La crisi energetica in Europa: le interruzioni del Nord Stream

Mentre la crisi energetica in Europa si fa sempre più intensa, la Russia ha deciso di chiudere il gasdotto Nord Stream per lavori di manutenzione. Mercoledì, il gigante del gas Gazprom PJSC ha dichiarato di aver completamente interrotto il gasdotto Nord Stream affinché i lavori nell’unità di compressione del gas potessero iniziare. Ha inoltre dichiarato che il gasdotto dovrebbe tornare in funzione questo sabato.

Mosca ha già ridotto le consegne del gasdotto Nord Stream, che collega i giacimenti di gas della Russia con la Germania, a solo il 20% della sua capacità massima a causa di problemi tecnici con le sue turbine.

Secondo i funzionari europei i tagli delle forniture costituiscono un attacco economico in risposta alle sanzioni e si chiedono se Gazprom riavvierà il gasdotto come previsto. Alcuni si aspettano che Mosca trovi nuovi pretesti tecnici per prolungare l’interruzione, mentre altri vedono Gazprom mantenere il flusso del gas a un livello basso per creare incertezza e manipolare i prezzi del gas europeo.

la crisi energetica in Europa: i flussi di gas attraverso il gasdotto Nord Stream
I flussi del gasdotto Nord Stream

A differenza della manutenzione annuale di luglio, l’attuale chiusura del Nord Stream ha colto di sorpresa funzionari e commercianti. Le operazioni di manutenzione vengono solitamente telegrafate con largo anticipo in modo che i servizi pubblici e i commercianti possano prendere accordi alternativi. L’interruzione attuale è stata annunciata all’inizio di questo mese.

I prezzi del gas in Europa

Il benchmark di riferimento del gas europeo è stato scambiato intorno ai massimi storici nelle ultime settimane. Il gas è un combustibile fondamentale che serve per il riscaldamento delle case e per alimentare fabbriche come fonderie e impianti di fertilizzanti. L’aumento dei prezzi dell’elettricità ha costretto alcune attività industriali in Europa ad annunciare chiusure nelle ultime settimane.

Il future di riferimento del gas europeo

Mentre un arresto completo delle consegne di Nord Stream peggiorerebbe il bilancio energetico dell’Europa durante l’inverno, quando la domanda raggiunge il picco stagionale, l’Unione Europea è riuscita a riempire i suoi impianti di stoccaggio più velocemente del previsto.

La presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen ha celebrato la pietra miliare dichiarando che le riserve hanno raggiunto una media dell’80%, un obiettivo che l’UE intendeva raggiungere entro il 1° novembre. L’UE ha rafforzato le sue regole di stoccaggio all’inizio di quest’anno, dopo che i livelli dello scorso inverno si sono rivelati inferiori rispetto agli anni passati.

La Germania, che ha i più grandi depositi di gas d’Europa, sta per raggiungere il suo obiettivo di stoccaggio dell’85%, inizialmente fissato per il 1° ottobre. I funzionari tedeschi, tuttavia, hanno avvertito che raggiungere il prossimo traguardo del 95% entro il 1° novembre sarà difficile, a meno che imprese e famiglie non taglino i consumi.

Lo stoccaggio del gas aiuta ad assorbire gli shock dell’offerta e fornisce dal 25% al ​​30% del carburante consumato durante l’inverno. Con riserve più grandi, le nazioni europee sono in una posizione migliore per affrontare un ulteriore taglio dell’offerta dalla Russia.

La dipendenza dalla Russia

L’UE vuole ridurre la sua dipendenza dalla Russia, il più grande fornitore di energia della regione negli ultimi anni. I flussi saranno sostituiti da fonti rinnovabili e importazioni di gas naturale liquefatto da altri fornitori nel Mediterraneo, Africa, Medio Oriente e Stati Uniti.

La Germania sta riavviando le centrali a carbone per risparmiare gas e sta cercando di portare in funzione nuove infrastrutture per importare gas naturale liquefatto da tutto il mondo.

L’aumento delle importazioni tramite gasdotto dalla Norvegia e le spedizioni di gas naturale liquefatto dagli Stati Uniti hanno messo l’Europa in una posizione più forte in vista dell’inverno rispetto a quanto previsto da molti analisti a seguito dei primi tagli delle forniture russe. Allo stesso tempo, si teme che le forniture di produttori diversi dalla Russia potrebbero non essere sufficienti per soddisfare la domanda europea.

Il price cap

L’Unione Europea si sta preparando a intervenite nel mercato energetico per smorzare l’impennata dei costi. Il blocco ha intenzione di limitare i prezzi e spezzare il legame tra i costi del gas e dell’elettricità ma i dettagli del piano di azione non sono stati ancora definiti.

I prezzi dell’elettricità sono aumentati di quasi 10 volte nell’ultimo anno, alimentando l’inflazione e l’onere economico per imprese e famiglie.

la crisi energetica in Europa: i prezzi dell'elettricità

Nel frattempo…la Russia…

Le nazioni che hanno cercato di colpire la Russia a seguito dell’invasione dell’Ucraina si sono concentrate sulla riduzione delle esportazioni di energia invece che sulla riduzione dei guadagni. Nonostante la Russia stia esportando meno petrolio, sta guadagnando più soldi secondo il Center for Research on Energy and Clean Air.

Le sanzioni hanno alzato i prezzi, compensando il calo delle esportazioni. Nel maggio 2022, la Russia ha guadagnato 883 milioni di euro al giorno dalle esportazioni di petrolio, rispetto ai 633 milioni di euro al giorno nel maggio 2021.

Ci sono troppi paesi disposti ad acquistare petrolio russo ad un prezzo discount.

ARTICOLI CORRELATI:

Le alternative dell’Europa al gas russo

L’accordo UE sull’embargo del petrolio russo

Il tetto al prezzo del petrolio russo del G7

I prezzi della benzina: da che cosa vengono influenzati?

MARCO CASARIO

Gli italiani sono tra i popoli più ignoranti in ambito finanziario.

Non per scelta ma perché nessuno lo ha mai insegnato. Il mio scopo è quello di educare ed informare le persone in ambito economico e finanziario. Perché se non ti preoccupi dell'economia e della finanza, loro si occuperanno di te.

Corsi Gratuiti

Diventare un Trader e un Investitore

© Copyright 2022 - The 10Min Trader BV - KVK: 72735481 - VAT ID: NL854377591B01

Il contenuto di questo sito è solo a scopo informativo, non devi interpretare tali informazioni o altro materiale come consigli legali, fiscali, di investimento, finanziari o di altro tipo. Nulla di quanto contenuto nel nostro sito costituisce una sollecitazione, una raccomandazione, un'approvazione o un'offerta da parte di The 10Min Trader BV  per acquistare o vendere titoli o altri strumenti finanziari in questa o in qualsiasi altra giurisdizione in cui tale sollecitazione o offerta sarebbe illegale ai sensi delle leggi sui titoli di tale giurisdizione.

Tutti i contenuti di questo sito sono informazioni di natura generale e non riguardano le circostanze di un particolare individuo o entità. Nulla di quanto contenuto nel sito costituisce una consulenza professionale e/o finanziaria, né alcuna informazione sul sito costituisce una dichiarazione esaustiva o completa delle questioni discusse o della legge ad esse relativa. The 10Min Trader BV non è un fiduciario in virtù dell'uso o dell'accesso al Sito o al Contenuto da parte di qualsiasi persona. Solo tu ti assumi la responsabilità di valutare i meriti e i rischi associati all'uso di qualsiasi informazione o altro Contenuto del Sito prima di prendere qualsiasi decisione basata su tali informazioni o altri Contenuti. In cambio dell'utilizzo del Sito, accetti di non ritenere The 10Min Trader BV, i suoi affiliati o qualsiasi terzo fornitore di servizi responsabile di eventuali richieste di risarcimento danni derivanti da qualsiasi decisione presa sulla base di informazioni o altri Contenuti messi a tua disposizione attraverso il Sito.

RISCHI DI INVESTIMENTO

Ci sono rischi associati all'investimento in titoli. Investire in azioni, obbligazioni, exchange traded funds, fondi comuni e fondi del mercato monetario comporta il rischio di perdita.  La perdita del capitale è possibile. Alcuni investimenti ad alto rischio possono utilizzare la leva finanziaria, che accentuerà i guadagni e le perdite. Gli investimenti esteri comportano rischi speciali, tra cui una maggiore volatilità e rischi politici, economici e valutari e differenze nei metodi contabili.  La performance passata di un titolo o di un'azienda non è una garanzia o una previsione della performance futura dell'investimento.La totalità dei contenuti presenti nel sito internet è tutelata dal diritto d’autore. Senza previo consenso scritto da parte nostra non è pertanto consentito riprodurre (anche parzialmente), trasmettere (né per via elettronica né in altro modo), modificare, stabilire link o utilizzare il sito internet per qualsivoglia finalità pubblica o commerciale.Qualsiasi controversia riguardante l’utilizzo del sito internet è soggetta al diritto svizzero, che disciplina in maniera esclusiva l’interpretazione, l’applicazione e gli effetti di tutte le condizioni sopra elencate. Il foro di Bellinzona è esclusivamente competente in merito a qualsiasi disputa o contestazione che dovesse sorgere in merito al presente sito internet e al suo utilizzo.
Accedendo e continuando nella lettura dei contenuti di questo sito Web dichiari di aver letto, compreso e accettato le sopracitate informazioni legali.

Cookie Policy