L’accordo UE sull’embargo del petrolio russo

I leader dell’UE hanno trovato l’accordo sull’embargo del petrolio russo. Nell’ultimo round di sanzioni alla Russia, i responsabili politici dell’Unione Europea hanno deciso di perseguire il divieto della maggior parte delle importazioni. La decisione sta aiutando il petrolio a dirigersi verso la più lunga serie

Scopri

Il tetto al prezzo del petrolio russo del G7

Il G7 vuole esplorare dei modi per fissare un tetto al prezzo del petrolio russo. I paesi del Gruppo si sono proposti di vietare tutti i servizi che consentono il trasporto di petrolio russo a livello globale, a meno che non venga acquistato a un prezzo pari o inferiore a un prezzo fissato con i partner internazionali.

In altre parole, banche e compagnie assicurative potrebbero continuare a finanziare il commercio del petrolio russo, e i paesi potrebbero continuare ad acquistarlo, fintanto che il prezzo che la Russia ottiene non è al di sopra del tetto massimo.

Circa il 95% della flotta mondiale di petroliere è coperta dall’International Group of Protection & Indemnity Clubs di Londra e da alcune società con sede nell’Europa continentale. I governi occidentali potrebbero cercare di imporre un limite di prezzo dicendo agli acquirenti che possono continuare a utilizzare tale assicurazione, a condizione che accettino di non pagare più di un certo prezzo per il petrolio.

Quale potrebbe essere l’impatto del tetto al prezzo del petrolio russo?

Putin afferma che le nazioni occidentali stanno soffrendo più della Russia per le sanzioni che hanno imposto a seguito dell’invasione dell’Ucraina. L’aumento dei prezzi delle esportazioni di materie prime russe ha portato entrate in eccesso che hanno aiutato il suo governo ad attutire l’impatto delle sanzioni.

surplus commerciale Russia
Il surplus commerciale della Russia

Da quando gli Stati Uniti e i loro alleati hanno iniziato a evitare il petrolio e il gas della Russia, ci sono stati pochi segni che le misure stiano infliggendo un dolore tale da costringere il presidente Putin a ripensare alla sua guerra in Ucraina. Altri paesi, tra cui Cina e India, stanno ancora acquistando energia russa e un aumento dei prezzi ha attenuato il colpo delle sanzioni.

I sostenitori del tetto al prezzo del petrolio russo sperano che fissare i prezzi a un livello vicino al costo di produzione infligga un duro colpo alle finanze di Mosca, garantendo comunque che l’energia fluisca dove serve. Poiché la Russia è uno dei maggiori fornitori di petrolio al mondo, un tetto massimo potrebbe anche alleviare la pressione inflazionistica che sta causando difficoltà economiche in tutto il mondo.

Gli ostacoli

Un tetto massimo globale non potrebbe funzionare senza l’accordo delle nazioni europee. L’UE dovrebbe riaprire il testo legale del suo ultimo pacchetto di sanzioni, che include il divieto di copertura assicurativa per le spedizioni di petrolio russo. Le sanzioni hanno richiesto settimane per essere approvate e hanno dovuto superare ostacoli significativi poiché richiedevano l’unanimità tra le 27 nazioni dell’UE.

Se l’accordo degli alleati su un limite di prezzo non riuscisse a reggere, Putin otterrebbe una vittoria simbolica. Ci sono molti modi in cui l’accordo potrebbe fallire. Non vi è alcuna garanzia che la Russia accetti di spedire petrolio a prezzi limitati, in particolare se il limite è vicino al costo di produzione. Il Cremlino potrebbe ritenere che tenere il proprio petrolio fuori dal mercato potrebbe arrecare un danno maggiore all’economia dell’Europa e del Nord America piuttosto che alla propria.

Mosca ha già iniziato a mettere in atto un’alternativa ai club P&I, offrendo assicurazioni attraverso la Russian National Reinsurance Company. Non è chiaro se gli acquirenti siano pronti ad accettarla.

E la Cina e l’India?

Gli ostacoli non si limitano solo all’accordo tra le 27 nazioni dell’UE, Regno Unito, Stati Uniti e altri paesi. Toccano anche una questione esistenziale su come il mondo possa controllare il prezzo di una merce che sta alimentando una guerra in Europa senza danneggiare le proprie economie.

Dobbiamo anche chiederci quali sono le condizioni che Cina e India, i due acquirenti di petrolio russo principalmente presi di mira dal price cap, dovrebbero seguire per rispettare il regime. I due paesi potrebbero accettare un’assicurazione inferiore dalla Russia piuttosto che sentirsi dire quanto devono pagare per un bene chiave.

Il potenziale limite al prezzo del gas russo

Le nazioni del G7 hanno valutato anche un potenziale tetto massimo del prezzo del gas. L’idea deve affrontare grandi ostacoli in Europa, il più grande mercato di esportazione di gas della Russia. Putin ha già dimostrato di essere pronto a usare il gas come arma, tagliando le forniture all’UE e gettando il mercato in subbuglio. Il limite dei prezzi potrebbe indurre la Russia a reagire riducendo ulteriormente le consegne. Ciò renderebbe più difficile per l’Europa rifornire i siti di stoccaggio prima dell’inverno.

dipendenza Europa gas russo
Le nazioni europee maggiormente dipendenti dal gas russo
ARTICOLI CORRELATI:

Default Russia: perché non ha scosso i mercati?

L’accordo UE sull’embargo del petrolio russo

I prezzi della benzina: da che cosa vengono influenzati?

MARCO CASARIO

Gli italiani sono tra i popoli più ignoranti in ambito finanziario.

Non per scelta ma perché nessuno lo ha mai insegnato. Il mio scopo è quello di educare ed informare le persone in ambito economico e finanziario. Perché se non ti preoccupi dell'economia e della finanza, loro si occuperanno di te.

Corsi Gratuiti

Diventare un Trader e un Investitore

© Copyright 2022 - The 10Min Trader BV - KVK: 72735481 - VAT ID: NL854377591B01

Il contenuto di questo sito è solo a scopo informativo, non devi interpretare tali informazioni o altro materiale come consigli legali, fiscali, di investimento, finanziari o di altro tipo. Nulla di quanto contenuto nel nostro sito costituisce una sollecitazione, una raccomandazione, un'approvazione o un'offerta da parte di The 10Min Trader BV  per acquistare o vendere titoli o altri strumenti finanziari in questa o in qualsiasi altra giurisdizione in cui tale sollecitazione o offerta sarebbe illegale ai sensi delle leggi sui titoli di tale giurisdizione.

Tutti i contenuti di questo sito sono informazioni di natura generale e non riguardano le circostanze di un particolare individuo o entità. Nulla di quanto contenuto nel sito costituisce una consulenza professionale e/o finanziaria, né alcuna informazione sul sito costituisce una dichiarazione esaustiva o completa delle questioni discusse o della legge ad esse relativa. The 10Min Trader BV non è un fiduciario in virtù dell'uso o dell'accesso al Sito o al Contenuto da parte di qualsiasi persona. Solo tu ti assumi la responsabilità di valutare i meriti e i rischi associati all'uso di qualsiasi informazione o altro Contenuto del Sito prima di prendere qualsiasi decisione basata su tali informazioni o altri Contenuti. In cambio dell'utilizzo del Sito, accetti di non ritenere The 10Min Trader BV, i suoi affiliati o qualsiasi terzo fornitore di servizi responsabile di eventuali richieste di risarcimento danni derivanti da qualsiasi decisione presa sulla base di informazioni o altri Contenuti messi a tua disposizione attraverso il Sito.

RISCHI DI INVESTIMENTO

Ci sono rischi associati all'investimento in titoli. Investire in azioni, obbligazioni, exchange traded funds, fondi comuni e fondi del mercato monetario comporta il rischio di perdita.  La perdita del capitale è possibile. Alcuni investimenti ad alto rischio possono utilizzare la leva finanziaria, che accentuerà i guadagni e le perdite. Gli investimenti esteri comportano rischi speciali, tra cui una maggiore volatilità e rischi politici, economici e valutari e differenze nei metodi contabili.  La performance passata di un titolo o di un'azienda non è una garanzia o una previsione della performance futura dell'investimento.La totalità dei contenuti presenti nel sito internet è tutelata dal diritto d’autore. Senza previo consenso scritto da parte nostra non è pertanto consentito riprodurre (anche parzialmente), trasmettere (né per via elettronica né in altro modo), modificare, stabilire link o utilizzare il sito internet per qualsivoglia finalità pubblica o commerciale.Qualsiasi controversia riguardante l’utilizzo del sito internet è soggetta al diritto svizzero, che disciplina in maniera esclusiva l’interpretazione, l’applicazione e gli effetti di tutte le condizioni sopra elencate. Il foro di Bellinzona è esclusivamente competente in merito a qualsiasi disputa o contestazione che dovesse sorgere in merito al presente sito internet e al suo utilizzo.
Accedendo e continuando nella lettura dei contenuti di questo sito Web dichiari di aver letto, compreso e accettato le sopracitate informazioni legali.

Cookie Policy