Come Affrontare la Correlazione Positiva tra Azioni e Obbligazioni

Nel mondo degli investimenti, una delle sfide più significative degli ultimi trent’anni si sta manifestando proprio ora: la forte correlazione positiva tra azioni e obbligazioni. Tradizionalmente, la classica allocazione 60/40 (60% azioni e 40% obbligazioni) ha offerto una diversificazione e una protezione del rischio naturale.

Scopri

L’Influenza del Dot Plot della Fed sui Mercati Finanziari

Quando si parla di trading e investimenti, la parola “Fed” richiama subito l’attenzione. La Federal Reserve, la banca centrale degli Stati Uniti, è un’istituzione che ha il potere di influenzare i mercati finanziari globali con le sue decisioni. Tra gli strumenti di comunicazione della Fed,

Scopri

Gli spread dei junk bond e il rischio recessione

Le obbligazioni societarie “spazzatura” negli Stati Uniti stanno pagando agli investitori un premio irrisorio per il rischio di detenerle mentre una recessione sembra sempre più probabile. Sono forse gli spread dei junk bond che devono allargarsi o i timori di recessione che devono svanire?

Gli spread dei junk bond in genere seguono da vicino il rischio recessione. Secondo le stime degli economisti di Bloomberg le probabilità si aggirano intorno al 50%. Anche l’inversione della curva dei rendimenti sta segnalando pericoli imminenti. Tuttavia, gli spread ad alto rendimento sono ancora a 4,52 punti percentuali, in linea con la loro media dell’ultimo decennio. Secondo UBS, gli attuali livelli degli spread dei junk bond implicano una probabilità del 25% di una recessione.

spread junk bond USA

Se gli economisti avranno ragione, ad un certo punto gli spread dei junk bond dovranno allargarsi. Secondo uno studio del Fondo monetario internazionale, gli economisti hanno un pessimo track record nel prevedere le recessioni, in quanto arrivano a riconoscerle quando si sono verificate o proprio non riescono a prevederle. Tuttavia, prevedono quasi sempre quelle che alla fine si realizzano.

Oggi gli economisti hanno tutte le buone ragioni per essere preoccupati. La Federal Reserve sta alzando i tassi di interesse velocemente per combattere la peggiore inflazione degli ultimi quattro decenni. Powell stesso, al simposio di Jackson Hole della scorsa settimana, ha ammesso che l’inasprimento porterà un po’ di sofferenza ad aziende e famiglie. In genere, gli aumenti dei tassi di interesse impiegano dai 18 ai 24 mesi per avere il pieno effetto sull’economia reale.

Perché gli spread dei junk bond sono ancora relativamente bassi?

Probabilmente, parte del livello attuale degli spread dei junk bond può essere spiegato dal sentiment “there is no alternative” (​​TINA) che è solito pervadere i mercati azionari. I rischi al ribasso sono abbondanti sia per le azioni che per i mercati delle materie prime. Di conseguenza, il rischio delle obbligazioni societarie potrebbe non sembrare così male in confronto. E’ insolito perdere denaro acquistando e detenendo l’indice dei junk bond con rendimenti intorno all’8%, a condizione che tu abbia un paio d’anni per rimanere paziente.

Gli operatori di mercato hanno storicamente osservato gli spread dei junk bond per cercare i segnali di una recessione imminente. Il mercato delle obbligazioni spazzatura, però, si è evoluto e adesso include una preponderanza del debito con rating BB, la qualità più alta nella categoria high yield. Ciò potrebbe rendere gli spread creditizi ad alto rendimento meno sensibili a un rallentamento della crescita rispetto al passato.

In ogni caso, è improbabile che nuovi investitori si mettano in fila per finanziare società con rating spazzatura in qualsiasi momento se i mercati offrono solo 4,52 punti percentuali per il rischio assunto. In un modo o nell’altro, lo status quo non è sostenibile. A medio termine, ciò potrebbe tradursi in un aumento degli spread e dei tassi di insolvenza delle aziende.

Altri segnali di rischio da osservare

Le obbligazioni con rating spazzatura sono state tradizionalmente le prime del mercato del credito a crollare con il deterioramento delle condizioni economiche. Questa volta, la posizione potrebbe ora essere occupata dai prestiti a tasso variabile.

I prestiti con leva avrebbero dovuto essere i grandi vincitori con l’aumento dei tassi di interesse, poiché tengono il passo con i tassi di riferimento della Fed e quindi offrono la possibilità di rendimenti più elevati. Le vendite dei prestiti sono esplose negli anni successivi alla crisi finanziaria del 2008 e le banche di Wall Street hanno spesso evidenziato la performance relativamente resiliente di questa classe di attività.

Quest’anno però, i prestiti con leva hanno vacillato poiché ci sono preoccupazioni sulla rischiosità dei prestiti emessi. Alcuni analisti hanno avvertito che le aziende che si sono indebitate utilizzando prestiti con leva dovranno affrontare bollette più elevate che potrebbero minacciare la loro capacità di rimborso.

I prestiti a leva costituiscono una parte meno “macro” ma comunque importante del mercato del credito. Con un volume di 1,4 trilioni di dollari, il mercato dei prestiti è quasi raddoppiato dal 2015, con un significativo deterioramento della qualità. A causa della natura a tasso variabile di questi strumenti, i mutuatari sono particolarmente vulnerabili all’aumento dei tassi d’interesse.

Secondo gli analisti, la soglia dell’indice S&P/LSTA Leveraged Loan da tenere d’occhio si trova a 85. Questo livello è stato superato solo durante la crisi finanziaria del 2008 e la pandemia del 2020.

mercato del credito rischio recessione prestiti leva

La volatilità, le valutazioni elevate e i mercati del debito instabili hanno causato un rallentamento nell’attività di nuove acquisizioni. Il rifinanziamento del debito esistente spesso costituisce una parte sostanziale dei mercati finanziari con leva finanziaria, ma molte aziende hanno già approfittato dei bassi tassi di interesse negli ultimi due anni per eliminare le scadenze.

Al momento, in rilievo c’è il finanziamento di acquisizione con leva finanziaria da 15 miliardi di dollari per Citrix Systems Inc., che testerà la domanda di debito degli investitori. Se gli accordi andranno bene, ciò potrebbe portare fiducia ai sottoscrittori. Le operazioni di acquisizione daranno il tono al prezzo che il mercato vuole assegnare al rischio.

ARTICOLI CORRELATI:

Il mercato del credito non segnala una recessione…per ora!

Mercato del credito: cosa ci dice riguardo alle probabilità di recessione?

Mercato obbligazionario: tra inflazione e rischio recessione

Lo spread BTP-Bund si allarga: la frammentazione dell’Eurozona

MARCO CASARIO

Gli italiani sono tra i popoli più ignoranti in ambito finanziario.

Non per scelta ma perché nessuno lo ha mai insegnato. Il mio scopo è quello di educare ed informare le persone in ambito economico e finanziario. Perché se non ti preoccupi dell'economia e della finanza, loro si occuperanno di te.

Corsi Gratuiti

Diventare un Trader e un Investitore

© Copyright 2022 - The 10Min Trader BV - KVK: 72735481 - VAT ID: NL854377591B01

Il contenuto di questo sito è solo a scopo informativo, non devi interpretare tali informazioni o altro materiale come consigli legali, fiscali, di investimento, finanziari o di altro tipo. Nulla di quanto contenuto nel nostro sito costituisce una sollecitazione, una raccomandazione, un'approvazione o un'offerta da parte di The 10Min Trader BV  per acquistare o vendere titoli o altri strumenti finanziari in questa o in qualsiasi altra giurisdizione in cui tale sollecitazione o offerta sarebbe illegale ai sensi delle leggi sui titoli di tale giurisdizione.

Tutti i contenuti di questo sito sono informazioni di natura generale e non riguardano le circostanze di un particolare individuo o entità. Nulla di quanto contenuto nel sito costituisce una consulenza professionale e/o finanziaria, né alcuna informazione sul sito costituisce una dichiarazione esaustiva o completa delle questioni discusse o della legge ad esse relativa. The 10Min Trader BV non è un fiduciario in virtù dell'uso o dell'accesso al Sito o al Contenuto da parte di qualsiasi persona. Solo tu ti assumi la responsabilità di valutare i meriti e i rischi associati all'uso di qualsiasi informazione o altro Contenuto del Sito prima di prendere qualsiasi decisione basata su tali informazioni o altri Contenuti. In cambio dell'utilizzo del Sito, accetti di non ritenere The 10Min Trader BV, i suoi affiliati o qualsiasi terzo fornitore di servizi responsabile di eventuali richieste di risarcimento danni derivanti da qualsiasi decisione presa sulla base di informazioni o altri Contenuti messi a tua disposizione attraverso il Sito.

RISCHI DI INVESTIMENTO

Ci sono rischi associati all'investimento in titoli. Investire in azioni, obbligazioni, exchange traded funds, fondi comuni e fondi del mercato monetario comporta il rischio di perdita.  La perdita del capitale è possibile. Alcuni investimenti ad alto rischio possono utilizzare la leva finanziaria, che accentuerà i guadagni e le perdite. Gli investimenti esteri comportano rischi speciali, tra cui una maggiore volatilità e rischi politici, economici e valutari e differenze nei metodi contabili.  La performance passata di un titolo o di un'azienda non è una garanzia o una previsione della performance futura dell'investimento.La totalità dei contenuti presenti nel sito internet è tutelata dal diritto d’autore. Senza previo consenso scritto da parte nostra non è pertanto consentito riprodurre (anche parzialmente), trasmettere (né per via elettronica né in altro modo), modificare, stabilire link o utilizzare il sito internet per qualsivoglia finalità pubblica o commerciale.Qualsiasi controversia riguardante l’utilizzo del sito internet è soggetta al diritto svizzero, che disciplina in maniera esclusiva l’interpretazione, l’applicazione e gli effetti di tutte le condizioni sopra elencate. Il foro di Bellinzona è esclusivamente competente in merito a qualsiasi disputa o contestazione che dovesse sorgere in merito al presente sito internet e al suo utilizzo.
Accedendo e continuando nella lettura dei contenuti di questo sito Web dichiari di aver letto, compreso e accettato le sopracitate informazioni legali.