che dovesse sorgere in merito al presente sito internet e al suo utilizzo.
Accedendo e continuando nella lettura dei contenuti di questo sito Web dichiari di aver letto, compreso e accettato le sopracitate informazioni legali.