La Fed è disposta a tollerare una recessione

Powell ha dato il segnale più chiaro fino ad oggi che la Federeal Reserve è disposta a tollerare una recessione come compromesso per riprendere il controllo dell’inflazione. Ieri, come previsto, la Fed ha aumentato i tassi di 75 punti base per la terza volta consecutiva.

Scopri

Gli effetti della recessione sulla tua vita

L’ultimo rapporto trimestrale sul prodotto interno lordo degli Stati Uniti ha mostrato una seconda contrazione consecutiva, classificando l’economia in una recessione tecnica. Vale quindi la pena esaminare quali siano gli effetti della recessione sulla tua vita? Ufficialmente, il National Bureau of Economic Research definisce la

Scopri

La definizione di recessione: è già iniziata?

La stima dell’Atlanta Fed GDPNow per il PIL reale del secondo trimestre aggiornata al 19 luglio è pari al -1,6%. Secondo la definizione classica che prevede due trimestri consecutivi di rallentamento della crescita, gli Stati Uniti sarebbero quindi in una recessione tecnica. In questo articolo

Scopri

Le probabilità di recessione stanno aumentando

Goldman, come Morgan Stanley, non prende la recessione come il suo caso base, a differenza di Nomura e Deutsche Bank ma si affretta a chiarire che, nel caso in cui si verificasse, l’S&P potrebbe scendere a 3.150. Nel frattempo, secondo le stime di Bloomberg Economics,

Scopri

Cosa può dirci il prezzo del petrolio riguardo alle probabilità di recessione?

Oltre a una serie di modelli sulla probabilità di recessione e una curva dei rendimenti invertita, c’è un altro fattore degno di nota che faceva parte del quadro fosco fino a pochi mesi fa: il prezzo del petrolio.

Storicamente, l’aumento dei prezzi del petrolio è stato negativo per l’economia statunitense. Le forti impennate hanno spesso preceduto le recessioni. I prezzi del petrolio sono raddoppiati all’inizio della Guerra del Golfo, portando alla recessione del 1990. Ancora una volta, i prezzi sono saliti da 12 a 33 dollari al barile prima che l’economia entrasse in recessione all’inizio del 2001. La recessione del 2008 è stata anche peggiore perché i prezzi del petrolio hanno continuato ad aumentare dopo l’inizio della contrazione economica.

aumento prezzo petrolio recessione

All’inizio dell’anno, con l’arrivo della guerra in Ucraina, abbiamo visto il prezzo del petrolio aumentare solo per raffreddarsi negli ultimi sei mesi. Questo è uno degli sviluppi più promettenti per coloro che sperano che l’economia degli Stati Uniti riesca ad ottenere un atterraggio morbido.

Perché il prezzo del petrolio è diminuito?

Tra i principali motivi che spiegano perché i prezzi del petrolio sono diminuiti ci sono il ciclo aggressivo di aumenti dei tassi della Fed che hanno raffreddato la speculazione nei mercati delle materie prime e gli sforzi della Cina, l’importatore più grande del mondo, per controllare la diffusione del Covid con restrizioni che hanno indebolito la domanda di petrolio. La diminuzione dei prezzi da tregua ai consumatori e alle imprese statunitensi.

Non possiamo sapere se il calo dei prezzi del petrolio sarà sostenibile. I rilasci dalla Strategic Petroleum Reserve stanno per terminare e la domanda cinese potrebbe aumentare con l’allentamento del Covid Zero. Se l’Europa supererà un inverno rigido in condizioni sufficientemente buone, la crescita economica e la domanda di petrolio nella regione potrebbero aumentare. Dopo anni di sottoinvestimenti, il mercato petrolifero sembra ancora strutturalmente carente per i prossimi anni.

Il prezzo del petrolio non indica una recessione imminente

Da novembre 2020, il prezzo di un barile di greggio West Texas Intermediate è salito da 40 $ raggiungendo un picco di 130 $. Con il prezzo del petrolio ora in calo di circa il 40% rispetto al massimo di marzo, si potrebbe sostenere che il petrolio sta diventando un vento favorevole piuttosto che un vento contrario per la crescita economica.

Lunedì, il prezzo medio al dettaglio della benzina negli Stati Uniti ha toccato il livello più basso da febbraio. Sebbene 3,60 dollari al gallone sembrino ancora tanti per i consumatori, abituati a pagare molto meno negli anni passati, i redditi dei lavoratori sono cresciuti nel tempo. Rispetto alla crescita dei salari medi, i prezzi della benzina sono a livelli paragonabili al 2018, un periodo in cui i prezzi del petrolio non facevano notizia.

Quindi è giusto sostenere che i prezzi dell’energia non sono così importanti per la direzione dell’economia statunitense come lo erano in passato. Un’economia basata sui servizi è meno sensibile ai prezzi dell’energia rispetto a un’economia come quella degli anni ’70 basata sulla produzione.

Inoltre, l’energia rappresenta una quota inferiore dei bilanci delle famiglie: a settembre, i beni e i servizi energetici costituivano il 4,5% della spesa totale, la metà di quella all’inizio degli anni ’80.

Al momento, il prezzo del petrolio non sta indicando alte probabilità di recessione negli Stati Uniti. Le recessioni generalmente non si verificano quando i redditi dei lavoratori crescono e i prezzi dell’energia scendono.

Le probabilità di recessione secondo gli economisti

La negatività tra gli economisti non manca e i loro modelli sono piuttosto sicuri sull’arrivo di una recessione nei prossimi 12 mesi. La Fed di Philadelphia effettua un’indagine trimestrale sui professionisti delle probabilità di recessione. L’attuale percentuale che vede una recessione nei prossimi 4 trimestri è la più alta degli ultimi 50 anni.

probabilità recessione philly fed

Dal 2009, Bloomberg effettua mensilmente un sondaggio simile. Secondo gli economisti intervistati, le probabilità di recessione sono del 60% negli Stati Uniti e dell’80% in Eurozona.

probabilità recessione Stati Uniti Eurozona

Gli esperti sembrano essere d’accordo. In effetti, non sono mai stati così sicuri dell’arrivo di una recessione come lo sono oggi. Molti stanno applicando la teoria contrarian, affermando che non ci sarà una recessione il prossimo anno poiché quando tutti gli esperti sono d’accordo, tende a succedere qualcos’altro. Staremo a vedere…

ARTICOLI CORRELATI:

Price cap sul petrolio russo: l’UE considera un intervallo tra 65-70 $

Il prezzo del petrolio e la recessione

Lo shock energetico e i suoi effetti

L’aumento del prezzo del petrolio: l’impatto sui mercati

MARCO CASARIO

Gli italiani sono tra i popoli più ignoranti in ambito finanziario.

Non per scelta ma perché nessuno lo ha mai insegnato. Il mio scopo è quello di educare ed informare le persone in ambito economico e finanziario. Perché se non ti preoccupi dell'economia e della finanza, loro si occuperanno di te.

Corsi Gratuiti

Diventare un Trader e un Investitore

© Copyright 2022 - The 10Min Trader BV - KVK: 72735481 - VAT ID: NL854377591B01

Il contenuto di questo sito è solo a scopo informativo, non devi interpretare tali informazioni o altro materiale come consigli legali, fiscali, di investimento, finanziari o di altro tipo. Nulla di quanto contenuto nel nostro sito costituisce una sollecitazione, una raccomandazione, un'approvazione o un'offerta da parte di The 10Min Trader BV  per acquistare o vendere titoli o altri strumenti finanziari in questa o in qualsiasi altra giurisdizione in cui tale sollecitazione o offerta sarebbe illegale ai sensi delle leggi sui titoli di tale giurisdizione.

Tutti i contenuti di questo sito sono informazioni di natura generale e non riguardano le circostanze di un particolare individuo o entità. Nulla di quanto contenuto nel sito costituisce una consulenza professionale e/o finanziaria, né alcuna informazione sul sito costituisce una dichiarazione esaustiva o completa delle questioni discusse o della legge ad esse relativa. The 10Min Trader BV non è un fiduciario in virtù dell'uso o dell'accesso al Sito o al Contenuto da parte di qualsiasi persona. Solo tu ti assumi la responsabilità di valutare i meriti e i rischi associati all'uso di qualsiasi informazione o altro Contenuto del Sito prima di prendere qualsiasi decisione basata su tali informazioni o altri Contenuti. In cambio dell'utilizzo del Sito, accetti di non ritenere The 10Min Trader BV, i suoi affiliati o qualsiasi terzo fornitore di servizi responsabile di eventuali richieste di risarcimento danni derivanti da qualsiasi decisione presa sulla base di informazioni o altri Contenuti messi a tua disposizione attraverso il Sito.

RISCHI DI INVESTIMENTO

Ci sono rischi associati all'investimento in titoli. Investire in azioni, obbligazioni, exchange traded funds, fondi comuni e fondi del mercato monetario comporta il rischio di perdita.  La perdita del capitale è possibile. Alcuni investimenti ad alto rischio possono utilizzare la leva finanziaria, che accentuerà i guadagni e le perdite. Gli investimenti esteri comportano rischi speciali, tra cui una maggiore volatilità e rischi politici, economici e valutari e differenze nei metodi contabili.  La performance passata di un titolo o di un'azienda non è una garanzia o una previsione della performance futura dell'investimento.La totalità dei contenuti presenti nel sito internet è tutelata dal diritto d’autore. Senza previo consenso scritto da parte nostra non è pertanto consentito riprodurre (anche parzialmente), trasmettere (né per via elettronica né in altro modo), modificare, stabilire link o utilizzare il sito internet per qualsivoglia finalità pubblica o commerciale.Qualsiasi controversia riguardante l’utilizzo del sito internet è soggetta al diritto svizzero, che disciplina in maniera esclusiva l’interpretazione, l’applicazione e gli effetti di tutte le condizioni sopra elencate. Il foro di Bellinzona è esclusivamente competente in merito a qualsiasi disputa o contestazione che dovesse sorgere in merito al presente sito internet e al suo utilizzo.
Accedendo e continuando nella lettura dei contenuti di questo sito Web dichiari di aver letto, compreso e accettato le sopracitate informazioni legali.

Cookie Policy