Quali sono i rischi di un inasprimento monetario eccessivo?

Nella strada di ritorno verso l’obiettivo del 2% di inflazione della Fed potrebbero verificarsi molti incidenti. In questo post andremo ad esaminare quali potrebbero essere i rischi di un inasprimento monetario eccessivo da parte delle banche centrali. Tenendo a mente i rischi noti, forse quelli

Scopri

Powell al FOMC di novembre: picco dei tassi più alto e nessun pivot

Il presidente della Federal Reserve Jerome Powell ha affermato che il picco dei tassi di interesse statunitensi sarà più alto di quanto precedentemente previsto, ma il percorso per raggiungerlo potrebbe presto comportare aumenti minori. Powell ritiene opportuno rallentare il ritmo degli aumenti già dal prossimo

Scopri

Soft landing: cos’è e perché la Fed non riuscirà a evitare una recessione?

Un soft landing, in italiano “atterraggio morbido”, sta a significare un rallentamento della crescita economica che non si trasforma in una recessione. Esso è l’obiettivo di una banca centrale quando cerca di aumentare i tassi d’interesse per evitare che l’economia si surriscaldi e per abbassare l’inflazione.

Il termine si è diffuso nel 1994 durante il mandato dell’ex presidente della Federal Reserve Alan Greenspan.

soft landing alan greenspan
Tra il 1994-1995, Greenspan raddoppiò i tassi d’interesse in modo da rallentare l’economia senza causare una recessione

Come funziona il soft landing?

In poche parole, il soft landing consiste nell’aumentare i tassi d’ interesse in modo che la domanda scenda abbastanza da abbassare l’inflazione mentre l’economia continua a crescere.

I tentativi della Fed di ottenere un soft landing sono complicati dai ritardi dell’effetto della politica monetaria sull’economia. Poiché l’economia ha bisogno di tempo per rispondere ai cambiamenti, la Fed deve determinare il giusto ritmo degli aumenti dei tassi. Affinché la segnalazione abbia effetto, la politica della Fed deve essere prevedibile.

Il ciclo attuale di aumento dei tassi della Fed

La Fed ha appena alzato i tassi di interesse di mezzo punto percentuale. Quest’anno si prevede che i tassi raggiungeranno il 2,8%.

L’inflazione elevata e la bassa disoccupazione suggeriscono che progettare un soft landing sarà molto difficile per la Fed. Entrambi questi indicatori sono dei forti predittori di future recessioni. Dagli anni ’50, ogni volta che l’inflazione ha superato il 4% e la disoccupazione è stata inferiore al 5%, l’economia statunitense è entrata in recessione nel giro di due anni.

relazione curva dei rendimenti tasso disoccupazione
In passato, bassi tassi di disoccupazione hanno preceduto le recessioni

Oggi l’inflazione è all’8,5% e la disoccupazione al 3,6%, il che suggerisce che una recessione sarà molto difficile da evitare.

I periodi in cui la Fed è riuscita ad ottenere il soft landing

Mentre alcuni hanno sostenuto che ci sono stati diversi esempi di “atterraggi morbidi” negli ultimi 60 anni, inclusi nel 1965, 1984 e 1994, questi periodi sono molto diversi da quello attuale.

soft landing passati
I soft landing della Federal Reserve

In tutti e tre gli episodi, la disoccupazione era significativamente più alta. Lo stesso valeva per l’inflazione e la crescita dei salari. In questi esempi storici, la Fed ha anche agito esplicitamente in anticipo per prevenire l’aumento vertiginoso dell’inflazione, piuttosto che aspettare che essa raggiungesse livelli eccessivi.

Perché il mercato del lavoro è rilevante per l’inflazione?

Uno dei motivi per cui la sfida della Fed è particolarmente difficile oggi è che il mercato del lavoro si trova in una condizione senza precedenti. La domanda di lavoratori sta superando di gran lunga l’offerta disponibile. Infatti, il numero di offerte di lavoro è ai massimi storici e i lavoratori stanno abbandonando a tassi record.

Un mercato del lavoro teso implica che le aziende devono aumentare i salari per attirare nuovi lavoratori. L’aumento dei salari si riflette direttamente sull’inflazione. Attualmente, i salari stanno aumentando a un tasso del 6,7%. Ciò rende difficile il ritorno dell’’inflazione al target del 2%.

crescita salari primo trimestre 2022
La crescita attuale dei salari

Le probabilità di recessione

L’economia statunitense oggi sta affrontando ulteriori pressioni inflazionistiche dovute all’aumento dei prezzi delle materie prime a causa della guerra in Ucraina e delle interruzioni della catena di approvvigionamento poiché il COVID-19 costringe a nuovi lockdown in Cina.

Il problema dell’inflazione che la Fed deve affrontare oggi è sostanziale ed è improbabile che possa essere risolto senza un significativo rallentamento economico. Nel complesso, la combinazione di un’economia surriscaldata, salari in aumento, ritardo delle politiche da parte della Fed e recenti shock dell’offerta significa che una recessione nei prossimi due anni è molto probabile.

ARTICOLI CORRELATI:

Siamo a rischio recessione?

La curva dei rendimenti più importante per prevedere le recessioni

Prevedere una recessione

L’inflazione USA e il suo impatto sui mercati

MARCO CASARIO

Gli italiani sono tra i popoli più ignoranti in ambito finanziario.

Non per scelta ma perché nessuno lo ha mai insegnato. Il mio scopo è quello di educare ed informare le persone in ambito economico e finanziario. Perché se non ti preoccupi dell'economia e della finanza, loro si occuperanno di te.

Corsi Gratuiti

Diventare un Trader e un Investitore

© Copyright 2022 - The 10Min Trader BV - KVK: 72735481 - VAT ID: NL854377591B01

Il contenuto di questo sito è solo a scopo informativo, non devi interpretare tali informazioni o altro materiale come consigli legali, fiscali, di investimento, finanziari o di altro tipo. Nulla di quanto contenuto nel nostro sito costituisce una sollecitazione, una raccomandazione, un'approvazione o un'offerta da parte di The 10Min Trader BV  per acquistare o vendere titoli o altri strumenti finanziari in questa o in qualsiasi altra giurisdizione in cui tale sollecitazione o offerta sarebbe illegale ai sensi delle leggi sui titoli di tale giurisdizione.

Tutti i contenuti di questo sito sono informazioni di natura generale e non riguardano le circostanze di un particolare individuo o entità. Nulla di quanto contenuto nel sito costituisce una consulenza professionale e/o finanziaria, né alcuna informazione sul sito costituisce una dichiarazione esaustiva o completa delle questioni discusse o della legge ad esse relativa. The 10Min Trader BV non è un fiduciario in virtù dell'uso o dell'accesso al Sito o al Contenuto da parte di qualsiasi persona. Solo tu ti assumi la responsabilità di valutare i meriti e i rischi associati all'uso di qualsiasi informazione o altro Contenuto del Sito prima di prendere qualsiasi decisione basata su tali informazioni o altri Contenuti. In cambio dell'utilizzo del Sito, accetti di non ritenere The 10Min Trader BV, i suoi affiliati o qualsiasi terzo fornitore di servizi responsabile di eventuali richieste di risarcimento danni derivanti da qualsiasi decisione presa sulla base di informazioni o altri Contenuti messi a tua disposizione attraverso il Sito.

RISCHI DI INVESTIMENTO

Ci sono rischi associati all'investimento in titoli. Investire in azioni, obbligazioni, exchange traded funds, fondi comuni e fondi del mercato monetario comporta il rischio di perdita.  La perdita del capitale è possibile. Alcuni investimenti ad alto rischio possono utilizzare la leva finanziaria, che accentuerà i guadagni e le perdite. Gli investimenti esteri comportano rischi speciali, tra cui una maggiore volatilità e rischi politici, economici e valutari e differenze nei metodi contabili.  La performance passata di un titolo o di un'azienda non è una garanzia o una previsione della performance futura dell'investimento.La totalità dei contenuti presenti nel sito internet è tutelata dal diritto d’autore. Senza previo consenso scritto da parte nostra non è pertanto consentito riprodurre (anche parzialmente), trasmettere (né per via elettronica né in altro modo), modificare, stabilire link o utilizzare il sito internet per qualsivoglia finalità pubblica o commerciale.Qualsiasi controversia riguardante l’utilizzo del sito internet è soggetta al diritto svizzero, che disciplina in maniera esclusiva l’interpretazione, l’applicazione e gli effetti di tutte le condizioni sopra elencate. Il foro di Bellinzona è esclusivamente competente in merito a qualsiasi disputa o contestazione che dovesse sorgere in merito al presente sito internet e al suo utilizzo.
Accedendo e continuando nella lettura dei contenuti di questo sito Web dichiari di aver letto, compreso e accettato le sopracitate informazioni legali.

Cookie Policy