Modulo 4: Il ruolo della moneta e i regimi monetari – Lezione 1: La deflazione

Contenuti della lezione

La deflazione si definisce come un calo generale dei prezzi di beni e servizi tipicamente associato a una contrazione dell’offerta di moneta nell’economia. Durante la deflazione il potere d’acquisto della valuta aumenta nel tempo.

Come funziona la deflazione?

La deflazione fa diminuire i costi nominali di capitale, lavoro, beni e servizi, sebbene i loro prezzi relativi possano rimanere invariati. La deflazione è stata per decenni una preoccupazione popolare tra gli economisti.

A prima vista, la deflazione avvantaggia i consumatori perché possono acquistare più beni e servizi con lo stesso reddito nominale. Tuttavia, non tutti traggono vantaggio da prezzi più bassi e gli economisti sono spesso preoccupati per gli effetti della deflazione, soprattutto sul settore finanziario.

La deflazione può danneggiare i debitori, che possono essere obbligati a pagare i propri debiti con denaro che vale più del denaro preso in prestito, così come qualsiasi partecipante ai mercati finanziari che investe o specula sulla prospettiva di un aumento dei prezzi.

La diminuzione dell’offerta di moneta

Per definizione, la deflazione monetaria può essere causata da una diminuzione dell’offerta di moneta o di strumenti finanziari rimborsabili in moneta. Nei tempi moderni, l’offerta di moneta è maggiormente influenzata dalle banche centrali.

Quando l’offerta di moneta e di credito diminuiscono senza una corrispondente diminuzione della produzione economica, i prezzi di tutti i beni tendono a diminuire. I periodi deflazionistici si verificano più comunemente dopo lunghi periodi di espansione monetaria artificiale.

L’inizio degli anni ’30 è stata l’ultima volta che si è verificata una deflazione significativa e prolungata negli Stati Uniti. La principale causa di questo periodo deflazionistico è stato appunto il calo dell’offerta di moneta a seguito di catastrofici fallimenti bancari.

la deflazione
La deflazione degli anni ’30

La diminuzione della domanda aggregata

Il calo dei prezzi può essere causato da un calo della domanda aggregata e una maggiore produttività. Un calo della domanda aggregata si traduce in genere in prezzi più bassi. La diminuzione può essere provocata dalla riduzione della spesa pubblica, il desiderio dei consumatori di aumentare i risparmi e l’inasprimento delle politiche monetarie.

L’effetto della tecnologia

La deflazione può verificarsi anche quando la produzione cresce più velocemente dell’offerta di denaro. Ciò si verifica soprattutto quando la tecnologia fa avanzare la produttività di un economia. Le aziende operano in modo più efficiente man mano che la tecnologia avanza. Questi miglioramenti operativi portano a minori costi di produzione e risparmi sui costi trasferiti ai consumatori sotto forma di prezzi più bassi.

La diminuzione dei prezzi dovuta all’aumento della produttività è diversa in settori specifici. Si consideri, ad esempio, come l’aumento della produttività influisca sul settore tecnologico. Negli ultimi decenni, i miglioramenti tecnologici hanno portato a riduzioni significative del costo medio per gigabyte di dati. Nel 1980, il costo medio di un gigabyte di dati era di $ 437.500; entro il 2010, il costo medio era di tre centesimi. Questa riduzione ha causato un calo significativo anche dei prezzi dei manufatti che utilizzano questa tecnologia.

L’effetto sui risparmi e sulla liquidità

La deflazione rende meno conveniente per governi, imprese e consumatori utilizzare il finanziamento del debito. Tuttavia, la deflazione accresce il potere economico del finanziamento azionario basato sul risparmio.

Le società che accumulano grandi riserve di liquidità o che hanno un debito relativamente basso sono più attraenti in caso di deflazione. È vero il contrario per le imprese altamente indebitate con poche disponibilità di liquidità. La deflazione aumenta il premio di rischio necessario sui titoli.

Quali sono le performance degli asset in deflazione?

In ordine di esposizione, l’asset allocation da tenere durante regimi di deflazione comprende il fixed income, azionario, valutario e materie prime. Le obbligazioni di lungo termine tendono a performare bene, scontando ritmi di crescita inferiori. Il dollaro e l’oro sono neutrali/rialzisti mentre le materie prime sono neutrali/ribassiste.

I settori del mercato azionario che performano meglio in deflazione sono le consumer staples, le utilities e l’healthcare e il real estate. I peggiori settori sono invece l’energy, i financial, i material, le industrial e le tech.

Per quanto riguarda i fattori, quelli che portano le migliori performance sono le low beta, le dividend stocks, le quality, le difensive e le secular growth. Le aziende ad alto beta, le momentum, le small cap e le aziende cicliche hanno le performance peggiori.

la deflazione
Le performance medie di obbligazioni e azioni durante i regimi di deflazione

MARCO CASARIO

Gli italiani sono tra i popoli più ignoranti in ambito finanziario. Non per scelta ma perchè nessuno glielo lo ha insegnato. Il mio scopo è quello di educare ed informare le persone in ambito economico e finanziario. Perchè se non ti preoccupi dell'economia e della finanza, loro si occuperanno di te.

Corsi Gratuiti

Diventare un Trader e un Investitore

© Copyright 2022 - The 10Min Trader BV - KVK: 72735481 - VAT ID: NL854377591B01

Il contenuto di questo sito è solo a scopo informativo, non devi interpretare tali informazioni o altro materiale come consigli legali, fiscali, di investimento, finanziari o di altro tipo. Nulla di quanto contenuto nel nostro sito costituisce una sollecitazione, una raccomandazione, un'approvazione o un'offerta da parte di The 10Min Trader BV  per acquistare o vendere titoli o altri strumenti finanziari in questa o in qualsiasi altra giurisdizione in cui tale sollecitazione o offerta sarebbe illegale ai sensi delle leggi sui titoli di tale giurisdizione. Tutti i contenuti di questo sito sono informazioni di natura generale e non riguardano le circostanze di un particolare individuo o entità. Nulla di quanto contenuto nel sito costituisce una consulenza professionale e/o finanziaria, né alcuna informazione sul sito costituisce una dichiarazione esaustiva o completa delle questioni discusse o della legge ad esse relativa. The 10Min Trader BV non è un fiduciario in virtù dell'uso o dell'accesso al Sito o al Contenuto da parte di qualsiasi persona. Solo tu ti assumi la responsabilità di valutare i meriti e i rischi associati all'uso di qualsiasi informazione o altro Contenuto del Sito prima di prendere qualsiasi decisione basata su tali informazioni o altri Contenuti. In cambio dell'utilizzo del Sito, accetti di non ritenere The 10Min Trader BV, i suoi affiliati o qualsiasi terzo fornitore di servizi responsabile di eventuali richieste di risarcimento danni derivanti da qualsiasi decisione presa sulla base di informazioni o altri Contenuti messi a tua disposizione attraverso il Sito.
RISCHI DI INVESTIMENTO
Ci sono rischi associati all'investimento in titoli. Investire in azioni, obbligazioni, exchange traded funds, fondi comuni e fondi del mercato monetario comporta il rischio di perdita.  La perdita del capitale è possibile. Alcuni investimenti ad alto rischio possono utilizzare la leva finanziaria, che accentuerà i guadagni e le perdite. Gli investimenti esteri comportano rischi speciali, tra cui una maggiore volatilità e rischi politici, economici e valutari e differenze nei metodi contabili.  La performance passata di un titolo o di un'azienda non è una garanzia o una previsione della performance futura dell'investimento.La totalità dei contenuti presenti nel sito internet è tutelata dal diritto d’autore. Senza previo consenso scritto da parte nostra non è pertanto consentito riprodurre (anche parzialmente), trasmettere (né per via elettronica né in altro modo), modificare, stabilire link o utilizzare il sito internet per qualsivoglia finalità pubblica o commerciale.Qualsiasi controversia riguardante l’utilizzo del sito internet è soggetta al diritto svizzero, che disciplina in maniera esclusiva l’interpretazione, l’applicazione e gli effetti di tutte le condizioni sopra elencate. Il foro di Bellinzona è esclusivamente competente in merito a qualsiasi disputa o contestazione che dovesse sorgere in merito al presente sito internet e al suo utilizzo.
Accedendo e continuando nella lettura dei contenuti di questo sito Web dichiari di aver letto, compreso e accettato le sopracitate informazioni legali.