L’effetto delle Elezioni Anticipate di Macron sul Mercato Francese

L’annuncio delle elezioni anticipate da parte del presidente Emmanuel Macron ha generato una significativa incertezza nel settore finanziario francese. Dopo anni di sforzi per posizionare Parigi come centro finanziario europeo post-Brexit, le nuove elezioni potrebbero mettere a rischio i progressi fatti. Questo articolo esplorerà l’effetto

Scopri

Come Affrontare la Correlazione Positiva tra Azioni e Obbligazioni

Nel mondo degli investimenti, una delle sfide più significative degli ultimi trent’anni si sta manifestando proprio ora: la forte correlazione positiva tra azioni e obbligazioni. Tradizionalmente, la classica allocazione 60/40 (60% azioni e 40% obbligazioni) ha offerto una diversificazione e una protezione del rischio naturale.

Scopri

L’Influenza del Dot Plot della Fed sui Mercati Finanziari

Quando si parla di trading e investimenti, la parola “Fed” richiama subito l’attenzione. La Federal Reserve, la banca centrale degli Stati Uniti, è un’istituzione che ha il potere di influenzare i mercati finanziari globali con le sue decisioni. Tra gli strumenti di comunicazione della Fed,

Scopri

Il price cap del gas russo

L’Unione Europea sta valutando il price cap del gas russo. La restrizione dell’offerta della Russia sta costringendo il blocco di 27 nazioni a valutare misure drastiche per frenare l’aumento dei costi energetici.

Le pressioni sui leader dell’UE sono aumentare dopo che Gazprom ha deciso di non riattivare il gasdotto Nord Stream a seguito della manutenzione. I ministri discuteranno venerdì sul piano di un intervento nel mercato dell’energia.

L’arresto completo del Nord Stream, che scorre sotto il Mar Baltico verso la Germania, lascia solo due rotte principali che forniscono gas all’Unione Europea: una attraverso l’Ucraina e una dal TurkStream attraverso il Mar Nero. Anche i flussi attraverso l’Ucraina sono stati gravemente frenati, con solo una delle due gambe in funzione.

La perdita dell’oleodotto chiave a tempo indeterminato aumenta anche la pressione sulla Germania affinché mantenga aperte più a lungo le centrali nucleari che aveva pianificato di chiudere quest’anno.

Il piano della Commissione Europea

Secondo Bloomberg, la Commissione europea sta valutando di sottoporre il Dutch Title Transfer Facility – il mercato virtuale del gas il cui indice principale è utilizzato per i contratti a lungo termine in Europa – alla supervisione finanziaria per evitare speculazioni. Il premio di prezzo tra il TTF (il benchamark europeo) e gli indici europei GNL si è ampliato in modo significativo sollevando dubbi sulla sua rappresentatività come indice per collegare i contratti nell’intera Unione Europea.

il price cap del gas russo

Tra le opzioni della Commissione europea potrebbe essere inclusa la creazione di un ulteriore benchmark complementare per garantire un mercato con una minore volatilità. Un’altra possibilità è la creazione di una piattaforma di scambio europea per il GNL.

Come ultima risorsa in caso di interruzione dell’approvvigionamento in Europa, l’UE potrebbe anche valutare di ancorare temporaneamente il TTF al benchmark asiatico JKM. Ciò richiederebbe l’uso di altri hub o meccanismi per allocare il gas all’interno dell’Europa, ha affermato la Commissione nel documento sui benchmark per il mercato all’ingrosso del gas.

In questa situazione, JKM diventerebbe temporaneamente il prezzo mondiale del gas internazionale. Il mercato all’ingrosso sarebbe quindi determinato dalle dinamiche tra domanda e offerta di GNL e non dalle strozzature interne dell’UE.

Il controllo dei prezzi

Al centro del piano dell’UE c’è il price cap del gas importato e prezzi amministrativi applicati durante le emergenze per le regioni più colpite dalle interruzioni dell’approvvigionamento. Tali proposte saranno discusse con esperti degli Stati membri in una riunione tecnica il 7 settembre.

La scorsa settimana la presidente della Commissione Europea Ursula von der Leyen ha dichiarato di essere convinta che dovrebbe essere implementato un price cap per il prezzo del gas russo. Tuttavia, i diplomatici affermano che gli Stati membri rimangono divisi su tale mossa, temendo che porterebbe a un completo arresto dei flussi russi.

La Commissione ha sottolineato che il price cap del gas dovrebbe essere preso in considerazione solo se il blocco è pronto ad accettare una completa interruzione.

Il limite di prezzo dovrebbe essere progettato in modo tale che la Russia si trovi in ​​condizioni peggiori a causa di un blocco della consegna del gas piuttosto che a rispettare il price cap. Tra il 2010 e il 2020 i prezzi del gas russo si sono stabilizzati tra 5 euro e 35 euro/MWh. Qualsiasi limite al di sopra di tale livello garantirebbe alla Russia di essere al di sopra dei suoi costi di produzione marginali.

I suggerimenti della Repubblica Ceca

La presidenza ceca ha proposto una serie di misure che integrerebbero quelle della Commissione europea. Tra queste ci sono una riduzione della domanda di energia e limiti di prezzo su energie rinnovabili, nucleare e carbone.

Ecco un elenco delle proposte della Repubblica Ceca:

– limitare temporaneamente il prezzo del gas utilizzato per la produzione di elettricità;
– fissare un tetto massimo di prezzo al gas importato dalla Russia;
– sostenere con linee di credito i partecipanti al mercato che devono far fronte a margin call molto elevate;
– sospendere temporaneamente i mercati europei dei derivati ​​sull’energia.

La presidenza ceca proporrà inoltre una valutazione di come l’UE potrebbe utilizzare il suo mercato del carbonio per far fronte ai prezzi elevati dell’elettricità e garantire un rapido accordo su una proposta della Commissione all’inizio di quest’anno per vendere alcuni permessi ritirati dal mercato e tenuti in una riserva speciale. Tali vendite aumenterebbero la fornitura di permessi di emissione, contribuendo ad abbassare i loro prezzi.

Il razionamento dell’energia

Il razionamento energetico in Europa questo inverno inizia a sembrare quasi inevitabile. Anche se i siti di stoccaggio raggiungessero il 95% della capacità, i flussi sarebbero sufficienti solo per 2 mesi di domanda.

Share of natural gas in Europe. Import coming from Russia. Il price cap del gas russo
La quota delle importazioni di gas naturale provenienti dalla Russia

I politici europei si sono preparati per settimane alla prospettiva di tagli all’offerta. L’Unione Europea ha già esplorato la possibilità di rendere obbligatorio un piano di riduzione della domanda di gas del 15%.

Il taglio del 15% della domanda di gas per cui l’UE sta spingendo potrebbe consentire al blocco di evitare il razionamento. Finora, però, i governi sono stati lenti nell’agire per ridurre i consumi.

La Commissione europea ha avvertito a luglio che un inverno insolitamente freddo o una riduzione delle importazioni di gas da fonti alternative aumenterebbe il rischio di riduzioni drastiche.

ARTICOLI CORRELATI:

Perché i prezzi dell’elettricità in Europa stanno aumentando?

La crisi energetica in Europa: le interruzioni del Nord Stream

L’accordo UE sull’embargo del petrolio russo

Il tetto al prezzo del petrolio russo del G7

MARCO CASARIO

Gli italiani sono tra i popoli più ignoranti in ambito finanziario.

Non per scelta ma perché nessuno lo ha mai insegnato. Il mio scopo è quello di educare ed informare le persone in ambito economico e finanziario. Perché se non ti preoccupi dell'economia e della finanza, loro si occuperanno di te.

Corsi Gratuiti

Diventare un Trader e un Investitore

© Copyright 2022 - The 10Min Trader BV - KVK: 72735481 - VAT ID: NL854377591B01

Il contenuto di questo sito è solo a scopo informativo, non devi interpretare tali informazioni o altro materiale come consigli legali, fiscali, di investimento, finanziari o di altro tipo. Nulla di quanto contenuto nel nostro sito costituisce una sollecitazione, una raccomandazione, un'approvazione o un'offerta da parte di The 10Min Trader BV  per acquistare o vendere titoli o altri strumenti finanziari in questa o in qualsiasi altra giurisdizione in cui tale sollecitazione o offerta sarebbe illegale ai sensi delle leggi sui titoli di tale giurisdizione.

Tutti i contenuti di questo sito sono informazioni di natura generale e non riguardano le circostanze di un particolare individuo o entità. Nulla di quanto contenuto nel sito costituisce una consulenza professionale e/o finanziaria, né alcuna informazione sul sito costituisce una dichiarazione esaustiva o completa delle questioni discusse o della legge ad esse relativa. The 10Min Trader BV non è un fiduciario in virtù dell'uso o dell'accesso al Sito o al Contenuto da parte di qualsiasi persona. Solo tu ti assumi la responsabilità di valutare i meriti e i rischi associati all'uso di qualsiasi informazione o altro Contenuto del Sito prima di prendere qualsiasi decisione basata su tali informazioni o altri Contenuti. In cambio dell'utilizzo del Sito, accetti di non ritenere The 10Min Trader BV, i suoi affiliati o qualsiasi terzo fornitore di servizi responsabile di eventuali richieste di risarcimento danni derivanti da qualsiasi decisione presa sulla base di informazioni o altri Contenuti messi a tua disposizione attraverso il Sito.

RISCHI DI INVESTIMENTO

Ci sono rischi associati all'investimento in titoli. Investire in azioni, obbligazioni, exchange traded funds, fondi comuni e fondi del mercato monetario comporta il rischio di perdita.  La perdita del capitale è possibile. Alcuni investimenti ad alto rischio possono utilizzare la leva finanziaria, che accentuerà i guadagni e le perdite. Gli investimenti esteri comportano rischi speciali, tra cui una maggiore volatilità e rischi politici, economici e valutari e differenze nei metodi contabili.  La performance passata di un titolo o di un'azienda non è una garanzia o una previsione della performance futura dell'investimento.La totalità dei contenuti presenti nel sito internet è tutelata dal diritto d’autore. Senza previo consenso scritto da parte nostra non è pertanto consentito riprodurre (anche parzialmente), trasmettere (né per via elettronica né in altro modo), modificare, stabilire link o utilizzare il sito internet per qualsivoglia finalità pubblica o commerciale.Qualsiasi controversia riguardante l’utilizzo del sito internet è soggetta al diritto svizzero, che disciplina in maniera esclusiva l’interpretazione, l’applicazione e gli effetti di tutte le condizioni sopra elencate. Il foro di Bellinzona è esclusivamente competente in merito a qualsiasi disputa o contestazione che dovesse sorgere in merito al presente sito internet e al suo utilizzo.
Accedendo e continuando nella lettura dei contenuti di questo sito Web dichiari di aver letto, compreso e accettato le sopracitate informazioni legali.