Mercato del credito: cosa ci dice riguardo alle probabilità di recessione?

Dato il contesto macroeconomico, la volatilità del mercato del credito è stata estrema quest’anno. I timori per una recessione stanno crescendo ma prevedere se e quando avverrà rimane il lavoro dei veggenti. L’unica cosa che possiamo fare è osservare la storia, con la consapevolezza che il momento odierno potrebbe essere diverso. In particolare, andiamo a vedere come si è comportato il mercato del credito in passato per capire cosa ci dice riguardo alle probabilità di una recessione.

Questa volta è diverso?

Il 2022 si inserisce tra gli anni più speciali per il mercato del credito, insieme a periodi come la crisi finanziaria globale del 2008 e la pandemia globale iniziata nel 2020. Dato il contesto macroeconomico, una guerra che non vedevamo da almeno cinque decenni, la seconda economia più grande del mondo in lockdown e i livelli storici di inflazione globale, non è difficile capire perché.

Sebbene la volatilità del credito statunitense da inizio anno non sia stata così drammatica come nei due episodi citati, abbiamo assistito a un sell off di questa entità poche altre volte.

Marzo è stato un mese unico in cui abbiamo assistito all’allargamento dei credit spread seguito da un drastico restringimento. Ciò è avvenuto in un momento in cui gli spread erano vicini ai loro minimi storici. È possibile che questo sia un assaggio del comportamento che si osserverà per il resto dell’anno.

Performance di varie classi di attività creditizie in periodi risk off

Le obbligazioni investment grade hanno sovraperformato tutti gli altri asset del mercato del credito nei periodi risk off associati al rischio recessione. In periodi non recessivi, la sovraperformance degli investment grade è stata seguita da quella dei prestiti bancari e degli high yield.

mercato del credito recessione
I periodi di tightening del mercato del credito

In periodi di aumento dei tassi, i prestiti tendono a sovraperformare poiché gli interessi pagati sono generalmente variabili. Oggi però, i prestiti bancari potrebbero essere più vulnerabili, data la migrazione secolare del settore verso emittenti con qualità creditizia inferiore rispetto al passato.

Cosa ci dice il mercato del credito riguardo alle probabilità di recessione?

Quest’anno sembra un punto di svolta critico, in cui con il senno di poi, gli investitori capiranno se siamo ancora a metà o alla fine del ciclo economico. Data la serie di eventi estremi e senza precedenti, è difficile dire se questo ciclo sarà più breve dei precedenti. Sono proprio queste acque inesplorate che rendono così difficile prevedere il futuro.

In un recentissimo sondaggio si evince che gli investitori sono diventati decisamente più ribassisti sul mercato del credito. Tuttavia, i credit spread non stanno ancora scontando le probabilità di una recessione nei prossimi 12 mesi. I rendimenti creditizi sono ancora relativamente bassi rispetto a quelli dei Treasury. Le cose però potrebbero cambiare man mano che ci avviciniamo al 2023.


mercato del credito recessione
I credit spread e gli eventi risk-off

Le prospettive del mercato del credito

Ciò che provoca l’allargamento degli spread è in genere il rallentamento economico e la tendenza al ribasso dei dati macroeconomici. I fondamentali del credito rimangono solidi su tutta la linea per i prestiti bancari investment grade e high yield, con la maggior parte delle metriche che sono tornate ai livelli pre-pandemia. Tuttavia, queste metriche probabilmente si indeboliranno nel corso dell’anno se la crescita rallenta. Se ciò dovesse accadere, parallelamente all’aumento degli interessi passivi, le metriche del credito potrebbero tornare indietro verso i livelli pandemici. L’impatto sarà diverso per ogni settore e le società investment grade saranno probabilmente posizionate meglio.

ARTICOLI CORRELATI:

Quantitative Tightening: l’impatto sui mercati finanziari

Soft landing: cos’è e perché la Fed non riuscirà a evitare una recessione?

Prevedere una recessione

MARCO CASARIO

Gli italiani sono tra i popoli più ignoranti in ambito finanziario. Non per scelta ma perché nessuno lo ha mai insegnato. Il mio scopo è quello di educare ed informare le persone in ambito economico e finanziario. Perché se non ti preoccupi dell'economia e della finanza, loro si occuperanno di te.

Corsi Gratuiti

Diventare un Trader e un Investitore

© Copyright 2022 - The 10Min Trader BV - KVK: 72735481 - VAT ID: NL854377591B01

Il contenuto di questo sito è solo a scopo informativo, non devi interpretare tali informazioni o altro materiale come consigli legali, fiscali, di investimento, finanziari o di altro tipo. Nulla di quanto contenuto nel nostro sito costituisce una sollecitazione, una raccomandazione, un'approvazione o un'offerta da parte di The 10Min Trader BV  per acquistare o vendere titoli o altri strumenti finanziari in questa o in qualsiasi altra giurisdizione in cui tale sollecitazione o offerta sarebbe illegale ai sensi delle leggi sui titoli di tale giurisdizione. Tutti i contenuti di questo sito sono informazioni di natura generale e non riguardano le circostanze di un particolare individuo o entità. Nulla di quanto contenuto nel sito costituisce una consulenza professionale e/o finanziaria, né alcuna informazione sul sito costituisce una dichiarazione esaustiva o completa delle questioni discusse o della legge ad esse relativa. The 10Min Trader BV non è un fiduciario in virtù dell'uso o dell'accesso al Sito o al Contenuto da parte di qualsiasi persona. Solo tu ti assumi la responsabilità di valutare i meriti e i rischi associati all'uso di qualsiasi informazione o altro Contenuto del Sito prima di prendere qualsiasi decisione basata su tali informazioni o altri Contenuti. In cambio dell'utilizzo del Sito, accetti di non ritenere The 10Min Trader BV, i suoi affiliati o qualsiasi terzo fornitore di servizi responsabile di eventuali richieste di risarcimento danni derivanti da qualsiasi decisione presa sulla base di informazioni o altri Contenuti messi a tua disposizione attraverso il Sito.
RISCHI DI INVESTIMENTO
Ci sono rischi associati all'investimento in titoli. Investire in azioni, obbligazioni, exchange traded funds, fondi comuni e fondi del mercato monetario comporta il rischio di perdita.  La perdita del capitale è possibile. Alcuni investimenti ad alto rischio possono utilizzare la leva finanziaria, che accentuerà i guadagni e le perdite. Gli investimenti esteri comportano rischi speciali, tra cui una maggiore volatilità e rischi politici, economici e valutari e differenze nei metodi contabili.  La performance passata di un titolo o di un'azienda non è una garanzia o una previsione della performance futura dell'investimento.La totalità dei contenuti presenti nel sito internet è tutelata dal diritto d’autore. Senza previo consenso scritto da parte nostra non è pertanto consentito riprodurre (anche parzialmente), trasmettere (né per via elettronica né in altro modo), modificare, stabilire link o utilizzare il sito internet per qualsivoglia finalità pubblica o commerciale.Qualsiasi controversia riguardante l’utilizzo del sito internet è soggetta al diritto svizzero, che disciplina in maniera esclusiva l’interpretazione, l’applicazione e gli effetti di tutte le condizioni sopra elencate. Il foro di Bellinzona è esclusivamente competente in merito a qualsiasi disputa o contestazione che dovesse sorgere in merito al presente sito internet e al suo utilizzo.
Accedendo e continuando nella lettura dei contenuti di questo sito Web dichiari di aver letto, compreso e accettato le sopracitate informazioni legali.
Cookie Policy