La Spesa dei Consumatori dal ‘900 ad oggi

La spesa dei consumatori è un fattore chiave dell’economia e della crescita economica. Essa rappresenta circa il 70% dell’economia degli Stati Uniti. Misurata tramite il personal consumption expenditure, la spesa dei consumatori rappresenta il valore di tutti i beni e servizi acquistati dalle famiglie. Prendendo in considerazione i trend recenti, la spesa dei consumatori è aumentata costantemente dal 2005, interrotta soltanto dalla recessione del 2007-2009 e dalla pandemia.

Beni vs servizi

Fino al 2020, i servizi ammontavano al 30%-50% in più della spesa per i beni. Questo divario ha iniziato a ridursi, e addirittura ad invertirsi, con l’evoluzione della pandemia e della seguente ripresa economica. Ecco la prima delle anomalie dell’ultima recessione. Il divario tra la spesa per i servizi e quella per i beni è stato causato principalmente dall’intervento del governo. Costrette a casa, le persone hanno cominciato ad acquistare beni, soprattutto quelli durevoli. Inoltre il governo ha sostenuto la spesa dei consumatori con stimoli fiscali massivi.

Spesa per i beni a confronto con la spesa per i servizi
la spesa dei consumatori: beni a confronto con i servizi
Si nota come il rapporto tra il PCE dei beni e il PCE totale sia schizzato dopo la pandemia. Viceversa quello dei servizi si trova a livelli bassi. La tendenza del passato si è invertita.

Come la spesa dei consumatori viene influenzata dai cicli economici

I modelli di consumo sono strettamente collegati ai cicli economici. Durante una recessione, la spesa dei consumatori diminuisce poichè c’è meno fiducia, la disoccupazione aumenta ed è più difficile accedere al credito. La spesa che viene più colpita durante la recessione è quella per i beni durevoli, come i veicoli, gli elettrodomestici e altre apparecchiature. Viceversa, i beni durevoli sono quelli che registrano i maggiori aumenti durante i cicli di espansione economica. In generale, la spesa dei consumatori per i beni durevoli è più ciclica di quella per i beni non durevoli, (beni che vengono consumati in breve tempo). In altre parole, la spesa per beni durevoli dovrebbe diminuire di più durante una recessione rispetto a quella per i non durevoli. Questo perché gli individui hanno la capacità di rimandare i grandi acquisti e pensano principalmente ad acquistare beni di prima necessità.

La ciclicalità della spesa dei consumatori

Sebbene questa tendenza si sia mantenuta nelle precedenti recessioni, la spesa dei consumatori per i beni non durevoli ha subito un calo maggiore nell’ultima recessione. Durante la crisi del 2008-2009 la spesa per i beni durevoli ha seguito il pattern delle recessioni precedenti, scendendo del 14%. La diminuzione registrata per i beni non durevoli è stata invece del 2%. Nella recessione del covid la spesa per i beni durevoli è rimasta pressoché costante, mentre quella per i non durevoli è diminuita del 4%. La natura della crisi e la presenza dei lockdown, ha decisamente impattato la spesa dei consumatori per molti beni non durevoli, come la benzina.

La ciclicità della spesa
la ciclicalità della spesa dei consumatori
La percentuale di contrazione della spesa di beni durevoli e non durevoli nelle recessioni passate a confronto con la recessione del covid

Le vendite al dettaglio

Nel 2020 gli economisti temevano che si potesse presentare il problema caratteristico della Grande Depressione. Negli anni della depressione si videro profondi cambiamenti nella spesa dei consumatori: si spendeva di meno e si era più improntati al risparmio.
Dopo la breve flessione della spesa dei consumatori nel 2020 abbiamo assistito ad un recupero record. Abbiamo potuto osservare un comportamento anomalo da parte dei consumatori. Sottraendo la benzina, le vendite al dettaglio si sono riprese in poco tempo e si trovano sopra i livelli pre-pandemici.

la spesa dei consumatori: le vendite al dettaglio
Le vendite al dettaglio sono nettamente al di sopra dei livelli pre-pandemia

Come è cambiata la spesa dei consumatori?

All’inizio del Novecento i soldi in circolazione erano a livelli bassi rispetto a quelli di oggi. Le persone lavoravano di più e per un salario più basso. Avevano meno tempo a disposizione per spendere il proprio denaro. Fino al 1920 il tempo che si dedicava al lavoro era di 10 ore al giorno, 6 giorni su 7.
I cicli di produzione delle aziende erano molto lenti poiché non esistevano le macchine. I beni e servizi in circolazione erano minori e non esisteva il ceto medio. Poche persone potevano permettersi di spendere. Dopo la fine della prima guerra mondiale scoppiò il consumismo. Da una parte il tempo che si dedicava al lavoro diminuì e dall’altra i salari aumentarono. Arrivarono le prime innovazioni tecnologiche che permisero alle aziende di produrre più beni in maniera efficiente. Tra il 1920 e il 1930 ci registrò infatti un aumento della produttività del 21%.

La Grande Depressione e il dopoguerra

La Grande Depressione fu un periodo nero soprattutto per il settore agricolo. Tantissime aziende chiusero i battenti e da lì partì il fenomeno dell’urbanizzazione. Molte persone decisero di migrare dalle campagne alle città per cercare lavoro. Dopo la seconda guerra mondiale la produttività passò al 40% in più rispetto alla decade precedente. Il reddito dei cittadini per alcune categorie aumentò addirittura del 75%.
E’ negli anni 50 che nacque il consumismo come lo conosciamo oggi. In questi anni emerse anche il ceto medio, classe che dimostrava la volontà di comprare casa e mettere su famiglia. Divenne più facile accedere al credito e spendere i soldi. Il concetto di debito esplose in quel periodo e la gente riusciva a comprare quello che non si poteva permettere.
La globalizzazione fu un altro grande evento. Essa cambiò quello che era stato costruito dal dopoguerra in poi e mise in difficoltà la classe media.

In conclusione

In questo momento ci troviamo in una fase di transizione dal punto di vista dei regimi economici. Dobbiamo quindi stare attenti ai dati sulla spesa dei consumatori e alle vendite al dettaglio.
La spesa è il motore della nostra economia, che si muove da tempo seguendo le regole del consumismo.

MARCO CASARIO

Gli italiani sono tra i popoli più ignoranti in ambito finanziario. Non per scelta ma perchè nessuno glielo lo ha insegnato. Il mio scopo è quello di educare ed informare le persone in ambito economico e finanziario. Perchè se non ti preoccupi dell'economia e della finanza, loro si occuperanno di te.

Corsi Gratuiti

Diventare un Trader e un Investitore

© Copyright 2022 - The 10Min Trader BV - KVK: 72735481 - VAT ID: NL854377591B01

Il contenuto di questo sito è solo a scopo informativo, non devi interpretare tali informazioni o altro materiale come consigli legali, fiscali, di investimento, finanziari o di altro tipo. Nulla di quanto contenuto nel nostro sito costituisce una sollecitazione, una raccomandazione, un'approvazione o un'offerta da parte di The 10Min Trader BV  per acquistare o vendere titoli o altri strumenti finanziari in questa o in qualsiasi altra giurisdizione in cui tale sollecitazione o offerta sarebbe illegale ai sensi delle leggi sui titoli di tale giurisdizione. Tutti i contenuti di questo sito sono informazioni di natura generale e non riguardano le circostanze di un particolare individuo o entità. Nulla di quanto contenuto nel sito costituisce una consulenza professionale e/o finanziaria, né alcuna informazione sul sito costituisce una dichiarazione esaustiva o completa delle questioni discusse o della legge ad esse relativa. The 10Min Trader BV non è un fiduciario in virtù dell'uso o dell'accesso al Sito o al Contenuto da parte di qualsiasi persona. Solo tu ti assumi la responsabilità di valutare i meriti e i rischi associati all'uso di qualsiasi informazione o altro Contenuto del Sito prima di prendere qualsiasi decisione basata su tali informazioni o altri Contenuti. In cambio dell'utilizzo del Sito, accetti di non ritenere The 10Min Trader BV, i suoi affiliati o qualsiasi terzo fornitore di servizi responsabile di eventuali richieste di risarcimento danni derivanti da qualsiasi decisione presa sulla base di informazioni o altri Contenuti messi a tua disposizione attraverso il Sito.
RISCHI DI INVESTIMENTO
Ci sono rischi associati all'investimento in titoli. Investire in azioni, obbligazioni, exchange traded funds, fondi comuni e fondi del mercato monetario comporta il rischio di perdita.  La perdita del capitale è possibile. Alcuni investimenti ad alto rischio possono utilizzare la leva finanziaria, che accentuerà i guadagni e le perdite. Gli investimenti esteri comportano rischi speciali, tra cui una maggiore volatilità e rischi politici, economici e valutari e differenze nei metodi contabili.  La performance passata di un titolo o di un'azienda non è una garanzia o una previsione della performance futura dell'investimento.La totalità dei contenuti presenti nel sito internet è tutelata dal diritto d’autore. Senza previo consenso scritto da parte nostra non è pertanto consentito riprodurre (anche parzialmente), trasmettere (né per via elettronica né in altro modo), modificare, stabilire link o utilizzare il sito internet per qualsivoglia finalità pubblica o commerciale.Qualsiasi controversia riguardante l’utilizzo del sito internet è soggetta al diritto svizzero, che disciplina in maniera esclusiva l’interpretazione, l’applicazione e gli effetti di tutte le condizioni sopra elencate. Il foro di Bellinzona è esclusivamente competente in merito a qualsiasi disputa o contestazione che dovesse sorgere in merito al presente sito internet e al suo utilizzo.
Accedendo e continuando nella lettura dei contenuti di questo sito Web dichiari di aver letto, compreso e accettato le sopracitate informazioni legali.