Modulo 4: Il ruolo della moneta e i regimi monetari – Lezione 3: La reflazione

Contenuti della lezione

La reflazione è un insieme di politiche fiscali e monetarie progettate per espandere la produzione, stimolare la spesa e frenare gli effetti della deflazione. Si verifica dopo un periodo di incertezza economica o di recessione. Il termine può essere utilizzato anche per descrivere la prima fase della ripresa economica dopo un periodo di contrazione.

Questo periodo è caratterizzato dalla riaccelerazione della prosperità economica che mira a ridurre l’eventuale eccesso di capacità nel mercato del lavoro.

Il termine fu coniato per la prima volta dall’economista neoclassico americano Irving Fisher, in seguito al crollo del mercato azionario del 1929.

Le politiche reflazionistiche

Le politiche reflazionistiche in genere includono:

  • la riduzione delle tasse: pagare meno tasse rende le aziende e i dipendenti con più reddito disponibile da spendere per aumentare la domanda e i prezzi dei beni;
  • abbassamento dei tassi d’interesse, rendendo più economico prendere in prestito denaro e meno gratificante il risparmio, incoraggiando le persone e le imprese a spendere di più;
  • aumentare l’offerta di moneta diminuendo il costo del denaro e generando più investimenti;
  • progetti di investimento che creano posti di lavoro, aumentando i dati sull’occupazione e il numero di persone con potere di spesa.
    In breve, le misure reflazionistiche mirano ad aumentare la domanda di beni offrendo alle persone e alle aziende più soldi e motivazione a spendere di più.
la reflazione

Esempi di reflazione

Sulla scia della Grande Recessione, l’economia statunitense è rimasta debole e la Federal Reserve ha lottato per creare inflazione, anche dopo aver utilizzato diversi strumenti di politica monetaria reflazionistica, come tassi di interesse più bassi e aumento dell’offerta di moneta. Tuttavia, l’emanazione del Troubled Asset Recovery Plan (TARP) e dell’American Recovery and Reinvestment Act nel 2009, nonché il taglio delle tasse Trump nel 2017, hanno portato a una ripresa dalla Grande Recessione.

L’economia statunitense è cresciuta del 2,3% dal 2009 al 2019.
I maggiori vincitori della reflazione tendono ad essere le azioni di materie prime, banche e le value stocks.

Per far riprende l’economia dalla recessione del covid, il governo statunitense ha messo in atto il piano di stimoli fiscali più grande del dopoguerra. Questo piano, insieme alle politiche di quantitative easing hanno fatto entrare l’economia in un processo che è durato per oltre un anno.

Le differenze tra reflazione e inflazione

È importante non confondere la reflazione con l’inflazione. In primo luogo, la reflazione non è per niente negativa. È un periodo di aumento dei prezzi in cui un’economia si sforza di raggiungere la piena occupazione e la crescita.

L’inflazione, d’altra parte, è spesso considerata negativa in quanto è caratterizzata da prezzi in aumento durante un periodo di piena capacità. Inoltre, i prezzi aumentano gradualmente durante un periodo di reflazione e velocemente durante un periodo di inflazione. In sostanza, la reflazione può essere descritta come inflazione controllata.

Come performano gli asset in reflazione?

In ordine di esposizione, l’asset allocation in reflazione deve comprendere l’azionario, il valutario, le materie prime e le obbligazioni. Il fixed income non performa bene in reflazione perché i rendimenti obbligazionari tendono ad aumentare. Tuttavia i Treasury Inflation Protected Securities (TIPS), insieme agli high yield bond e ai prestiti a leva, performano bene.

Il dollaro tende ad essere ribassista mentre le valute dei mercati emergenti sono più forti. Le materie prime, soprattutto quelle industriali, sono rialziste mentre l’oro è neutrale/ribassista.

Per quanto riguarda invece i settori, i consumer discretionary, l’energy, le industrials e financials portano le performance maggiori. I settori peggiori sono invece le consumer staples, utilities, communication services e healthcare.

I migliori fattori sono le secular growth, le momentum stocks, le small cap, le aziende cicliche e quelle ad alto beta. Viceversa le aziende low beta e le difensive non performano bene.

la reflazione
Le aziende cicliche tendono a sovraperformare quelle difensive durante i periodi reflazionistici

MARCO CASARIO

Gli italiani sono tra i popoli più ignoranti in ambito finanziario. Non per scelta ma perchè nessuno glielo lo ha insegnato. Il mio scopo è quello di educare ed informare le persone in ambito economico e finanziario. Perchè se non ti preoccupi dell'economia e della finanza, loro si occuperanno di te.

Corsi Gratuiti

Diventare un Trader e un Investitore

© Copyright 2022 - The 10Min Trader BV - KVK: 72735481 - VAT ID: NL854377591B01

Il contenuto di questo sito è solo a scopo informativo, non devi interpretare tali informazioni o altro materiale come consigli legali, fiscali, di investimento, finanziari o di altro tipo. Nulla di quanto contenuto nel nostro sito costituisce una sollecitazione, una raccomandazione, un'approvazione o un'offerta da parte di The 10Min Trader BV  per acquistare o vendere titoli o altri strumenti finanziari in questa o in qualsiasi altra giurisdizione in cui tale sollecitazione o offerta sarebbe illegale ai sensi delle leggi sui titoli di tale giurisdizione. Tutti i contenuti di questo sito sono informazioni di natura generale e non riguardano le circostanze di un particolare individuo o entità. Nulla di quanto contenuto nel sito costituisce una consulenza professionale e/o finanziaria, né alcuna informazione sul sito costituisce una dichiarazione esaustiva o completa delle questioni discusse o della legge ad esse relativa. The 10Min Trader BV non è un fiduciario in virtù dell'uso o dell'accesso al Sito o al Contenuto da parte di qualsiasi persona. Solo tu ti assumi la responsabilità di valutare i meriti e i rischi associati all'uso di qualsiasi informazione o altro Contenuto del Sito prima di prendere qualsiasi decisione basata su tali informazioni o altri Contenuti. In cambio dell'utilizzo del Sito, accetti di non ritenere The 10Min Trader BV, i suoi affiliati o qualsiasi terzo fornitore di servizi responsabile di eventuali richieste di risarcimento danni derivanti da qualsiasi decisione presa sulla base di informazioni o altri Contenuti messi a tua disposizione attraverso il Sito.
RISCHI DI INVESTIMENTO
Ci sono rischi associati all'investimento in titoli. Investire in azioni, obbligazioni, exchange traded funds, fondi comuni e fondi del mercato monetario comporta il rischio di perdita.  La perdita del capitale è possibile. Alcuni investimenti ad alto rischio possono utilizzare la leva finanziaria, che accentuerà i guadagni e le perdite. Gli investimenti esteri comportano rischi speciali, tra cui una maggiore volatilità e rischi politici, economici e valutari e differenze nei metodi contabili.  La performance passata di un titolo o di un'azienda non è una garanzia o una previsione della performance futura dell'investimento.La totalità dei contenuti presenti nel sito internet è tutelata dal diritto d’autore. Senza previo consenso scritto da parte nostra non è pertanto consentito riprodurre (anche parzialmente), trasmettere (né per via elettronica né in altro modo), modificare, stabilire link o utilizzare il sito internet per qualsivoglia finalità pubblica o commerciale.Qualsiasi controversia riguardante l’utilizzo del sito internet è soggetta al diritto svizzero, che disciplina in maniera esclusiva l’interpretazione, l’applicazione e gli effetti di tutte le condizioni sopra elencate. Il foro di Bellinzona è esclusivamente competente in merito a qualsiasi disputa o contestazione che dovesse sorgere in merito al presente sito internet e al suo utilizzo.
Accedendo e continuando nella lettura dei contenuti di questo sito Web dichiari di aver letto, compreso e accettato le sopracitate informazioni legali.