Investire nel Mercato del Rame 2024: Tra Realtà e Speculazione

Investire nel mercato del rame sta emergendo come una delle opportunità più interessanti nel 2024. Con un incremento significativo dei prezzi, questo metallo sta attirando l’attenzione di investitori e analisti in tutto il mondo. Questo articolo esplorerà le dinamiche attuali del mercato del rame, mettendo

Scopri

Come Gestire il Rischio Integrando l’IA in un Portafoglio Azionario

La rivoluzione tecnologica porta opportunità e volatilità. Tuttavia, esistono modi per catturare l’innovazione dell’intelligenza artificiale (IA) gestendo contemporaneamente il rischio. Gestire il rischio di un portafoglio che integra l’IA è fondamentale per garantire una crescita sostenibile e proteggere gli investimenti. Le aziende al centro della

Scopri

La teoria di Markowitz non funziona

La teoria che per molto tempo è stata utilizzata dai fondi di investimento per la creazione di portafogli azionari non funziona più. La Modern Portfolio Theory (MPT), che fece guadagnare a Markowitz il premio Nobel per l’economia, è stata molto importante in passato. Oggi viene considerata superata e obsoleta.

Non a caso due dei più grandi oppositori sull’utilizzo di questa tecnica sono Warren Buffet e Charlie Munger, che hanno sempre preferito studiare attentamente i bilanci delle società, piuttosto che basare le loro scelte su teorie matematiche. I due investitori sostengono  che la MPT non ha assolutamente utilità e che  sia troppo teorica.


In questo approfondimento affronteremo le principali criticità della teoria e anche quali possono essere le soluzioni da applicare per renderla più attuale e aggiornata.

Principali Criticità

La critica più frequente che le viene mossa riguarda l’assunto che la volatilità storica sia una misura del rischio di un’azione o di un portafoglio, presumendo che i rendimenti futuri si comporteranno in modo simile a quelli passati, e non tenendo in conto tutti i fattori che influenzano i rendimenti di un asset. 

Esistono molteplici fattori, come i fondamentali delle società, le condizioni economiche, gli eventi politici o i cambiamenti nel settore, che possono influire sui rendimenti e sul rischio di un asset  o di un portafoglio. La MPT tende a semplificare questa complessità, concentrandosi principalmente sulle misure statistiche come la volatilità e la correlazione.

Un’altra limitazione è che gli investitori non sono razionali e non sono in grado di valutare con precisione il valore di un titolo. Le osservazioni di finanza comportamentale sull’atteggiamento effettivo degli investitori nel prendere decisioni, hanno portato alla luce diversi comportamenti irrazionali. Solo per citarne alcuni possiamo pensare a :

  • bias di ancoraggio (quando un investitore rimane aggrappato a informazioni non veritiere);
  • seguire la massa senza effettuare analisi accurate.

Inoltre, assume che sia possibile selezionare titoli la cui performance individuale è indipendente da altri investimenti nel portafoglio. In realtà gli investimenti possono comportarsi in modo correlato anche quando sembrano indipendenti. Ad esempio in situazioni di crisi la correlazione aumenta tra i vari asset. Questo ad esempio lo abbiamo visto nell’ultimo anno quando la correlazione tra azionario e obbligazionario è aumentata notevolmente. Ciò mette in discussione l’efficacia della diversificazione come strategia per ridurre il rischio. 

Infine trovare un asset privo di rischio, necessario per sfruttare l’effetto leva e aumentare i rendimenti del portafoglio, è molto difficile. Anche se molte volte pensiamo ai titoli di stato come privi di rischio questi non lo sono. Fattori come l’inflazione, la variazione dei tassi di interesse possono influenzare il valore.

Storia della teoria

La teoria è stata sviluppata da Harry Markowitz e pubblicata con il titolo Portfolio Selection nel Journal of Finance nel 1952 .

Chi era Harry Markowitz

Harry Markowitz, economista statunitense vincitore del Nobel per l’economia nel 1990, è nato a Chicago nel 1927, e morto il 22 giugno 2023 a San Diego.

Harry Markowitz- Foto dall’archivio della Fondazione Nobel

Durante la sua giovinezza e adolescenza i principali interessi di Harry Markowitz non erano legati all’economia, ma al baseball e al football. Quando arrivò il momento di scegliere l’università, si trovò ad avere diverse opzioni, ma fu attratto soprattutto dall’economia dell’incertezza proposta da John Von Neumann e Oskar Morgenstern e dalle teorie di Samuil Marshak sull’utilità attesa.

Dai primi studi di Markowitz alla teoria moderna del portafoglio

All’Università di Chicago, Markowitz ebbe la fortuna di studiare sotto la guida di Marshak, che in seguito lo introdusse alla Cowles Commission, un prestigioso centro di ricerca economica. Fu in questo periodo che sviluppò la sua teoria del portafoglio, una metodologia che mirava a massimizzare i rendimenti degli investimenti attraverso la diversificazione. Grazie alla lettura dell’opera “Theory of Investment Value” di John Burr Williams, Markowitz ebbe l’idea di base per la sua teoria della frontiera dei portafogli. Nel 1959, pubblicò il saggio intitolato “Portfolio Selection: Efficient Diversification”, in cui presentava la sua Modern Portfolio Theory (MPT). Questa teoria sarà successivamente approfondita da William Sharpe, vincitore del premio Nobel, noto per il suo modello matematico chiamato Capital Asset Pricing Model (CAPM).

Nobel per l’economia

Nel 1990, Harry Markowitz, grazie alla MPT, condivise il premio Nobel per l’economia insieme ai suoi colleghi William F. Sharpe e Merton H. Miller. Il loro significativo contributo ha dato origine a ciò che oggi conosciamo come economia finanziaria, un campo di studio indipendente e riconosciuto.

La Modern Portfolio Theory (MPT)

Secondo la Modern Portfolio Theory (MPT), le caratteristiche di rischio e rendimento di un investimento non dovrebbero essere valutate isolatamente, ma piuttosto in relazione all’impatto che hanno sul rischio complessivo e sul rendimento di un portafoglio finanziario.

Questo significa che un investitore può costruire un portafoglio diversificato di diverse attività al fine di ottenere maggiori rendimenti senza assumere un livello di rischio più elevato.

Allo stesso modo, partendo da un livello di rendimento desiderato, l’investitore può costruire un portafoglio che minimizzi il rischio, pur mantenendo la capacità di raggiungere quel rendimento atteso.

La frontiera efficiente

Per trovare la migliore combinazione possibile utilizziamo il grafico della frontiera efficiente.

Nell’asse X abbiamo il rischio e nell’asse Y abbiamo il rendimento.

Considerando tutte le possibili combinazioni di asset allocation, la forma risultante della frontiera efficiente è rappresentata da una parabola che si estende dalla sinistra verso la destra. Ogni punto sulla o al di sopra della linea rappresenta un portafoglio ottimale, mentre i punti al di sotto della linea indicano portafogli non ottimizzati. 

Grafico della frontiera efficiente – Fonte annuity.org

Come renderla più efficiente

In primis oltre alla volatilità e ai rendimenti si devono prendere in considerazione altre tipologie di rischio, come:

  • rischio di liquidità (la possibilità che un investimento o un’attività finanziaria non possa essere facilmente convertito in contanti senza perdite significative o in tempi brevi);
  • il rischio di mercato;
  • il rischio di coda (possibilità che si verifichi un evento raro).

La teoria considera l’allocazione statica nel tempo, perciò bisogna monitorare e aggiornare il portafoglio costantemente in base alle informazioni disponibili, e ai cambiamenti che si presentano.

Un’altra soluzione consiste nell’utilizzare non solo i modelli proposti da Markowitz che si basano sui rendimenti storici, ma nell’utilizzare quanti più dati si hanno a disposizione. Ad esempio si può fare riferimento ad analisi fondamentale e a analisi tecnica che permettono di aumentare le probabilità di successo.

Come sappiamo non esiste una soluzione unica per l’allocazione di asset, ma è necessario adattare l’asset allocation in base agli obiettivi a lungo termine. Inoltre si deve tener conto dell’orizzonte temporale, delle esigenze di spesa e delle circostanze specifiche di ciascun investitore.

Conclusioni

La Modern Portfolio Theory può offrire un quadro utile agli investitori, ma è importante non considerarla come l’unico approccio definitivo. È una teoria matematica che è stata utilizzata per lungo tempo, ma la finanza è un campo in costante evoluzione. Per un trader o un investitore, la flessibilità e la capacità di adattarsi sono fondamentali per affrontare il mercato in modo efficace.

L’obiettivo deve essere quello di avere a disposizione il maggior numero di informazioni possibili per prendere decisioni di investimento in linea con i nostri obiettivi di rischio e per portare le probabilità dalla nostra parte.

MARCO CASARIO

Gli italiani sono tra i popoli più ignoranti in ambito finanziario.

Non per scelta ma perché nessuno lo ha mai insegnato. Il mio scopo è quello di educare ed informare le persone in ambito economico e finanziario. Perché se non ti preoccupi dell'economia e della finanza, loro si occuperanno di te.

Corsi Gratuiti

Diventare un Trader e un Investitore

© Copyright 2022 - The 10Min Trader BV - KVK: 72735481 - VAT ID: NL854377591B01

Il contenuto di questo sito è solo a scopo informativo, non devi interpretare tali informazioni o altro materiale come consigli legali, fiscali, di investimento, finanziari o di altro tipo. Nulla di quanto contenuto nel nostro sito costituisce una sollecitazione, una raccomandazione, un'approvazione o un'offerta da parte di The 10Min Trader BV  per acquistare o vendere titoli o altri strumenti finanziari in questa o in qualsiasi altra giurisdizione in cui tale sollecitazione o offerta sarebbe illegale ai sensi delle leggi sui titoli di tale giurisdizione.

Tutti i contenuti di questo sito sono informazioni di natura generale e non riguardano le circostanze di un particolare individuo o entità. Nulla di quanto contenuto nel sito costituisce una consulenza professionale e/o finanziaria, né alcuna informazione sul sito costituisce una dichiarazione esaustiva o completa delle questioni discusse o della legge ad esse relativa. The 10Min Trader BV non è un fiduciario in virtù dell'uso o dell'accesso al Sito o al Contenuto da parte di qualsiasi persona. Solo tu ti assumi la responsabilità di valutare i meriti e i rischi associati all'uso di qualsiasi informazione o altro Contenuto del Sito prima di prendere qualsiasi decisione basata su tali informazioni o altri Contenuti. In cambio dell'utilizzo del Sito, accetti di non ritenere The 10Min Trader BV, i suoi affiliati o qualsiasi terzo fornitore di servizi responsabile di eventuali richieste di risarcimento danni derivanti da qualsiasi decisione presa sulla base di informazioni o altri Contenuti messi a tua disposizione attraverso il Sito.

RISCHI DI INVESTIMENTO

Ci sono rischi associati all'investimento in titoli. Investire in azioni, obbligazioni, exchange traded funds, fondi comuni e fondi del mercato monetario comporta il rischio di perdita.  La perdita del capitale è possibile. Alcuni investimenti ad alto rischio possono utilizzare la leva finanziaria, che accentuerà i guadagni e le perdite. Gli investimenti esteri comportano rischi speciali, tra cui una maggiore volatilità e rischi politici, economici e valutari e differenze nei metodi contabili.  La performance passata di un titolo o di un'azienda non è una garanzia o una previsione della performance futura dell'investimento.La totalità dei contenuti presenti nel sito internet è tutelata dal diritto d’autore. Senza previo consenso scritto da parte nostra non è pertanto consentito riprodurre (anche parzialmente), trasmettere (né per via elettronica né in altro modo), modificare, stabilire link o utilizzare il sito internet per qualsivoglia finalità pubblica o commerciale.Qualsiasi controversia riguardante l’utilizzo del sito internet è soggetta al diritto svizzero, che disciplina in maniera esclusiva l’interpretazione, l’applicazione e gli effetti di tutte le condizioni sopra elencate. Il foro di Bellinzona è esclusivamente competente in merito a qualsiasi disputa o contestazione che dovesse sorgere in merito al presente sito internet e al suo utilizzo.
Accedendo e continuando nella lettura dei contenuti di questo sito Web dichiari di aver letto, compreso e accettato le sopracitate informazioni legali.