Come Affrontare la Correlazione Positiva tra Azioni e Obbligazioni

Nel mondo degli investimenti, una delle sfide più significative degli ultimi trent’anni si sta manifestando proprio ora: la forte correlazione positiva tra azioni e obbligazioni. Tradizionalmente, la classica allocazione 60/40 (60% azioni e 40% obbligazioni) ha offerto una diversificazione e una protezione del rischio naturale.

Scopri

L’Influenza del Dot Plot della Fed sui Mercati Finanziari

Quando si parla di trading e investimenti, la parola “Fed” richiama subito l’attenzione. La Federal Reserve, la banca centrale degli Stati Uniti, è un’istituzione che ha il potere di influenzare i mercati finanziari globali con le sue decisioni. Tra gli strumenti di comunicazione della Fed,

Scopri

Muore Charlie Munger: vita, carriera e approccio agli investimenti

Charles Munger, vicepresidente di Berkshire Hathaway e partner indispensabile di Warren Buffett nel successo di investimento più duraturo della storia, muore appena un mese prima del suo centesimo compleanno.

E’ morto martedì in un ospedale della California, ha detto la società in una nota. “La Berkshire Hathaway non avrebbe potuto essere costruita fino al suo status attuale senza l’ispirazione, la saggezza e la partecipazione di Charlie”, si legge nella dichiarazione.

Munger ha aiutato Buffett a trasformare la Berkshire Hathaway in un impero e ad elaborare una filosofia di investimento a lungo termine. Sotto la loro gestione, Berkshire ha registrato un guadagno medio annuo del 20% dal 1965 al 2022, circa il doppio dell’indice S&P 500. Il conglomerato assicurativo, ferroviario, manifatturiero e di beni di consumo ha registrato quasi 29 miliardi di dollari di utile operativo nei primi nove mesi di quest’anno.

Munger era uno dei maggiori azionisti di Berkshire, con azioni valutate a circa 2,2 miliardi di dollari. Secondo Forbes, il suo patrimonio netto complessivo ammontava a circa 2,6 miliardi di dollari.

Alle riunioni annuali dell’azienda a Omaha, dove lui e Buffett erano cresciuti, Munger era noto per rimproverare gli eccessi aziendali. Più la fama e la ricchezza di Buffett crescevano, più Munger cercava di mantenerlo con i piedi per terra.

Munger ha iniziato a condividere il suo titolo di vicepresidente di Berkshire nel 2018 con due dirigenti senior di prossima generazione, Greg Abel e Ajit Jain, nominati nel consiglio di amministrazione come parte dei piani di successione di Buffett. Successivamente Buffett ha identificato Abel come il suo probabile successore. Munger aveva segnalato la probabile promozione di Abel e Jain tre anni prima nel suo modo caratteristico: “In un certo senso, entrambi sono dirigenti migliori di Buffett”.

La giovinezza

Charles Thomas Munger è nato il 1° gennaio 1924 a Omaha, da Alfred Munger e Florence Russell. Suo padre, figlio di un giudice federale, si era laureato in giurisprudenza all’Università di Harvard prima di tornare a Omaha.

Il primo contatto di Munger con la famiglia Buffett è avvenuto attraverso il suo lavoro del sabato presso Buffett & Son, il negozio di alimentari di Omaha gestito da Ernest Buffett, il nonno di Warren. Ma i due futuri partner si sarebbero incontrati solo anni dopo.

Munger entrò all’Università del Michigan all’età di 17 anni con l’intenzione di studiare matematica, soprattutto perché gli veniva molto facile. “Quando ero giovane potevo prendere ‘A’ in qualsiasi corso di matematica senza alcun sforzo”, ha detto in una conversazione del 2017 alla Ross Business School del Michigan.

Dall’esercito ad Harvard

Nel 1942, durante il suo secondo anno, si arruolò nell’Aeronautica Militare. Fu inviato al California Institute of Technology per imparare la meteorologia prima di essere inviato a Nome, in Alaska. Fu durante questo periodo, nel 1945, che sposò la sua prima moglie, Nancy Huggins.

Non avendo una laurea, Munger fece domanda alla Harvard Law School prima del congedo dall’esercito nel 1946. Fu ammesso solo dopo l’intervento di un amico di famiglia ed ex preside della scuola. Munger lavorò alla Harvard Law Review e nel 1948 fu uno dei 12 nella classe di 335 a laurearsi magna cum laude.

Con sua moglie e il figlio Teddy, Munger si trasferì in California per unirsi a uno studio legale di Los Angeles. Prima del divorzio nel 1953, arrivarono altre due figlie. Nel 1956, Munger sposò Nancy Barry Borthwick, madre di due figli. Col tempo ampliarono la loro famiglia allargata avendo altri quattro figli.

Non soddisfatto del potenziale di reddito della sua carriera legale, Munger iniziò a lavorare su progetti di costruzione e affari immobiliari. Fondò un nuovo studio legale, Munger, Tolles & Hills, e, nel 1962, avviò una partnership di investimento, Wheeler, Munger & Co.

“Come Warren, avevo una notevole passione per diventare ricco”, ha detto Munger a Roger Lowenstein per Buffett: The Making of an American Capitalist, pubblicato nel 1995. “Non perché volessi le Ferrari, volevo l’indipendenza. La volevo disperatamente. Ho pensato che non fosse dignitoso dover inviare fatture ad altre persone”.

L’incontro con Buffet e gli inizi di Berkshire

Il fatidico incontro con Buffett avvenne durante una visita a Omaha nel 1959. Sebbene il luogo esatto del loro primo incontro fosse oggetto di leggende, era chiaro che si trovarono subito d’accordo. In breve tempo cominciarono a parlare al telefono quasi ogni giorno e ad investire nelle stesse società e negli stessi titoli.

I loro investimenti in Berkshire Hathaway iniziarono nel 1962, quando l’azienda produceva fodere per abiti da uomo presso stabilimenti tessili nel Massachusetts. Buffett ne prese il controllo nel 1965. Anche se gli stabilimenti chiusero, Berkshire rimase il veicolo aziendale per il conglomerato di aziende di Buffett.

Una scoperta congiunta cruciale è stata una società chiamata Blue Chip Stamps, che gestiva popolari giochi di riscatto offerti da negozi di alimentari e altri rivenditori. Poiché i negozi pagavano i francobolli in anticipo e i premi venivano riscattati molto più tardi, Blue Chip in qualsiasi momento era seduta su una pila di soldi. Usando quel pool di capitale, Buffett e Munger acquistarono azioni di controllo di See’s Candies, Buffalo Evening News e Wesco Financial, la società che Munger avrebbe guidato.

Nel 1975, la Securities and Exchange Commission degli Stati Uniti affermò che la Blue Chip Stamps aveva manipolato il prezzo di Wesco perché Buffett e Munger avevano convinto il suo management ad abbandonare un piano di fusione. Blue Chip accettò di pagare agli ex investitori della Wesco un totale di circa 115.000 dollari, senza alcuna ammissione di colpa. La vicenda culminò nel 1983 con la fusione tra Blue Chip Stamps e Berkshire. Con una quota del 2%, Munger divenne il vicepresidente di Berkshire.

L’approccio agli investimenti di Munger

Buffett ha attribuito a Munger il merito di aver ampliato il suo approccio agli investimenti andando oltre l’insistenza del suo mentore Benjamin Graham nell’acquistare azioni con un valore di mercato inferiore al loro valore intrinseco.

“Compriamo attività davvero meravigliose” ha sempre insistito Munger. Ciò significava aziende con marchi forti e potere di determinazione dei prezzi. Munger spinse Buffett ad acquisire la pasticceria californiana See’s Candies nel 1972. Il successo di quell’accordo ispirò l’investimento di Berkshire in Coca-Cola 15 anni dopo.

Ad un incontro di Berkshire del 2002, Buffett offrì una risposta in tre minuti alla domanda se la società potesse acquistare una compagnia via cavo. Munger ha detto che dubitava che ne fosse disponibile una a un prezzo accettabile. “A quale prezzo ti troveresti a tuo agio?” chiese Buffett. “Probabilmente a un prezzo inferiore al tuo”, ribatté Munger.

Munger era un critico schietto del comportamento scorretto delle aziende, definendo “folli” e “immorali” le retribuzioni di alcuni amministratori delegati. Ha definito Bitcoin “veleno nocivo” e le criptovalute in generale come “in parte frode e in parte illusione”. Secondo Munger, gran parte del settore bancario è diventato “un gioco d’azzardo”.

Munger ha dimostrato la sua abilità negli investimenti acquistando società temporaneamente in crisi come Wells Fargo durante la crisi finanziaria del 2008-2009. E’ stato per molti anni più ottimista di Buffett quando si trattava di investire in Cina. Berkshire è diventato il maggiore azionista della casa automobilistica cinese BYD anni dopo che Munger aveva iniziato ad acquistarne le azioni.

ARTICOLI CORRELATI:

Principi di investimento di Warren Buffett

Berkshire Hathaway raggiunge un massimo storico dopo gli utili Q2

Investire in azioni estere come Warren Buffett

La Berkshire Hathaway di Warren Buffet acquista altre azioni di Occidental Petroleum

MARCO CASARIO

Gli italiani sono tra i popoli più ignoranti in ambito finanziario.

Non per scelta ma perché nessuno lo ha mai insegnato. Il mio scopo è quello di educare ed informare le persone in ambito economico e finanziario. Perché se non ti preoccupi dell'economia e della finanza, loro si occuperanno di te.

Corsi Gratuiti

Diventare un Trader e un Investitore

© Copyright 2022 - The 10Min Trader BV - KVK: 72735481 - VAT ID: NL854377591B01

Il contenuto di questo sito è solo a scopo informativo, non devi interpretare tali informazioni o altro materiale come consigli legali, fiscali, di investimento, finanziari o di altro tipo. Nulla di quanto contenuto nel nostro sito costituisce una sollecitazione, una raccomandazione, un'approvazione o un'offerta da parte di The 10Min Trader BV  per acquistare o vendere titoli o altri strumenti finanziari in questa o in qualsiasi altra giurisdizione in cui tale sollecitazione o offerta sarebbe illegale ai sensi delle leggi sui titoli di tale giurisdizione.

Tutti i contenuti di questo sito sono informazioni di natura generale e non riguardano le circostanze di un particolare individuo o entità. Nulla di quanto contenuto nel sito costituisce una consulenza professionale e/o finanziaria, né alcuna informazione sul sito costituisce una dichiarazione esaustiva o completa delle questioni discusse o della legge ad esse relativa. The 10Min Trader BV non è un fiduciario in virtù dell'uso o dell'accesso al Sito o al Contenuto da parte di qualsiasi persona. Solo tu ti assumi la responsabilità di valutare i meriti e i rischi associati all'uso di qualsiasi informazione o altro Contenuto del Sito prima di prendere qualsiasi decisione basata su tali informazioni o altri Contenuti. In cambio dell'utilizzo del Sito, accetti di non ritenere The 10Min Trader BV, i suoi affiliati o qualsiasi terzo fornitore di servizi responsabile di eventuali richieste di risarcimento danni derivanti da qualsiasi decisione presa sulla base di informazioni o altri Contenuti messi a tua disposizione attraverso il Sito.

RISCHI DI INVESTIMENTO

Ci sono rischi associati all'investimento in titoli. Investire in azioni, obbligazioni, exchange traded funds, fondi comuni e fondi del mercato monetario comporta il rischio di perdita.  La perdita del capitale è possibile. Alcuni investimenti ad alto rischio possono utilizzare la leva finanziaria, che accentuerà i guadagni e le perdite. Gli investimenti esteri comportano rischi speciali, tra cui una maggiore volatilità e rischi politici, economici e valutari e differenze nei metodi contabili.  La performance passata di un titolo o di un'azienda non è una garanzia o una previsione della performance futura dell'investimento.La totalità dei contenuti presenti nel sito internet è tutelata dal diritto d’autore. Senza previo consenso scritto da parte nostra non è pertanto consentito riprodurre (anche parzialmente), trasmettere (né per via elettronica né in altro modo), modificare, stabilire link o utilizzare il sito internet per qualsivoglia finalità pubblica o commerciale.Qualsiasi controversia riguardante l’utilizzo del sito internet è soggetta al diritto svizzero, che disciplina in maniera esclusiva l’interpretazione, l’applicazione e gli effetti di tutte le condizioni sopra elencate. Il foro di Bellinzona è esclusivamente competente in merito a qualsiasi disputa o contestazione che dovesse sorgere in merito al presente sito internet e al suo utilizzo.
Accedendo e continuando nella lettura dei contenuti di questo sito Web dichiari di aver letto, compreso e accettato le sopracitate informazioni legali.