Quantitative Tightening: l’impatto sui mercati finanziari

La Federal Reserve ha realizzato il suo più grande aumento dei tassi di interesse dal 2000 la scorsa settimana. Ha inoltre delineato un piano di quantitative tightening per iniziare a liquidare gli asset dal suo bilancio. Tutto ciò arriva insieme alla guerra in Ucraina e le sanzioni alla Russia. Le catene di approvvigionamento sono diventate ancora più strette, causando il caos per le aziende sferzate dall’inflazione. Il contesto rende gli investitori preoccupati per l’impatto sui mercati finanziari del quantitative tightening. Riusciranno le banche centrali a ritirare gli stimoli senza interrompere il flusso di capitali e far cadere le economie in recessione?

Gli indicatori di mercato da tenere d’occhio

Esistono degli indicatori di mercato per tenere traccia dell’impatto del quantitative tightening sui mercati finanziari. Essi misurano le difficoltà aziendali, gli shock di liquidità e le crepe nel sistema finanziario. Sebbene ci siano ancora pochi segnali di stress diffuso, alcuni barometri della salute dell’economia si stanno avvicinando alla zona di pericolo. In questo post vedremo quattro di questi indicatori.

La curva dei rendimenti

La curva dei rendimenti rimane il miglior previsore economico di Wall Street. In tempi normali, quando il ciclo economico è in buona salute, il tasso di interesse sul debito con scadenze più lunghe è superiore a quello sui titoli a breve termine. Questo perché gli investitori richiedono una maggiore compensazione per il rischio che l’inflazione eroda i loro ritorni. Se accade il contrario, significa che i tassi a breve termine sono superiori a quelli a lungo termine e la curva è invertita.

Sebbene non tutte le inversioni della curva dei rendimenti abbiano portato a una flessione economica, le distorsioni prolungate sono diventate stranamente accurate, soprattutto quando due delle curve più seguite si invertono contemporaneamente. Dall’inizio degli anni ’90, ogni volta che i rendimenti obbligazionari a 3 mesi e quelli a due anni sono aumentati al di sopra dei rendimenti del decennale, dopo 6-18 mesi si è verificata una recessione.

quantitative tightening: l'impatto sui mercati
Al momento, lo spread tra i 10 anni e i 3 mesi non sta indicando una recessione imminente

I credit spread

Quando i costi dei prestiti aumentano troppo velocemente, il flusso del credito aziendale può essere interrotto. L’indicatore di credito più seguito è il rendimento aggiuntivo rispetto ai Treasury che gli investitori richiedono per detenere il debito delle società statunitensi. Attualmente, il credit spread per le obbligazioni investment grade è salito a 1,35 punti percentuali, da un minimo di 0,8.

Nonostante i costi finanziari siano aumentati, restano ancora al di sotto della soglia di stress. Secondo gli analisti, uno spread sopra a 1,5 è un segnale di avvertimento che i mercati del credito potrebbero deteriorarsi, rendendo molto più difficile l’accesso al credito. Esaminando i dati sui prestiti commerciali e industriali di tutte le banche commerciali, si può notare che quando gli spread di credito investment grade hanno superato i 2 punti percentuali, è seguita quasi sempre una contrazione della crescita dei prestiti.

quantitative tightening: l'impatto sui mercati
Lo spread delle obbligazioni investment grade a confronto con la crescita dei prestiti

Il premio di rischio delle obbligazioni “spazzatura”

Un altro indicatore che misura l’impatto del quantitative tightening sui mercati finanziari è il premio di rischio aggiuntivo richiesto dagli investitori per possedere il debito delle società con rating “spazzatura”. Quando il premio aumenta, queste aziende hanno difficoltà ad accedere ai finanziamenti. In questo modo diventano più vulnerabili a insolvenze e fallimenti.

Per la maggior parte dell’era post-pandemia, il credit spread delle obbligazioni spazzatura ha avuto una media di appena 2,4 punti percentuali. Ciò ha reso i fallimenti aziendali eccezionalmente rari. Adesso la marea sta cominciando a cambiare. La scorsa settimana il premio è salito sopra i 3 punti percentuali. Sebbene sia al di sotto della media storica pari a circa 4 punti percentuali, il rapido ritmo di restrizione della liquidità potrebbe presto causare problemi alle aziende più vulnerabili.

Il premio di rischio dei junk bond e il tasso di default

I mercati monetari a breve termine

Quando la Fed inizia a ridurre il proprio bilancio, la quantità di Treasury e obbligazioni ipotecarie sul mercato aumenta. Allo stesso tempo diminuiscono le riserve detenute nel sistema bancario. L’ultima volta che la banca centrale ha intrapreso il quantitative tightening alla fine del 2019, le banche hanno visto le loro riserve diminuire drasticamente, alimentando un aumento dirompente dei tassi di interesse sui cosiddetti accordi di riacquisto. Ciò ha costretto la banca centrale a intervenire sui mercati di finanziamento.


Circa due anni e mezzo fa, le riserve totali detenute dalle istituzioni di deposito presso la Fed sono scese a circa 1,4 trilioni di dollari. Questo è stato sufficiente per causare problemi di liquidità nei prestiti overnight, anche se le banche all’epoca consideravano $ 700 miliardi come la soglia più bassa per il comfort.

quantitative tightening: l'impatto sui mercati
I saldi delle riserve bancarie presso la Fed hanno già iniziato a ridursi
ARTICOLI CORRELATI:

Prevedere una recessione

La curva dei rendimenti più importante per prevedere le recessioni

La riduzione del bilancio della Fed: cos’è e come può influenzare i mercati?

MARCO CASARIO

Gli italiani sono tra i popoli più ignoranti in ambito finanziario. Non per scelta ma perché nessuno lo ha mai insegnato. Il mio scopo è quello di educare ed informare le persone in ambito economico e finanziario. Perché se non ti preoccupi dell'economia e della finanza, loro si occuperanno di te.

Corsi Gratuiti

Diventare un Trader e un Investitore

© Copyright 2022 - The 10Min Trader BV - KVK: 72735481 - VAT ID: NL854377591B01

Il contenuto di questo sito è solo a scopo informativo, non devi interpretare tali informazioni o altro materiale come consigli legali, fiscali, di investimento, finanziari o di altro tipo. Nulla di quanto contenuto nel nostro sito costituisce una sollecitazione, una raccomandazione, un'approvazione o un'offerta da parte di The 10Min Trader BV  per acquistare o vendere titoli o altri strumenti finanziari in questa o in qualsiasi altra giurisdizione in cui tale sollecitazione o offerta sarebbe illegale ai sensi delle leggi sui titoli di tale giurisdizione. Tutti i contenuti di questo sito sono informazioni di natura generale e non riguardano le circostanze di un particolare individuo o entità. Nulla di quanto contenuto nel sito costituisce una consulenza professionale e/o finanziaria, né alcuna informazione sul sito costituisce una dichiarazione esaustiva o completa delle questioni discusse o della legge ad esse relativa. The 10Min Trader BV non è un fiduciario in virtù dell'uso o dell'accesso al Sito o al Contenuto da parte di qualsiasi persona. Solo tu ti assumi la responsabilità di valutare i meriti e i rischi associati all'uso di qualsiasi informazione o altro Contenuto del Sito prima di prendere qualsiasi decisione basata su tali informazioni o altri Contenuti. In cambio dell'utilizzo del Sito, accetti di non ritenere The 10Min Trader BV, i suoi affiliati o qualsiasi terzo fornitore di servizi responsabile di eventuali richieste di risarcimento danni derivanti da qualsiasi decisione presa sulla base di informazioni o altri Contenuti messi a tua disposizione attraverso il Sito.
RISCHI DI INVESTIMENTO
Ci sono rischi associati all'investimento in titoli. Investire in azioni, obbligazioni, exchange traded funds, fondi comuni e fondi del mercato monetario comporta il rischio di perdita.  La perdita del capitale è possibile. Alcuni investimenti ad alto rischio possono utilizzare la leva finanziaria, che accentuerà i guadagni e le perdite. Gli investimenti esteri comportano rischi speciali, tra cui una maggiore volatilità e rischi politici, economici e valutari e differenze nei metodi contabili.  La performance passata di un titolo o di un'azienda non è una garanzia o una previsione della performance futura dell'investimento.La totalità dei contenuti presenti nel sito internet è tutelata dal diritto d’autore. Senza previo consenso scritto da parte nostra non è pertanto consentito riprodurre (anche parzialmente), trasmettere (né per via elettronica né in altro modo), modificare, stabilire link o utilizzare il sito internet per qualsivoglia finalità pubblica o commerciale.Qualsiasi controversia riguardante l’utilizzo del sito internet è soggetta al diritto svizzero, che disciplina in maniera esclusiva l’interpretazione, l’applicazione e gli effetti di tutte le condizioni sopra elencate. Il foro di Bellinzona è esclusivamente competente in merito a qualsiasi disputa o contestazione che dovesse sorgere in merito al presente sito internet e al suo utilizzo.
Accedendo e continuando nella lettura dei contenuti di questo sito Web dichiari di aver letto, compreso e accettato le sopracitate informazioni legali.
Cookie Policy