Perché i prezzi dell’elettricità in Europa stanno aumentando?

L’Europa sta lottando con l’aumento dei prezzi dell’energia. Il gas naturale, utilizzato per generare elettricità e calore, costa circa 10 volte di più rispetto a un anno fa. Di conseguenza, i prezzi dell’elettricità sono aumentati vertiginosamente.

La scorsa settimana i prezzi di riferimento del gas europeo hanno raggiunto un livello record dopo che il gigante russo Gazprom ha dichiarato che avrebbe temporaneamente interrotto i flussi del gasdotto Nord Stream. Anche prima della chiusura, i flussi del gasdotto chiave ammontavano solo al 20% della capacità. Questi tagli stanno costringendo i fornitori ad acquistare gas sul mercato spot a prezzi più elevati e volatili rispetto a quelli previsti dai contratti a lungo termine con Gazprom.

i prezzi dell'elettricità in Europa

Perché i prezzi dell’elettricità stanno aumentando?

A guidare i prezzi dell’elettricità è il timore che l’Europa finisca il gas questo inverno. In molti paesi, i prezzi del gas e dell’energia elettrica sono strettamente correlati. Sebbene ci siano diversi modi per generare energia elettrica (carbone, nucleare, idroelettrico, eolico e solare), il prezzo del gas naturale ha un’enorme influenza sui prezzi dell’elettricità.

Questa relazione rende l’Europa più vulnerabile alle mosse della Russia. A differenza degli Stati Uniti, che hanno un ampio surplus di gas naturale da esportare, l’Europa ha bisogno di importare la maggior parte del suo gas.

Oltre alle interruzioni delle forniture russe, altri fattori stanno spingendo verso l’alto i prezzi dell’elettricità, come ad esempio i bassi livelli dei fiumi che ostacolano le spedizioni di carburante alle centrali a carbone che la Germania e altri governi vogliono attivare per sostituire il gas.

Gli analisti affermano che l’energia eolica e solare stanno aiutando solo marginalmente ad abbassare i prezzi perché nei mercati all’ingrosso il gas naturale rimane il principale driver dei prezzi dell’elettricità.

Come stanno rispondendo i governi alla crisi energetica?

I paesi dell’Unione Europea stanno gareggiando per riempire gli impianti di stoccaggio del gas per attutire l’effetto di un potenziale taglio completo del gas russo questo inverno.

In un certo senso, il programma di stoccaggio ha avuto successo: i siti della Germania sono pieni per oltre l’80% e si trovano sulla buona strada per raggiungere l’obiettivo del 95% entro il 1° novembre. Tuttavia, la corsa alle scorte per l’inverno sta facendo salire i prezzi poiché costringe le compagnie energetiche ad acquistare gas costoso spingendo il prezzo ancora più in alto.

I governi si sono mossi per assicurarsi più forniture sotto forma di gas naturale liquefatto dagli Stati Uniti e da altri esportatori. Inoltre, hanno spinto le compagnie energetiche a costruire nuovi terminali per ricevere il combustibile refrigerato attraverso finanziamenti statali.

Inoltre, i governi stanno prendendo diverse iniziative per ridurre il consumo di energia. Il gabinetto del cancelliere Olaf Scholz, ad esempio, ha approvato una serie di misure per aiutare a ridurre di un quinto il consumo di gas in autunno e inverno. Tra queste ci sono il divieto di riscaldamento delle piscine private e di alcuni edifici pubblici, l’abbassamento della temperatura minima negli uffici a 19°C e il divieto dell’illuminazione esterna per edifici e monumenti.

Entro ottobre, le catene di supermercati francesi spegneranno le insegne luminose dei negozi dopo la chiusura e gli spazi commerciali ridurranno l’illuminazione del 30% e abbasseranno le temperature a 17°C durante le ore di punta degli acquisti.

I prezzi dell’energia sono diventati una questione chiave della campagna in vista delle elezioni anticipate del 25 settembre per sostituire il primo ministro Mario Draghi. Il centrosinistra propone il controllo dei prezzi dell’elettricità, mossa criticata dalla capofila di destra Giorgia Meloni, che invece vuole un’iniziativa a livello europeo.

Il piano di risparmio dell’Italia potrebbe includere:

– l’abbassamento delle temperature e la riduzione delle ore di riscaldamento nelle case e negli uffici durante l’inverno per ridurre di oltre il 10% il gas utilizzato per il riscaldamento;

– la riduzione dell’illuminazione del pubblico e dei negozi di notte;

– l’estensione della vita delle centrali a carbone per ridurre il gas utilizzato per la produzione di energia.

Cosa comporta l’aumento dell’energia

La produzione industriale ha subito un duro colpo per colpa dell’aumento dei prezzi dell’energia. Molte aziende sono state costrette a chiudere o interrompere la produzione.

La crisi energetica europea sta guidando l’inflazione più rapida degli ultimi decenni, portando quella ad una vera e propria crisi del costo della vita.

inflazione in Europa

Il Regno Unito a fine maggio ha annunciato un pacchetto di aiuti da 15 miliardi di sterline per sostenere le famiglie, mentre la Francia all’inizio di agosto ha approvato un pacchetto anti-inflazione da 20 miliardi di euro.

Anche altre nazioni dall’Italia alla Svezia hanno cercato di dare sostegno ai loro cittadini. Sebbene queste siano presentate come misure temporanee, i problemi con la Russia significano che l’Europa dovrà affrontare costi energetici più elevati nel prossimo futuro.

Se la crisi non sarà contenuta e porterà a blackout e case fredde questo inverno, c’è il rischio di disordini sociali e sconvolgimenti politici.

ARTICOLI CORRELATI:

La crisi energetica in Europa: le interruzioni del Nord Stream

Le alternative dell’Europa al gas russo

L’accordo UE sull’embargo del petrolio russo

Il tetto al prezzo del petrolio russo del G7

MARCO CASARIO

Gli italiani sono tra i popoli più ignoranti in ambito finanziario.

Non per scelta ma perché nessuno lo ha mai insegnato. Il mio scopo è quello di educare ed informare le persone in ambito economico e finanziario. Perché se non ti preoccupi dell'economia e della finanza, loro si occuperanno di te.

Corsi Gratuiti

Diventare un Trader e un Investitore

© Copyright 2022 - The 10Min Trader BV - KVK: 72735481 - VAT ID: NL854377591B01

Il contenuto di questo sito è solo a scopo informativo, non devi interpretare tali informazioni o altro materiale come consigli legali, fiscali, di investimento, finanziari o di altro tipo. Nulla di quanto contenuto nel nostro sito costituisce una sollecitazione, una raccomandazione, un'approvazione o un'offerta da parte di The 10Min Trader BV  per acquistare o vendere titoli o altri strumenti finanziari in questa o in qualsiasi altra giurisdizione in cui tale sollecitazione o offerta sarebbe illegale ai sensi delle leggi sui titoli di tale giurisdizione.

Tutti i contenuti di questo sito sono informazioni di natura generale e non riguardano le circostanze di un particolare individuo o entità. Nulla di quanto contenuto nel sito costituisce una consulenza professionale e/o finanziaria, né alcuna informazione sul sito costituisce una dichiarazione esaustiva o completa delle questioni discusse o della legge ad esse relativa. The 10Min Trader BV non è un fiduciario in virtù dell'uso o dell'accesso al Sito o al Contenuto da parte di qualsiasi persona. Solo tu ti assumi la responsabilità di valutare i meriti e i rischi associati all'uso di qualsiasi informazione o altro Contenuto del Sito prima di prendere qualsiasi decisione basata su tali informazioni o altri Contenuti. In cambio dell'utilizzo del Sito, accetti di non ritenere The 10Min Trader BV, i suoi affiliati o qualsiasi terzo fornitore di servizi responsabile di eventuali richieste di risarcimento danni derivanti da qualsiasi decisione presa sulla base di informazioni o altri Contenuti messi a tua disposizione attraverso il Sito.

RISCHI DI INVESTIMENTO

Ci sono rischi associati all'investimento in titoli. Investire in azioni, obbligazioni, exchange traded funds, fondi comuni e fondi del mercato monetario comporta il rischio di perdita.  La perdita del capitale è possibile. Alcuni investimenti ad alto rischio possono utilizzare la leva finanziaria, che accentuerà i guadagni e le perdite. Gli investimenti esteri comportano rischi speciali, tra cui una maggiore volatilità e rischi politici, economici e valutari e differenze nei metodi contabili.  La performance passata di un titolo o di un'azienda non è una garanzia o una previsione della performance futura dell'investimento.La totalità dei contenuti presenti nel sito internet è tutelata dal diritto d’autore. Senza previo consenso scritto da parte nostra non è pertanto consentito riprodurre (anche parzialmente), trasmettere (né per via elettronica né in altro modo), modificare, stabilire link o utilizzare il sito internet per qualsivoglia finalità pubblica o commerciale.Qualsiasi controversia riguardante l’utilizzo del sito internet è soggetta al diritto svizzero, che disciplina in maniera esclusiva l’interpretazione, l’applicazione e gli effetti di tutte le condizioni sopra elencate. Il foro di Bellinzona è esclusivamente competente in merito a qualsiasi disputa o contestazione che dovesse sorgere in merito al presente sito internet e al suo utilizzo.
Accedendo e continuando nella lettura dei contenuti di questo sito Web dichiari di aver letto, compreso e accettato le sopracitate informazioni legali.

Cookie Policy