Il Potere degli Investimenti in Dividendi in un’Economia Incerta

In un periodo di incertezze fiscali, monetarie e geopolitiche, gli investitori hanno bisogno di strategie difensive per proteggere e accrescere i propri capitali. Una tale strategia, spesso sottovalutata ma di fondamentale importanza, è l’investimento in azioni che pagano dividendi crescenti. Questo blog post esplora l’importanza

Scopri

Inflazione USA Persistente: Le Cause e le Prospettive Future

Il 2024 doveva segnare un punto di svolta per l’economia degli Stati Uniti, con una discesa dell’inflazione al tanto agognato target del 2%, un obiettivo che avrebbe permesso alla Federal Reserve di abbassare i tassi di interesse. Tuttavia, contrariamente a queste previsioni ottimistiche, l’inflazione USA

Scopri

OPEC+: l’Arabia Saudita svela un ulteriore taglio della produzione di 1 milione di barili

L’Arabia Saudita effettuerà un ulteriore taglio volontario della produzione di 1 milione di barili di petrolio al giorno come parte di un accordo raggiunto dall’OPEC+ dopo ore di trattative.

Il ministro dell’Energia saudita, il principe Abdulaziz bin Salman, ha svelato la riduzione a sorpresa in un comunicato. Il taglio dell’Arabia Saudita è la parte più significativa dell’accordo, che include anche un piano per estendere i tagli volontari fino al 2024.

Il principale vincitore dei colloqui del fine settimana sono gli Emirati Arabi Uniti, che aumenteranno la loro quota per il prossimo anno. Ciò avviene a spese dei membri africani che non hanno raggiunto le loro quote, ai quali è stato chiesto di rinunciare a parte della loro quota inutilizzata.

La riunione dell’OPEC si è svolta in un contesto di prezzi del petrolio in difficoltà. I mercati hanno oscillato, con il greggio statunitense che è sceso sotto i 70 dollari al barile prima di riprendersi alla fine della scorsa settimana.

Le preoccupazioni per la ripresa della domanda cinese stanno pesando sul sentiment del mercato, mentre la produzione di diversi membri del gruppo dei produttori è superiore alle attese. Ciò, combinato con l’avvertimento del ministro del petrolio saudita che i venditori allo scoperto di petrolio dovrebbero “fare attenzione”, ha aumentato le prospettive di un taglio della produzione.

A tre testate giornalistiche, Bloomberg, Reuters e Wall Street Journal, è stato impedito di entrare nella sede dell’OPEC a Vienna. Alla domanda sull’esclusione dei giornalisti, il principe Abdulaziz ha rivolto la questione al segretario generale dell’OPEC Haitham Al Ghais, che però non ha offerto alcuna spiegazione.

I punti chiave dell’accordo dell’OPEC

Dopo un’intensa riunione, il gruppo OPEC+ alla fine ha raggiunto un accordo che sembra offrire tagli alla produzione per il 2024, ma in realtà produrrà il contrario. Ecco i punti chiave:

  • L’Arabia Saudita effettuerà un ulteriore taglio volontario della produzione di 1 milione di barili al giorno a luglio.
  • Gli Emirati Arabi Uniti ottengono una quota più alta mentre i paesi africani perdono quote inutilizzate.
  • Gli Emirati Arabi Uniti dichiarano che rimarranno con l’OPEC.
  • I tagli volontari verranno prorogati fino alla fine del 2024.

Il taglio aggiuntivo porterà la produzione dell’Arabia Saudita al di sotto dei 9 milioni di barili al giorno per la prima volta in più di un decennio, escludendo le circostanze straordinarie dell’attacco al suo impianto di produzione di Abqaiq e la pandemia di Covid-19.

taglio produzione arabia saudita opec

Il principe saudita Abdulaziz si è impegnato a fare tutto il necessario per stabilizzare il mercato petrolifero, che soffre di una domanda incerta e di deboli dati economici cinesi. “Faremo tutto il necessario per portare stabilità a questo mercato”, ha detto ai giornalisti a Vienna. Ha descritto il taglio volontario dei sauditi nei suoi soliti vividi termini: “Volevamo glassare la torta”.

I membri dell’OPEC dell’Africa occidentale, insieme a molti degli alleati non OPEC, hanno concordato di accettare obiettivi di produzione inferiori per il 2024, sulla base delle valutazioni delle loro effettive capacità di produzione. I membri non OPEC includono Russia, Azerbaigian, Malesia, Brunei e Sudan. I nuovi obiettivi per Angola, Nigeria, Congo e Russia saranno valutati in modo indipendente e potrebbero essere nuovamente modificati prima che entrino in vigore.

Questi nuovi obiettivi non rimuoveranno alcun barile fisico dal mercato, ma avvicineranno gli obiettivi dei paesi alle loro effettive capacità di produzione. Compensando questi tagli agli obiettivi, gli Emirati Arabi Uniti vedranno il proprio obiettivo aumentare di 200.000 barili al giorno da gennaio.

La riluttanza di Angola e Nigeria

L’annuncio dell’accordo OPEC+ è stato ritardato di diverse ore mentre i ministri discutevano sui dettagli. Il punto più controverso è stata la revisione delle linee di base rispetto alle quali vengono misurati i tagli alla produzione di diverse nazioni.

Le nazioni africane Angola e Nigeria, che hanno lottato per raggiungere i loro obiettivi di produzione da quando sono stati introdotti tre anni fa, hanno opposto la maggiore resistenza.

Anche se oggi i paesi africani non possono raggiungere le loro quote di produzione, non erano disposti a rinunciarvi. Molti di loro stanno cercando nuovi investimenti per aumentare la produzione nei prossimi anni e una quota di produzione OPEC+ restrittiva potrebbe minare la loro attrattiva per gli investitori stranieri.

quote OPEC paesi Africa

L’Angola, ad esempio, prevede di aumentare le esportazioni di greggio a luglio al livello più alto dall’ottobre 2020. Diversi nuovi giacimenti petroliferi offshore dovrebbero entrare in funzione nel prossimo anno o due. A lungo termine, il paese ha firmato un accordo con TotalEnergies per due blocchi di esplorazione offshore nel bacino di Kwanza, che si trova al largo della costa meridionale della nazione dell’Africa occidentale.

Alla fine, l’impasse è stato risolto e i paesi africani hanno accettato di abbassare i limiti di produzione, previa revisione indipendente delle loro capacità produttive.

La produzione della Russia

La Russia, il secondo più grande produttore dell’OPEC+, quest’anno non è stata tenuta a effettuare ulteriori tagli, ma come altri membri ha esteso i limiti esistenti di 12 mesi fino alla fine del 2024. Mosca è sempre più in competizione con i suoi alleati OPEC in Medio Oriente da quando l’Europa ha vietato la maggior parte delle importazioni del suo petrolio.

Non vi è alcun segno del taglio promesso dalla Russia di 500.000 barili al giorno nelle esportazioni del paese. Le spedizioni di greggio nelle quattro settimane fino al 28 maggio sono state di oltre 1,4 milioni di barili al giorno in più rispetto alla fine dello scorso anno e di 270.000 barili al giorno in più rispetto a febbraio, il mese di riferimento per la riduzione promessa.

ARTICOLI CORRELATI:

Perché i prezzi della Benzina non scendono se il Petrolio crolla?

Produzione di Petrolio tagliata di 1 Milione di barili al giorno dall’OPEC+

Cosa può dirci il prezzo del petrolio riguardo alle probabilità di recessione?

L’aumento del prezzo del petrolio: l’impatto sui mercati

MARCO CASARIO

Gli italiani sono tra i popoli più ignoranti in ambito finanziario.

Non per scelta ma perché nessuno lo ha mai insegnato. Il mio scopo è quello di educare ed informare le persone in ambito economico e finanziario. Perché se non ti preoccupi dell'economia e della finanza, loro si occuperanno di te.

Corsi Gratuiti

Diventare un Trader e un Investitore

© Copyright 2022 - The 10Min Trader BV - KVK: 72735481 - VAT ID: NL854377591B01

Il contenuto di questo sito è solo a scopo informativo, non devi interpretare tali informazioni o altro materiale come consigli legali, fiscali, di investimento, finanziari o di altro tipo. Nulla di quanto contenuto nel nostro sito costituisce una sollecitazione, una raccomandazione, un'approvazione o un'offerta da parte di The 10Min Trader BV  per acquistare o vendere titoli o altri strumenti finanziari in questa o in qualsiasi altra giurisdizione in cui tale sollecitazione o offerta sarebbe illegale ai sensi delle leggi sui titoli di tale giurisdizione.

Tutti i contenuti di questo sito sono informazioni di natura generale e non riguardano le circostanze di un particolare individuo o entità. Nulla di quanto contenuto nel sito costituisce una consulenza professionale e/o finanziaria, né alcuna informazione sul sito costituisce una dichiarazione esaustiva o completa delle questioni discusse o della legge ad esse relativa. The 10Min Trader BV non è un fiduciario in virtù dell'uso o dell'accesso al Sito o al Contenuto da parte di qualsiasi persona. Solo tu ti assumi la responsabilità di valutare i meriti e i rischi associati all'uso di qualsiasi informazione o altro Contenuto del Sito prima di prendere qualsiasi decisione basata su tali informazioni o altri Contenuti. In cambio dell'utilizzo del Sito, accetti di non ritenere The 10Min Trader BV, i suoi affiliati o qualsiasi terzo fornitore di servizi responsabile di eventuali richieste di risarcimento danni derivanti da qualsiasi decisione presa sulla base di informazioni o altri Contenuti messi a tua disposizione attraverso il Sito.

RISCHI DI INVESTIMENTO

Ci sono rischi associati all'investimento in titoli. Investire in azioni, obbligazioni, exchange traded funds, fondi comuni e fondi del mercato monetario comporta il rischio di perdita.  La perdita del capitale è possibile. Alcuni investimenti ad alto rischio possono utilizzare la leva finanziaria, che accentuerà i guadagni e le perdite. Gli investimenti esteri comportano rischi speciali, tra cui una maggiore volatilità e rischi politici, economici e valutari e differenze nei metodi contabili.  La performance passata di un titolo o di un'azienda non è una garanzia o una previsione della performance futura dell'investimento.La totalità dei contenuti presenti nel sito internet è tutelata dal diritto d’autore. Senza previo consenso scritto da parte nostra non è pertanto consentito riprodurre (anche parzialmente), trasmettere (né per via elettronica né in altro modo), modificare, stabilire link o utilizzare il sito internet per qualsivoglia finalità pubblica o commerciale.Qualsiasi controversia riguardante l’utilizzo del sito internet è soggetta al diritto svizzero, che disciplina in maniera esclusiva l’interpretazione, l’applicazione e gli effetti di tutte le condizioni sopra elencate. Il foro di Bellinzona è esclusivamente competente in merito a qualsiasi disputa o contestazione che dovesse sorgere in merito al presente sito internet e al suo utilizzo.
Accedendo e continuando nella lettura dei contenuti di questo sito Web dichiari di aver letto, compreso e accettato le sopracitate informazioni legali.