Quanto vale Bitcoin? Le tecniche per dare un prezzo a BTC

La valutazione del Bitcoin può essere difficile in quanto si tratta di una classe di attività distinta rispetto alle normali azioni. Gli approcci di valutazione tradizionali, come i multipli PE e l’analisi basata sugli utili, potrebbero non applicarsi direttamente al Bitcoin. Di conseguenza, investitori e

Scopri

Il crollo di Adani Group cancella 74 miliardi di dollari

Il crollo di Adani Group, scaturito dalle accuse di frode di Hindenburg Research, è entrato nella sua quarta sessione. Nonostante la dimostrazione di sostegno da parte di un investitore chiave, le perdite hanno raggiunto i 74 miliardi di dollari. Le azioni della maggior parte delle

Scopri

Tesla: gli utili del quarto trimestre battono le stime

Tesla ha registrato profitti migliori del previsto nell’ultimo trimestre, anche se ha fornito segnali contrastanti sulle prospettive di crescita delle consegne di veicoli. Gli utili del quarto trimestre di Tesla battono le stime, attestandosi a $ 24,3 miliardi. I margini lordi del settore automobilistico, tuttavia,

Scopri

NYSE: interruzione del trading dopo un problema tecnico

Un’interruzione del trading per alcuni titoli quotati sul NYSE ha fatto venire i brividi a Wall Street poiché dozzine di società ad alta capitalizzazione sembravano cancellare miliardi di dollari di valore di mercato senza una ragione apparente. Il trading è stato interrotto nei primi 30

Scopri
Investire sugli Oscar 2023

Investire sui vincitori agli Oscar 2023

Negli ultimi 10 anni, un investitore che avesse investito nella società pubblica che possedeva il distributore del film vincitore il mese prima della premiazione e avesse venduto un mese dopo, avrebbe avuto un guadagno medio del 7,6%.
Tuttavia, indovinare quale film vincerà è difficile e spesso non c’è modo di investire nella distribuzione del film.
Anche se gli investitori scelgono il film giusto, non c’è garanzia di successo: il 40% delle volte la società pubblica che ha distribuito il film vincitore è rimasta indietro rispetto all’S&P 500.

Scopri

Lo shock energetico e i suoi effetti

Proprio mentre il mondo stava prendendo sul serio il suo impegno per un futuro verde, la sua dipendenza dai combustibili fossili lo ha colpito con uno shock energetico che non si vedeva dagli anni ’70.

L’invasione russa dell’Ucraina si è combinata con le pressioni scatenate dalla pandemia facendo salire alle stelle i prezzi dell’energia. Anche dopo i recenti ribassi dovuti alle preoccupazioni per la crescita economica globale, il petrolio si trova in rialzo di quasi il 30% da inizio anno e lo stesso vale per la benzina. La situazione per il gas naturale è ancora più preoccupante in quanto si trova in rialzo del 113% dall’inizio del 2022.

Lo shock energetico e le interruzioni dell’offerta di materie prime agricole sono stati al centro di un’impennata dell’inflazione che ha causato difficoltà per i consumatori e mal di testa politici in tutto il mondo.

Perché siamo vittime di uno shock energetico?

Solo due anni fa, il prezzo del contratto future di riferimento del petrolio è sceso brevemente sotto lo zero quando la pandemia ha affondato l’economia globale. Un anno dopo, il prezzo è rimbalzato ai livelli pre-pandemia e ha continuato a salire poiché la domanda ha rapidamente superato la crescita delle forniture di greggio.

Poi è arrivata l’invasione russa dell’Ucraina e tutta una serie di sanzioni da parte degli Stati Uniti e dei suoi alleati per colpire la Russia, la fonte del 10% del petrolio mondiale. Più della metà delle esportazioni di petrolio della Russia va ai paesi dell’Unione Europea. Tuttavia, i mercati dell’energia sono globali e quindi i cambiamenti nella domanda e nell’offerta si fanno sentire ovunque.

Ad essere colpiti sono stati i consumatori di tutto il mondo, con aumenti delle bollette e prezzi alla pompa da capogiro. In gran parte del mondo, i prezzi del carburante al dettaglio sono aumentati ancora più velocemente del greggio. Il risultato finale è stato un aumento dell’inflazione che il mondo non vedeva da decenni, con l’energia che ha contribuito maggiormente al balzo nelle principali economie avanzate.

shock energetico

La risposta allo shock energetico

Per rispondere all’impennata dei prezzi c’è stata una corsa per aumentare le forniture e reindirizzare i combustibili dove erano necessari, sforzi che hanno avuto un successo limitato. L’UE ha introdotto gradualmente un divieto parziale del petrolio russo e ha acquistato gas naturale liquefatto da altri paesi per svezzarsi dai flussi russi, che rappresentavano il 40% della fornitura.

L’amministrazione del presidente degli Stati Uniti Joe Biden a marzo ha deciso di rilasciare 1 milione di barili di petrolio al giorno dalle sue riserve strategiche per sei mesi al fine di ridurre i prezzi del gas e combattere l’inflazione in tutto il paese. La portata di questo rilascio è senza precedenti.

Biden ha chiesto inoltre alle raffinerie di petrolio di ripristinare la capacità fuori servizio e ha cercato di persuadere l’Arabia Saudita ad aumentare la produzione.

Nell’ultima riunione, l’OPEC e i suoi alleati hanno concordato un piccolo taglio della produzione di petrolio per rafforzare i prezzi che sono scivolati a causa dei rischi recessione. I produttori di petrolio taglieranno la produzione di 100.000 barili al giorno a ottobre, una quantità che equivale allo 0,1% della domanda globale.

Nonostante la preoccupazione dell’OPEC per il ribasso del prezzo del petrolio, il mercato fisico suggerisce che l’offerta rimane limitata e molti membri dell’organizzazione stanno producendo al di sotto delle quote concordate.

Ci sono similitudini con gli shock energetici del passato?

L’impennata del prezzo è paragonabile ai due shock petroliferi più famosi della storia: la guerra arabo-israeliana del 1973, che ha portato molti produttori di greggio a rifiutarsi di vendere ai paesi che sostenevano Israele, e la rivoluzione in Iran sei anni dopo, che ha interrotto circa il 7% dell’offerta mondiale di greggio. Tuttavia, esistono delle differenze.

La crescita economica non è così strettamente legata al petrolio come lo era negli anni ’70. Il fracking ha reso gli Stati Uniti il ​​​​più grande produttore mondiale di petrolio e gas, avvicinando l’America all’indipendenza energetica perseguita dopo che la carenza di benzina ha colpito nel 1970.

La crisi attuale ha ricordato che il mondo continua a dipendere dai combustibili fossili per più di tre quarti del suo fabbisogno energetico. E’ probabile che questa condizione durerà per decenni.

Lo shock energetico attuale rispetto ai precedenti

Si prevede che il prezzo annuale del petrolio raggiungerà una media di 93 dollari al barile nel 2022⁠. In confronto, durante gli shock dei prezzi del 2008 e del 1979, il petrolio greggio ha raggiunto rispettivamente una media di 127 e 119 dollari al barile.

shock energetico

Ciò che distingue lo shock energetico del 2022 è che i prezzi sono aumentati vertiginosamente su tutti i combustibili. Laddove in passato gli shock sui prezzi erano più o meno isolati, molti paesi come la Germania e i Paesi Bassi stanno usando il carbone per compensare le interruzioni dell’approvvigionamento di petrolio.

Gli effetti dello shock energetico

Dalla seconda guerra mondiale, gli shock del prezzo del petrolio hanno rappresentato un importante freno alla crescita economica. Il petrolio influenza una miriade di altri prezzi nell’economia, dal cibo agli smartphone.

Lo shock energetico potrebbe continuare ad alimentare l’inflazione globale. Inoltre, i prezzi dell’energia potrebbero aggiungere maggiori ostacoli alle prospettive di crescita globale, già minata da inflazione, politica monetaria aggressiva e continui lockdown in Cina.

Tutto ciò potrebbe aumentare l’insicurezza alimentare globale e causare disordini sociali. I prezzi elevati del carburante e dei generi alimentari sono spesso correlati a proteste di massa, violenze politiche e rivolte.

ARTICOLI CORRELATI:

Caro carburante: la crisi del Diesel

Il price cap del gas russo

Le alternative dell’Europa al gas russo

L’accordo UE sull’embargo del petrolio russo

MARCO CASARIO

Gli italiani sono tra i popoli più ignoranti in ambito finanziario.

Non per scelta ma perché nessuno lo ha mai insegnato. Il mio scopo è quello di educare ed informare le persone in ambito economico e finanziario. Perché se non ti preoccupi dell'economia e della finanza, loro si occuperanno di te.

Corsi Gratuiti

Diventare un Trader e un Investitore

© Copyright 2022 - The 10Min Trader BV - KVK: 72735481 - VAT ID: NL854377591B01

Il contenuto di questo sito è solo a scopo informativo, non devi interpretare tali informazioni o altro materiale come consigli legali, fiscali, di investimento, finanziari o di altro tipo. Nulla di quanto contenuto nel nostro sito costituisce una sollecitazione, una raccomandazione, un'approvazione o un'offerta da parte di The 10Min Trader BV  per acquistare o vendere titoli o altri strumenti finanziari in questa o in qualsiasi altra giurisdizione in cui tale sollecitazione o offerta sarebbe illegale ai sensi delle leggi sui titoli di tale giurisdizione.

Tutti i contenuti di questo sito sono informazioni di natura generale e non riguardano le circostanze di un particolare individuo o entità. Nulla di quanto contenuto nel sito costituisce una consulenza professionale e/o finanziaria, né alcuna informazione sul sito costituisce una dichiarazione esaustiva o completa delle questioni discusse o della legge ad esse relativa. The 10Min Trader BV non è un fiduciario in virtù dell'uso o dell'accesso al Sito o al Contenuto da parte di qualsiasi persona. Solo tu ti assumi la responsabilità di valutare i meriti e i rischi associati all'uso di qualsiasi informazione o altro Contenuto del Sito prima di prendere qualsiasi decisione basata su tali informazioni o altri Contenuti. In cambio dell'utilizzo del Sito, accetti di non ritenere The 10Min Trader BV, i suoi affiliati o qualsiasi terzo fornitore di servizi responsabile di eventuali richieste di risarcimento danni derivanti da qualsiasi decisione presa sulla base di informazioni o altri Contenuti messi a tua disposizione attraverso il Sito.

RISCHI DI INVESTIMENTO

Ci sono rischi associati all'investimento in titoli. Investire in azioni, obbligazioni, exchange traded funds, fondi comuni e fondi del mercato monetario comporta il rischio di perdita.  La perdita del capitale è possibile. Alcuni investimenti ad alto rischio possono utilizzare la leva finanziaria, che accentuerà i guadagni e le perdite. Gli investimenti esteri comportano rischi speciali, tra cui una maggiore volatilità e rischi politici, economici e valutari e differenze nei metodi contabili.  La performance passata di un titolo o di un'azienda non è una garanzia o una previsione della performance futura dell'investimento.La totalità dei contenuti presenti nel sito internet è tutelata dal diritto d’autore. Senza previo consenso scritto da parte nostra non è pertanto consentito riprodurre (anche parzialmente), trasmettere (né per via elettronica né in altro modo), modificare, stabilire link o utilizzare il sito internet per qualsivoglia finalità pubblica o commerciale.Qualsiasi controversia riguardante l’utilizzo del sito internet è soggetta al diritto svizzero, che disciplina in maniera esclusiva l’interpretazione, l’applicazione e gli effetti di tutte le condizioni sopra elencate. Il foro di Bellinzona è esclusivamente competente in merito a qualsiasi disputa o contestazione che dovesse sorgere in merito al presente sito internet e al suo utilizzo.
Accedendo e continuando nella lettura dei contenuti di questo sito Web dichiari di aver letto, compreso e accettato le sopracitate informazioni legali.