Bitcoin sopra i 60.000 dollari: flussi record negli ETF Spot

Bitcoin ha superato i 60.000 dollari e si trova ora ad un passo dal suo massimo storico. I guadagni della criptovaluta più grande del mondo hanno alimentato un ampio rally delle crypto. Cosa c’è dietro all’ultima “mania digitale”? Inizierei col dire che adesso è chiaro

Scopri

Apple abbandona l’auto elettrica: una scelta saggia?

Martedì è arrivata una notizia bomba da parte di Apple: il progetto multimiliardario Project Titan verrà abbandonato. Apple ha annullato lo sforzo decennale per costruire la sua auto elettrica, allontanandosi da uno dei progetti più ambiziosi nella sua storia. La decisione rivelata internamente ha sorpreso

Scopri

Ecco come Wall Street sta usando l’intelligenza artificiale

L’interesse per l’intelligenza artificiale si è diffuso anche a Wall Street. Le grandi banche non vogliono rimanere indietro nella corsa all’IA: circa il 40% di tutte le posizioni lavorative aperte riguardano ruoli legati all’intelligenza artificiale. JPMorgan è in prima linea. La più grande banca statunitense

Scopri

Moody’s è pronta a tagliare il rating dell’Italia a “junk” in assenza di riforme

Moody’s è pronta a declassare l’Italia tagliando il suo rating a “junk” in assenza di attuazione di riforme da parte del governo Meloni. La minaccia dell’agenzia di rating arriva a seguito dell’elezioni politiche italiane che hanno certificato la vittoria del centrodestra FdI-Lega-Forza Italia.

Il giudizio di Moody’s sul debito pubblico italiano è già negativo: il rating è Baa3, solo un gradino superiore al livello “junk”. Anche l’outlook è negativo.

“Probabilmente declasseremmo il rating dell’Italia se dovessimo assistere a un significativo indebolimento delle prospettive di crescita a medio termine del paese a causa della mancata attuazione delle riforme volte a favorire la crescita” ha dichiarato Moody’s in un rapporto di aggiornamento.

L’annuncio di Moody’s sul rating dell’Italia era previsto per venerdì 30 settembre ma dall’agenzia non è arrivata nessuna comunicazione. L’ultima valutazione dell’agenzia risale al 5 agosto e ha visto il passaggio delle prospettive del paese da stabili a negative.

Mentre la crescita e gli sviluppi fiscali hanno riservato sorprese positive nel 2021 e all’inizio del 2022, i rischi per il profilo creditizio dell’Italia si sono accumulati a causa dell’impatto economico dell’invasione russa dell’Ucraina e degli sviluppi politici interni, entrambi fattori che potrebbero avere implicazioni negative per il credito.

Gli avvertimenti di Moody’s

Il colosso americano non ha nascosto lo scetticismo nei confronti del governo guidato da Giorgia Meloni. Moody’s teme che le trattative per apportare modifiche al PNRR di Draghi ritarderebbero l’attuazione del piano, esercitando pressioni al ribasso sulla spesa per investimenti, in una situazione in cui l’inflazione elevata e l’approvvigionamento energetico stanno già pesando sull’attività economica.

Ecco i principali rischi individuati da Moody’s per l’Italia:

  • contesto politico che ostacola l’attuazione di riforme strutturali;
  • inflazione alta;
  • forniture di energia limitate che indeboliscono le prospettive economiche;
  • condizioni finanziarie restrittive;
  • solidità fiscale indebolita.

La crisi energetica e i rischi di inflazione

Il gas è utilizzato principalmente per la generazione di elettricità, con l’industria che rappresenta una quota inferiore rispetto ad altri governi sovrani europei. Il governo di Draghi ha adottato una serie di misure per ridurre il consumo di gas e diversificare le forniture, affermando che la dipendenza dell’Italia dalla Russia è stata ridotta a circa il 25% dal 40% delle importazioni totali.

Detto questo, l’Italia è meglio posizionata rispetto ad altri paesi europei come la Germania, grazie ai suoi terminali GNL e ai collegamenti con gasdotti verso Nord Africa, Nord Europa e Asia centrale, che consentono all’Italia di utilizzare fonti di approvvigionamento di gas alternative senza nuove infrastrutture, anche se la capacità delle infrastrutture esistenti non consente una sostituzione totale delle forniture russe.

Sebbene la minore dipendenza dell’industria italiana dal gas riduca i rischi economici, l’uso per la produzione di elettricità da parte delle famiglie si tradurrà in un aumento dei prezzi dell’energia e dell’inflazione, provocando un significativo shock di fiducia.

La necessità di riforme

È fondamentale che l’Italia vada avanti con le riforme necessarie per continuare a beneficiare dei finanziamenti dell’UE, assicurati con il piano Next Generation EU, raggiungendo gli obiettivi del piano strategico redatto da Draghi.

L’Italia riceve fondi di investimento solo in cambio di riforme. Inoltre, il rispetto del PNRR è anche una delle condizioni preliminari per l’accesso al TPI della BCE. Il mancato adempimento degli impegni sulle riforme potrebbe essere indice di un indebolimento delle istituzioni legislative ed esecutive o di una debole efficacia della definizione delle politiche macroeconomiche.

L’agenzia di rating rimane fiduciosa sul fatto che i paesi centrali dell’Euro Area saranno propensi a sostenere l’Italia in caso di necessità, parere che è stato confermato dal recente annuncio del piano anti-spread della Bce. Inoltre, sono state fatte ammissioni sui punti di forza dell’Italia: alta ricchezza delle famiglie, basso debito del settore privato e diversificazione economica.

La reazione dei mercati

Dopo l’avvertimento di Moody’s, gli investitori hanno scaricato le obbligazioni italiane al ritmo più veloce da quando la pandemia ha colpito nel 2020.

rendimento obbligazioni italiane 10 anni aumento dopo declassamento Moody's rating Italia

Il rendimento delle obbligazioni a 10 anni è aumentato di 30 punti base al 4,48%. Ciò ha ampliato il premio richiesto dagli investitori per detenere il debito dell’Italia rispetto a quello della Germania. Lo spread BTP-Bund è salito a 242 punti base, al di sotto del picco raggiunto la scorsa settimana sulla scia delle elezioni.

spread BTP-Bund sale dopo avvertimento Moody's rating Italia junk

Ad alimentare le preoccupazioni degli investitori si è aggiunto un rapporto secondo cui Fabio Panetta, membro del consiglio di amministrazione della Banca centrale europea, non sarà il prossimo ministro delle finanze italiano.

Le considerazioni di S&P Global

A pochi giorni dall’esito delle elezioni politiche italiane del 25 settembre scorso, è arrivato l’avvertimento di Standard & Poor’s, un’altra delle tre agenzie di rating.

S&P ha parlato di un contesto difficile per il nuovo governo italiano, visto l’elevato debito pubblico dell’Italia e le probabilità di recessione in Europa sempre più alte. L’agenzia ha rilevato un margine di manovra limitato, in vista della legge di bilancio che dovrà essere approvata nelle prossime settimane.

rapporto debito PIL Italia

“La realizzazione delle riforme del PNRR, che consentiranno l’erogazione di altri fondi europei, sarà fondamentale per la ripresa economica dell’Italia (e per le casse dello Stato) nel 2023 e 2024”, ha sottolineato S&P Global ratings.

In campagna elettorale, la leader di Fratelli d’Italia ha manifestato interesse per la revisione del PNRR. Anche secondo S&P, un’eventuale revisione causerebbe un ritardo nell’allocazione dei fondi Ue e aumenterebbe l’incertezza sulle prospettive economiche.

L’agenzia non ha lanciato un vero allarme in quanto ha dichiarato di non prevedere rischi fiscali imminenti con il passaggio al nuovo governo e di stimare un leggero calo del PIL italiano nel 2023 (-0,1%).

ARTICOLI CORRELATI:

Lo spread BTP-Bund si allarga: la frammentazione dell’Eurozona

La crisi energetica in Europa: le interruzioni del Nord Stream

Il price cap del gas russo

Perché i prezzi dell’elettricità in Europa stanno aumentando?

MARCO CASARIO

Gli italiani sono tra i popoli più ignoranti in ambito finanziario.

Non per scelta ma perché nessuno lo ha mai insegnato. Il mio scopo è quello di educare ed informare le persone in ambito economico e finanziario. Perché se non ti preoccupi dell'economia e della finanza, loro si occuperanno di te.

Corsi Gratuiti

Diventare un Trader e un Investitore

© Copyright 2022 - The 10Min Trader BV - KVK: 72735481 - VAT ID: NL854377591B01

Il contenuto di questo sito è solo a scopo informativo, non devi interpretare tali informazioni o altro materiale come consigli legali, fiscali, di investimento, finanziari o di altro tipo. Nulla di quanto contenuto nel nostro sito costituisce una sollecitazione, una raccomandazione, un'approvazione o un'offerta da parte di The 10Min Trader BV  per acquistare o vendere titoli o altri strumenti finanziari in questa o in qualsiasi altra giurisdizione in cui tale sollecitazione o offerta sarebbe illegale ai sensi delle leggi sui titoli di tale giurisdizione.

Tutti i contenuti di questo sito sono informazioni di natura generale e non riguardano le circostanze di un particolare individuo o entità. Nulla di quanto contenuto nel sito costituisce una consulenza professionale e/o finanziaria, né alcuna informazione sul sito costituisce una dichiarazione esaustiva o completa delle questioni discusse o della legge ad esse relativa. The 10Min Trader BV non è un fiduciario in virtù dell'uso o dell'accesso al Sito o al Contenuto da parte di qualsiasi persona. Solo tu ti assumi la responsabilità di valutare i meriti e i rischi associati all'uso di qualsiasi informazione o altro Contenuto del Sito prima di prendere qualsiasi decisione basata su tali informazioni o altri Contenuti. In cambio dell'utilizzo del Sito, accetti di non ritenere The 10Min Trader BV, i suoi affiliati o qualsiasi terzo fornitore di servizi responsabile di eventuali richieste di risarcimento danni derivanti da qualsiasi decisione presa sulla base di informazioni o altri Contenuti messi a tua disposizione attraverso il Sito.

RISCHI DI INVESTIMENTO

Ci sono rischi associati all'investimento in titoli. Investire in azioni, obbligazioni, exchange traded funds, fondi comuni e fondi del mercato monetario comporta il rischio di perdita.  La perdita del capitale è possibile. Alcuni investimenti ad alto rischio possono utilizzare la leva finanziaria, che accentuerà i guadagni e le perdite. Gli investimenti esteri comportano rischi speciali, tra cui una maggiore volatilità e rischi politici, economici e valutari e differenze nei metodi contabili.  La performance passata di un titolo o di un'azienda non è una garanzia o una previsione della performance futura dell'investimento.La totalità dei contenuti presenti nel sito internet è tutelata dal diritto d’autore. Senza previo consenso scritto da parte nostra non è pertanto consentito riprodurre (anche parzialmente), trasmettere (né per via elettronica né in altro modo), modificare, stabilire link o utilizzare il sito internet per qualsivoglia finalità pubblica o commerciale.Qualsiasi controversia riguardante l’utilizzo del sito internet è soggetta al diritto svizzero, che disciplina in maniera esclusiva l’interpretazione, l’applicazione e gli effetti di tutte le condizioni sopra elencate. Il foro di Bellinzona è esclusivamente competente in merito a qualsiasi disputa o contestazione che dovesse sorgere in merito al presente sito internet e al suo utilizzo.
Accedendo e continuando nella lettura dei contenuti di questo sito Web dichiari di aver letto, compreso e accettato le sopracitate informazioni legali.