4 Suggerimenti per Proteggerti da un Crollo del Mercato

In un panorama finanziario alimentato da forti utili e inflazione contenuta, l’indice S&P 500 è salito a nuovi record, attirando gli investitori in preda alla FOMO. Eppure, dietro la facciata si nasconde un avvertimento. L’incredibile aumento del 30% dell’indice nelle ultime 52 settimane deriva da

Scopri

Chi sono gli uomini più ricchi del mondo nel 2024?

Il 2024 sta continuando a vedere l’ascesa dei titani tecnologici, della vendita al dettaglio e del lusso, con un gruppo ristretto di individui che accumula fortune oltre ogni comprensione. La ricchezza complessiva dei 10 individui più ricchi del mondo ammonta a 1,44 bilioni di dollari.

Scopri

Il Glossario dell’Intelligenza Artificiale

Chatbot E’ un software finalizzato alla comunicazione in linguaggio naturale con esseri umani e con il fine di automatizzare particolari compiti o reperire informazioni da banche dati. Questi prodotti possono sostenere conversazioni con le persone su argomenti che vanno dalle curiosità storiche alle ricette alimentari.

Scopri

Bitcoin sopra i 60.000 dollari: flussi record negli ETF Spot

Bitcoin ha superato i 60.000 dollari e si trova ora ad un passo dal suo massimo storico. I guadagni della criptovaluta più grande del mondo hanno alimentato un ampio rally delle crypto. Cosa c’è dietro all’ultima “mania digitale”? Inizierei col dire che adesso è chiaro

Scopri

L’Italia potrebbe non essere lontana da una crisi del debito: i rendimenti delle obbligazioni italiane sono già insostenibili

Non ci vorrà molto per spingere l’Italia in una crisi del debito. Il paese si trova già con rendimenti obbligazionari vicini a livelli insostenibili. Il rischio è che la domanda di obbligazioni italiane si fermi, proprio come è successo recentemente nel mercato dei gilt nel Regno Unito. Quello che accadrà con il nuovo governo il prossimo mese sarà cruciale per l’economia della nazione.

Molte cose devono accadere a novembre, compresa la creazione di un nuovo governo e la riconvocazione del Parlamento. Subito dopo arriva il bilancio annuale che deve passare all’esame della Commissione Europea prima della fine dell’anno. Questo processo potrebbe essere ancora più teso del solito quest’anno a causa di un disavanzo di bilancio più ampio e di un aumento dell’indebitamento. Con 245 miliardi di euro (238 miliardi di dollari) di titoli di Stato che dovranno essere rifinanziati l’anno prossimo e 230 miliardi di euro nel 2024, c’è poco spazio per gli errori.

debito sovrano italiano rifinanziamento: possibile crisi debito

Un quarto di trilione di euro di debito da rifinanziare il prossimo anno significa che l’Italia spenderà 11 miliardi di euro in più all’anno se i rendimenti rimarranno così alti. È difficile sapere dove o quando arriverà il punto di svolta per la sostenibilità del debito italiano, ma sicuramente le condizioni sono già critiche.

Moody’s ha già chiarito nella sua revisione del 5 ottobre che i tentativi della nuova coalizione di riformulare il Piano nazionale di ripresa e resilienza negoziato da Mario Draghi aumenterebbero i rischi di un downgrade dell’Italia. Il rating del paese è Baa3 con un outlook negativo.

Il nuovo governo italiano

Finora, la neoeletta Giorgia Meloni, capo del partito Fratelli d’Italia, è stata attenta a non provocare ondate fiscali troppo grandi da quando ha vinto le elezioni del 25 settembre.

La Meloni avrà bisogno di aiuto per mantenere la fiducia degli investitori necessaria per servire un carico di debito sovrano che è circa 1 volta e mezzo il prodotto interno lordo.

I politici di alto livello a Roma affermano che il presidente Sergio Mattarella (che avrà l’ultima parola sulla composizione del governo) è dietro le quinte. Ciò suggerisce che la Meloni darà i tre ministeri più importanti (giustizia, affari esteri e finanze) ai tecnocrati. Solitamente, i tecnocrati sono preferiti per placare i nervi di Bruxelles per il rigore fiscale.

Di questi, il ruolo più cruciale è quello del ministro delle finanze. Le aspettative che la Meloni nominerà un funzionario esperto alla guida del ministero spiega perché i mercati non si sono mossi in modo aggressivo contro il debito italiano. Eppure, anche qui, ci sono segnali che le cose potrebbero non andare come vorrebbe la Meloni.

La sua prima scelta era ampiamente conosciuta per essere Fabio Panetta, un membro del consiglio di amministrazione della BCE. Panetta, un conservatore e veterano della Banca d’Italia che non era mai stato coinvolto in precedenza nel governo, sembrava adatto al ruolo. Eppure Panetta ha apparentemente chiarito ai colleghi europei di non essere interessato al lavoro.

Ci sono altri potenziali candidati che dovrebbero rassicurare imprenditori e investitori e contrastare le richieste della Meloni di rinazionalizzare Telecom Italia e bloccare l’acquisizione di ITA, la più grande compagnia aerea italiana, da parte di Certares, società di private equity statunitense. Le possibilità includono Domenico Siniscalco, un banchiere di Morgan Stanley che è stato ministro delle finanze 16 anni fa, Vittorio Grilli, altro ex ministro delle finanze e in seguito banchiere presso JPMorgan Chase & Co. e Luigi Buttiglione, economista indipendente ed ex stratega dell’hedge fund Brevan Howard.

L’aumento dei rendimenti delle obbligazioni italiane

I rendimenti delle obbligazioni italiane a 10 anni sono più che quadruplicati quest’anno, raggiungendo il 4,7%. Ma è nel debito con scadenza più breve che si fa davvero sentire il dolore dell’aumento dei tassi ufficiali della BCE. I rendimenti a tre anni, negativi all’inizio dell’anno, sono ora superiori al 3,5%. Gli oneri finanziari salgono a oltre il 4% per i debiti con scadenza a cinque anni e oltre. Il differenziale di rendimento a 10 anni tra Italia e debito tedesco ha raggiunto i 250 punti base alla fine di settembre per poi scendere.

spread btp-bund dopo elezioni nuovo governo

Le armi della BCE

Sfortunatamente, l’Italia potrebbe trovarsi politicamente più vulnerabile proprio quando le munizioni della BCE per difendere i mercati obbligazionari periferici dell’Euro Area sono al minimo. La banca centrale fa affidamento sul reinvestimento del debito in scadenza acquisito nell’ambito del suo programma di acquisto di emergenza pandemica da nazioni più ricche come Germania, Francia e Paesi Bassi per finanziare nuovi acquisti di debito italiano, spagnolo, portoghese e greco.

A giugno e luglio la BCE ha acquistato circa 8,5 miliardi di euro di obbligazioni italiane, ma verso la fine dell’estate il ritmo è notevolmente diminuito. Non sappiamo quanta potenza stia tenendo in riserva la Banca centrale europea, ma c’è un periodo sottile che si profila negli ultimi mesi di quest’anno e all’inizio del 2023.

Dopo un ampio riscatto francese in ottobre, ci sono poche scadenze disponibili dai paesi donatori per sostenere il debito italiano. L’Austria ha 10,5 miliardi di euro in scadenza a fine novembre e c’è un rimborso tedesco di 14 miliardi di euro a metà dicembre. Dopodiché il ritmo rallenta fino a marzo.

Inoltre, non è chiaro quale percentuale di queste obbligazioni in scadenza sia detenuta nell’Asset Purchase Program e che quindi non è idonea al reinvestimento cross-market. In media, meno di un quarto delle partecipazioni della BCE si trova nella struttura di QE per la pandemia. Quindi potrebbe esserci una capacità insufficiente per contrastare la potenziale vendita del debito periferico.

Naturalmente, c’è anche il nuovo strumento anti-frammentazione della BCE, il Transmission Protection Instrument, su cui fare affidamento. Tuttavia, i dettagli su come e quando potrebbe essere impiegato rimangono scarsi.

ARTICOLI CORRELATI:

Moody’s è pronta a tagliare il rating dell’Italia a “junk” in assenza di riforme

Lo spread BTP-Bund si allarga: la frammentazione dell’Eurozona

La fragilità del mercato dei titoli del Tesoro USA potrebbe riemergere in periodi di stress di mercato

L’intervento della Bank of England per fermare il crollo dei Gilt: iniziano gli acquisti di obbligazioni

MARCO CASARIO

Gli italiani sono tra i popoli più ignoranti in ambito finanziario.

Non per scelta ma perché nessuno lo ha mai insegnato. Il mio scopo è quello di educare ed informare le persone in ambito economico e finanziario. Perché se non ti preoccupi dell'economia e della finanza, loro si occuperanno di te.

Corsi Gratuiti

Diventare un Trader e un Investitore

© Copyright 2022 - The 10Min Trader BV - KVK: 72735481 - VAT ID: NL854377591B01

Il contenuto di questo sito è solo a scopo informativo, non devi interpretare tali informazioni o altro materiale come consigli legali, fiscali, di investimento, finanziari o di altro tipo. Nulla di quanto contenuto nel nostro sito costituisce una sollecitazione, una raccomandazione, un'approvazione o un'offerta da parte di The 10Min Trader BV  per acquistare o vendere titoli o altri strumenti finanziari in questa o in qualsiasi altra giurisdizione in cui tale sollecitazione o offerta sarebbe illegale ai sensi delle leggi sui titoli di tale giurisdizione.

Tutti i contenuti di questo sito sono informazioni di natura generale e non riguardano le circostanze di un particolare individuo o entità. Nulla di quanto contenuto nel sito costituisce una consulenza professionale e/o finanziaria, né alcuna informazione sul sito costituisce una dichiarazione esaustiva o completa delle questioni discusse o della legge ad esse relativa. The 10Min Trader BV non è un fiduciario in virtù dell'uso o dell'accesso al Sito o al Contenuto da parte di qualsiasi persona. Solo tu ti assumi la responsabilità di valutare i meriti e i rischi associati all'uso di qualsiasi informazione o altro Contenuto del Sito prima di prendere qualsiasi decisione basata su tali informazioni o altri Contenuti. In cambio dell'utilizzo del Sito, accetti di non ritenere The 10Min Trader BV, i suoi affiliati o qualsiasi terzo fornitore di servizi responsabile di eventuali richieste di risarcimento danni derivanti da qualsiasi decisione presa sulla base di informazioni o altri Contenuti messi a tua disposizione attraverso il Sito.

RISCHI DI INVESTIMENTO

Ci sono rischi associati all'investimento in titoli. Investire in azioni, obbligazioni, exchange traded funds, fondi comuni e fondi del mercato monetario comporta il rischio di perdita.  La perdita del capitale è possibile. Alcuni investimenti ad alto rischio possono utilizzare la leva finanziaria, che accentuerà i guadagni e le perdite. Gli investimenti esteri comportano rischi speciali, tra cui una maggiore volatilità e rischi politici, economici e valutari e differenze nei metodi contabili.  La performance passata di un titolo o di un'azienda non è una garanzia o una previsione della performance futura dell'investimento.La totalità dei contenuti presenti nel sito internet è tutelata dal diritto d’autore. Senza previo consenso scritto da parte nostra non è pertanto consentito riprodurre (anche parzialmente), trasmettere (né per via elettronica né in altro modo), modificare, stabilire link o utilizzare il sito internet per qualsivoglia finalità pubblica o commerciale.Qualsiasi controversia riguardante l’utilizzo del sito internet è soggetta al diritto svizzero, che disciplina in maniera esclusiva l’interpretazione, l’applicazione e gli effetti di tutte le condizioni sopra elencate. Il foro di Bellinzona è esclusivamente competente in merito a qualsiasi disputa o contestazione che dovesse sorgere in merito al presente sito internet e al suo utilizzo.
Accedendo e continuando nella lettura dei contenuti di questo sito Web dichiari di aver letto, compreso e accettato le sopracitate informazioni legali.