Amazon Prime Day: come impatta sul prezzo?

L’Amazon Prime Day, il grande evento di due giorni che l’azienda lancia ogni anno per i suoi membri prime, è arrivato. Questa occasione offre alcuni dei prezzi più bassi che si possono trovare su articoli essenziali per la casa, tecnologia e molto altro. Sembrerebbe che il colosso dell’e-commerce abbia intenzione di raddoppiare l’Amazon Prime Day programmando un altro evento per questo autunno. In questo articolo analizzeremo l’impatto di questo evento sul prezzo di Amazon e indagheremo sul perché l’azienda potrebbe lanciare un secondo Prime Day nel 2022.

Amazon Prime Day e le vendite

L’Amazon Prime Day è importante non solo per i clienti ma anche per gli investitori e i trader. Finora ci sono stati 7 di questi eventi, il primo nel 2015. Questo numero rappresenta un campione troppo ristretto per tirare delle conclusioni. Tuttavia è importante esaminare i risultati dell’Amazon Prime Day e il suo impatto sul prezzo delle azioni.

Nel 2021, i consumatori hanno acquistato beni per un valore di 11,2 miliardi di dollari durante il Prime Day, con un aumento del 7,7% rispetto ai 10,4 miliardi di dollari del 2020. A confronto con il 2020, questo tasso di crescita appare modesto. Le vendite del Prime Day nel 2020 sono state del 45,1% superiori a quelle del 2019.

Amazon Prime Day dati sulle vendite
Le vendite di Amazon durante il Prime Day

Che cosa aspettarsi dall’Amazon Prime Day del 2022?

Secondo i dati di RetailMeNot, l’88% degli americani prevede di fare acquisti su Amazon durante il Prime Day di quest’anno e il 47% sta aspettando di fare gli acquisti più importanti dell’anno durante questo giorno.

Nonostante i suoi punti di forza, l’azienda deve affrontare alcuni ostacoli quest’anno. La presenza dei suoi concorrenti è molto più grande di quanto non fosse l’anno scorso. Ognuno di loro ha la propria versione del Prime Day. Sempre secondo RetailMeNot, i consumatori stanno già pianificando di cercare offerte tra i rivenditori durante il Prime Day, con il 19% degli americani che prevede di acquistare presso altri rivenditori.

L’Amazon Prime Day di quest’anno va inserito anche nel contesto macroeconomico attuale. Le preoccupazioni per l’economia e l’elevata inflazione fanno si che le persone siano più caute a fare spese. Inoltre, l’aumento dei costi alimentari ed energetici toglie loro la capacità di spendere per articoli discrezionali.

L’impatto dell’Amazon Prime Day sul prezzo delle azioni

Il rendimento medio giornaliero per tutti i giorni di negoziazione del titolo è di circa lo 0,19%. La distribuzione di questi rendimenti si estende su un intervallo del 3,7%. Il rendimento medio a due settimane è dell’1,96% con una variazione media dell’8% che si estende in modo più significativo al rialzo. Invece, il rendimento medio mensile è del 3,95%.

L’acquisto del titolo alla chiusura del primo giorno dopo l’inizio del Prime Day e la vendita alla chiusura del giorno successivo hanno prodotto un rendimento medio dello 0,27%. Questo risultato è leggermente superiore al rendimento medio giornaliero.

Il periodo di due settimane di negoziazione dopo il Prime Day ha restituito una media del 4%, più del doppio del rendimento medio a due settimane.

I dati mensili mostrano risultati altrettanto positivi, con un rendimento dopo il Prime Day del 6,62%, rispetto al 3,95% per un dato periodo di 20 giorni nel resto dell’anno.

Amazon Prime Day l'impatto sul prezzo delle azioni AMZN

Un Amazon Prime Day in autunno?

Non è ancora ufficiale ma fonti affidabili sono venute in possesso di alcune e-mail in cui viene presentato un nuovo evento. Questa nuova giornata di sconti si chiamerebbe “Prime Fall” e sarebbe in programma nel quarto trimestre di quest’anno.

Sembrerebbe che Amazon abbia preso questa decisione dopo che le vendite del primo trimestre sono state giudicate un po’ troppo basse. L’azienda infatti ha registrato la crescita più bassa dalla bolla di internet.

Un Amazon Prime Day in autunno rischierebbe di essere troppo vicino al Black Friday, che quest’anno cadrà il 25 novembre. L’evento dovrebbe quindi essere collocato ad una distanza ragionevole dal “venerdì nero”, magari all’inizio del mese di ottobre.

Perché Amazon vuole raddoppiare il Prime Day?

La situazione attuale di Amazon è molto diversa da quella in cui si trovava durante la pandemia. L’azienda si è trovata a dover soddisfare una domanda record e si è dovuta assicurare di avere un inventario abbondante. Per far fronte agli ordini, l’azienda ha aumentato la sua capacità di magazzino. Alla fine del 2021, Amazon aveva in affitto o in proprietà quasi 36 milioni di metri quadrati di magazzini.

Con la spesa dei consumatori in calo per via del sentiment negativo e dell’inflazione record, Amazon e molti altri retailer potrebbero ritrovarsi con delle scorte un po’ troppo abbondanti. La crescita delle vendite online del settore della vendita al dettaglio, che è stata pari al 36,4% nel 2020, si è normalizzata a un tasso del 17,8% nel 2021 e del 9,4%, nel 2022.

L’anno scorso, i rivenditori hanno dato per scontato che la domanda sarebbe stata indefinitamente elevata. Questo, insieme ai ritardi lungo la catena di approvvigionamento, li ha portati a ordinare in eccesso dai loro fornitori e grossisti. Tali fornitori e grossisti, a loro volta, hanno ordinato in eccesso dai propri fornitori. Tutto ciò ha portato a una discrepanza tra la domanda dei consumatori e le scorte.

Perché Amazon lancerà il secondo Prime Day in autunno 2022
Il rapporto tra le scorte e le vendite dei negozi che vendono articoli generali è schizzato alle stelle

I primi campanelli di allarme sui livelli di inventario sono arrivati da Walmart e Target. E’ possibile che Amazon si stia trovando nella stessa situazione? Forse il Prime Day in autunno potrebbe servire per liberarsi dell’inventario in eccesso?

ARTICOLI CORRELATI:

Meta Platform in rialzo di oltre il 19%

Perché le tech stanno scendendo?

Il calo degli abbonati di Netflix

MARCO CASARIO

Gli italiani sono tra i popoli più ignoranti in ambito finanziario.

Non per scelta ma perché nessuno lo ha mai insegnato. Il mio scopo è quello di educare ed informare le persone in ambito economico e finanziario. Perché se non ti preoccupi dell'economia e della finanza, loro si occuperanno di te.

Corsi Gratuiti

Diventare un Trader e un Investitore

© Copyright 2022 - The 10Min Trader BV - KVK: 72735481 - VAT ID: NL854377591B01

Il contenuto di questo sito è solo a scopo informativo, non devi interpretare tali informazioni o altro materiale come consigli legali, fiscali, di investimento, finanziari o di altro tipo. Nulla di quanto contenuto nel nostro sito costituisce una sollecitazione, una raccomandazione, un'approvazione o un'offerta da parte di The 10Min Trader BV  per acquistare o vendere titoli o altri strumenti finanziari in questa o in qualsiasi altra giurisdizione in cui tale sollecitazione o offerta sarebbe illegale ai sensi delle leggi sui titoli di tale giurisdizione.

Tutti i contenuti di questo sito sono informazioni di natura generale e non riguardano le circostanze di un particolare individuo o entità. Nulla di quanto contenuto nel sito costituisce una consulenza professionale e/o finanziaria, né alcuna informazione sul sito costituisce una dichiarazione esaustiva o completa delle questioni discusse o della legge ad esse relativa. The 10Min Trader BV non è un fiduciario in virtù dell'uso o dell'accesso al Sito o al Contenuto da parte di qualsiasi persona. Solo tu ti assumi la responsabilità di valutare i meriti e i rischi associati all'uso di qualsiasi informazione o altro Contenuto del Sito prima di prendere qualsiasi decisione basata su tali informazioni o altri Contenuti. In cambio dell'utilizzo del Sito, accetti di non ritenere The 10Min Trader BV, i suoi affiliati o qualsiasi terzo fornitore di servizi responsabile di eventuali richieste di risarcimento danni derivanti da qualsiasi decisione presa sulla base di informazioni o altri Contenuti messi a tua disposizione attraverso il Sito.

RISCHI DI INVESTIMENTO

Ci sono rischi associati all'investimento in titoli. Investire in azioni, obbligazioni, exchange traded funds, fondi comuni e fondi del mercato monetario comporta il rischio di perdita.  La perdita del capitale è possibile. Alcuni investimenti ad alto rischio possono utilizzare la leva finanziaria, che accentuerà i guadagni e le perdite. Gli investimenti esteri comportano rischi speciali, tra cui una maggiore volatilità e rischi politici, economici e valutari e differenze nei metodi contabili.  La performance passata di un titolo o di un'azienda non è una garanzia o una previsione della performance futura dell'investimento.La totalità dei contenuti presenti nel sito internet è tutelata dal diritto d’autore. Senza previo consenso scritto da parte nostra non è pertanto consentito riprodurre (anche parzialmente), trasmettere (né per via elettronica né in altro modo), modificare, stabilire link o utilizzare il sito internet per qualsivoglia finalità pubblica o commerciale.Qualsiasi controversia riguardante l’utilizzo del sito internet è soggetta al diritto svizzero, che disciplina in maniera esclusiva l’interpretazione, l’applicazione e gli effetti di tutte le condizioni sopra elencate. Il foro di Bellinzona è esclusivamente competente in merito a qualsiasi disputa o contestazione che dovesse sorgere in merito al presente sito internet e al suo utilizzo.
Accedendo e continuando nella lettura dei contenuti di questo sito Web dichiari di aver letto, compreso e accettato le sopracitate informazioni legali.